Aurelio Porfiri è un prolifico compositore di musica sacra e scrittore. Spesso presente a Hong Kong e nella vicina Macao per seminari. L’ex professore dell’Università Saint Joseph di Macao, su invito del Centro per gli Studi Cattolici dell’Università Cinese di Hong Kong, ha tenuto dal 16 gennaio al 2 febbraio una serie di sei lezioni dal titolo “Un viaggio nei XXI secoli di musica cattolica”,

Nell’occasione ha rilasciato una intervista alla rivista Ucanews.com che vi propongo nella mia traduzione.

Aurelio Porfiri ha scritto un primo articolo su questo blog, vedi qui.

Aurelio Porfiri

Aurelio Porfiri

 

“In Cina, di solito si insegna a cominciare dalla musica barocca, ma non ha senso perché il barocco è arrivato molto tardi. Prima di questo, c’è stata anche l’era patristica, il periodo medievale e rinascimentale”, ha detto Porfiri.

Altri, come padre Giovanni Battista Zhao dall’Hebei, dicono che la Cina ha registrato un aumento dei canti liturgici locali negli ultimi anni, ma che il mantenimento di standard elevati rimane un problema nel paese, così come la cronica carenza di compositori di musica sacra e inni.  “Molti grandi santi come sant’Ambrogio e san Girolamo hanno parlato anche di musica sacra”.

“Inoltre, a partire da Papa Giovanni XXII, che fu il primo Papa a pubblicare un documento sulla musica sacra, molti papi scrissero documenti che parlavano direttamente della musica sacra o affrontavano i problemi che essa incontrava”.

“Quando ho detto questo a coloro che sono venuti alle mie lezioni, sono rimasti molto sorpresi perché nessuno glielo aveva mai detto prima”, ha aggiunto. Infatti, la mancanza di apprezzamento per l’importanza della musica, unita alla scarsa conoscenza della storia del perché è stata introdotta, e dello scopo per cui è stata introdotta, sono tra i principali ostacoli al suo ulteriore sviluppo, secondo l’italiano (Porfiri, ndr), che in passato è stato sostituto organista del Vicariato della Città del Vaticano nella Basilica di San Pietro.

Porfiri è ora riconosciuto nel Cambridge Companion to Choral Music come uno dei tre compositori della Chiesa italiana del XX e XXI secolo “la cui musica corale mostra chiaramente l’influenza delle tradizioni nazionali”.

“La gente pensa che la musica sacra non sia importante nella Chiesa, ma questo è profondamente sbagliato”, ha detto.

“La musica nella liturgia è la liturgia stessa, e la liturgia si sviluppa come una liturgia acustica e musicale. Per questo la Chiesa dedica molte risorse per svilupparla, perché ne conosce l’importanza, e capisce come la musica possa essere un bene per noi”.

“Scegliere la musica sbagliata per la liturgia provocherebbe una cattiva esperienza liturgica. Quindi potete immaginare che lo scopo della musica è lo stesso scopo della liturgia”.

Se la musica è un’interpretazione debole della liturgia, non riesce nel suo scopo di aiutare a glorificare Dio e santificare i fedeli, ha detto, aggiungendo che, peggio ancora, potrebbe creare più distanza tra i cattolici e Dio.

Al giorno d’oggi, molte chiese in tutto il mondo lasciano alla musica commerciale o pop di dare vita alla liturgia, ma Porfiri considera questo un errore.

“Soprattutto nel mondo occidentale, pensano che fare musica in modo molto commerciale, magari in stile pop, con chitarra e batteria, sia un buon modo per glorificare Dio e attirare persone, specialmente giovani, nella Chiesa. Ma questo è sbagliato”, ha detto.

“Andiamo in chiesa per vivere un altro tipo di atmosfera, qualcosa da un altro mondo. Incorporare musica commerciale o ‘mondana’ contraddice totalmente ciò che si suppone che si debba fare. Oggi è un grande problema”.

Porfiri dice che coloro che percorrono questa strada spesso la giustificano citando il Concilio Vaticano II, sostenendo che i suoi documenti esortano i cattolici ad abbracciare il mondo.

“Dobbiamo stare attenti a questo. Gesù è venuto al mondo per convertirci; ma noi ci stiamo convertendo, non a Lui o alla Chiesa, ma al mondo. E il Vaticano II non ha mai detto che dobbiamo abbracciare la musica commerciale”, ha osservato.

“Inoltre, secondo il Vaticano II, la musica è parte integrante della liturgia, e la musica deve essere nobilitata. Dobbiamo rispettare la musica cattolica tradizionale. Se non è buona, la liturgia soffre”, ha detto.

“Il problema oggi è che nessuno legge quei documenti da se stesso. Ci si limita a ripetere quello che si è sentito dire da altri”.

Sulla base delle sue discussioni sulla musica sacra con i giovani cattolici in conferenze e seminari, ha detto che erano “più radicali di me” e che “preferirebbe ascoltare canti gregoriani, che pensano siano molto spirituali, piuttosto che musica pop o qualcosa del genere”.

“I giovani di oggi sono attratti dal vero messaggio alternativo [che la religione offre]. Se decidono di fare il passo decisivo [e abbracciare il cattolicesimo], vogliono davvero vedere che la loro fede è diversa dal mondo secolare”, ha detto.

“La maggior parte di loro sono insoddisfatti del mondo.  Hanno problemi con il lavoro, la famiglia o altro. Se vogliono qualcosa di diverso, quindi, è necessario dare loro qualcosa di diverso”, ha osservato Porfiri.

L’uso della musica commerciale per attirare le persone verso la Chiesa è simile alla pubblicità falsa, in quanto invia un “messaggio falso”, secondo lui.

La sua storia d’amore per la musica è iniziata anche quando una suora gli ha insegnato a pregare in latino mentre era un giovane ministrante.

In seguito, cercò un’insegnate e si diplomò in musica corale al Conservatorio di Napoli, San Pietro a Maiella.  Dopo il diploma (ma anche prima, in verità), inizia ad suonare regolarmente nella sua chiesa locale.

“Più studio, più vedo che quello che la gente sta facendo oggi non è buono. Così ho iniziato a scrivere libri e articoli e a comporre musica per offrire un’alternativa”, ha detto Porfiri.

In 30 anni ha pubblicato 38 libri e 700 articoli, ha registrato oltre 10 album su CD e più di 100 composizioni musicali sue sono stampate da editori in Cina, Francia, Germania, Italia e Stati Uniti.

Ha anche insegnato e diretto musica sacra a Macao e Shanghai, ha tenuto seminari ed è stato invitato a conferenze in tutto il mondo.

Facebook Comments