Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Brendan O’Neill e pubblicato su The Spectator. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Posie-Parker
Posie Parker, attaccata da sostenitori del transessualismo.

 

Ecco come doveva essere quando le donne venivano messe al rogo. Ieri, ad Auckland, l’attivista britannica per i diritti delle donne Posie Parker si è trovata circondata da una folla impazzita e agitata. Le sono stati lanciati in faccia zuppa di pomodoro e cartelli. È stata inondata d’acqua. Uomini enormi le urlarono in faccia insulti e imprecazioni. Gli spintoni della folla sono diventati così intensi che Parker ha temuto per la sua vita. “Ho pensato davvero che se fossi caduta a terra non mi sarei più rialzata”, ha raccontato. “I miei figli avrebbero perso la madre e mio marito avrebbe perso la moglie”.

È stato uno spettacolo davvero agghiacciante. I volti della folla erano contorti in mascherine di odio ferino. Inveivano con frenesia mentre la minuta Parker, con i capelli biondo-bottiglia macchiati di arancione per la zuppa che le era stata rovesciata addosso, cercava disperatamente di raggiungere la sicurezza di un’auto della polizia. È stato un rituale di umiliazione di una strega, una violenta epurazione di un’eretica.

 

 

La prossima volta che leggete un libro di storia e vi chiedete come Salem sia stata consumata da un’isteria così vorticosa, guardate i filmati della persecuzione di Posie in Nuova Zelanda. È così che accade. Ecco come la paura delle streghe può prevalere sulla ragione e scatenare le passioni più oscure e punitive della folla.

E qual è il crimine di Parker? Che cosa ha fatto questa strega? Ha detto: “Una donna è una femmina umana adulta”. Questo è quanto. Parker, il cui vero nome è Kellie-Jay Keen-Minshull, è nota per le sue critiche all’ideologia del transgenderismo. Ritiene che un uomo non diventi mai una donna, indipendentemente dal numero di ormoni assunti o di interventi chirurgici subiti. Pensa che se sei nato maschio, morirai maschio e che nel periodo intermedio non hai alcun diritto di entrare in uno spazio per sole donne.

Questa è un’eresia. Il dissenso dal vangelo dell’ideologia gender è per il XXI secolo quello che il dissenso dai veri vangeli era per il XV. E quindi Parker deve essere punita. Si trattava di una lapidazione moderna, quindi, per fortuna, hanno solo gettato zuppa, acqua e assi di cartone sul blasfemo.

Parker organizza eventi pubblici chiamati “Let Women Speak”. Lo ha fatto in tutto il Regno Unito, in alcune parti degli Stati Uniti e nelle ultime due settimane lo ha fatto in Australia e Nuova Zelanda.

È un’iniziativa geniale. Sa che questi raduni di donne che vogliono solo dare voce alla loro convinzione profana che il sesso non può mai essere cambiato attireranno folle di attivisti trans intolleranti e i loro alleati. Sa che la folla di “Be Kind” (“sii gentile”, ndr) farà di tutto per impedire alle donne di parlare. E sa che tutto ciò illustrerà brillantemente la sua convinzione principale: che l’attivismo trans è misoginia sotto mentite spoglie, misoginia in drag, se volete, e che si è dedicato a mettere a tacere le donne che credono nella biologia.

L’Australia e la Nuova Zelanda hanno svolto brillantemente il loro ruolo nell’ingegnoso piano di Parker. Da Melbourne a Canberra, da Hobart ad Auckland, enormi folle di persone di destra si sono presentate per soffocare le voci delle donne fastidiose che osano chiamare gli uomini “uomini”. Lasciate parlare le donne”, dice Parker. ‘No’, dice la folla. Lei li incita a confessare la loro misoginia e intolleranza in pubblico. E loro lo fanno.

Auckland è stata la peggiore. Ieri all’Albert Park, nel centro della città, la folla non ha potuto nascondere il suo odio vendicativo per le donne arroganti che non sono d’accordo con le sue ideologie. Parker è un nuovo tipo di strega, una che si sottopone volontariamente a un processo alle streghe, in modo che il resto di noi possa vedere quanto dogmatici e spietati siano i nuovi cacciatori di streghe. Sono pieno di ammirazione per lei. Il suo coraggio sta facendo luce sull’intolleranza viscerale che avanza sotto la bandiera della politica dell’identità.

Gli eventi di Auckland dovrebbero essere un campanello d’allarme per i liberali di tutto il mondo. Abbiamo intravisto il pugno di ferro dell’autoritarismo che si nasconde nel guanto di velluto di “Be Kind”. La vena misogina dell’estremismo trans è ormai innegabile. Guardate uomini infuriati che abbattono barriere metalliche per potersi avvicinare alla strega Posie e ditemi che non si tratta di sessismo mascherato da radicalismo. Osservate il tripudio di uomini felici che la folla abbia fatto scappare il “codardo TERF” e ditemi che non si tratta di sciovinismo con gli steroidi. Ammirate l’uso di megafoni, cori carichi di imprecazioni e minacce fisiche per mettere a tacere una donna e ditemi che non si tratta di una crociata sessista e censoria contro la libertà di parola delle donne.

 

 

La folla di Auckland non è emersa dal nulla. No, è stata una brutale manifestazione di un’idea regressiva che sta prendendo piede da qualche anno. Vale a dire, che dovrebbe essere proibito dissentire dall’ideologia di genere. Che sia bigotto affermare i fatti biologici. Che dovrebbe essere un reato punibile – sia che la punizione consista nell’essere messi alla porta o licenziati o che vi vengano lanciati oggetti in faccia – dire che gli uomini sono uomini e le donne sono donne.

Per capire dove va a finire la censura, basta guardare quegli agitatori smorfiosi di Auckland, con l’odio che si diffonde come una corrente nel loro numero, mentre lottano con ogni fibra del loro essere per impedire l’espressione di un’idea critica. La censura genera bigottismo. E genera la violenza stessa. Più diciamo alle persone che certe parole le feriranno, più incitiamo stupidamente le persone a ferire chi osa pronunciare certe parole.

Quella folla era ubriaca di santità. Questo è ciò che accade quando diciamo alle persone che la loro identità è la cosa più importante del mondo e che tutto ciò che sfiora la loro autostima è un oltraggio che deve essere stroncato. Coltiviamo una generazione di Torquemada che si lasciano guardare dall’ombelico. Posie li ha smascherati, ancora una volta, e per questo merita i nostri ringraziamenti. Questa volta le streghe potrebbero vincere.

Brendan O’Neill

 

Brendan O’Neill è il capo redattore di Spiked per la politica

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments