I nuovi documenti normativi dimostrano che Pfizer aveva le prove, all’inizio della campagna di vaccinazione, che l’efficacia del suo vaccino stava diminuendo, ma ha aspettato mesi prima di avvertire il pubblico.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Maryanne Demasi, PhD, giornalista investigativa, e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

Alla fine del 2020, le comunicazioni radiofoniche si sono saturate di notizie trionfali sui vaccini covid-19 “efficaci al 95%” di Pfizer e Moderna. Milioni di persone si rimboccarono le maniche nella convinzione che il raggiungimento dell’immunità di gregge avrebbe posto fine alla pandemia.

Ma nel giugno 2021, la storia della fine della pandemia era andata fuori copione. Paesi altamente vaccinati come Israele stavano sperimentando una nuova ondata di infezioni da COVID, i tassi di vaccinazione stavano iniziando a rallentare e lo scetticismo dell’opinione pubblica stava aumentando.

Le autorità cercavano di placare i timori affermando che i nuovi contagi erano “rari eventi“, ma i dati diventavano troppo difficili da ignorare.

All’inizio di luglio, il Ministero della Salute israeliano ha riferito che l’efficacia del vaccino contro l’infezione e la malattia sintomatica era scesa al 64%. Tre settimane dopo, le stime riviste indicavano che il vaccino di Pfizer aveva un’efficacia di appena il 39%.

 

Ritardo nella divulgazione

I documenti normativi datati aprile 2021 mostrano che Pfizer aveva forti prove che l’efficacia del suo vaccino era diminuita – risultati che l’azienda ha reso pubblici solo alla fine di luglio.

Peter Doshi, professore associato presso la Scuola di Farmacia dell’Università del Maryland, ha avuto accesso a questi documenti dall’autorità canadese di regolamentazione dei farmaci, Health Canada.

“Dai documenti emerge chiaramente che queste analisi erano vecchie di quasi quattro mesi quando sono state rese pubbliche”, ha dichiarato Doshi.

“È deludente che né Pfizer né le autorità di regolamentazione abbiano divulgato questi dati fino a quando non è stato troppo ovvio ignorare i nuovi focolai in Israele e Massachusetts, che hanno reso evidente che le prestazioni del vaccino non stavano reggendo”.

Quando i vaccini a mRNA sono stati autorizzati per la prima volta nel 2020, gli scienziati della FDA avevano elencato le “lacune” critiche nella base delle conoscenze. Due di queste: l’efficacia contro la trasmissione virale e la durata della protezione.

Ma il 1° aprile 2021, quando Pfizer ha annunciato i dati a 6 mesi del suo studio di fase III, non c’è stata alcuna menzione del calo dell’immunità da parte di Pfizer o delle autorità di regolamentazione. Al contrario, i funzionari hanno ripetuto le argomentazioni standard.

Parlando alla TV nazionale, Anthony Fauci ha detto al pubblico americano che “quando vi vaccinate, non solo proteggete la vostra salute… ma diventate un vicolo cieco per il virus”.

 

Dr. Anthony Fauci, Director of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases at the National Institutes of Health, listens during a Senate Senate Health, Education, Labor, and Pensions Committee Hearing on the federal government response to COVID-19 on Capitol Hill Wednesday, Sept. 23, 2020, in Washington. (Graeme Jennings/Pool via AP)
Il dottor Anthony Fauci, Consulente capo per la pandemia COVID del presidente Biden, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases presso i National Institutes of Health, ascolta durante un’audizione della Commissione Salute, Istruzione, Lavoro e Pensioni del Senato sulla risposta del governo federale alla COVID-19 a Capitol Hill mercoledì 23 settembre 2020, a Washington. (Graeme Jennings/Pool via AP)

 

Poi, durante una campagna di vaccinazione porta a porta, Fauci ha detto a un residente non vaccinato: “Nella possibilità molto, molto, molto rara che tu la prenda, anche se sei vaccinato… non ti senti nemmeno male, è come se non sapessi di essere stato infettato”.

Martin Kulldorff, biostatistico e professore di medicina ad Harvard (in congedo) si dice deluso dalla mancanza di trasparenza.

“Nella sanità pubblica è importante essere onesti con il pubblico. Pfizer avrebbe dovuto segnalare il calo di efficacia del vaccino nel comunicato stampa del 1° aprile 2021, di cui era chiaramente a conoscenza all’epoca”, ha dichiarato Kulldorff.

Pfizer non ha fornito alcuna spiegazione sul perché abbia ritardato la pubblicazione dei dati. La FDA non ha confermato quando è venuta a conoscenza del calo di efficacia e Health Canada non ha risposto entro la scadenza.

 

Risultato dell’occultamento dei dati?

Nei quattro mesi di ritardo, circa 90 milioni di americani hanno fatto la fila per vaccinarsi (vedi grafico), ignari del fatto che i dati erano già disponibili, lasciando intendere che due dosi potrebbero non essere la richiesta finale.

 

 

Doshi ha ipotizzato che se il pubblico fosse stato informato del calo di efficacia nell’aprile del 2021, avrebbe potuto ostacolare una campagna di vaccinazione che aveva un enorme slancio.

“Rivelare pubblicamente che l’efficacia era diminuita così presto dopo l’autorizzazione avrebbe potuto minare la credibilità delle autorità, che si erano mostrate molto fiduciose sulla capacità del vaccino di porre fine alla pandemia”, ha detto Doshi.

“Inoltre, la valutazione della sicurezza si basava su un ciclo di due dosi, quindi la pubblicazione di dati che avrebbero potuto dare il via a una discussione sulla necessità di dosi aggiuntive, avrebbe certamente sollevato domande sulla sicurezza del vaccino”, ha aggiunto Doshi.

Poche settimane dopo la pubblicazione da parte di Pfizer dei dati sulla diminuzione dell’efficacia, il Presidente Biden ha imposto a tutti i lavoratori federali (e ai dipendenti degli appaltatori) di vaccinarsi entro 75 giorni, pena una punizione o la cessazione del rapporto di lavoro.

Maryanne Demasi, PhD

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments