Venerdì scorso si è tenuta l’annuale Marcia per la vita degli Stati Uniti. Il luogo dell’incontro è stato Washington. Lì è arrivato anche John Moore, che ha percorso 4.500 km a piedi, con una croce addosso perché ha fatto “una promessa ai Cavalieri, al popolo della Marcia per la Vita, ai non ancora nati e a Dio”.

Ecco l’articolo di CNA, nella mia traduzione.

John Moore nella sua solitaria pre-Marcia per la vita

John Moore nella sua solitaria pre-Marcia per la vita

 

Lo scorso fine settimana, John Moore è arrivato al Washington Monument nella capitale degli Stati Uniti, dopo un pellegrinaggio a piedi da San Francisco, iniziato nell’aprile 2018, in tempo per partecipare alla Marcia per la vita di venerdì (scorso 18 gennaio, ndr)

Moore è stato accompagnato nel suo pellegrinaggio di 2.800 miglia (cioè 4.500 km, ndr) da Laura, una dei suoi sei figli, che lo ha guidato e gli ha dato assistenza lungo il cammino.

I Moores sono di Gallup, New Mexico, dove possiedono un’azienda che affitta spazi a camper e camper, e John è membro dei Cavalieri di Colombo.

Sono partito dal sito della Marcia per la vita del West Coast di San Francisco per arrivare al National Mall di Washington DC”, ha detto John a Voice of the Southwest. “Finirò il 18 gennaio 2019 – questa è la Marcia per la Vita a Washington DC”.

Parlando al giornale della diocesi di Gallup a maggio, Laura ha detto: “Di solito se siamo vicini alla città in cui alloggiamo, ci sistemiamo in un hotel e poi lo riprendiamo alla fine della sua passeggiata, ma oggi sta percorrendo una strada sterrata che non appare molto chiaramente sulle mappe, quindi ogni 20 minuti mi accosto (a lui)”.

Laura cerca il percorso per suo padre, assicurandosi che abbia cibo e acqua per tutta la sua giornata di cammino, e riprendendolo alla fine di ogni giorno di viaggio.

Una volta usciti da San Francisco, ha detto Laura, hanno ricevuto un sacco di sostegno da parte della gente lungo il percorso.

A San Francisco c’erano molte persone che si sono messe di fronte a mio padre e gli urlavano in modo piuttosto volgare. E poi, più ci allontanavamo da San Francisco, più gli veniva dato sostegno. Non che non si aspettasse le cose brutte. Ha tenuto la bocca chiusa e ha continuato a camminare”.

In realtà mi sorprende quante persone non religiose sono incuriosite da quello che fa. Abbiamo avuto un paio di persone che si sono fermate a parlare con noi e non erano affatto religiose. Non sapevano nulla della Marcia per la Vita”, ha detto Laura.”La gente si fermerà a dare acqua a mio padre, alcuni cammineranno con lui il più a lungo possibile, altri gli daranno dei soldi. Un sacco di gente gli dice quanto è figo quello che fa“.

John intende donare i soldi che ha ricevuto lungo la strada ai Cavalieri di Colombo per il loro sforzo di fornire macchine ad ultrasuoni ai centri per la gravidanza a favore della vita; il progetto ha recentemente donato la sua 1000esima macchina alla Clinica Medica Libera Madre di Misericordia nella diocesi di Arlington.

Ha fatto pellegrinaggi a piedi per un certo tempo: ha camminato almeno 13 volte fino al santuario di Chimayo; ha fatto un pellegrinaggio nel Kansas in onore di padre Emil Kapaun, un cappellano dell’esercito che è morto in un campo di prigionieri di guerra durante la guerra di Corea; e ha camminato fino alla Nostra Signora di Guadalupe Fiesta a Las Cruces, e al Monte Cristo Rey fuori El Paso.

Mentre cammina, John porta una delle due croci di legno: una che mostra la Divina Misericordia, una croce e filo spinato del cappellano in onore di Padre Kapaun, e un’altra con il Sacro Cuore e Nostra Signora di Guadalupe.

Laura ha detto a Voice of the Southwest che è un’opportunità di crescita spirituale per lei, e un’occasione per avvicinarsi ancora di più al padre.

Penso che Dio mi stia preparando ad imparare ad essere sola, e sento che questo è ciò che è questo viaggio – mi aiuterà ad essere sola con me stessa, ad essere amica di me stessa e ad avvicinarmi a Dio in questo aspetto”, ha detto. “Mi sento come se fossi davvero benedetta da questa opportunità di passare tutta la giornata concentrandomi su di essa invece di dover trovare il tempo per farlo”.

John ha parlato recentemente alla rivista Columbia del suo pellegrinaggio di attraversamento degli Stati Uniti, dicendo che cammina “per umiliarmi davanti a Dio, per essere testimone di Cristo e pregare per gli altri….. È un cammino di fede”.

Se sono sul sentiero da qualche parte, pregherò il rosario. Ma quando si cammina in un pellegrinaggio come questo, è molto pericoloso. Non si può ascoltare la musica. Devi sempre prestare attenzione e rimanere concentrato”.

Ha detto che la sua devozione a padre Kapaun è radicata nel fatto che “la sua fede era più grande delle sue paure. Vi dirò una cosa: sono una specie di grande pollo. Odio le alture e devo attraversare grandi ponti. E più a est andiamo, tutto questo traffico ti rende ansioso”.

E’ una sfacchinata quotidiana e a volte non voglio camminare, ma devi solo andare e non fare niente di stupido. Ci vuole molta fede. La fede deve essere più grande delle tue paure“, ha detto John alla Columbia.

Questa non è una questione che io abbia successo. Si tratta di mantenere una promessa – una promessa che ho fatto ai Cavalieri, al popolo della Marcia per la Vita, ai non ancora nati e a Dio”.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments
image_print
1