Come il mio meccanico, molti vorrebbero che i leader della Chiesa prestassero meno attenzione alla Pachamama e al cambiamento climatico a lungo termine e più attenzione a una minaccia immediata: i cristiani perseguitati che sono sull’orlo dell’estinzione. La Chiesa potrebbe spendere molte più energie per dare voce a chi non ha voce. Il male della persecuzione cristiana e della sparizione forzata del cristianesimo dall’antica patria della fede dovrebbe essere chiamato con il suo nome, anche se politicamente scorretto.”

Così la professoressa Ines Murzaku nel suo articolo che ci propone oggi e già pubblicato su The Catholic Thing. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Decapitazione di 11 cristiani in Nigeria nel giorno di Natale.

Decapitazione di 11 cristiani in Nigeria nel giorno di Natale.

 

Qualche giorno fa sono andato dal mio meccanico libanese di fiducia per un cambio dell’olio. I cristiani d’Oriente hanno sempre avuto un debole per la teologia, la politica e la razza –  e per quanto riguarda la teologia, gli orientali hanno tutta la teologia di cui potrebbero voler discutere e contestare. Il mio controllo dell’auto di routine, quindi, di solito si trasforma in interessanti discussioni sulla teologia, la storia della Chiesa e – più recentemente – lo stato dei cristiani perseguitati in Oriente.

Credo che questo sia uno dei vantaggi del mio essere uno storico della Chiesa. Si dà il caso che il mio meccanico fosse appena tornato dal Libano, che aveva visitato per il funerale di sua madre. Aveva molto da dirmi sulle persecuzioni e le molestie che i cristiani libanesi stanno subendo per mano della maggioranza musulmana e sulle recenti proteste – Hezbollah è attualmente la principale forza politica del Paese.

Lui e la sua famiglia sono cristiani per nascita, quindi sono ufficialmente autorizzati a praticare liberamente il culto. Ciò non sempre avviene nella pratica, soprattutto perché il numero di cristiani in Libano sta progressivamente diminuendo e il riferimento ai cristiani come discreta minoranza è diventato la norma. Secondo le statistiche, nel 1970 il Libano era cristiano al 62 per cento. Nel 2010 la popolazione cristiana in Libano si è drasticamente ridotta a circa il 36%. I cattolici maroniti costituiscono il gruppo cristiano più numeroso, escludendo la recente aggiunta di rifugiati siriani. L’Islam e i musulmani sono diventati rispettivamente la religione e il gruppo religioso più importante del Paese.

Ebbene, la conversazione è continuata, e uno dei punti principali che il mio meccanico ha fatto notare è stato come la gente d’Occidente, e specialmente la Santa Sede e il Santo Padre, si sia dimenticata della difficile situazione dei cristiani in Libano e della loro lotta per la sopravvivenza. Invece, il Vaticano è stato molto più interessato al cambiamento climatico e ad altre questioni politiche che allo sterminio dei cristiani in Medio Oriente. Continuava a ripetere: “Noi [cristiani] veniamo cancellati”, e l’Occidente si allontana [da noi].

Molto tempo dopo aver lasciato il suo negozio, non riuscivo a dimenticare questa conversazione. La Chiesa in Occidente ha attraversato lo scandalo sessuale, la corruzione finanziaria, la polemica sulla Pachamama, le incursioni finanziarie in Vaticano, gli intrighi politici, le polemiche sui viri probati, l’ordinazione delle donne al diaconato. Nel frattempo, la situazione in Medio Oriente si è deteriorata a tal punto che i fratelli e le sorelle cristiane delle terre che hanno dato vita al cristianesimo potrebbero estinguersi nei prossimi anni.

Mentre si celebrava la controversa Misa por la Tierra Sin Males (Messa per una Terra senza Male) e la Pachamama veniva esposta nella chiesa carmelitana di Santa Maria in Traspontina, nella Basilica di San Bartolomeo sull’Isola Tiberina a Roma si svolgeva un evento importante, anche se pochi ne hanno sentito parlare.

L’evento non ha avuto la stessa attenzione che il Sinodo della Pachamama e il Sinodo dell’Amazzonia hanno ricevuto dai media. La fondazione pontificia Aid to the Church in Need (Aiuto alla Chiesa che soffre, ndr) ha pubblicato un nuovo rapporto “Perseguitati e dimenticati”, incentrato sulla persecuzione dei cristiani tra il 2017 e il 2019. Come dimostra ampiamente il rapporto, i cristiani sono la comunità religiosa più braccata e perseguitata del mondo.

Presenta quattro casi di studio e dodici profili di paesi che descrivono in dettaglio la persecuzione cristiana in Birmania (Myanmar), Repubblica Centrafricana, Cina, Egitto, India, Iraq, Nigeria, Corea del Nord, Pakistan, Filippine, Sri Lanka e Sudan. I dati sono allarmanti e descrivono in dettaglio la persecuzione accelerata dei cristiani in tutto il mondo – una tendenza che non sembra cambiare rotta.

Nel luglio 2019, gli islamisti hanno ucciso quattro cristiani in Burkina Faso, e hanno minacciato di ucciderne altri se si fossero rifiutati di convertirsi. In India, “la polizia del distretto di Jaunpur, nell’Uttar Pradesh, ha accusato 271 cristiani di ‘diffondere menzogne sull’induismo’ e di usare droghe per indurre le persone a convertirsi”.

Il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, che ha presentato il rapporto, ha esortato ad avere il coraggio di chiamare “il male con il suo nome” – il male che infuria nei cuori e distrugge le case delle chiese, alimentando l’odio e la vendetta.

Storia dopo storia suona il campanello d’allarme: I cristiani vengono cacciati dalle loro terre, il cristianesimo viene sradicato. In Iraq, per esempio, “la popolazione cristiana ha continuato a diminuire. I cristiani erano 1,5 milioni prima del 2003 eppure nell’estate del 2019 i cristiani in Iraq erano “ben al di sotto” di 150.000 e forse anche al di sotto di 120.000″. Ciò significa che, nell’arco di una generazione, la popolazione cristiana irachena si è ridotta di oltre il 90%”.

Perché i cristiani sono perseguitati e perché sono dimenticati? Ovviamente, i cristiani sono perseguitati per il fatto stesso di essere cristiani e di seguire il prototipo del martirio – il Figlio di Dio sulla Croce. Il mondo, che non ha riconosciuto Dio, lo ha perseguitato. Lo stesso si può dire del mondo di oggi: il mondo secolare, senza Dio e pauroso, post-cristiano, chiude un occhio sulla sua situazione e sulla sua persecuzione.

Poche storie di persecuzione filtrano all’Occidente secolarizzato, che si è quasi trasformato in una cospirazione del silenzio e di una riduzione al silenzio. Sembra che tutto il resto sia più importante della condizione dei cristiani. L’Occidente secolarizzato è troppo spaventato per chiamare il male della persecuzione cristiana con il suo nome.

Come il mio meccanico, molti vorrebbero che i leader della Chiesa prestassero meno attenzione alla Pachamama e al cambiamento climatico a lungo termine e più attenzione a una minaccia immediata: i cristiani perseguitati che sono sull’orlo dell’estinzione. La Chiesa potrebbe spendere molte più energie per dare voce a chi non ha voce. Il male della persecuzione cristiana e della sparizione forzata del cristianesimo dall’antica patria della fede dovrebbe essere chiamato con il suo nome, anche se politicamente scorretto.

Difendere cristiani indifesi potrebbe non essere di moda, anche nella Chiesa di questi tempi, e potrebbe anche portare a tensioni con altre fedi e con vari regimi. Ma è il male che è più trascurato e, quindi, che più grida all’azione in questo momento, non solo dai cristiani ma dal mondo intero.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1