Incurante degli eventi avversi dei vaccini COVID, il governo Meloni, come il precedente di Draghi, procede speditamente con il piano vaccinale COVID. Purtroppo per loro, il piano per la vaccinazione della quarta dose si è rivelato un grandioso flop. Evidentemente, la popolazione ha preso coscienza della realtà e ha rispedito al mittente l’invito. 

Riporto di seguito il testo di un articolo di Arianna Graziato, pubblicato su ByoBlu. In fondo all’articolo trovate il piano, che potete scaricare, dove potrete verificare di persona quanto il governo Meloni sia simile a quello di Draghi.  

 

Mario Draghi e Giorgia Meloni.
Mario Draghi e Giorgia Meloni.

 

È stato pubblicato il Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2023-2025 che interessa una serie di vaccinazioni, fra cui: covid, morbillo, hpv, rosolia.

Trasmesso dalla presidenza del Consiglio a Regioni, province e ministero della Salute, il testo aggiornato pare annunciare la caccia ai non vaccinati. 

Il documento è ricco di “pareri” del Comitato per la bioetica. Fondato nel 1990 si tratta di un organo della Presidenza del Consiglio che svolge funzioni di consulenza presso il Governo, il Parlamento e le altre istituzioni. Nel documento tale Comitato consiglia:

“Il monitoraggio continuo dell’omessa vaccinazione (per dimenticanza o per ragioni mediche, ideologiche, religiose, psicologiche) sia complessivamente sull’intero territorio, sia a livello del singolo Comune, allo scopo di identificare coloro che necessitano di essere incoraggiati verso un percorso vaccinale e di evidenziare eventuali insufficienze nella copertura vaccinale, specialmente con riguardo ai bambini”.

Il Comitato parla chiaramente di “monitoraggio continuo” ed “interventi di incoraggiamento” che convincano adulti e bambini a sottoporsi alle somministrazioni mancanti. Per quanto riguarda il vaccino covid, al Comitato non sembrano interessare le ultime evidenze circa gli effetti avversi e la mancanza di una emergenza.   

Profilazione dei dissidenti nel piano vaccinale

Quasi fosse un’operazione casa per casa, il Comitato nazionale di bioetica indica la profilazione come strumento utile per ampliare le campagne vaccinali. Proprio più avanti nel testo scrive “azioni utili a garantire approfondimenti sui determinanti dell’esitazione vaccinale: acquisire sistematicamente e con continuità dati sull’esitazione vaccinale con il massimo livello di granularità”.

E come? Nel documento si suggerisce l’uso dei social network. Non è chiaro come voglia il Comitato coinvolgere Zuckerberg and Co. ma tale idea ipotizza il trapasso di un pericoloso confine, che dovrebbe essere invece invalicabile: il diritto di scegliere. Allo stato attuale il vaccino contro il covid come l’hpv non sono obbligatori. Mentre il morbillo e la rosolia sono vaccini somministrati a bambini di età pari ai 12 mesi.

Dietro c’è sempre l’OMS

Ma il Comitato Nazionale per la biotica non fa altro che seguire i passi dell’OMS. Citata proprio all’inizio, l’agenda approvata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità focalizza i suoi obiettivi proprio “sulla necessità di contrastare l’esitazione vaccinale e la diffusione della disinformazione”.

Il documento italiano prosegue con un velato inno agli obblighi, rivolgendosi direttamente alle categorie dei sanitari e degli insegnanti che stando a contatto con fragili e bambini sono i soggetti che più di altri devono sottoporsi a tutti i richiami.

Citando il piano nazionale, si vuole “ridurre la mortalità dovuta a malattie prevenibili con vaccino per tutti i gruppi di età nel corso di tutta la vita”. 

Medici, insegnanti e bambini nel target del piano vaccinale

Quindi secondo la logica del piano, medici e insegnanti saranno i primi ad essere sorvegliati. Corvelva, il coordinamento Veneto per la libertà di scelta vaccinale, a commento alla pubblicazione del piano ha evidenziato un ennesimo punto inquietante, riguardo la vaccinazione dei minori senza il consenso dei genitori, affermando:

“Non è e non sarà mai possibile vaccinare un minore senza consenso dei genitori, ma nel piano hanno sottolineato come, in caso di contrasto familiare, il minore possa firmare il consenso informato mediante un giudice”.

Qui sotto il link per scaricare il nuovo piano vaccinale:

 

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments