PERCHÉ LA CULTURA LGBT HA MESSO IL “TURBO”?

//PERCHÉ LA CULTURA LGBT HA MESSO IL “TURBO”?

PERCHÉ LA CULTURA LGBT HA MESSO IL “TURBO”?

By |2018-07-12T14:05:04+00:00luglio 12th, 2018|Categories: Attualità|Tags: , |0 Comments

Perché la cultura LGBT ha messo il “turbo”? Una possibile spiegazione ce la dà Tom Gilson.

Vi riporto l’articolo nella mia traduzione.

Foto: LGBT ed élite

Foto: LGBT ed élite

Da almeno un decennio, sto cercando di capire le forze che hanno fatto avanzare così rapidamente il movimento LGBT.  Sono rimasto stupito dalla velocità con cui è stato adottato il transgenderismo, soprattutto da parte dei dirigenti d’azienda americani. L’articolo First Things di Darel E. Paul su “Culture War as Class War” mi ha aiutato a capire come anche tutto quello che ho visto.

L’ingresso nell’élite della società ha sempre richiesto l’adesione ad una serie di norme sociali, dice Paul.  All’inizio del 19° secolo in America, quelle norme sono state in gran parte conservatrici protestanti e anticattoliche. In seguito si sono spostati verso il protestantesimo liberale.  All’inizio del XX secolo esse sono state definite in gran parte dall’accettazione della contraccezione.

 

Ma questo non è durato. Paul ci dice, “Nel suo popolare anti-cattolico libro libertà americana e il potere cattolico, pubblicato in una seconda edizione nel 1958, Paul Blanshard ha osservato che ‘il controllo delle nascite ha guadagnato sia l’accettazione sia la rispettabilità negli Stati Uniti. Quasi tutte le persone benestanti del paese lo praticano’”.  Nota: “benestanti”. La contraccezione è diventata quasi universale, tuttavia, spogliandola del suo valore nella definizione dello status d’élite.

Già nel libro di Blanshard del 1958, le élite sostenevano la “sterilizzazione eugenetica” di coloro che sono “malati, minorati mentali e una minaccia per la normale vita comunitaria”. Ma l’eugenetica divenne screditata e imbarazzante. Quasi nessuno ricorda oggi quanto fosse popolare una volta.

 

Il nuovo valore di definizione di élite

Quindi, qualcosa d’altro ha dovuto sostituire questi valori nella definizione dell’élite. Rapidamente arriviamo ad oggi: l’accettazione morale dell’omosessualità e dei transessuali è diventata uno dei mezzi più chiari per distinguere le élite dai “deplorevoli”.  Non è un caso che la prima volta che Hillary Clinton ha fatto una gaffe e ha pronunciato questa parola in pubblico, abbia partecipato a un incontro con i sostenitori LGBT in un ristorante d’elite di New York.


Il sostegno alle persone LGBT è diventato essenziale per la loro accettazione negli ambienti elitari. Il che spiega molto.

 

Ha certamente senso che le grandi imprese e persino i grandi sport saltino a bordo con essa.  ESPN ( è una emittente televisiva statunitense che trasmette programmi dedicati unicamente allo sport 24 ore su 24, ndr) ha licenziato commentatori che hanno resistito. L’NCAA (è un’associazione che raggruppa circa 1200 istituti raggruppati in conference, organizzazioni ed individui che organizzano i programmi sportivi di college ed università negli Stati Uniti, ndr) e decine di altre imprese gridarono “Boicottate” quando la Carolina del Nord ha chiesto politiche sanitarie sane (non comprendenti l’aborto, ndr). Sport e affari possono avere entrambi un patrimonio conservatore, ma sono anche gestiti – nei loro uffici aziendali e forse soprattutto nei loro consigli di amministrazione – da persone che desiderano l’accettazione d’élite.

Il grande e ingannevole Motivatore

È un motivatore estremamente potente. Come C. S. Lewis (l’autore de “Le cronache di Narnia, ndr) scrisse in “The Inner Ring” (la cerchia esclusiva):

 

Credo che nella vita di tutti gli uomini in certi periodi, e in quella di molti uomini in tutti i periodi tra l’infanzia e la vecchiaia estrema, uno degli elementi più dominanti sia il desiderio di essere all’interno del Ring locale e il terrore di essere lasciati fuori.  … “Charles ed io abbiamo visto subito che devi essere in questo comitato”. Una terribile noia… ah, ma quanto più terribile se si fosse lasciati fuori! È faticoso e malsano perdere i pomeriggi del sabato: ma averli liberi perché non te ne preoccupi, è molto peggio.

È una motivazione, suggerisce Lewis, che porta gli uomini a diventare mascalzoni. Non all’improvviso, non ovviamente, e certamente non per qualsiasi motivo di mascalzonata, ma semplicemente per non essere esclusi dall’élite.

Il saggio è abbastanza brillante, ma per cogliere tutto il peso di ciò che sta dicendo, è necessario leggere il suo romanzo That Hideous Strength, che ritrae la lotta di un giovane con l’impulso della “cerchia esclusiva”. Dovrebbe essere richiesta la sua lettura nelle scuole superiori e nei collegi cristiani, proprio per questo motivo.

Quindi insegnare l’umiltà, anche

C. S. Lewis a parte, l’articolo di Paul suggerisce che saremmo saggi – specialmente con la nostra gioventù – a condurre la nostra lotta per la vera moralità su due fronti, non solo uno. Dobbiamo dire loro che ciò che dice la Scritturasu ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.  Dobbiamo spiegare la stessa cosa con la legge naturale, che è solo l’esperienza umana comune unita a un’attenta riflessione. Questi due aspetti si combinano come un fronte unico nella nostra battaglia: insegnare cosa è moralmente vero e cosa è moralmente buono.

Insieme a questo, però, dobbiamo anche insegnare l’umiltà cristiana. La voglia di unirsi alla “cerchia esclusiva” è ingannevole, come Lewis dimostra, perché non esiste una cosa come arrivare lì ed essere soddisfatti. Gli umili lo sanno già; semmai l’orgoglioso lo capisse, è il modo difficile.

È anche indifferente nei modi in cui una mamma o un papà non cristiani potrebbero desiderare che il loro bambino diventi. Perché il “circolo esclusivo” non può esistere senza un buio esterno per la maggioranza che riesce a malapena a giudicare, le persone che “non sono così bravi come lo siamo noi”, l e persone che guardano dal basso verso l’alto. I deplorevoli, in una parola.

 

Fonte: the Stream

 

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.