Ayaan Hirsi Ali è una donna somala naturalizzata olandese, nota soprattutto per il suo impegno in favore dei diritti delle donne all’interno della tradizione islamica e le minacce ricevute dagli integralisti.

Vittima di un matrimonio combinato a 22 anni durante il viaggio di nozze in Europa decide di scappare e chiedere asilo politico in Olanda. Ottenuto l’asilo politico si iscrive all’Università laureandosi in scienze politiche. Nel frattempo in reazione all’Islam fanatico di cui era stata vittima  abbandona anche l’Islam cosiddetto moderato e diventa atea.

Nel 2003 viene eletta al parlamento olandese e nel 2004 scrive la sceneggiatura del film cortometraggio “Sottomissione” (Submission), in cui vengono denunciati in maniera molto forte gli abusi che subiscono le donne nel mondo islamico. Quello stesso anno il regista del film Theo van Gogh viene assassinato. Da allora Hirsi Ali vive protetta da una scorta armata. In poco tempo diventa una persona scomoda per i suoi vicini e nel 2006 la Corte d’appello di L’Aia, con una sentenza senza precedenti, le intima di cambiare quartiere. Ali si dimette da deputata e lascia volontariamente i Paesi Bassi, per trasferirsi negli Stati Uniti.

Dopo tanti anni la sua vita interiore però non si accontenta più dell’ateismo nichilista conosciuto in Occidente. Vi traduciamo il suo recente articolo apparso sulla rivista UnHerd che racconta proprio il suo percorso umano e spirituale.

 

Ayaan Hirsi Ali
Ayaan Hirsi Ali

 

Nel 2002 ho scoperto una conferenza del 1927 di Bertrand Russell intitolata “Perché non sono Cristiano”. Non mi passò per la mente, mentre lo leggevo, che un giorno, quasi un secolo dopo che era stato consegnato alla filiale sud di Londra della National Secular Society, sarei stata costretta a scrivere un saggio con il titolo esattamente opposto.


L’anno prima avevo condannato pubblicamente gli attacchi terroristici degli 19 uomini che avevano dirottato gli aerei passeggeri e li avevano fatti schiantare contro le Torri Gemelle di New York. Lo avevano fatto in nome della mia religione, l’Islam. Allora ero musulmana, anche se non praticante. Se avessi veramente condannato le loro azioni, allora come mi sarei dovuta considerare? Il principio di fondo che giustificava gli attentati era, dopotutto, religioso: l’idea della Jihad o Guerra Santa contro gli infedeli. Era possibile per me, come per molti membri della comunità musulmana, semplicemente prendere le distanze da quell’azione e dai suoi orribili risultati?

All’epoca, c’erano molti eminenti leader in Occidente – politici, studiosi, giornalisti e altri esperti – che insistevano sul fatto che i terroristi erano motivati ​​da ragioni diverse da quelle che loro e il loro leader Osama Bin Laden avevano articolato così chiaramente. Quindi l’Islam aveva un alibi.

Questa scusa non era solo condiscendente nei confronti dei musulmani. Ha anche dato a molti occidentali la possibilità di ritirarsi nella negazione. Incolpare gli errori della politica estera americana era più facile che contemplare la possibilità di trovarci di fronte a una guerra religiosa. Abbiamo osservato una tendenza simile nelle ultime cinque settimane, quando milioni di persone solidali con la difficile situazione degli abitanti di Gaza cercano di razionalizzare gli attacchi terroristici del 7 ottobre come una risposta giustificata alle politiche del governo israeliano.

Quando ho letto la conferenza di Russell, ho scoperto che la mia dissonanza cognitiva si stava attenuando. È stato un sollievo adottare un atteggiamento di scetticismo nei confronti della dottrina religiosa, scartare la mia fede in Dio e dichiarare che tale entità non esisteva. Soprattutto, potevo rifiutare l’esistenza dell’inferno e il pericolo della punizione eterna.

L’affermazione di Russell secondo cui la religione si basa principalmente sulla paura mi aveva colpito. Avevo vissuto troppo a lungo nel terrore di tutte le raccapriccianti punizioni che mi aspettavano. Sebbene avessi abbandonato tutte le ragioni razionali per credere in Dio, quella paura irrazionale del fuoco dell’inferno persisteva ancora. La conclusione di Russell giunse quindi come una sorta di sollievo: “Quando morirò, marcirò”.

Per capire perché sono diventata atea 20 anni fa, devo prima darvi capire che tipo di musulmana ero stata. Ero un adolescente quando i Fratelli Musulmani penetrarono nella mia comunità a Nairobi, in Kenya, nel 1985. Non credo di aver nemmeno compreso la pratica religiosa prima dell’avvento dei Fratelli. Avevo sopportato i rituali delle abluzioni, delle preghiere e del digiuno come cose noiose e inutili.

I predicatori dei Fratelli Musulmani hanno cambiato questa situazione. Hanno dato una direzione: la retta via. Uno scopo: lavorare per l’ammissione nel paradiso di Allah dopo la morte. Un metodo: il manuale di istruzioni del Profeta su cosa fare e cosa non fare: halal (puro, ndt) e haram (impuro, ndt). Come supplemento dettagliato al Corano, l’ hadith (insegnamento del profeta, ndt) spiega come mettere in pratica la differenza tra giusto e sbagliato, bene e male, Dio e il diavolo.

I predicatori della Fratellanza non lasciavano nulla all’immaginazione. Ci hanno dato una scelta. Sforzatevi di vivere secondo il manuale del Profeta e raccoglierete le gloriose ricompense nell’aldilà. Su questa terra, nel frattempo, la più grande conquista possibile era morire come martire per amore di Allah.
L’alternativa, abbandonarsi ai piaceri del mondo, era meritarsi l’ira di Allah ed essere condannati a una vita eterna nel fuoco dell’inferno. Alcuni dei “piaceri mondani” che essi denigravano includevano leggere romanzi, ascoltare musica, ballare e andare al cinema – tutte cose che mi vergognavo di ammettere che adoravo.

La qualità più sorprendente dei Fratelli Musulmani è stata la loro capacità di trasformare me e i miei compagni adolescenti da credenti passivi in ​​attivisti, quasi da un giorno all’altro. Non abbiamo semplicemente detto cose o pregato per cose: abbiamo fatto cose. Da ragazze indossavamo il burka e rinunciavamo alla moda e al trucco occidentali. I ragazzi si facevano crescere la barba nella massima misura possibile. Indossavano il tawb bianco simile agli abiti indossati nei paesi arabi o avevano i pantaloni accorciati sopra le caviglie. Abbiamo operato in gruppi e offerto volontariamente i nostri servizi di beneficenza ai poveri, agli anziani, ai disabili e ai deboli. Abbiamo esortato i fratelli musulmani a pregare e chiesto che i non musulmani si convertissero all’Islam.

Durante le sessioni di studio islamico, abbiamo condiviso con il predicatore responsabile della sessione le nostre preoccupazioni. Ad esempio, cosa dovremmo fare nei confronti degli amici che abbiamo amato e ai quali ci siamo sentiti leali ma che hanno rifiutato di accettare il nostro dawa (invito alla fede)? In risposta, ci è stato ricordato ripetutamente la chiarezza delle istruzioni del Profeta. Ci è stato detto senza mezzi termini che non potevamo essere leali verso Allah e Maometto mantenendo allo stesso tempo amicizie e lealtà verso i non credenti. Se avessero rifiutato esplicitamente il nostro appello all’Islam, avremmo dovuto odiarli e maledirli.

Qui, un odio speciale era riservato a un sottogruppo di non credenti: gli ebrei. Maledicevamo gli ebrei più volte al giorno ed esprimevamo orrore, disgusto e rabbia per la litania dei reati che presumibilmente aveva commesso. L’Ebreo aveva tradito il nostro Profeta. Aveva occupato la Santa Moschea di Gerusalemme. Ha continuato a diffondere la corruzione del cuore, della mente e dell’anima.

Potete capire perché, per qualcuno che aveva seguito una simile istruzione religiosa, l’ateismo sembrava così attraente. Bertrand Russell ha offerto una via di fuga semplice e a costo zero da una vita insopportabile di abnegazione e molestie nei confronti degli altri. Per lui non esisteva alcuna prova credibile dell’esistenza di Dio. La religione, sosteneva Russell, era radicata nella paura: “La paura è la base di tutto: paura del misterioso, paura della sconfitta, paura della morte”.

Come atea, pensavo che avrei perso quella paura. Ho anche trovato una cerchia di amici del tutto nuova, diversa da quella dei predicatori dei Fratelli Musulmani come si potrebbe immaginare. Più tempo passavo con loro – persone come Christopher Hitchens e Richard Dawkins – più sentivo di aver fatto la scelta giusta. Perché gli atei erano intelligenti. Sono stati anche molto divertenti.

Allora, cosa è cambiato? Perché adesso mi definisco Cristiana?

Parte della risposta è globale. La civiltà occidentale è minacciata da tre forze diverse ma correlate: la rinascita dell’autoritarismo e dell’espansionismo delle grandi potenze nelle forme del Partito Comunista Cinese e della Russia di Vladimir Putin; l’ascesa dell’islamismo globale, che minaccia di mobilitare una vasta popolazione contro l’Occidente; e la diffusione virale dell’ideologia woke (ideologia iper-progressita tipicamente americana, ndt), che sta divorando la fibra morale della prossima generazione.

Cerchiamo di respingere queste minacce con strumenti moderni e laici: sforzi militari, economici, diplomatici e tecnologici per sconfiggere, corrompere, persuadere, placare o sorvegliare. Eppure, ad ogni tornata di conflitto, ci ritroviamo a perdere terreno. O stiamo finendo i soldi, con il nostro debito nazionale pari a decine di trilioni di dollari, oppure stiamo perdendo il vantaggio nella corsa tecnologica con la Cina.

Ma non possiamo combattere queste forze formidabili se non riusciamo a rispondere alla domanda: cos’è che ci unisce? La risposta che “Dio è morto!” sembra insufficiente. Lo stesso vale per il tentativo di trovare conforto nell’“ordine internazionale liberale basato su regole”. L’unica risposta credibile, credo, sta nel nostro desiderio di sostenere l’eredità della tradizione giudaico-Cristiana.
Tale eredità consiste in un insieme elaborato di idee e istituzioni progettate per salvaguardare la vita, la libertà e la dignità umana – dallo stato nazionale e lo stato di diritto alle istituzioni della scienza, della salute e dell’apprendimento. Come ha mostrato Tom Holland nel suo meraviglioso libro Dominion , ogni sorta di libertà apparentemente laiche – di mercato, di coscienza e di stampa – trovano le loro radici nel Cristianesimo.


E così sono arrivato a capire che Russell e i miei amici atei non riuscivano a vedere la differenza tra le cose fondamentali e i dettagli. La cosa importante è la civiltà fondata sulla tradizione giudaico-Cristiana; è la storia dell’Occidente, nel bene e nel male. La critica di Russell a queste contraddizioni nella dottrina Cristiana è seria, ma ha anche una portata troppo ristretta.

Ad esempio, ha tenuto la sua conferenza in una stanza piena di (ex o almeno dubbiosi) Cristiani in un paese Cristiano. Pensa a quanto fosse difficile quasi un secolo fa e a quanto sia ancora raro nelle civiltà non occidentali. Potrebbe un filosofo musulmano stare davanti a un pubblico in un paese musulmano – allora o adesso – e tenere una conferenza dal titolo “Perché non sono musulmano”? Esiste infatti un libro con quel titolo, scritto da un ex musulmano. Ma l’autore lo pubblicò in America sotto lo pseudonimo di Ibn Warraq. Sarebbe stato troppo pericoloso fare diversamente.

Per me, questa libertà di coscienza e di parola è forse il più grande vantaggio della civiltà occidentale. Non è naturale per l’uomo. È il prodotto di secoli di dibattito all’interno delle comunità ebraiche e Cristiane. Sono stati questi dibattiti che hanno fatto avanzare la scienza e la ragione, diminuito la crudeltà, soppresso le superstizioni e costruito istituzioni per ordinare e proteggere la vita, garantendo allo stesso tempo la libertà a quante più persone possibile. A differenza dell’Islam, il Cristianesimo ha superato la sua fase dogmatica. Divenne sempre più chiaro che l’insegnamento di Cristo implicava non solo un ruolo circoscritto della religione come qualcosa di separato dalla politica. Implicava anche compassione per il peccatore e umiltà per il credente.

Tuttavia non sarei sincera se attribuissi il mio abbraccio al Cristianesimo esclusivamente alla consapevolezza che l’ateismo è una dottrina troppo debole e divisiva per fortificarci contro i nostri minacciosi nemici. Mi sono rivolto al Cristianesimo anche perché alla fine ho trovato insopportabile la vita senza alcun conforto spirituale, anzi quasi autodistruttiva. L’ateismo non è riuscito a rispondere a una semplice domanda: qual è il significato e lo scopo della vita?


Russell e altri atei attivisti credevano che con il rifiuto di Dio saremmo entrati in un’era di ragione e di umanesimo intelligente. Ma il “buco di Dio” – il vuoto lasciato dal ritiro della chiesa – è stato semplicemente riempito da un miscuglio di dogmi irrazionali quasi religiosi. Il risultato è un mondo in cui i culti moderni predano masse disarticolate, offrendo loro false ragioni di essere e di agire – per lo più impegnandosi in sceneggiate di “virtù sociali” per conto di una minoranza vittimizzata o del nostro pianeta apparentemente condannato. La frase spesso attribuita a GK Chesterton si è trasformata in una profezia: “Quando gli uomini scelgono di non credere in Dio, da allora in poi non credono più in nulla, diventano capaci di credere in qualsiasi cosa”.

In questo vuoto nichilistico, la sfida che abbiamo davanti diventa quella della civiltà. Non possiamo resistere alla Cina, alla Russia e all’Iran se non riusciamo a spiegare alle nostre popolazioni perché è importante che lo facciamo. Non possiamo combattere l’ideologia woke se non possiamo difendere la civiltà che è determinata a distruggere. E non possiamo contrastare l’islamismo con strumenti puramente laici. Per conquistare i cuori e le menti dei musulmani qui in Occidente, dobbiamo offrire loro qualcosa di più dei video su TikTok.

La lezione che ho imparato dai miei anni con i Fratelli Musulmani è stata il potere di una storia unificante, incorporata nei testi fondamentali dell’Islam, per attrarre, coinvolgere e mobilitare le masse musulmane. A meno che non offriamo qualcosa di altrettanto significativo, temo che l’erosione della nostra civiltà continuerà. E fortunatamente, non c’è bisogno di cercare qualche miscela new age di farmaci e consapevolezza. Il Cristianesimo ha tutto.

Ecco perché non mi considero più un apostata musulmana, ma una ex atea. Naturalmente ho ancora molto da imparare sul Cristianesimo. Ogni domenica scopro qualcosa in più in chiesa. Ma ho riconosciuto, nel mio lungo viaggio attraverso un deserto di paura e insicurezza, che esiste un modo migliore per gestire le sfide dell’esistenza rispetto a quello che l’Islam o la miscredenza avevano da offrire.

Ayaan Hirsi Ali

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments