di Sabino Paciolla

 

A cavallo di gennaio e febbraio scorso decine di migliaia di camion e trattori, il “Freedom convoy”, sono entrati nel centro di Toronto per protestare contro l’obbligo vaccinale imposto dal primo ministro Trudeau. Lì per giorni hanno protestato pacificamente, con balli e canti. Il primo ministro, per questioni di sicurezza (non si capisce quale, visto che i dimostranti erano super pacifici), con tutta fretta ha lasciato il palazzo di governo e si è rifugiato in una località sconosciuta. Ma ha voluto far vedere di quale stoffa è fatto, e per far sgombrare i manifestanti, Trudeau ha usato le maniere spicce e pesanti, come gli arresti e persino il blocco dei conti correnti dei dimostranti. Una misura quest’ultima mai usata prima d’ora nel mondo occidentale con pacifici manifestanti. Infatti, è stata usata in precedenza con i terroristi.

Elon Musk, il fondatore di Tesla e SpaceX, ha preso posizione sui social riguardo le proteste in Canada e le misure messe in atto dal primo ministro per combattere la rivolta dei camionisti. Replicando a un tweet sul taglio dei finanziamenti ai manifestanti deciso dal premier canadese, Elon Musk ha pubblicto una foto di Hitler con scritto: “Basta paragonarmi a Trudeau. Io ho un budget”. Il post è stato cancellato dopo pochi minuti, ma non è passato inosservato, forte di 9 mila retweet e 35 mila like:

 

 

Anche un politico croato, rimasto orripilato da quelle azioni, ha gridato in faccia a Trudeau l’accusa di aver usato metodi vergognosi e degni di un dittatore. Ecco il suo pregevole e risoluto intervento. Sotto il video la traduzione. 

 

 

Cari colleghi, cari cittadini, Primo Ministro Trudeau.  

La libertà, il diritto di scegliere, il diritto alla vita, il diritto alla salute, il diritto al lavoro per molti di noi sono diritti umani fondamentali. Per essi milioni di cittadini dell’Europa e del mondo hanno dato le loro vite.

Per difendere i nostri diritti e i diritti dei nostri figli, che noi abbiamo acquisito nell’arco di secoli, molti di noi, incluso me stesso, sono disposti a rischiare la nostra libertà e le nostre vite.

Sfortunatamente, oggi ci sono alcuni tra noi che calpestano questi fondamentali valori. 

Il Canada (e qui il politico croato si gira e guarda in faccia Trudeau che è alle sue spalle e ascolta, ndr), una volta un simbolo del mondo moderno, nei recenti mesi, è diventato un simbolo delle violazioni dei diritti civili sotto il tuo quasi liberale stivale. Noi vediamo come tu schiacci le donne con i cavalli, come tu blocchi i conti bancari di singoli genitori così che non possano nemmeno pagare per l’educazione e le medicine dei loro figli, che non possano pagare le bollette e i mutui per le loro case. 

Per te, questi potrebbero essere metodi liberali, ma per molti cittadini del mondo rappresentano una dittatura della peggior specie. 

Rimane certo che i cittadini del mondo, uniti, possono fermare qualsiasi regime che voglia distruggere la libertà dei cittadini o con le bombe o con prodotti farmaceutici pericolosi.

Grazie a voi.

 

 

 

Facebook Comments