Interessante articolo di Yuhong Dong, M.D., Ph.D. e Qinyang Jiang che spiega come le proteine Spike prodotte mediante il codice dell’mRNA possono non essere tutte uguali a causa di errori. Tali proteine diverse da quelle che avrebbero dovute essere prodotte possono anche essere rischiose per l’organismo umano. Ecco il primo di due articoli sull’argomento pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

EMA
EMA

 

Il controllo della qualità di un prodotto chimico tradizionale è relativamente semplice, ma per un prodotto biologico, come un mRNA, le cose si complicano.

Che cos’è l’mRNA troncato? Perché è importante?

Il nostro DNA contiene codici genetici composti da nucleotidi. Il DNA produce proteine composte da aminoacidi. Tra il codice genetico e la proteina c’è una molecola ponte, un “traduttore”, chiamato RNA messaggero (mRNA).

La sequenza completa dell’mRNA del vaccino Pfizer che codifica per la proteina spike è lunga 4.284 nucleotidi.

È costituita da una struttura CAP di 5′ per innescare la sua traduzione in una proteina spike. Funziona come la scatola di accensione di un’automobile. Alla fine della regione traducibile, la struttura di lettura aperta, c’è un codone di stop, che è come i freni di un’automobile. Se un mRNA troncato non contiene un codone di stop, non riesce a dare un segnale di “freno”. Il processo di traduzione delle proteine continuerà all’infinito.

 

 

Il codone di stop mancante dell’mRNA troncato è altamente dannoso per l’uomo. Può portare alla produzione di prodotti proteici tossici.

 

Il vaccino COVID-19 di Pfizer contiene mRNA troncato

L’EMA è responsabile dell’approvazione di tutti i medicinali per uso umano in Europa, compresi farmaci e vaccini. Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) è il comitato dell’EMA responsabile dell’interpretazione dei pareri dell’agenzia.

In un rapporto di valutazione dell’EMA, codificato EMA/CHMP/448917/2021, l’EMA ha chiesto a Pfizer di occuparsi delle impurità del suo prodotto vaccinale, che il rapporto dell’EMA descrive come “mRNA troncato e modificato”.

Il rapporto di Pfizer all’EMA mostrava chiaramente che il vaccino di Pfizer conteneva impurità, come indicato dal “Picco 1” (Peack 1) nel grafico sottostante, basato su uno screenshot di pagina 14 del rapporto EMA dell’agosto 2021.

 

 

L’EMA ha richiesto a Pfizer di fornire dati mensili sulla possibilità di generare proteine/peptidi spike troncati o altre proteine/peptidi che causano malattie autoimmuni a causa di meccanismi di mimetismo molecolare. La scadenza è stata fissata a luglio 2021 e una relazione intermedia avrebbe dovuto essere presentata entro marzo 2021.

 

L’EMA ha segnalato l’mRNA troncato come “obiezione principale”.

In un rapporto di valutazione dell’EMA su “Comirnaty, vaccino a base di mRNA COVID-19 (modificato con nucleosidi)”, codificato come EMA/707383/2020, datato 19 febbraio 2021, a pagina 15, nella sezione “Produttore, controlli di processo e caratterizzazione”, si legge che “Durante la procedura, sono state evidenziate diverse questioni relative allo stato GMP della produzione del principio attivo e ai siti di test del prodotto finito ai fini del rilascio del lotto. Tali questioni sono state classificate come Obiezioni Maggiori (MO)”.

Una “obiezione maggiore” è un segnale di allarme formale da parte dell’EMA. Se le obiezioni maggiori rimangono irrisolte, precludono la concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio.

 

 

L’mRNA troncato è stato discusso a lungo come “obiezione principale” sollevata dall’EMA nei due rapporti EMA che abbiamo analizzato sopra. Prima che questi agenti biologici venissero distribuiti alla popolazione mondiale, i revisori dell’EMA hanno identificato la questione dell’mRNA troncato e l’hanno sollevata come “obiezione principale”.

Nel giugno 2022, Trial Site News ha pubblicato un’inchiesta che ha rivelato una diapositiva trapelata presentata a un incontro tra Pfizer-BioNTech e l’EMA. Alexandra (Sasha) Latypova, ex dirigente dell’industria farmaceutica che ha lavorato con molte aziende, tra cui Pfizer, ha condiviso la stessa diapositiva nel suo Substack il 10 gennaio 2023.

L’EMA ha chiesto a Pfizer di affrontare questi problemi: “Le forme troncate devono essere sufficientemente caratterizzate, cioè devono essere descritte, e si deve discutere se si prevede che le specie frammentate siano simili tra i lotti”. Inoltre, deve essere affrontata la possibilità che vengano tradotte proteine diverse dalla proteina spike prevista (S1S2), derivanti da specie di mRNA troncate e/o modificate, e devono essere forniti i relativi dati di caratterizzazione delle proteine, se disponibili”.

 

 

Pfizer ha riconosciuto l’mRNA troncato nei suoi vaccini

Pfizer ha riconosciuto pienamente l’mRNA troncato nei suoi vaccini. La maggior parte degli mRNA troncati è lunga da 1.500 a 3.500 nucleotidi con CAP 5′, mancante della coda Poly(A) e del codone di stop. Possono essere tradotti in una proteina spike parziale.

Purtroppo, quando l’mRNA arriva alla fine della traduzione, la catena di amminoacidi non si ferma, poiché non è stato dato alcun segnale di stop. Nella cellula ci sono molti mRNA. Poiché non c’è alcun segnale di arresto, in teoria un altro mRNA in una cellula subentrerà e continuerà il lavoro incompiuto, prolungando la “proteina spike”.

Se subentra lo stesso mRNA spike, si formeranno proteine spike prolungate con ripetizioni multiple. Se subentra un mRNA diverso, si formeranno tipi di proteine sconosciute.

Il grafico annotato di seguito è basato su uno screenshot di pagina 15 del rapporto EMA dell’agosto 2021.

 

 

Pfizer ha anche ammesso che all’mRNA troncato mancava una coda di poli(A). Il grafico annotato di seguito si basa su uno screenshot di pagina 17 del rapporto EMA dell’agosto 2021.

 

 

È sorprendente che la percentuale esatta di impurità del picco 1 sia stata oscurata nel rapporto EMA scaricato.

La tabella annotata di seguito è basata su uno screenshot di pagina 17 dello stesso rapporto EMA.

 

 

Pfizer ha presentato all’FDA e all’EMA i dati digitalizzati dei Western Blot

Il metodo “Western blot” viene utilizzato per identificare proteine specifiche, consentendo ai ricercatori di verificare le dimensioni e l’abbondanza di una proteina di interesse.

Poiché si teme che una proteina spike non corretta possa causare danni inaspettati, l’EMA ha richiesto a Pfizer-BioNTech di presentare risultati sperimentali per dimostrare che l’RNA troncato del vaccino COVID-19 non produce proteine frammentate.

La richiesta dell’EMA è una preoccupazione di base e minima da affrontare per qualsiasi prodotto a base di mRNA destinato all’uso umano.

Tuttavia, trattandosi del primo caso di utilizzo di mRNA come vaccino preventivo per un’ampia popolazione, è anche la prima volta che emerge un simile problema di qualità. Non siamo sicuri che in precedenza esistesse uno standard di qualità normativo per gestire il rischio di mRNA troncati.

L’unico modo per caratterizzare questi frammenti di RNA è il sequenziamento. Nella sua relazione, Pfizer non ha riportato la sequenza dettagliata dei suoi mRNA troncati, ma solo il numero approssimativo di nucleotidi.

Nel dicembre 2020, Pfizer ha fornito alla FDA immagini di Western blot che esprimevano i livelli di proteine spike indotte dal vaccino COVID-19 e affermava che il vaccino non produceva altre proteine.

Di seguito è riportato un esempio di figura generata da Pfizer, basata su uno screenshot di pagina 39 di un rapporto della FDA del 2020. Pfizer ha dichiarato di aver valutato le dimensioni delle proteine espresse dal vaccino mRNA e ha concluso che: “Le dimensioni della proteina espressa sono coerenti con le dimensioni previste della sostanza vaccinale mRNA tradotta e sono comparabili tra tutti i lotti testati”.

Tuttavia, il grafico appare digitale o computerizzato. Spiegheremo il motivo della nostra valutazione più avanti in questo articolo.

 

 

Di seguito sono riportati altri tre esempi di Western blot presentati nel 2021 da Pfizer all’EMA.

Un Western blot ha mostrato che l’mRNA troncato nel picco 1 non genera proteine in vitro. La figura annotata di seguito si basa su una schermata di pagina 19 della relazione dell’EMA. Tuttavia, i Western blot sono risultati digitali o computerizzati simili a quelli presentati nel dicembre 2020.

 

 

Pfizer ha utilizzato i due grafici sottostanti per spiegare che i trascritti a lunghezza completa richiedono Poly(A) per l’espressione; tuttavia, i Western blot sono risultati computerizzati. La figura annotata di seguito si basa su schermate tratte da pagina 18 del rapporto EMA dell’agosto 2021.

 

 

I Western blot falsi di Pfizer sono stati presentati alle agenzie regolatorie mondiali, tra cui almeno la FDA, l’EMA e la Therapeutic Goods Administration (TGA) australiana.

 

Come facciamo a sapere che questi Western blot non sono reali?

La prima fase della tecnica di Western blotting consiste nel separare le proteine di un campione mediante un processo biologico molecolare chiamato “elettroforesi su gel”.

Poiché le diverse proteine hanno dimensioni e pesi molecolari diversi, quando vengono poste nello stesso campo elettrico, corrono a velocità diverse da un polo all’altro, come in una corsa.

Al punto di partenza, le proteine sono allineate, come in una corsa di 400 metri. Dopo un certo periodo di tempo, le proteine più piccole vanno più veloci di quelle più grandi e, gradualmente, le diverse proteine si separano in punti diversi, chiamati “bande”. Questo è simile a ciò che accade in una gara di corsa: i diversi corridori vengono separati uno dopo l’altro in base alla loro velocità in una gara di 400 metri.

I fattori che determinano l’aspetto dei Western blot includono la velocità di trasferimento delle proteine, il tempo di incubazione e la concentrazione degli anticorpi.

Di conseguenza, nella vita reale, i Western blot sono raramente perfetti; ci sono sempre delle distorsioni.

I Western blot di solito “sorridono” (si incurvano verso l’alto ai bordi) un po’, sanguinano con una coda, hanno bordi arrotondati e barre irregolari. Queste distorsioni sono spesso causate dalla presenza di sale nei campioni o da un’elevata concentrazione di proteine che trasportano cariche elettriche, modificando così l’intensità del campo elettrico nelle loro vicinanze e influenzando la loro migrazione.

Ad esempio, il grafico del Western blot (sotto) del rapporto EMA 2021 sembra provenire da un esperimento reale. Un artefatto comune, come una bolla d’aria tra il gel e la membrana del blot, ha probabilmente causato la macchia chiara vicino al centro della Fig. 8 durante l’esperimento reale. Le aree più chiare e più scure sono comuni.

Questo è l’unico grafico Western blot nel rapporto EMA che sembra provenire da un esperimento “reale”. Tuttavia, Pfizer non spiega perché abbia presentato all’EMA due serie di grafici Western blot nella stessa relazione riguardante lo stesso problema.

 

Molti dei Western blot forniti da Pfizer-BioNTech per le loro proteine spike indotte dal vaccino COVID-19 sembravano essere pulitissimi e perfettamente rettangolari.

Tutti e tre i Western blot citati (figure 5, 6 e 7) appaiono fintamente regolari, con tutte le bande che rimangono nella loro corsia; i blot sono completamente privi di rumore.

Epoch Times ha contattato Pfizer per un commento.

 

La mancanza di dati sperimentali non consente una conclusione definitiva; ciononostante, l’EMA lo ha approvato

Nella stessa relazione, l’EMA ha scritto: “È probabile che le specie frammentate non diano luogo a proteine espresse, a causa della loro prevista scarsa stabilità e della scarsa efficienza traslazionale (vedi sotto). Tuttavia, la mancanza di dati sperimentali sull’RNA troncato e sulle proteine espresse non consente di giungere a una conclusione definitiva e richiede un’ulteriore caratterizzazione. Pertanto, ulteriori dati di caratterizzazione devono essere forniti come obbligo specifico (SO1)”.

Qualcuno interpreterebbe dei rapporti falsi come dati sperimentali affidabili e si fiderebbe di essi per sostenere l’approvazione normativa?

 

 

 

Tuttavia, alle pagine 22 e 23 del rapporto dell’EMA dell’agosto 2021, l’EMA ha dichiarato che questi problemi sono considerati risolti. Come si considerano risolti? La decisione era basata su quei falsi Western blot?

L’EMA ha concesso a Pfizer/BioNTech l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio il 12 dicembre 2020.

Nella seconda parte di questa serie, continueremo a discutere le implicazioni di questo problema di qualità e il potenziale esito delle lesioni da vaccino.

Ringraziamenti: Si ringrazia il Dr. Joe Wang per la revisione e i commenti su questo articolo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments