Quarto articolo tratto dal blog di Bill Gates. Traduzione e neretti di redazione.

 

Bill Gates
Bill Gates

 

Investimenti futuri. Una nuova organizzazione contribuirà ad accelerare lo sviluppo dei vaccini di cui avremo bisogno per contenere future epidemie.

In un momento in cui i leader mondiali sono comprensibilmente concentrati sul terrorismo e su altre minacce alla sicurezza, un altro nemico viene in gran parte trascurato: la prossima epidemia.

Non sappiamo quando emergerà il prossimo agente patogeno, quale sarà, come si diffonderà o chi ne sarà colpito, ma sappiamo (corsivo dell’autore, ndr) che il mondo non è preparato ad affrontarlo. Questa è stata la dura lezione che Ebola (e l’epidemia di Zika da allora) ci ha insegnato. Ebola ha causato la perdita di migliaia di vite, miliardi di dollari di perdite economiche e mostrato quanto sia vulnerabile la nostra società alle epidemie di malattie infettive. Come ho scritto prima, il mondo manca di un sistema efficace per rilevare, rispondere o prevenire la prossima epidemia.

Ecco perché sono entusiasta questa settimana, al World Economic Forum di Davos, di partecipare al lancio di una nuova organizzazione che aiuterà il mondo a prepararsi per future epidemie. Sostenuta dai governi di Norvegia, India, Giappone e Germania, insieme al Wellcome Trust e alla nostra fondazione, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) investirà in innovazioni per accelerare lo sviluppo di vaccini di cui avremo bisogno per contenere le epidemie.

L’attenzione del CEPI sullo sviluppo di vaccini è una parte fondamentale della preparazione per qualsiasi agente patogeno ci minacci in futuro. Sappiamo dalla sconfitta mondiale del vaiolo e dalle lotte di successo contro la poliomielite, il morbillo e altre malattie che i vaccini sono strumenti incredibilmente efficaci per prevenire le malattie e salvare vite umane. Ora, questa alleanza di governi, filantropie, produttori di vaccini, mondo accademico, ONG e altri partner deve lavorare insieme per sviluppare nuovi vaccini permettere al riparo il mondo da future epidemie.

Gli approcci tradizionali alla produzione di nuovi vaccini sono troppo lenti per rispondere a un’improvvisa epidemia di malattia. Attualmente, lo sviluppo di un nuovo vaccino, compresi i test e la distribuzione, è un processo che in genere può richiedere più di 10 anni. Le epidemie in rapido movimento non ci permettono di essere così pazienti. Nel 1918, un ceppo estremamente infettivo e mortale dell’influenza infettò circa un quinto della popolazione mondiale e uccise almeno 30 milioni di persone in meno di due anni. Ebola e Zika erano anche entrambi virus spaventosi, ma il modo in cui vengono trasmessi , attraverso fluidi corporei e zanzare – ha contribuito a limitare la loro diffusione a livello globale. Una malattia altamente contagiosa trasmessa per via aerea rappresenterebbe una minaccia molto più grande. Prospererebbe in aree urbane densamente popolate e potrebbe facilmente attraversare i confini nazionali e gli oceani per via aerea.

La mia grande speranza per CEPI è che aiuti il mondo a produrre vaccini sicuri ed efficaci non appena emergerà una nuova minaccia del genere. Con 460 milioni di dollari di finanziamenti iniziali, CEPI lavorerà per raggruppare le tecnologie e le risorse vaccinali più avanzate del settore privato e pubblico che possano apportare nuove scoperte nello sviluppo del vaccino. La strategia di sviluppo dei vaccini di CEPI include due aree di interesse: vaccini “just in time” per quei patogeni attualmente sconosciuti che emergeranno, e vaccini “per ogni evenienza” per agenti patogeni che sappiamo essere ad alto rischio di causare un’altra epidemia, come Ebola e sindrome respiratoria del Medio Oriente o MERS.

Un’area promettente della ricerca sullo sviluppo di vaccini sta utilizzando i progressi della genomica per mappare il DNA e l’RNA dei patogeni e produrre vaccini. I vaccini possono essere decodificati dalle cellule umane per produrre i propri vaccini e anticorpi all’interno del corpo. In caso di successo, questa tecnologia potrebbe ridurre drasticamente la tempistica di sviluppo da anni a forse mesi o settimane.

La cosa eccitante di queste nuove tecnologie è che non ci proteggerebbero solo da future epidemie. Ci aiuterebbero anche a sviluppare vaccini per le minacce sanitarie esistenti a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, tra cui HIV, malaria e tubercolosi.

Allo stesso tempo, CEPI lavorerà per ridurre al minimo gli ostacoli normativi che ritardano ulteriormente la distribuzione dei vaccini. CEPI finanzierà studi per valutare questi vaccini di nuova concezione e costruire scorte di vaccini prima che inizino le epidemie, in modo che i paesi possano passare rapidamente a studi completi sull’efficacia del vaccino e alla distribuzione di emergenza durante un’epidemia.

Per quanto io sia contento di vedere il lavoro di CEPI iniziare, è importante che tutti capiscano che questo sforzo è solo il primo passo per prepararci alla prossima epidemia. È un passo importante, ma CEPI da solo non sarà sufficiente a proteggerci. Abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Abbiamo bisogno di un sistema globale di allarme e risposta per le epidemie. Inizia con il rafforzamento dei sistemi sanitari locali nei paesi poveri, che sono stati colpiti più duramente durante le recenti epidemie. Le migliaia di cliniche sanitarie remote in tutto il mondo saranno la spina dorsale del nostro sforzo globale per sconfiggere future epidemie. Devono formare operatori sanitari in grado di fornire assistenza sanitaria di base, fornire vaccini e monitorare la salute delle loro comunità.

Dobbiamo avere un sistema di sorveglianza delle malattie migliore, che includa un database globale in modo che i paesi possano condividere informazioni sui casi. Abbiamo anche bisogno di personale medico addestrato pronto a organizzare una risposta rapida a un’epidemia.

Infine, dobbiamo continuare a investire nella ricerca sanitaria per sviluppare non solo vaccini, ma anche nuovi farmaci e test diagnostici che rafforzeranno la nostra capacità di rispondere rapidamente ed efficacemente alla prossima epidemia.

Tuttavia, non sapremo mai esattamente quando emergerà una nuova epidemia di malattia. Potrebbe arrivare domani, il mese prossimo, il prossimo decennio o il prossimo secolo. Ma questa incertezza non dovrebbe essere una scusa per l’inazione. Spero che l’annuncio di oggi segni il primo di molti passi che il mondo farà per prepararsi alla prossima epidemia. Tutto il nostro futuro dipende da questo.

 

 

Facebook Comments