Il caso, scatenato da una controversa performance artistica sostenuta dal governo che utilizzava ostie consacrate rubate, è ora all’esame della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Ce ne parla Solène Tadié nel suo articolo pubblicato sul National Catholic Register, che vi propongo nella mia traduzione.

 

Abel Azcona in chiesa alla Comunione

 

Un’associazione spagnola di avvocati cristiani ha recentemente presentato una denuncia per anti-cattolicesimo contro il governo spagnolo presso la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) per uno spettacolo artistico molto controverso che ha coinvolto ostie consacrate rubate nella città spagnola di Pamplona nel 2015. 

La rappresentazione è diventata rapidamente un affare di stato e di società divisa. L’ondata di manifestazioni pubbliche, di messe di riparazione e di petizioni per la chiusura della dimostrazione artistica ha rivelato l’impatto che tale scandalo – ora noto come “Caso delle ostie” – ha avuto sulla popolazione, e soprattutto sui fedeli cattolici. 

La performance “Ostie”, che a quanto pare voleva denunciare la pedofilia all’interno della Chiesa cattolica, è stata realizzata dall’artista spagnolo Abel Azcona, che ha rubato 242 ostie, una ad una, per un certo periodo di tempo, fingendo di ricevere la Santa Comunione. Invece di consumare le ostie consacrate, le ha usate per scrivere la parola pederastia sul pavimento. Azcona, un cattolico battezzato, si è poi messo in posa nudo accanto ad essa, con le ali nere tatuate sulla schiena. 

Le fotografie della mostra hanno poi dato vita a una mostra chiamata “Amén” in una chiesa sconsacrata di Pamplona, di proprietà della città, e più tardi in altre città spagnole. Immagini e video che mostrano le reazioni degli ecclesiastici e dei fedeli alla performance sono stati pubblicati da Azcona anche sui social media. 

Alla fine, le immagini sono state vendute per più di 300.000 dollari e le ostie rubate sono ancora oggi oggetto di mostre nelle gallerie spagnole.  

Video proteste

“Amén” proyecto performativo del artista Abel Azcona from Abel Azcona on Vimeo.

 

Fedeli difensori

Dopo la prima mostra del 2015, Abocados Cristianos (AC), associazione spagnola di avvocati cristiani fondata nel 2008, e l’arcidiocesi di Pamplona hanno prontamente reagito presentando una denuncia contro l’artista e contro la città di Pamplona per aver ospitato l’evento in un luogo pubblico e per averlo promosso con il denaro dei contribuenti. I loro reclami sono stati successivamente respinti tre volte – nella causa originaria nel 2016, in appello nell’aprile 2017 e dalla Corte Costituzionale del Paese nel novembre 2017. 

Per i membri dell’AC, tuttavia, il caso è lungi dall’essere concluso. Determinata ad ottenere giustizia per quello che considerano l’attacco più grave degli ultimi decenni ai cattolici del Paese, l’AC ha presentato un’istanza alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) contro lo Stato spagnolo. Nel 2019 il tribunale ha accettato di ascoltare il caso e la sua decisione dovrebbe essere emessa nei prossimi mesi.

“I giudici incaricati di ascoltare il caso in Spagna appartenevano a un’associazione di sinistra chiamata ‘Giudici per la democrazia’, che sono noti per il loro sostegno agli attacchi alla libertà religiosa”, ha detto al National Catholic Register la portavoce dell’AC Polonia Castellanos. “La giustizia spagnola si è presa gioco dei cattolici e noi non lo permetteremo, altrimenti gli attacchi e le profanazioni continueranno e diventeranno sempre più gravi”.

La CEDU ha anche permesso a otto terze parti di intervenire con gli avvocati dell’AC e di portare le proprie competenze nel caso – tra cui il governo polacco, la Conferenza episcopale cattolica di Spagna, rappresentata dal Centro europeo per il diritto e la giustizia (ECLJ), la Conferenza episcopale cattolica slovacca e altre cinque organizzazioni cristiane. 

 

Violazione dei diritti di libertà religiosa? 

I ricorrenti hanno incentrato la loro argomentazione legale, presentata alla Corte nel giugno 2020, sulla violazione della libertà religiosa, tutelata dall’articolo 9 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. 

Secondo Nicolas Bauer, l’avvocato della Corte di giustizia europea che ha scritto il memoriale per conto dei vescovi spagnoli, il governo spagnolo ha violato la libertà religiosa dei cristiani in due modi diversi. “Prima di tutto, la libertà religiosa implica il diritto di essere protetti contro i discorsi di odio e quindi contro l’odio religioso”, ha detto al Registro. 

In questo caso, Azcona ha ammesso durante il processo di aver deliberatamente inteso offendere i cattolici con l’uso di ostie consacrate nelle sue opere d’arte. Quando gli è stato chiesto perché non ha usato ostie non consacrate per la sua performance, l’artista ha detto che le ostie consacrate “avevano un valore per loro [i cattolici]”.

La seconda violazione della libertà religiosa, ha detto Bauer, è il fatto che le autorità pubbliche hanno finanziato e promosso la mostra, rendendo disponibile gratuitamente la proprietà pubblica, oltreppassando così il loro dovere di neutralità e imparzialità in materia religiosa. 

“Il nostro obiettivo qui è quello di determinare il ruolo dello Stato in un caso del genere e la sua condanna potrebbe porre dei sani limiti alla libertà di parola per quanto riguarda l’odio antireligioso”, ha detto Bauer. “Anche se sosteniamo totalmente il diritto di criticare le religioni, di discutere e persino di provocare i fedeli, mettiamo in discussione il diritto di linciare un’intera comunità di credenti umiliandoli e offendendoli pubblicamente”.

Questa opinione è condivisa dal gruppo degli avvocati cristiani dell’AC, che vede all’orizzonte una minaccia reale per l’incolumità dei fedeli spagnoli. Per la Polonia Castellanos, infatti, il rifiuto del governo di condannare questo tipo di atto anticattolico invia il messaggio che qualsiasi attacco contro di loro rimarrà impunito. “La posta in gioco per noi qui è la libertà e la sicurezza, il fatto che noi cattolici possiamo andare a messa e alle nostre celebrazioni in tutta sicurezza, senza avere la sensazione che il semplice fatto di essere cattolici ci esponga a furti, attacchi e insulti”, ha detto.  

Come ha sottolineato Castellanos, AC spera anche che, man mano che il caso procede, i giudici della CEDU a Strasburgo riconosceranno un principio di equità tra i cristiani e le altre comunità religiose piuttosto che applicare un doppio standard – uno per i cristiani e un altro per le altre fedi. Nel 2018, ad esempio, la CEDU ha deciso di condannare una donna austriaca che ha definito pedofilo il profeta Maometto. Castellanos spera che la CEDU prenda in considerazione questo caso nell’esaminare il caso “Ostie”.

 

Spagna contro Polonia 

Il governo polacco ha adottato una posizione simile sottolineando l’articolo 14 della Convenzione europea contro la discriminazione. Nelle sue osservazioni sul caso, il governo intervenuto sostiene che lo Stato convenuto dovrebbe dimostrare che avrebbe agito allo stesso modo se la comunità presa di mira fosse stata di un’altra religione.  

Nel menzionare l’attuale aumento degli atti anticristiani in Spagna, il rappresentante del governo polacco ha sostenuto che lo Stato “non dovrebbe organizzare o sostenere eventi che sono ovviamente offensivi per una parte della società e che non servono al dibattito pubblico”. Ha anche ricordato la “secolare” tradizione cristiana della regione di Navarra, dove si è svolta l’opera d’arte offensiva, aggiungendo che “i sentimenti religiosi sono valori fondamentali per tutti, in quanto determinano l’identità personale e influenzano ogni sfera della vita umana”. 

Questo chiaro richiamo dalla Polonia alla Spagna non è insignificante. Infatti, mentre nelle sue osservazioni alla corte, il governo spagnolo si è presentato come difensore del “diritto all’irriverenza”, il governo polacco sembra essersi eretto a protettore dell’Europa cristiana. 

“Le osservazioni dei due Paesi sono sintomatiche dell’attuale divisione tra Europa orientale e occidentale”, ha dichiarato Nicolas Bauer al National Catholic Register, rilevando che è molto insolito che un governo intervenga come parte terza contro un altro Stato a livello europeo. Di solito, uno Stato generalmente interviene in difesa di un altro Stato a causa della sua politica o legislazione reciproca, o per difendere i suoi cittadini. 

“La Spagna è attualmente uno degli stati più secolarizzati dell’Europa occidentale e la Polonia, senza avere alcun interesse diretto nel caso, è intervenuta perché sono stati coinvolti i cristiani e lo stesso Gesù Cristo”, ha detto Bauer. “Sembra chiaramente che ci sia un desiderio da parte della Polonia di difendere una percezione cristiana della libertà per l’Europa, così come una certa visione della legge rispetto alla tradizione e alla religione”.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1