“A livello nazionale, non sembra esserci alcuna relazione distinguibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 negli ultimi 7 giorni. In effetti, la linea di tendenza suggerisce un’associazione marginalmente positiva in modo tale che i paesi con una percentuale più elevata di popolazione completamente vaccinata abbiano casi COVID-19 più elevati per 1 milione di persone”.

E’ il risultato di una ricerca effettuata da S. V. Subramanian (Harvard Center for Population and Development Studies, Cambridge, MA, USA) e Akhil Kumar (Turner Fenton Secondary School, Brampton, ON, Canada) e pubblicata il 30.09.2021 sulla rivista peer review European Journal of Epidemiology, e rintracciabile su SpringerLink. Eccola nella mia traduzione. 

 

coronavirus
coronavirus

 

I vaccini sono attualmente la principale strategia di mitigazione per combattere il COVID-19 in tutto il mondo. Ad esempio, si sostiene che la narrativa relativa al continuo aumento di nuovi casi negli Stati Uniti (USA) sia guidata da aree con bassi tassi di vaccinazione [ 1 ]. Una narrazione simile è stata osservata anche in paesi come la Germania e il Regno Unito [ 2 ]. Allo stesso tempo, Israele, che è stato acclamato per i suoi rapidi ed alti tassi di vaccinazione, ha visto anche una sostanziale ripresa dei casi di COVID-19 [ 3 ]. Indaghiamo la relazione tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 in 68 paesi e in 2947 contee negli Stati Uniti.

metodi

Abbiamo utilizzato i dati COVID-19 forniti da Our World in Data per l’analisi transnazionale, disponibili a partire dal 3 settembre 2021 (Tabella supplementare 1) [ 4 ]. Abbiamo incluso 68 paesi che soddisfacevano i seguenti criteri: disponevano di dati sul vaccino della seconda dose; avevano a disposizione i dati dei casi COVID-19; avevano dati sulla popolazione disponibili; e l’ultimo aggiornamento dei dati era avvenuto entro 3 giorni prima o il 3 settembre 2021. Per i 7 giorni precedenti il ​​3 settembre 2021 abbiamo calcolato i casi COVID-19 per 1 milione di persone per ciascun paese, nonché la percentuale di popolazione che è completamente vaccinata.

Per l’analisi a livello di contea negli Stati Uniti, abbiamo utilizzato i dati del team COVID-19 della Casa Bianca [ 5], disponibile dal 2 settembre 2021 (Tabella supplementare 2). Abbiamo escluso le contee che non hanno riportato dati sulla percentuale di popolazione completamente vaccinata, ottenendo 2947 contee per l’analisi. Abbiamo calcolato il numero e le percentuali delle contee che hanno registrato un aumento dei casi di COVID-19 in base ai livelli della percentuale di persone completamente vaccinate in ciascuna contea. L’aumento percentuale dei casi COVID-19 è stato calcolato in base alla differenza tra i casi degli ultimi 7 giorni e dei 7 giorni precedenti. Ad esempio, la contea di Los Angeles in California ha avuto 18.171 casi negli ultimi 7 giorni (dal 26 agosto al 1 settembre) e 31.616 casi nei 7 giorni precedenti (19-25 agosto), quindi questa contea non ha registrato un aumento di casi nel nostro insieme di dati.https://tiny.cc/USDashboard ).

risultati

A livello nazionale, non sembra esserci alcuna relazione distinguibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 negli ultimi 7 giorni (Fig.  1). In effetti, la linea di tendenza suggerisce un’associazione marginalmente positiva in modo tale che i paesi con una percentuale più elevata di popolazione completamente vaccinata abbiano casi COVID-19 più elevati per 1 milione di persone. In particolare, Israele con oltre il 60% della popolazione completamente vaccinata ha avuto i casi di COVID-19 più alti per 1 milione di persone negli ultimi 7 giorni. La mancanza di un’associazione significativa tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 è ulteriormente esemplificata, ad esempio, dal confronto tra Islanda e Portogallo. Entrambi i paesi hanno oltre il 75% della loro popolazione completamente vaccinata e hanno più casi di COVID-19 per 1 milione di persone rispetto a paesi come Vietnam e Sudafrica che hanno circa il 10% della loro popolazione completamente vaccinata.

Anche nelle contee degli Stati Uniti, la mediana dei nuovi casi di COVID-19 per 100.000 persone negli ultimi 7 giorni è in gran parte simile tra le categorie della percentuale di popolazione completamente vaccinata (Fig.  2 ). In particolare, c’è anche una sostanziale variazione della contea nei nuovi casi di COVID-19 all’interno delle categorie della percentuale della popolazione completamente vaccinata. Sembra inoltre che non vi sia alcuna segnalazione significativa di casi di COVID-19 in diminuzione con percentuali più elevate della popolazione completamente vaccinata (Fig.  3 ).

Delle prime 5 contee che hanno la più alta percentuale di popolazione completamente vaccinata (99,9-84,3%), i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ne identificano 4 come contee ad “alta” trasmissione. Le contee di Chattahoochee (Georgia), McKinley (Nuovo Messico) e Arecibo (Porto Rico) hanno oltre il 90% della loro popolazione completamente vaccinata e tutte e tre sono classificate come ad “alta” trasmissione. Al contrario, delle 57 contee che sono state classificate come contee “a bassa” trasmissione dal CDC, il 26,3% (15) ha una percentuale di popolazione completamente vaccinata inferiore al 20%.

Poiché si ritiene che la piena immunità dal vaccino richieda circa 2 settimane dopo la seconda dose, abbiamo condotto analisi di sensibilità utilizzando un ritardo di 1 mese sulla percentuale di popolazione completamente vaccinata per i paesi e le contee degli Stati Uniti. I risultati di cui sopra di nessuna associazione distinguibile tra casi COVID-19 e livelli di vaccinazione completa sono stati osservati anche quando abbiamo considerato un ritardo di 1 mese sui livelli di vaccinazione completa (Figura supplementare 1, Figura supplementare 2).

Dovremmo notare che i dati del caso COVID-19 sono di casi confermati, che è una funzione sia dell’offerta (ad esempio, variazione nelle capacità di test o pratiche di segnalazione) che dal lato della domanda (ad esempio, variazione nella decisione delle persone su quando sottoporsi al test) fattori.

Interpretazione

L’unico affidamento sulla vaccinazione come strategia primaria per mitigare il COVID-19 e le sue conseguenze avverse deve essere riesaminato, soprattutto considerando la variante Delta (B.1.617.2) e la probabilità di varianti future. Potrebbe essere necessario mettere in atto altri interventi farmacologici e non farmacologici insieme all’aumento dei tassi di vaccinazione. Tale correzione di rotta, in particolare per quanto riguarda la narrativa politica, diventa fondamentale con le prove scientifiche emergenti sull’efficacia dei vaccini nel mondo reale.

Ad esempio, in un rapporto pubblicato dal Ministero della Salute in Israele, l’efficacia di 2 dosi del vaccino BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) contro la prevenzione dell’infezione da COVID-19 è stata riportata essere del 39% [ 6 ], sostanzialmente inferiore rispetto allo studio che riportava una efficacia del 96% [ 7 ]. Sta anche emergendo che l’immunità derivata dal vaccino Pfizer-BioNTech potrebbe non essere così forte come l’immunità acquisita attraverso la guarigione dal virus COVID-19 [ 8 ]. È stato anche riportato un sostanziale declino dell’immunità dai vaccini mRNA 6 mesi dopo l’immunizzazione [ 9]. Anche se le vaccinazioni offrono protezione agli individui contro il ricovero grave e la morte, il CDC ha riportato un aumento dallo 0,01 al 9% e dallo 0 al 15,1% (tra gennaio e maggio 2021) nei tassi di ricoveri e decessi, rispettivamente, tra i completamente vaccinati [ 10 ].

In sintesi, anche se si dovrebbero compiere sforzi per incoraggiare le popolazioni a vaccinarsi, lo si dovrebbe fare con umiltà e rispetto. Stigmatizzare le popolazioni può fare più male che bene. È importante sottolineare che altri sforzi di prevenzione non farmacologici (ad esempio, l’importanza dell’igiene della salute pubblica di base per quanto riguarda il mantenimento della distanza di sicurezza o il lavaggio delle mani, la promozione di forme di test più frequenti e meno costose) devono essere rinnovati al fine di raggiungere l’equilibrio di imparare a vivere con COVID-19 allo stesso modo in cui continuiamo a vivere 100 anni dopo con varie alterazioni stagionali del virus dell’influenza del 1918.

Fonti:

  1. Vaccinations CDC. CDC COVID data tracker. Centers for Disease Control and Prevention. 2021.https://covid.cdc.gov/covid-data-tracker/#vaccinations.

  2. Nicolas E. Germany mulls restrictions for unvaccinated as cases soar. EUobserver; 2021. https://euobserver.com/coronavirus/152534.
  3. Estrin D. Highly vaccinated Israel is seeing a dramatic surge in New COVID cases. Here’s why. NPR; 2021. https://www.npr.org/sections/goatsandsoda/2021/08/20/1029628471/highly-vaccinated-israel-is-seeing-a-dramatic-surge-in-new-covid-cases-heres-why.
  4. Ritchie H, Ortiz-Ospina E, Beltekian D, Mathieu E, Hasell J, Macdonald B, Giattino C, Appel C, Rodés-Guirao L, Roser M. Coronavirus pandemic (COVID-19). 2020. Published online at OurWorldInData.org. Retrieved from:https://ourworldindata.org/coronavirus.
  5. White House COVID-19 Team. COVID-19 community profile report. 2020. HealthData.gov. https://healthdata.gov/Health/COVID-19-Community-Profile-Report/gqxm-d9w9.
  6. Ministry of Health Israel. Two-dose vaccination data. Government of Israel; 2021. https://www.gov.il/BlobFolder/reports/vaccine-efficacy-safety-follow-up-committee/he/files_publications_corona_two-dose-vaccination-data.pdf.
  7. Thomas SJ, Moreira ED, Kitchin N, Absalon J, Gurtman A, Lockhart S, Perez JL, et al. Six Month safety and efficacy of the BNT162b2 Mrna Covid-19 vaccine. MedRxiv. 2021. https://doi.org/10.1101/2021.07.28.21261159.
  8. Gazit S, Shlezinger R, Perez G, Lotan R, Peretz A, Ben-Tov A, Cohen D, Muhsen K, Chodick G, Patalon T. Comparing sars-cov-2 natural immunity to vaccine-induced immunity: reinfections versus breakthrough infections. MedRxiv. 2021. https://doi.org/10.1101/2021.08.24.21262415.
  9. Canaday DH, Oyebanji OA, Keresztesy D, Payne M, Wilk D, Carias L, Aung H, Denis KS, Lam EC, Rowley CF, Berry SD, Cameron CM, Cameron MJ, Wilson B, Balazs AB, King CL, Gravenstein S. Significant reduction in humoral Immunity among healthcare workers and nursing home residents 6 months AFTER COVID-19 BNT162b2 mRNA vaccination. MedRxiv. 2021. https://doi.org/10.1101/2021.08.15.21262067.
  10. McMorrow M. (rep.). Improving communications around vaccine breakthrough and vaccine effectiveness. 2021. Retrieved from https://context-cdn.washingtonpost.com/notes/prod/default/documents/8a726408-07bd-46bd-a945-3af0ae2f3c37/note/57c98604-3b54-44f0-8b44-b148d8f75165.
Facebook Comments