Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dallo staff dello Spectator. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

Questa settimana l’Occidente si è divertito molto quando la parata del Giorno della Vittoria di Vladimir Putin sulla Piazza Rossa ha incluso solo un carro armato, a sua volta una reliquia di un museo. L’impressione è stata che la Russia abbia perso così tanto materiale militare in Ucraina da essere l’ombra della superpotenza militare che era l’Unione Sovietica.

La Russia ha certamente subito gravi perdite (anche se qualsiasi Paese che conduca una guerra all’estero dovrebbe presumibilmente avere il suo equipaggiamento militare in servizio attivo piuttosto che in parata). Ma dovremmo evitare di essere compiaciuti. La verità è che la guerra non sta andando bene nemmeno per l’Occidente, almeno da un punto di vista.

Quando Putin ha inviato i carri armati in Ucraina il 24 febbraio dello scorso anno, i Paesi occidentali hanno rapidamente adottato una strategia su due fronti. Una è stata quella di non impegnarsi in un conflitto militare diretto, ma di sostenere l’Ucraina con armi e altre attrezzature militari. Alcuni Paesi sono stati più veloci di altri, ma questa parte della strategia ha avuto un notevole successo. L’Ucraina è riuscita a resistere alle forze russe e a respingerle da molte aree, anche se il risultato è ancora lontano dall’essere certo.

L’altro aspetto, tuttavia, si è rivelato spuntato: il piano di guerra economica con Mosca, scatenando uno shock finanziario su scala mai vista prima. La Russia doveva essere tagliata fuori quasi completamente, con sanzioni e boicottaggi su tutte le importazioni e le esportazioni, tranne quelle umanitarie come i medicinali. La Russia di Putin, secondo la teoria, sarebbe stata impoverita fino alla resa.

Pochi in Occidente sono consapevoli di quanto questo aspetto della guerra stia andando male. L’Europa stessa ha pagato un prezzo elevato per attuare un boicottaggio parziale del petrolio e del gas russo. Le importazioni di combustibili fossili dalla Russia nel Regno Unito ammontavano a 4,5 miliardi di sterline nel 2021; nell’anno fino a gennaio 2023 sono scese – ufficialmente – a 1,3 miliardi di sterline. Nel 2020 l’UE si riforniva dalla Russia del 39% del gas e del 23% del petrolio; nel terzo trimestre dello scorso anno la percentuale era scesa rispettivamente al 15% e al 14%.

Ma queste cifre non spiegano l’entità del fallimento nel danneggiare l’economia russa. Ben presto è stato chiaro che mentre l’Occidente era interessato a una guerra economica, il resto del mondo non lo era. Mentre le esportazioni di petrolio e gas verso l’Europa sono diminuite, la Russia ha rapidamente aumentato le esportazioni verso la Cina e l’India, che hanno preferito acquistare petrolio a prezzi scontati piuttosto che prendere posizione contro l’invasione dell’Ucraina. Peggio ancora, sembra che parte del petrolio russo esportato in India sia stato dirottato in Europa, con un aumento del numero di navi che trasportavano petrolio raffinato dall’India attraverso il Canale di Suez.

Sembra che ci sia stato un travaso anche nell’altra direzione. Un’inchiesta del quotidiano tedesco Bild ha scoperto una preoccupante crescita delle esportazioni verso i Paesi confinanti con la Russia. Le importazioni di autoveicoli tedeschi in Kazakistan, ad esempio, sono aumentate del 507% tra il 2021 e il 2022 e in Armenia del 761%. Le esportazioni di prodotti chimici in Armenia sono aumentate del 110% e in Kazakistan del 129%. Le vendite di apparecchiature elettriche e informatiche in Armenia sono aumentate del 343%. Non è facile stabilire che fine facciano queste merci una volta raggiunte le ex repubbliche sovietiche, ma una spiegazione probabile è che finiscano in Russia come flussi commerciali deviati. E anche se queste merci non vengono formalmente riesportate, molti cittadini russi mantengono l’accesso senza visto a questi Paesi e sono in grado di portare le merci oltre il confine.

L’Occidente ha adottato una politica che cerca di colpire in particolare i russi ricchi con sanzioni economiche. Ma, ironia della sorte, sono le persone che possono accedere più facilmente ai beni occidentali attraverso il commercio deviato. Sono loro che hanno il doppio passaporto, loro che possono permettersi di viaggiare all’estero per acquistare i loro beni di lusso. A meno di un boicottaggio globale contro la Russia, è molto difficile impedire che i prodotti occidentali arrivino nelle mani dei russi ricchi.

L’Occidente ha intrapreso la guerra delle sanzioni con un senso esagerato della propria influenza nel mondo. Come abbiamo scoperto, i Paesi non occidentali non hanno la volontà di imporre sanzioni né alla Russia né agli oligarchi russi. I risultati dell’errore di calcolo sono sotto gli occhi di tutti. Nell’aprile dello scorso anno, il FMI ha previsto che l’economia russa si sarebbe contratta dell’8,5% nel 2022 e di un ulteriore 2,3% quest’anno. In realtà, l’anno scorso il PIL è sceso solo del 2,1% e quest’anno il FMI prevede un piccolo aumento dello 0,7%. E tutto questo nonostante la guerra in Ucraina sia andata molto più male di quanto molti immaginavano nel febbraio dello scorso anno. L’economia russa non è stata distrutta; è stata semplicemente riconfigurata, riorientata per guardare verso est e verso sud piuttosto che verso ovest.

Non è stato necessariamente sbagliato dichiarare guerra economica alla Russia. Il Paese ha subito danni dalle sanzioni occidentali, anche se niente di paragonabile alla scala che si immaginava di poter infliggere. Ma se l’Occidente pensa che in futuro potrà combattere le guerre solo con mezzi economici, senza bombe o proiettili, si sbaglia di grosso.

L’equipaggiamento militare occidentale ha permesso all’Ucraina di organizzare una battaglia tra Davide e Golia che potrebbe ancora vincere – e sicuramente di evitare l’annessione da parte di Putin. Per quanto riguarda le sanzioni economiche, invece, dovremo ripensarci.

Staff dello Spectator

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments