Pubblichiamo la traduzione dell’articolo apparso sul National Catholic Register lo scorso 15 gennaio, a firma Edward Pentin. Ci sono tre domande urgenti e purtroppo inevitabili: perché il CEO di Pfizer ha ritenuto di recarsi ben due volte personalmente dal Papa, capo supremo di uno stato riconosciuto di appena 40 ettari e 2000 abitanti? Perché la notizia è stata tenuta nascosta? Quali sono, se esistono, le fonti indipendenti che Sua Santità consulta prima di prendere decisioni?

 

CEO-Pfizer-Bourla-World-Economic-Forum
Bourla, CEO Pfizer

 

Fonti dicono che Papa Francesco si è incontrato privatamente due volte l’anno scorso con il CEO (Amministratore delegato) di Pfizer Albert Bourla

CITTÀ DEL VATICANO – Il Register ha appreso che Papa Francesco ha tenuto incontri privati non divulgati con il CEO di Pfizer l’anno scorso, mentre sorgono domande sull’efficacia dei vaccini nel prevenire la trasmissione che ora sono stati imposti per tutto il personale e i visitatori del Vaticano.

Secondo fonti vaticane, il Santo Padre ha incontrato due volte in Vaticano l’amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla, anche se i dettagli non sono noti. A differenza della maggior parte delle udienze private papali, questi incontri non sono stati annunciati dalla Sala Stampa della Santa Sede, che non ha risposto alle ripetute richieste di confermare gli incontri. Un portavoce di Pfizer ha dichiarato: “Non possiamo confermare o negare poiché, secondo la nostra politica, i movimenti dei nostri dirigenti sono considerati riservati”.

Gli incontri di Bourla con il Papa non sarebbero stati il primo incontro papale senza preavviso negli ultimi anni. Nel novembre 2019, poco prima dell’inizio dell’emergenza sanitaria COVID-19, il Papa ha ricevuto privatamente Melinda Gates. L’incontro, ben noto in Vaticano, non è stato annunciato e non è mai stato ufficialmente riconosciuto.

Lo scorso maggio, Bourla ha preso parte a una conferenza online sulla salute in Vaticano intitolata “Unite to Prevent & Unite to Cure” che ha incluso un focus significativo sui trattamenti e la prevenzione COVID-19, oltre a fornire una piattaforma per la promozione di vaccini prodotti da grandi aziende farmaceutiche. Tra gli altri relatori dell’incontro co-ospitato dal Pontificio Consiglio della Cultura c’erano Stephane Bancel, CEO di Moderna, un altro grande produttore di vaccini anti-COVID-19, il dottor Anthony Fauci, direttore medico del presidente Joe Biden, e il dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health degli Stati Uniti.

 

Primo a utilizzare Pfizer

Lo Stato della Città del Vaticano è stata una delle prime autorità a somministrare vaccini dopo aver firmato un contratto con Pfizer alla fine del 2020 per offrire in esclusiva il suo prodotto farmaceutico Pfizer-BioNTech al suo personale. Le prime vaccinazioni sono state lanciate all’inizio del 2021.

Forte sostenitore del vaccino alla luce di ciò che ritiene sia una “continuazione e peggioramento dell’attuale emergenza sanitaria”, il Vaticano ha imposto l’iniezione Pfizer a tutto il personale e i visitatori dal 23 dicembre. Dal 31 gennaio, sarà necessaria la tripla vaccinazione (due dosi più il richiamo) per entrare nel territorio vaticano. (La prova della recente guarigione da COVID-19 può anche ottenere l’ammissione e non ci sono requisiti per le liturgie pubbliche e le udienze generali.) Ma l’obbligo è stato imposto proprio mentre l’efficacia di tutti i vaccini COVID-19 nel prevenire la diffusione della malattia viene messa in discussione.

Nel dicembre 2020, il professor Andrea Arcangeli, direttore della Direzione Salute e Igiene del Vaticano, ha dichiarato che il Vaticano ha scelto di utilizzare il vaccino Pfizer perché negli studi clinici aveva “dimostrato di essere efficace al 95%”. Ha aggiunto che “successivamente, altri vaccini prodotti con metodi diversi possono essere introdotti dopo aver valutato la loro efficacia e piena sicurezza”. La cifra del 95% significa che le persone vaccinate avevano un rischio inferiore del 95% di contrarre COVID-19 rispetto ai partecipanti non vaccinati al gruppo di controllo negli studi. Quindi, in altre parole, Pfizer stava dicendo al pubblico che nel suo studio clinico, le persone vaccinate avevano 20 volte meno probabilità rispetto al gruppo di controllo di contrarre COVID-19.

Tuttavia, in un’intervista del 10 gennaio con Yahoo News, Bourla ha riconosciuto che le prime due dosi del vaccino sono ora in gran parte inefficaci contro la diffusione della variante Omicron e che, sebbene Omicron sia “più mite” rispetto alle varianti precedenti, a causa degli alti tassi di infezione, i ricoveri sono stati “molto più alti in termini di malattia grave, occupazione in terapia intensiva, ecc.”. “Sappiamo che le due dosi del vaccino hanno una protezione molto limitata, se presente”, ha detto Bourla a Yahoo News. “Le tre dosi, con il richiamo, offrono una protezione ragionevole contro il ricovero in ospedale e la morte”.

 

I casi continuano nonostante la vaccinazione

Nonostante l’originale tasso di efficacacia del 95% rispetto alle varianti precedenti abbia spinto il Vaticano a firmare un contratto con Pfizer, il personale vaticano ha continuato a contrarre COVID-19 in Vaticano nell’ultimo anno nonostante fosse vaccinato due o tre volte. L’ultimo caso è quello del vescovo Brian Farrell, segretario del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, attualmente contagiato da COVID-19 nonostante abbia ricevuto il richiamo.

Un funzionario del Pontificio Consiglio ha detto al Register questa mattina che “è risultato positivo, ma ci aspettiamo che torni in ufficio la prossima settimana”. Fonti vaticane hanno anche detto al Register che ben 14 Guardie Svizzere hanno contratto il COVID-19 nella seconda metà dello scorso anno, ma i casi non sono mai stati segnalati. Tutti loro avevano avuto due dosi di Pfizer ma quasi nessun sintomo. Il Vaticano non ha riportato casi di ricoveri o decessi dal lancio del vaccino e, durante la pandemia, non sono stati segnalati decessi COVID-19 nella Città del Vaticano.

Tuttavia, da quando il programma vaccinale è iniziato all’inizio del 2021, la Sala Stampa della Santa Sede ha smesso di segnalare nuovi casi di COVID-19, in contrasto con il 2020, quando ha regolarmente annunciato se personale o residenti erano risultati positivi al virus. Gli ultimi dipendenti vaticani segnalati come infetti sono il cardinale Giuseppe Bertello, allora presidente dello Stato della Città del Vaticano, e l’elemosiniere papale, il cardinale Konrad Krajewski, nel dicembre 2020. Entrambi sopravvissuti alla malattia.

Nonostante le preoccupazioni sul fatto che il vaccino Pfizer sia contaminato dall’aborto, il segretario di Stato vaticano cardinale Pietro Parolin è apparso questa settimana per escludere qualsiasi diritto di obiezione di coscienza. Ha detto al Register che i dipendenti vaticani che cercano un’esenzione perché si oppongono al legame del vaccino con l’aborto “non sembra essere giustificato” in quanto il prodotto Pfizer è stato soltanto testato, più che prodotto, utilizzando linee cellulari derivate da aborti.

Il vaccino Pfizer-BioNTech ha anche causato effetti collaterali avversi tra cui disturbi cardiaci e coagulazione del sangue soprattutto nei destinatari più giovani, con alcuni che causano la morte. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie insistono sul fatto che questi “rapporti sono rari e i benefici noti e potenziali della vaccinazione COVID-19 superano i rischi noti e potenziali [di questi effetti collaterali]”. Migliaia di questi e altri casi sono stati tuttavia segnalati su siti governativi in vari paesi (vedi i dati del Regno Unito per il vaccino Pfizer qui) dove i sospetti effetti collaterali possono essere segnalati volontariamente e i cittadini hanno creato siti Web per registrare le proprie testimonianze di effetti avversi da tutti i vaccini COVID-19.

 

Facebook Comments