Dei risultati non proprio buoni e dei problemi e lati non chiari connessi alla pillola anti COVID della Pfizer avevamo già parlato (vedi qui). Superfluo dire che i media mainstream hanno lodato questo farmaco. Ora la Pfizer interrompe la sperimentazione per i soggetti standard, cioè non ad alto rischio, perché i risultati non sono confortanti. Rilancio nella mia traduzione un articolo pubblicato su ZeroHedge.  

 

paxlovid

 

Pfizer  ha annunciato che interromperà l’iscrizione a uno studio clinico per  Paxlovid – la sua pillola antivirale COVID-19 – per pazienti COVID-19 a rischio standard dopo che gli ultimi risultati hanno suggerito che il farmaco non ha ridotto i sintomi o i ricoveri e le morti in misura statisticamente significativa.

Paxlovid, che consiste in due diversi farmaci antivirali – nirmatrelvir e ritonavir – è attualmente approvato o autorizzato per l’uso condizionale o di emergenza in più di 65 paesi,  inclusi gli Stati Uniti, per il trattamento di pazienti COVID-19 ad alto rischio di malattie gravi, compreso il ricovero in ospedale o morte.

Pfizer  ha dichiarato il 14 giugno  che “cesserà l’iscrizione allo studio EPIC-SR a causa del basso tasso di ospedalizzazione o morte nella popolazione a rischio standard”.

Tuttavia, la società ha affermato che includerà ancora i nuovi dati nella sua imminente domanda alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per ottenere la piena approvazione per la prescrizione di Paxlovid per i pazienti ad alto rischio COVID-19.

I pazienti a rischio standard si riferiscono ai pazienti COVID-19 che non hanno fattori di rischio per una malattia grave. Possono essere vaccinati o non vaccinati.

Gli Stati Uniti hanno speso più di 10 miliardi di dollari per ordinare dalla Pfizer  20 milioni di dosi di Paxlovid.

Inoltre, la Casa Bianca ha cercato più fondi dal Congresso per sostenere l’acquisto di maggiore quantità di pillola antivirale, nonché altri trattamenti e dosi di richiamo del vaccino.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC),  hanno avvertito a fine maggio  che alcune persone potrebbero sperimentare un rimbalzo dei sintomi di COVID-19 dopo aver assunto Paxlovid, il che significa che potrebbero manifestare di nuovo i sintomi dopo averli risolti o risultare positivi per COVID- 19 dopo essere risultato negativo.

 

leggi tutto l’articolo

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments