Potrebbero essere causati dai vaccini COVID?

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jennifer Margulis e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

donna-gravidanza-vaccino-coivd

 

Il 29 ottobre 2022 è morta Whitney Reising Oliver. Era incinta di 22 settimane del suo primo figlio, un bambino che lei e suo marito avevano chiamato Felix. Anche il loro figlio non ancora nato è morto.

“Whit era così entusiasta di diventare madre e di crescere il piccolo Felix a Chicago, la città che amava e che viveva dell’arte, della cultura, della musica e del cibo che preferiva, e la città che ha chiamato casa negli ultimi 17 anni”, si legge nel necrologio. Oliver lavorava con artisti con disabilità e amava fare escursioni, cucinare e coccolare il suo cocker spaniel Magic.

La morte inaspettata e non appropriata all’età di persone altrimenti sane è sempre scioccante. Ma quando a morire sono una donna incinta come Whitney Oliver e il suo bambino non ancora nato, la cosa appare ancora più devastante e tragica.

 

L’assistenza alla maternità in America è al di sotto delle aspettative

L’America ha un sistema medico all’avanguardia e alcune delle migliori università di ricerca del mondo.

Gli scienziati vengono negli Stati Uniti dall’estero per condurre una meticolosa ricerca medica e contribuire al progresso dell’arte e della scienza della medicina.

Nonostante tutto questo, il sistema sanitario americano, in particolare l’assistenza alla maternità, è pieno di problemi.

La maggior parte delle persone non si rende conto che per anni gli Stati Uniti hanno avuto uno dei tassi di mortalità materna più alti di qualsiasi altro Paese del mondo industrializzato. L’America ha anche un tasso di mortalità infantile ignominiosamente alto.

E i nostri tassi di mortalità materna anormalmente alti non includono quelli che gli esperti chiamano “quasi incidenti”, ossia complicazioni della gravidanza così gravi da portare una mamma a un passo dalla morte.

Secondo un rapporto di Amnesty International del 2010, “Parto mortale: La crisi dell’assistenza sanitaria materna negli USA“, circa 1,7 milioni di donne all’anno – un terzo di tutte le donne incinte – hanno complicazioni legate alla gravidanza e oltre 68.000 hanno avuto un “quasi incidente”.

Ma ora il nostro sistema di assistenza alla maternità, già al di sotto delle aspettative (rispetto ad altri Paesi ad alto reddito), sembra peggiorare.

 

Aumento vertiginoso del tasso di mortalità materna nel 2021

Secondo un nuovo rapporto del National Center for Health Statistics, nel 2021 i decessi materni raggiungeranno il tasso più alto degli ultimi 60 anni. Si è registrato un aumento del 40% nel numero di mamme che sono morte durante la gravidanza o entro 42 giorni dal parto.

Ciò si traduce in 1.205 donne incinte e mamme postpartum morte nel 2021 (oltre tre donne al giorno), rispetto alle 861 donne del 2020 e alle 754 del 2019.

Si tratta del tasso di mortalità materna più alto dal 1965, secondo quanto riportato dai giornali.

Questi numeri sono in realtà più preoccupanti di quanto possa sembrare a prima vista. Il tasso di natalità negli Stati Uniti è in calo, quindi ci si aspetterebbe che negli ultimi anni un numero minore di donne muoia durante o in prossimità del parto.

 

Perché le donne che partoriscono muoiono?

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, le cause principali dei decessi legati alla gravidanza sono patologie cardiovascolari, infezioni, cardiomiopatie ed emorragie.

In passato, gli esperti hanno dato la colpa alle donne, affermando che i tassi di mortalità in America sono elevati perché le donne americane sono in sovrappeso, sono in “età materna avanzata” (anche se l’essere una mamma più anziana è anche associata alla longevità e ad altri risultati positivi per la salute), o non cercano abbastanza assistenza materna.

Altri esperti, tra cui il compianto Marsden Wagner, medico ed epidemiologo che ha lavorato per 15 anni per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e l’ostetrico californiano Stuart Fischbein, medico, danno la colpa al sistema.

Questi esperti sottolineano che un parto eccessivamente medicalizzato spesso porta ai risultati peggiori; che un parto cesareo non necessario aumenta notevolmente la mortalità materna; e che il razzismo sistemico nella società in generale e nel sistema medico rende il parto molto più rischioso per le donne afroamericane e le persone di colore.

 

I vaccini COVID-19 o COVID causano la mortalità materna?

Ma con questa impennata di morti materne, in assenza di prove concrete, alcuni opinionisti stanno dando la colpa al COVID-19. I media tradizionali, tra cui Reuters, CNN e Wall Street Journal, hanno riportato che l’infezione da COVID-19 ha contribuito all’aumento della mortalità materna.

“Il numero e la percentuale di registrazioni di decessi materni che menzionano la COVID-19 sono stati maggiori nel 2021 rispetto al 2020, il che (suggerisce) che la COVID-19 ha probabilmente contribuito all’aumento dei decessi materni”, ha dichiarato alla Reuters Donna Hoyert, autrice dello studio presso il Centro nazionale per le statistiche sanitarie del CDC.

Tuttavia, c’è stata e continua ad esserci un’enorme pressione sulle donne in gravidanza affinché si vaccinino per la COVID-19. Se i vaccini rendessero meno probabili le infezioni da COVID-19, ci aspetteremmo che i tassi di mortalità materna siano diminuiti, e non aumentati, nel 2021.

 

Oltre 1,5 milioni di eventi avversi segnalati

Secondo i dati del CDC, al 10 marzo 2023 sono stati segnalati 1.533.181 eventi avversi in seguito ai vaccini COVID-19. Questi eventi avversi includono 34.775.000 casi di infezione materna.

Questi eventi avversi includono 34.725 decessi in seguito alla vaccinazione e 4.949 aborti spontanei.

I vaccini COVID-19 devono essere considerati un potenziale agente causale per qualsiasi donna incinta che li abbia assunti e che successivamente abbia avuto un aborto spontaneo, abbia perso un bambino dopo la nascita o abbia perso la vita durante la gravidanza o dopo il parto.

Secondo uno studio del dicembre 2022 disponibile come pre-print (il che significa che non è ancora passato attraverso la revisione paritaria), i dati raccolti dal CDC mostrano che i vaccini COVID-19 sono molto più reattivi dei vaccini antinfluenzali, associati a un numero più che doppio di anomalie mestruali, aborti spontanei, anomalie cromosomiche fetali, malformazioni fetali, disturbi cardiaci fetali, nati morti e morti premature, tra le altre cose.

“Gli [eventi avversi] del vaccino COVID-19 superano di gran lunga il segnale di sicurezza su tutte le soglie riconosciute”, ha scritto il team di scienziati, che comprende tre medici.

“Le complicazioni della gravidanza e le anomalie mestruali sono significativamente più frequenti dopo le vaccinazioni COVID-19 rispetto alle vaccinazioni contro l’influenza”. Si consiglia una moratoria mondiale sull’uso dei vaccini COVID-19 in gravidanza fino a quando studi prospettici randomizzati non documenteranno la sicurezza in gravidanza e il follow-up a lungo termine della prole”.

In America, alle donne in gravidanza vengono somministrati uno o due vaccini antinfluenzali (due se la gravidanza copre più di una stagione influenzale), un vaccino per proteggere il bambino dalla pertosse, dal tetano e dalla difterite (TdaP) e un vaccino COVID-19.

La sicurezza della somministrazione contemporanea di questi vaccini non è mai stata stabilita.

Anche l’effetto sinergico dell’esposizione di una madre incinta e del suo feto agli ingredienti di questi vaccini non è stato compreso.

 

I vaccini COVID-19 contribuiscono alla mortalità materna

Il 28 aprile 2021, Whitney Reising Oliver ha pubblicato su Facebook un post sull’EVENTO DI VACCINAZIONE GRATUITO presso il Bridgeport Art Center di Chicago.

Il volantino che ha postato mostra una giovane donna dall’aspetto etnico con le trecce e una mascherina sul viso che mostra con orgoglio un cerotto sul braccio.

Non è noto se la stessa Oliver sia stata vaccinata o meno. Tuttavia, secondo il Cedars Sinai, circa il 62% delle donne in gravidanza ha ricevuto almeno un vaccino COVID-19.

“I vaccini stanno contribuendo a un aumento della mortalità neonatale. I dati sui nati morti sono difficili da ignorare”, ha dichiarato il dottor Stuart Fischbein, ostetrico con sede nello Utah meridionale e con oltre 40 anni di esperienza clinica.

Ma Fischbein ha anche affermato di ritenere che la mortalità materna sia spesso dovuta a una combinazione di fattori. Nel contesto degli ultimi due anni, queste includono la mancanza di accesso all’assistenza prenatale a causa dei lockdowns, l’ansia, lo stress e la depressione, la mancanza di esercizio fisico, di tempo all’aperto e di vitamina D, nonché una cattiva alimentazione.

Tuttavia, secondo Fischbein, oltre a questi problemi, anche il vaccino COVID-19 è probabilmente un fattore che contribuisce. La vaccinazione COVID-19 è l’unica cosa che è cambiata nel 2021, ha sottolineato.

“Abbiamo assistito a un aumento dei decessi materni per problemi cardiaci”, ha detto. “Le donne in gravidanza non dovrebbero avere problemi cardiaci e sappiamo che i vaccini hanno effetti sul cuore. Non c’è nulla nell’ambiente che sia cambiato negli ultimi due anni, a parte il rischio noto di miocardite, pericardite e aritmie causate da questi vaccini con mRNA COVID-19”.

“Quindi la spiegazione più semplice è probabilmente la più probabile”, ha continuato Fischbein. “Questi vaccini influenzano il cuore e i meccanismi di coagulazione. Stiamo riscontrando più problemi cardiaci, emorragie, irregolarità della placenta e irregolarità mestruali. Se foste un investigatore che indaga su una scena del crimine e ci fossero Skittles dappertutto, potreste sospettare degli Skittles”.

Jennifer Margulis

 

Jennifer Margulis, Ph.D., è una giornalista pluripremiata e autrice di “Your Baby, Your Way: Taking Charge of Your Pregnancy, Childbirth, and Parenting Decisions for a Happier, Healthier Family”. Vincitrice di un premio Fulbright e madre di quattro figli, ha lavorato a una campagna per la sopravvivenza dei bambini in Africa occidentale, ha sostenuto la fine della schiavitù infantile in Pakistan in prima serata in Francia e ha insegnato letteratura post-coloniale a studenti non tradizionali nei quartieri poveri di Atlanta.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments