Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Pfizer vaccino covid
Pfizer vaccino covid

 

Pfizer ha esaminato i possibili modi in cui il suo vaccino COVID-19 provoca infiammazioni cardiache, come dimostra un documento recentemente divulgato.

In un libro bianco del 2022, l’azienda ha riconosciuto che il suo vaccino, BNT162b2, potrebbe causare miocardite – che è un’infiammazione cardiaca – e una patologia correlata chiamata pericardite. Gli scienziati di Pfizer hanno affermato che l’infiammazione non è probabilmente il risultato di una cardiotossicità diretta, ma non hanno escluso diversi altri possibili meccanismi, tra cui quello derivante dall’attività immunitaria.

Il sistema immunitario potrebbe essere innescato da nanoparticelle lipidiche che, nell’ambito dell’RNA messaggero (mRNA), forniscono la proteina spike, si legge nel documento.

“Sebbene il vaccino a base di mRNA BNT162b2 sia ottimizzato per ridurne il rilevamento da parte del sistema immunitario innato attraverso l’aggiunta di modifiche nucleosidiche e la minimizzazione dell’impurità dell’RNA a doppio filamento, è possibile, soprattutto in alcuni individui con predisposizione genetica e condizioni di base, che le risposte immunitarie all’mRNA non siano sufficientemente ridotte e spingano all’attivazione di una risposta immunitaria innata e adattativa”, scrivono gli scienziati nel white paper.

“Questo può portare all’attivazione eccessiva di cascate proinfiammatorie che contribuiscono allo sviluppo della miocardite”.

La miocardite è una patologia grave che può essere letale per alcune persone. Molti casi di miocardite dopo la vaccinazione COVID-19 si sono verificati in persone giovani e sane, con giovani maschi particolarmente a rischio. L’incidenza è pari a 78,7 per milione di seconde dosi nei maschi di 16 o 17 anni, secondo quanto riportato dal Vaccine Adverse Event Reporting System, con diverse decine di casi segnalati dopo la seconda dose tra i maschi di età compresa tra i 12 e i 15 anni e tra i 18 e i 24 anni.

Anche la miocardite è un problema dopo la vaccinazione di richiamo, secondo i dati degli Stati Uniti e di altri Paesi.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie sono tra gli enti che hanno dichiarato che le prove dimostrano che i vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna causano miocardite.

 

“Non è stato fatto”

Nel documento del febbraio 2022, ottenuto e pubblicato da Project Veritas, i dipendenti di Pfizer affermano che l’azienda non ha definito la miocardite come una reazione avversa al suo vaccino, il che significa che non ha accettato che il suo vaccino causi la miocardite. L’azienda ha affermato che i benefici del vaccino superano i rischi, ma un numero crescente di esperti non è d’accordo, soprattutto per i giovani.

Pfizer non ha risposto alle richieste di commento, né ha chiesto se nel frattempo abbia cambiato la sua posizione sulla miocardite.

Gli scienziati di Pfizer hanno utilizzato un linguaggio simile a quello usato pubblicamente dall’azienda, riconoscendo che c’è stato un “aumento dei casi di miocardite e pericardite” dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19. Hanno affermato che la maggior parte delle persone è guarita, ma gli studi dimostrano che la miocardite ha effetti a lungo termine per alcuni pazienti. La miocardite ha ucciso alcune persone.

Gli scienziati hanno anche osservato che il numero reale di casi di miocardite dopo la vaccinazione “è probabilmente sottostimato” perché può essere difficile valutare i casi più lievi.

 

Possibili meccanismi

Gli scienziati stanno ancora cercando di capire come le iniezioni di mRNA causino l’infiammazione cardiaca.

Nel documento, gli scienziati di Pfizer affermano che il meccanismo “più probabile” è quello immunomediato. Le nanoparticelle lipidiche potrebbero attivare le risposte immunitarie. Le nanoparticelle potrebbero anche portare allo sviluppo di autoanticorpi, o anticorpi che attaccano il sistema immunitario di una persona, sottolineando il caso di un uomo di 52 anni che ha sviluppato una miocardite che potrebbe aver coinvolto la generazione di autoanticorpi.

Il cardiologo Peter McCullough ha esaminato il documento. Ha detto a The Epoch Times via e-mail che le nanoparticelle lipidiche dell’iniezione di mRNA sono “ampiamente distribuite nel corpo in circolazione per un mese o più”, il che “permette al flusso sanguigno miocardico di bagnare ripetutamente il cuore con i prodotti del vaccino attivando la risposta immunitaria sistemica e tissutale”.

I ricercatori hanno rilevato l’mRNA nel sangue settimane dopo la vaccinazione.

Un terzo possibile meccanismo è il mimetismo molecolare, ovvero l’introduzione di strutture di antigeni che appaiono simili a strutture umane normali, ma non lo sono, rendendo difficile per il sistema immunitario classificarle correttamente.

Gli scienziati di Pfizer hanno intrapreso uno studio per verificare se alcune proteine contenenti peptidi, o una serie di aminoacidi, potessero portare le risposte immunitarie innescate dal vaccino a “reagire in modo incrociato con le proteine umane”. Ne hanno identificate diverse con una somiglianza del 100% con le proteine umane, ma nessuna di esse è “espressa prevalentemente nel cuore”. Altre sei proteine sono state identificate con algoritmi e una, la nebuletta, “ha un profilo di espressione specifico per il cuore e potrebbe essere coinvolta nell’assemblaggio della miofibrilla cardiaca”. Gli scienziati hanno dichiarato che sono necessari dei test per determinare se la nebuletta porta a una reattività incrociata.

Hanno dichiarato che il mimetismo molecolare è un “meccanismo improbabile”.

 

Il punto di vista di Malone

Il dottor Robert Malone, che ha contribuito a sviluppare la tecnologia dell’mRNA, ha affermato che le nanoparticelle lipidiche attivano il sistema immunitario umano e che l’RNA del vaccino provoca risposte infiammatorie nelle cellule e nei tessuti.

Questa forte risposta proinfiammatoria delle mRNA/lipoparticelle è il motivo per cui io (e altri, tra cui la [società di biotecnologie] Genzyme) abbiamo abbandonato la ricerca su questa tecnologia alla fine degli anni ’90 e ci siamo rivolti ad altri metodi di somministrazione, come l’iniezione diretta (“nuda”) e l’uso di campi elettrici pulsati”, ha dichiarato Malone a The Epoch Times via e-mail.

È ragionevole ipotizzare che questi processi pro-infiammatori possano danneggiare il cuore e altri tessuti”. Un fattore di rischio chiave per la malattia COVID, e potenzialmente per la sindrome post-vaccinazione, è uno stato proinfiammatorio come quello che si osserva nel diabete e nel pre-diabete. Anche questo è coerente con l’ipotesi”, ha aggiunto.

La cardiotossicità della proteina spike, che ha dimostrato di persistere nell’organismo per settimane o addirittura mesi dopo l’iniezione del vaccino, è uno dei possibili meccanismi della miocardite.

“Quello che possiamo concludere è che la proteina spike è una tossina. Agisce attraverso molteplici meccanismi. Uno di questi meccanismi sembra essere l’attivazione di una serie di fenomeni autoimmuni”, ha detto Malone. “È noto che la miocardite virale agisce spesso attraverso questo meccanismo autoimmune. Ed è ragionevole dedurre che un meccanismo simile possa verificarsi nel caso di questi vaccini che suscitano una risposta immunitaria contro le proteine del virus”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments