La NATO, un’alleanza creata per prevenire la guerra potrebbe averne appena accesa una.

Rilancio un editoriale di Patrick J. Buchanan, pubblicato sul suo blog. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

Ben Garrison Ucraina e neocons
Ben Garrison Ucraina e neocons

 

Dopo che il vertice NATO di venerdì ha rifiutato di stabilire una no-fly zone sull’Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky ha detto che il fallimento degli alleati di “chiudere i cieli” agli aerei militari russi dà “una luce verde per ulteriori bombardamenti sulle città ucraine”.

“Tutte le persone che moriranno a partire da questo giorno … moriranno a causa vostra”, ha detto Zelensky alla NATO, “a causa della vostra debolezza”.

L’accusa di Zelensky alla NATO per codardia è arrivata dopo che il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha escluso una no-fly zone:

“La NATO non è parte del conflitto. La NATO è un’alleanza difensiva. … Noi non cerchiamo la guerra, il conflitto con la Russia. … Non dovremmo avere aerei NATO che operano sullo spazio aereo ucraino o truppe NATO sul territorio ucraino”.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha fatto eco a Stoltenberg:

“La nostra è un’alleanza difensiva. Non cerchiamo nessun conflitto. … Il presidente Biden è stato chiaro che non abbiamo intenzione di entrare in una guerra con la Russia”.

Domenica, Blinken ha ampliato:

Il presidente Joe Biden ha “la responsabilità di non farci entrare in un conflitto diretto, una guerra diretta con la Russia, una potenza nucleare, e rischiare una guerra che si espanda anche oltre l’Ucraina in Europa. … Quello che stiamo cercando di fare è porre fine a questa guerra in Ucraina, non iniziarne una più grande”.

La politica degli Stati Uniti in sintesi: gli ucraini dovrebbero continuare a combattere e morire, uccidendo i russi, mentre noi restiamo fuori – e facciamo il tifo per loro.

Nella più grande crisi militare europea dalla fondazione della NATO, le azioni e l’inazione degli Stati Uniti parlano più forte delle loro parole.

In parole povere, stabilire una no-fly zone sull’Ucraina comporterebbe aerei e piloti statunitensi che abbattono aerei e piloti russi. Questo significherebbe una guerra tra la Russia e l’America. Data la dottrina militare russa, una tale guerra potrebbe rapidamente degenerare fino all’uso di armi nucleari tattiche.

In conclusione: Non siamo disposti a rischiare una guerra con la Russia per l’Ucraina, poiché questa nazione di 44 milioni di abitanti non è un interesse vitale né un membro della NATO.

Non stabiliremo una no-fly zone sull’Ucraina, perché questo significherebbe una guerra con la Russia. Ma se la Russia attaccasse l’Estonia, non l’Ucraina, saremmo in guerra con la Russia, perché l’Estonia è un membro della NATO.

Per ripetere: se la Russia attacca i suoi vicini Finlandia, Svezia, Ucraina, Moldavia o Georgia, noi restiamo fuori dalla guerra. Ma se la Russia attacca la Lituania, la Lettonia, l’Estonia, la Slovacchia, la Romania o la Bulgaria, noi entriamo, anche a rischio di una guerra nucleare.

Vi sembra logico? Ha senso tutto questo?

Perché ci impegniamo a fare per la Bulgaria – rischiare la guerra con la Russia – quello che la maggior parte di tutti concordano che sarebbe folle nel caso dell’Ucraina?

Su questo, il presidente russo Vladimir Putin è stato chiaro e convincente.

Qualsiasi tentativo di stabilire una no-fly zone sull’Ucraina sarà trattato come un atto di guerra. E la Russia si riserva il diritto di attaccare qualsiasi nazione i cui aerei stanno facendo rispettare questa no-fly zone.

Per quanto riguarda il trasferimento da paesi dell’ex Patto di Varsavia come la Polonia di vecchi MiG all’Ucraina, da usare contro le truppe russe, dice Putin, questo sarebbe un atto di guerra, e la Russia si vendicherebbe contro le nazioni che mettono i MiG nella lotta.

Biden ha anche incontrato la scorsa settimana il presidente Sauli Niinisto della Finlandia, una nazione neutrale che condivide un confine di 833 miglia con la Russia. Niinisto potrebbe prendere in considerazione l’adesione alla NATO.

Tuttavia, questo presenta dei problemi, tra cui l’avvertimento di venerdì da Maria Zakharova del ministero degli Esteri russo:

“Consideriamo l’impegno del governo finlandese per una politica di non allineamento militare come un fattore importante per garantire la sicurezza e la stabilità nel nord Europa. … L’adesione della Finlandia alla NATO avrebbe serie ripercussioni militari e politiche”.

Se i finlandesi mostrassero un interesse ad entrare nella NATO, la NATO difenderebbe la Finlandia dall’azione militare russa mentre la sua domanda di adesione alla NATO viene considerata?

Tutti i 30 membri della NATO accoglierebbero un nuovo membro, con 5,5 milioni di persone e un lungo confine con la Russia, per il quale tutta la NATO sarebbe obbligata ad andare in guerra con la Russia, in base alla garanzia di guerra dell’articolo 5?

Ricordiamo: L’adesione alla NATO per la Georgia e l’Ucraina erano argomenti di discussione tra gli alleati, prima che si scontrassero con la Russia.

Quella discussione da allora è stata messa in secondo piano.

Come potrebbe l’aggiunta di una nuova nazione da difendere, un nuovo dovere di combattere la potenza nucleare più pesantemente armata sulla terra, la Russia, servire gli interessi degli Stati Uniti, quando Stoltenberg, Blinken e Biden sembrano enormemente sollevati che non dobbiamo combattere per l’Ucraina ora?

Il trolling dell’Ucraina per l’adesione alla NATO ha scatenato la guerra di Putin?

Il Wall Street Journal di venerdì scrive:

“L’invasione russa dell’Ucraina è il risultato di due immensi errori strategici, (lo storico russo) Robert Service dice. Il primo è avvenuto il 10 novembre, quando gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno firmato una Carta sulla partnership strategica, che affermava il sostegno dell’America al diritto di Kiev di perseguire l’adesione alla North Atlantic Treaty Organization. Il patto ha reso più probabile che l’Ucraina si unisca alla NATO – una prospettiva intollerabile per Vladimir Putin. ‘E’ stata l’ultima goccia’, dice il signor Service. I preparativi iniziarono immediatamente per la cosiddetta operazione militare speciale della Russia in Ucraina”.

Un’alleanza creata per prevenire la guerra potrebbe averne appena accesa una.

 

 

Patrick Joseph “Pat” Buchanan è un politico statunitense. È stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan, è stato inoltre il primo conduttore del programma della CNN Crossfire. Ha scritto una quindicina di libri.

 

 

 

Facebook Comments