Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jeff Mirus e pubblicato su Catholic Culture. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Benedetto XVI
Benedetto XVI

 

Come ultimo cenno alla raccolta postuma di saggi e discorsi di Papa Benedetto XVI, Che cos’è il cristianesimo?, credo di dover dare un’occhiata più da vicino al famoso intervento che egli scrisse per la riunione dei capi delle conferenze episcopali convocata da Papa Francesco nel 2019 per esaminare la crisi degli abusi sessuali. Papa Francesco, tuttavia, non aveva interesse a introdurre un’analisi completa da parte del Papa emerito Benedetto, e così l’analisi è stata pubblicata per la prima volta dopo l’incontro, in aprile.

Sebbene abbia letto dell’intervento di Benedetto in quel periodo, non ho effettivamente studiato il testo fino a quando non è apparso in questo libro finale. Tutti sono consapevoli, credo, del crollo della morale sessuale non solo nella società occidentale ma anche nella Chiesa stessa nella seconda metà del XX secolo. Si trattava principalmente di un problema di università che riflettevano i nuovi atteggiamenti morali di una cultura d’élite e, soprattutto nelle università cattoliche, della deliberata opposizione sia alla legge naturale che al precedente insegnamento morale cattolico da parte dei teologi moralisti. Si diffuse l’idea che non esistessero azioni particolari che potessero essere considerate sempre e ovunque immorali e, a dire il vero, molti intellettuali cattolici – insieme alle loro controparti più tradizionali – cominciarono molto rapidamente a giustificare non solo i peccati che la cultura secolare ora approvava, ma anche i propri peccati personali che fino ad allora erano stati più accuratamente nascosti.

Così il giudizio della Chiesa sul peccato della contraccezione fu il primo principio a cadere, e dopo di esso (anche se molti ancora non colgono il nesso) ogni forma di piacere sessuale sterile fu rapidamente giustificata. La chiave del piacere sessuale morale è diventata la disposizione dell'”amore”, che è forse l’inganno più antico del mondo: “Non morirete. Dio sa infatti che quando ne mangerete si apriranno i vostri occhi e sarete come Dio, conoscendo il bene e il male” (Gen 3,4-5). La maggior parte dei teologi morali cattolici affermati in Occidente, a quanto pare, desiderava fortemente essere come Dio. A partire dalla fine degli anni ’60, persino la pedofilia fu difesa come una forma di amore genuino, piuttosto che come un desiderio sessuale psicologicamente deformato e abusivo.

Benedetto sottolinea che in questo periodo la capacità di discernere i principi morali nella legge naturale o nella Rivelazione divina (o in entrambe) è stata messa in discussione, e si è sviluppata una preferenza accademica per la ridescrizione della moralità esclusivamente in termini di scopi dell’azione umana. Si diffuse così la convinzione che nessun atto particolare potesse essere classificato di per sé come buono o cattivo, ma che la sua bontà dipendesse in ultima analisi dagli scopi dell’attore. Non c’è niente di più calcolato per trasformare la morale nel figlio bastardo della razionalizzazione.

 

Un cambiamento culturale

Naturalmente, nel corso della storia dell’umanità si assiste sempre a questo genere di cose, in quanto la morale viene costantemente ridefinita in base alle preferenze attuali di coloro che sono influenti nel mondo. Questa è sempre stata una risposta umana comune al potere, e la sua giustificazione è sempre stata un’abitudine comune del clero e dei professori che desiderano essere accettabili per la cultura dominante.

Non è necessario cercare un male particolarmente insolito in tutto questo, come se fosse qualcosa di completamente nuovo nella storia del XX secolo. Ma ho spesso descritto lo sviluppo del XX secolo come il risultato del progressivo declino di una fede cristiana ben fondata nel corso degli ultimi secoli, tanto che nel dopoguerra, negli anni Cinquanta, le persone che erano stanche delle privazioni della depressione e della guerra e cercavano una vita più facile e liberatoria, in realtà non capivano più veramente le ragioni delle vecchie convenzioni morali sessuali. Nella fretta di avere figli istruiti bene e a basso costo, hanno felicemente presieduto alla distruzione totale della formazione morale dei loro figli nelle scuole e nelle università pubbliche. In breve tempo, quindi, il guscio vuoto della morale sessuale tradizionale è stato spazzato via per volontà e razionalizzazione.

Di fatto, l’intero modo di inquadrare le questioni morali nella nostra cultura è passato da una modalità oggettiva a una soggettiva. In tutto ciò che ha a che fare con la sessualità umana, i principi morali sono semplicemente forgiati da un desiderio ostinato. Non c’è più alcun tentativo culturale di fondare la morale su qualcosa di più fondamentale o più stabile di questo. Un tale processo è sempre caotico e molto selettivo, naturalmente, perché nessuna società può perdere completamente la presa sui principi morali naturali. Debolezze care che ora devono essere considerate come punti di forza si spostano in ogni cultura all’interno di una certa “fascia di accettabilità”, e tra le fasce morali più vulnerabili ci sono quelle considerate private o personali – in altre parole, quelle che hanno a che fare non con la menzogna deliberata, il furto o l’omicidio, ma con l’identità sessuale, il piacere sessuale e l’autoinganno.

Benedetto sottolinea che questa ricerca culturale di quelli che potremmo chiamare i principi psicologici di una morale universale – cioè il fondamento della morale puramente nelle intenzioni umane – era destinata al fallimento. Egli sostiene che, nonostante i fondamenti della morale trovati nella legge naturale, ciò non significa (come molti cercavano di sostenere) che una morale comune debba essere ridotta ai principi fondamentali che sono veramente riconosciuti in tutte le culture e religioni umane (il che elimina quasi tutto). Piuttosto, era più importante riconoscere l’unicità di quella che chiamiamo morale biblica, l’unicità di un senso morale specificamente radicato non nei nostri scopi autogiustificanti, ma negli scopi rivelati di Dio.

Il rimedio a questi mali all’interno della Chiesa, quindi, è proprio la riaffermazione del carattere essenzialmente distintivo della vita cristiana.

 

All’interno della Chiesa

A questo proposito, Benedetto fa un’osservazione importante che riporto integralmente:

Data la portata dei crimini di pedofilia, mi viene in mente un detto di Gesù: “Chiunque fa peccare uno di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui se gli fosse appesa al collo una grande macina da mulino e fosse gettato nel mare” (Mc 9,42). Tuttavia, nel suo senso originale, questo detto non si riferisce alla corruzione dei bambini per scopi sessuali. Invece, l’espressione “piccoli”, nel linguaggio di Gesù, indica i semplici credenti che potrebbero essere scossi nella loro fede dall’orgoglio intellettuale di coloro che si considerano intelligenti. Qui, dunque, Gesù protegge il bene della fede con un’enfatica minaccia di punizione per coloro che le fanno del male. [Cos’è il cristianesimo, 186]

Benedetto introduce questo punto con particolare riferimento non solo alla necessità di proteggere i diritti degli accusati in un processo legale e di prendersi cura di coloro che hanno subito abusi, ma anche all’assoluta necessità di proteggere la fede della comunità cristiana. Stiamo parlando del danno causato dallo scandalo, che fa sì che altre anime abbandonino la loro fiducia in Dio e nella Chiesa, e forse nella stessa morale. Egli prosegue parlando della necessità che la Chiesa si preoccupi sia delle vittime degli abusi sessuali sia della fede e della fiducia del popolo cattolico nel suo complesso. È una richiesta che va ben oltre la difesa della stabilità istituzionale della Chiesa. Esige un risultato che Benedetto stesso ha trovato espresso nelle parole di Romano Guardini, che quasi cento anni fa aveva espresso la speranza che “era iniziato un evento di inestimabile importanza; la Chiesa si sta risvegliando nelle anime”.

Benedetto ammette di essere stato tentato di capovolgere questa frase: “La Chiesa sta morendo nelle anime”, perché la Chiesa e la Fede sono sempre più presentate in categorie politiche, e alla fine possono essere vissute quasi esclusivamente in forme politiche. Negli Stati Uniti, ad esempio, possiamo chiederci quali messaggi ascoltiamo più frequentemente dalla Conferenza dei vescovi cattolici, e se anche questi messaggi non siano inquadrati molto spesso in termini politici, in termini di diritti civili, voti e campagne elettorali.

In conclusione, Benedetto ci ricorda che Nostro Signore ha paragonato la Chiesa a una rete da pesca in cui ci sono pesci buoni e cattivi, e a un campo in cui il buon seme compete con i semi seminati da un nemico. E così Benedetto insiste sul fatto che la Chiesa non può risvegliarsi di nuovo nelle anime se non ci concentriamo non solo sui buoni O sui cattivi, ma sia sui buoni CHE sui cattivi – e sul netto contrasto tra i due:

In ogni epoca, ci sono e ci saranno non solo le erbacce e i pesci cattivi, ma anche la semina di Dio e i pesci buoni. Proclamare con forza entrambi in proporzione non è falsa apologetica, ma un servizio necessario alla verità. (194)

Quanti, ci chiede Benedetto, parlano debolmente di ciò che è buono nella Chiesa proprio perché si rifiutano di parlare francamente di ciò che è cattivo? O forse parlano solo debolmente di ciò che è cattivo nella Chiesa proprio perché si rifiutano di parlare chiaramente di ciò che è buono. Benedetto ci lascia con questo pensiero: Parlare e insegnare chiaramente sia ciò che è giusto sia ciò che è sbagliato è essenziale per il bene delle anime, e quindi per il bene della Chiesa.

Possiamo sperare con Guardini e Benedetto che la Chiesa possa ancora una volta “risvegliarsi nelle anime”?

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments