Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Naveen Athrappully e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

emergenza climatica incendi boschi

 

Scienziati internazionali hanno firmato congiuntamente una dichiarazione che respinge l’esistenza di una crisi climatica e insiste sul fatto che l’anidride carbonica è benefica per la Terra, contrariamente alla narrativa allarmistica popolare.

“Non c’è alcuna emergenza climatica”, ha dichiarato il Global Climate Intelligence Group (CLINTEL) nella sua Dichiarazione mondiale sul clima (pdf), resa pubblica in agosto. “La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche climatiche dovrebbero essere più scientifiche. Gli scienziati dovrebbero affrontare apertamente le incertezze e le esagerazioni nelle loro previsioni sul riscaldamento globale, mentre i politici dovrebbero contare spassionatamente i costi reali e i benefici immaginati delle loro misure politiche”.

La dichiarazione è stata firmata da 1.609 scienziati e professionisti di tutto il mondo, di cui 321 dagli Stati Uniti.

La coalizione ha sottolineato che il clima della Terra è variato da quando esiste, con il pianeta che ha sperimentato diverse fasi fredde e calde. La Piccola Era Glaciale si è conclusa solo di recente, nel 1850.

“Pertanto, non è una sorpresa che ora stiamo vivendo un periodo di riscaldamento”, si legge nella dichiarazione.

Il riscaldamento sta avvenendo “molto più lentamente” di quanto previsto dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico.

“I modelli climatici hanno molte lacune e non sono neanche lontanamente plausibili come strumenti politici”, ha dichiarato la coalizione, aggiungendo che questi modelli “esagerano l’effetto dei gas serra” e “ignorano il fatto che arricchire l’atmosfera di CO2 è benefico”. Per esempio, anche se gli allarmisti climatici definiscono la CO2 dannosa per l’ambiente, la coalizione ha sottolineato che il gas “non è un inquinante”.

L’anidride carbonica è “essenziale” per tutta la vita sulla terra ed è “favorevole” per la natura. L’aumento di CO2 provoca la crescita della biomassa vegetale globale e aumenta la resa delle colture in tutto il mondo.

CLINTEL ha anche respinto la narrativa secondo cui il riscaldamento globale sarebbe legato all’aumento di disastri naturali come uragani, inondazioni e siccità, sottolineando che non esiste “alcuna prova statistica” a sostegno di queste affermazioni.

“Non c’è alcuna emergenza climatica. Pertanto, non c’è motivo di panico e di allarme. Ci opponiamo fermamente alla dannosa e irrealistica politica di azzeramento delle emissioni di CO2 proposta per il 2050. Puntate sull’adattamento invece che sulla mitigazione; l’adattamento funziona qualunque siano le cause”, si legge.

“Credere ai risultati di un modello climatico significa credere a ciò che i creatori del modello hanno inserito. È proprio questo il problema dell’attuale discussione sul clima, in cui i modelli climatici sono centrali. La scienza del clima è degenerata in una discussione basata su convinzioni, non su una sana scienza autocritica. Non dovremmo liberarci dall’ingenua fiducia nei modelli climatici immaturi?”.

 

Modelli climatici e riflessione della luce solare

Tra i firmatari del CLINTEL ci sono due premi Nobel, il fisico statunitense John Francis Clauser e il norvegese-americano Ivan Giaever.

Clauser ha apportato un’aggiunta significativa ai modelli climatici per respingere la narrativa del riscaldamento globale: la luce visibile riflessa dalle nubi cumuliformi che, in media, coprono metà della Terra.

Gli attuali modelli climatici sottovalutano ampiamente questo aspetto della riflessione delle nubi cumuliformi, che svolge un ruolo chiave nella regolazione della temperatura terrestre. Clauser aveva già detto al Presidente Joe Biden di non essere d’accordo con le sue politiche climatiche.

A maggio, Clauser è stato eletto nel consiglio di amministrazione della CO2 Coalition, un gruppo che si occupa dei contributi benefici dell’anidride carbonica nell’ambiente.

“La narrativa popolare sul cambiamento climatico riflette una pericolosa corruzione della scienza che minaccia l’economia mondiale e il benessere di miliardi di persone”, ha dichiarato Clauser in una dichiarazione del 5 maggio.

“La scienza del clima fuorviante si è trasformata in una pseudoscienza giornalistica di massa. A sua volta, la pseudoscienza è diventata un capro espiatorio per un’ampia varietà di altri mali non correlati”.

“È stata promossa ed estesa da agenti di marketing aziendale, politici, giornalisti, agenzie governative e ambientalisti altrettanto fuorviati. A mio parere, non esiste una vera crisi climatica”.

 

False previsioni da giorno del giudizio, una questione presidenziale

La dichiarazione del CLINTEL contro la narrativa sul cambiamento climatico contrasta la propaganda diffusa dagli allarmisti climatici che da tempo prevedono scenari apocalittici innescati dal riscaldamento globale, nessuno dei quali si è mai avverato.

Nel 1970, alcuni scienziati del clima avevano previsto che la Terra sarebbe entrata in una nuova era glaciale entro il 21° secolo. L’esperto di inquinamento James Lodge aveva previsto che “l’inquinamento atmosferico potrebbe cancellare il sole e causare una nuova era glaciale nel primo terzo del nuovo secolo”, secondo il Boston Globe.

Nel maggio 1982, Mostafa Tolba, allora direttore esecutivo del programma ambientale delle Nazioni Unite, disse che se il mondo non avesse cambiato rotta, avrebbe affrontato una “catastrofe ambientale che vedrà una devastazione completa e irreversibile come un olocausto nucleare” entro il 2000.

Nel giugno 2008, James Hansen, direttore del Goddard Institute of Space Sciences della NASA, ha affermato che entro cinque o dieci anni l’Artico non avrebbe più avuto ghiaccio in estate.

Mentre gli allarmisti climatici continuano a diffondere la propaganda sul riscaldamento globale, l’argomento è diventato un problema nella corsa alle presidenziali del 2024, con diversi candidati che lo hanno apertamente respinto.

In un post del 13 luglio su X, il candidato democratico alla presidenza Robert F. Kennedy Jr. ha affermato che il cambiamento climatico “viene usato per controllarci attraverso la paura”.

“La libertà e il libero mercato sono un modo migliore per fermare l’inquinamento. Gli inquinatori si arricchiscono facendo pagare al pubblico i danni che provocano”, ha affermato.

Durante il primo dibattito presidenziale del GOP 2024, il candidato Vivek Ramaswamy ha definito il cambiamento climatico una “bufala”.

“La realtà è che l’agenda anti-carbonio è la coperta bagnata della nostra economia. E quindi la realtà è che muoiono più persone a causa di politiche sbagliate sul cambiamento climatico che a causa del cambiamento climatico vero e proprio”, ha detto.

 

Temperature elevate, il giro di vite sugli elettrodomestici di Biden

Gli attivisti climatici hanno insistito sul fatto che il riscaldamento globale è responsabile dell’impennata delle temperature negli Stati Uniti, sostenendo addirittura che le temperature stanno raggiungendo livelli record.

In una recente intervista a The Epoch Times, John Christy, climatologo e professore di scienze atmosferiche presso l’Università dell’Alabama a Huntsville, ha respinto la tesi delle temperature record.

“A livello regionale, l’Ovest ha registrato il maggior numero di estati calde degli ultimi 100 anni, mentre la Valle dell’Ohio e l’Alto Midwest ne hanno registrate di meno”, ha dichiarato.

“Per gli Stati Uniti conterminati nel loro complesso, gli ultimi 10 anni hanno prodotto solo un numero medio di record. Gli anni ’30 sono ancora i campioni”.

Le politiche sul cambiamento climatico sono state utilizzate dal Dipartimento dell’Energia per giustificare cambiamenti radicali nello stile di vita in tutti gli Stati Uniti, come la limitazione degli elettrodomestici e, talvolta, il loro divieto assoluto.

A giugno, il Dipartimento dell’Energia ha proposto regole che impongono ai ventilatori da soffitto di diventare più efficienti dal punto di vista energetico, uno sviluppo che potrebbe portare i produttori a dover sborsare 86,6 milioni di dollari all’anno per “l’aumento dei costi delle apparecchiature”.

A febbraio, il Dipartimento dell’Energia ha proposto regole di efficienza energetica per le stufe a gas che riguarderebbero la metà dei nuovi modelli di stufe venduti negli Stati Uniti e renderebbero non conformi la maggior parte di quelli esistenti.

A luglio, la Commissione statunitense per la sicurezza dei prodotti di consumo ha proposto una politica che eliminerebbe dal mercato quasi tutti i generatori a gas portatili esistenti.

L’amministrazione Biden ha già messo al bando le lampadine a incandescenza, entrato in vigore il 1° agosto.

Naveen Athrappully 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments