Il gigante farmaceutico Pfizer nel 2021 ha erogato numerose sovvenzioni ad associazioni mediche, gruppi di consumatori e organizzazioni per i diritti civili allo scopo di creare l’apparenza di un sostegno diffuso all’obbligo del vaccino COVID-19, ha riferito il giornalista investigativo Lee Fang, riporta The Defender. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Brenda Baletti Ph.D. e pubblicato su The Defender. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

case farmaceutiche Big Pharma lobby denaro farmaci

 

Il gigante farmaceutico Pfizer nel 2021 ha concesso numerose sovvenzioni ad associazioni mediche, gruppi di consumatori e organizzazioni per i diritti civili allo scopo di creare l’apparenza di un sostegno diffuso per l’obbligo del vaccino COVID-19, ha riferito il giornalista investigativo Lee Fang.

Con l’introduzione dei vaccini obbligatori nel 2021, Pfizer è rimasta in silenzio sulla questione dei vaccini obbligatori, ma i gruppi di salute pubblica, i gruppi di difesa dei pazienti, le associazioni di medici, i gruppi comunitari e altri, insieme all’amministrazione Biden, hanno attivamente sostenuto i vaccini obbligatori come misura chiave per proteggere la salute pubblica.

Le nuove informazioni fornite da Pfizer, pubblicate da Fang sul suo Substack, mostrano che molti di questi gruppi ricevevano denaro da Pfizer mentre promuovevano l’idea che i vaccini a base di mRNA COVID-19 fossero “sicuri ed efficaci”, nonostante la mancanza di dati scientifici a sostegno di tali affermazioni.

Tra i gruppi di spicco dell’ampio elenco di coloro che hanno ricevuto finanziamenti da Pfizer mentre promuovevano gli obblighi, figurano la Chicago Urban League, l’American Academy of Pediatrics (AAP), la National Consumers League, The Immunization Partnership, l’American Pharmacists Association, l’American College of Preventive Medicine, l’Academy of Managed Care Pharmacy, l’American Society for Clinical Pathology e l’American College of Emergency Physicians.

Molti gruppi non hanno rivelato i loro legami con Pfizer.

“Questi gruppi determinano la natura del dibattito”, ha detto Fang al comico e commentatore politico Russell Brand in un recente episodio di “Stay Free”. “Appaiono sui media, creano eventi e creano un discorso che sembra autentico, che sembra organico, ma che va a beneficio dei profitti dei loro benefattori, di aziende come Pfizer”.

Fang ha detto che molte di queste organizzazioni, in particolare quelle per i diritti civili come la Chicago Urban League o la National Consumers League – che in realtà ha un lobbista di Pfizer nel suo consiglio di amministrazione – hanno un’influenza potente proprio grazie al loro status indipendente.

Quando questi gruppi si esprimono, ha detto Fang:

“influisce sul modo in cui i regolatori vedono questi problemi e sul modo in cui il pubblico li vede. Quando vedono questi gruppi terzi che hanno una certa credibilità – si tratta di organizzazioni famose che sono note per la difesa dell’interesse pubblico.

Quando dicono: “Questi obblighi sono una buona idea per il pubblico americano”, sembra autentico.

“Ma non rivelano il denaro della Pfizer, che è un fattore rilevante quando si parla di una politica che obbliga gli americani ad assumere questo prodotto”.

Dopo che il vaccino COVID-19 è diventato ampiamente disponibile all’inizio del 2021, gli obblighi vaccinali sono seguiti in forme diverse in tutto il Paese.

A livello federale, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha imposto l’obbligo di vaccinazione per il personale militare e l’amministrazione Biden ha imposto l’obbligo di vaccinazione per gli appaltatori federali e per tutti i datori di lavoro con almeno 100 dipendenti – quest’ultimo provvedimento è stato respinto da una corte federale.

Le università hanno imposto la vaccinazione a studenti e personale e molti datori di lavoro pubblici e privati in tutto il Paese hanno imposto la vaccinazione ai loro dipendenti.

Diversi distretti scolastici in tutto il Paese hanno pianificato di obbligare i bambini a vaccinarsi per poter frequentare la scuola, ma la maggior parte di questi piani è stata poi ritirata.

Coloro che hanno istituito gli obblighi li hanno giustificati affermando che la vaccinazione di massa – e solo la vaccinazione di massa – avrebbe “fermato la diffusione” della COVID-19.

Ma da allora è stato rivelato che nel marzo 2021, quando la direttrice del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) Rochelle Walensky ha dichiarato pubblicamente e inequivocabilmente alla MSNBC che le persone vaccinate non si sarebbero ammalate, non c’era alcuna prova a sostegno della sua affermazione.

Di fatto, il CDC ha dovuto ritrattare la dichiarazione pochi giorni dopo.

Anche Biden ha falsamente affermato che i vaccinati non si sarebbero ammalati, nel luglio 2021, poco prima dell’entrata in vigore dell’obbligo del vaccino COVID-19.

I produttori di vaccini hanno poi ammesso di non aver mai testato se i vaccini avrebbero bloccato la trasmissione, e la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha riferito che le persone vaccinate in entrambi gli studi clinici di Pfizer e Moderna hanno contratto il virus.

 

La grande influenza di Big Pharma

Pfizer non è l’unico attore di Big Pharma che finanzia silenziosamente terzi per svolgere il proprio lavoro.

Fang ha dichiarato a The Defender che “molte aziende farmaceutiche plasmano in modo occulto l’opinione pubblica e le normative attraverso l’uso di gruppi di facciata e relazioni finanziarie con organizzazioni comunitarie”.

Ad esempio, Purdue Pharma ha finanziato di nascosto gruppi di difesa di terzi per incoraggiare criteri meno rigidi per la prescrizione dei suoi antidolorifici oppioidi, che creano forte dipendenza.

Per quanto riguarda Pfizer, Fang ha affermato che il finanziamento da parte di terzi è solo una delle tante strategie che la casa farmaceutica ha messo in atto per guidare la politica COVID-19.

“Pfizer ha esercitato i suoi muscoli lobbistici su molte politiche COVID-19, compresi gli sforzi per frenare le iniziative di determinazione dei prezzi dei farmaci e un tentativo di impedire la creazione di farmaci COVID generici”, ha detto, aggiungendo: “Il dibattito sull’obbligo dei vaccini è un altro esempio della portata di Pfizer nelle politiche pubbliche”.

Big Pharma, insieme all’amministrazione Biden e ai suoi intermediari, ha anche esercitato pressioni per sopprimere coloro che hanno messo in discussione il programma vaccinale.

Pfizer BioNTech e Moderna hanno esercitato pressioni su Twitter e su altre piattaforme di social media per stabilire regole di moderazione che segnalassero la presunta “disinformazione” relativa al COVID-19, come parte dello sforzo di guidare la conversazione nazionale sui vaccini COVID-19, ha riferito Fang come parte dei “Twitter files“.

“Le case farmaceutiche sono uniche per la quantità di denaro che spendono per controllare l’intero settore pubblico in materia di regolamentazione, politica e tutto ciò che influisce sulla medicina come viene praticata negli Stati Uniti”, ha detto Fang.

La lobby dei prodotti farmaceutici e sanitari è una delle più grandi lobby industriali. Secondo OpenSecrets.org, solo l’anno scorso l’industria ha speso 372 milioni di dollari per fare pressioni sul Congresso e sulle agenzie federali, superando ogni altra industria – e ogni anno aumenta la spesa.

L’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, fa parte del consiglio di amministrazione di Pharmaceutical Research and Manufacturers of America (PhRMA), il principale finanziatore delle attività di lobbying del settore, che lo scorso anno ha speso 29,2 milioni di dollari. La stessa Pfizer ha speso più di qualsiasi altra azienda farmaceutica.

L’industria spende anche ingenti somme di denaro per la pubblicità. Solo Pfizer ha speso quasi 2,8 miliardi di dollari in pubblicità per tutti i suoi prodotti nel 2022.

I vaccini COVID-19 hanno fruttato a Pfizer 37,8 miliardi di dollari nel 2022, rispetto ai 36,7 miliardi del 2021. I guadagni complessivi dell’azienda hanno raggiunto la cifra record di 100 miliardi di dollari.

 

Big Pharma e i CDC hanno svolto un lavoro simile per promuovere l’obbligo di vaccinazione.

Esiste una “porta girevole” tra i lobbisti dell’industria farmaceutica e il governo: quasi il 65% dei lobbisti ha lavorato in precedenza per il governo.

E le strategie utilizzate per costruire il sostegno ai prodotti di Big Pharma sono alcune delle stesse utilizzate dalle agenzie governative federali come il CDC.

Dal 2021 – lo stesso periodo in cui Pfizer ha iniziato a finanziare i gruppi comunitari – il CDC ha erogato centinaia di milioni di dollari in sovvenzioni per la creazione di materiali pro-vaccini “culturalmente adeguati” e per la formazione di “messaggeri influenti” che promuovessero il COVID-19 e i vaccini antinfluenzali presso le comunità di colore in ogni Stato del Paese.

Per queste sovvenzioni, il CDC ha cercato organizzazioni comunitarie che comunicassero il messaggio del CDC senza il suo marchio, in modo che i messaggi sembrassero provenire organicamente dalle comunità locali piuttosto che dal governo, in particolare tra le comunità di colore.

In un altro caso, il CDC ha ingaggiato una società di pubbliche relazioni per scrivere quelli che sembravano articoli di cronaca, ma che in realtà erano inserzioni pubblicitarie create per convincere i genitori di bambini piccoli e anziani – con particolare attenzione agli ispanofoni – a vaccinarsi.

Sia Pfizer che il CDC hanno utilizzato i loro finanziamenti per colpire le comunità nere e latine che avevano tassi di vaccinazione più bassi. In un caso, entrambi hanno finanziato la stessa organizzazione, la National Hispanic Medical Association (NHMA).

Secondo Fang, l’organizzazione ha collaborato con una società di pubbliche relazioni chiamata Culture ONE World per distribuire “comunicati stampa e inserzioni nei media” che “invitavano i datori di lavoro dei lavoratori essenziali a rendere obbligatorio il vaccino COVID-19”.

Fang ha anche scritto che l’NHMA ha anche firmato dichiarazioni congiunte di lobby a favore del mandato vaccinale di Biden e che “ha ricevuto 30.000 dollari da BIO [Biotechnology Innovation Organization], un gruppo di lobby dell’industria dei vaccini che rappresenta Pfizer e Moderna, come risulta dai documenti del fisco“.

Il Defender ha scoperto che l’NHMA ha ricevuto finora 2.070.000 dollari in due sovvenzioni annuali per il suo progetto “Vacunas! Si Se Puede, Immunization Campaign for Hispanics”, poi diventato “We Can Do This“, per creare contenuti culturalmente personalizzati da diffondere nelle comunità latine.

 

L’American Academy of Pediatrics ha ricevuto diverse sovvenzioni da Pfizer nel 2021.

Anche l’AAP compare nell’elenco di Fang delle organizzazioni di rilievo che hanno ricevuto finanziamenti diretti da Pfizer.

Secondo Fang:

“L’American Academy of Pediatrics è stata una delle organizzazioni più visibili che hanno lavorato per costruire il sostegno pubblico all’obbligo dei vaccini. L’organizzazione ha ricevuto sovvenzioni multiple e specializzate da Pfizer nel 2021.

“Pfizer ha anche fornito sovvenzioni ai singoli capitoli statali dell’AAP, destinate all’attività di lobbying sulla politica vaccinale. La sezione AAP dell’Ohio, ad esempio, ha esercitato pressioni sulla legislatura dell’Ohio contro le proposte di legge volte a limitare le politiche coercitive sul vaccino COVID-19, ricevendo da Pfizer una sovvenzione per la ‘legislazione sulle vaccinazioni'”.

Oltre al lavoro sul mandato del vaccino COVID-19, l’organizzazione è stata anche un sostenitore pubblico dei vaccini COVID-19 per i bambini. L’allora presidente, la professoressa dell’UCLA Moira Szilagyi, M.D., Ph.D., ha sostenuto pubblicamente, su media come la CNN, la vaccinazione dei bambini.

L’organizzazione, “dedicata alla salute di tutti i bambini“, aveva in precedenza emanato una guida politica per i suoi membri in cui si affermava che è una “opzione accettabile per i medici di assistenza pediatrica respingere le famiglie che rifiutano i vaccini”.

Nel giugno 2022, l’AAP ha pubblicato un comunicato stampa in cui plaudeva alla raccomandazione del CDC di “vaccini COVID-19 sicuri ed efficaci” per i bambini di 6 mesi, nonostante le preoccupazioni sollevate, tra gli altri, dalla commissione consultiva per i vaccini della FDA in merito alla mancanza di dati clinici per i vaccini nei bambini.

Oltre ai finanziamenti di Pfizer, l’AAP riceve gran parte dei suoi fondi direttamente dal CDC, sollevando dubbi sulla capacità dell’organizzazione di agire in modo indipendente, in particolare per quanto riguarda le raccomandazioni sui vaccini, ha scritto nel 2017 il direttore del BMJ Peter Doshi.

Brenda Baletti Ph.D.

 

Brenda Baletti Ph.D. è giornalista del Defender. Ha scritto e insegnato capitalismo e politica per 10 anni nel programma di scrittura della Duke University. Ha conseguito un dottorato di ricerca in geografia umana presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill e un master presso l’Università del Texas ad Austin.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments