Perché il summit di Francesco sugli abusi potrebbe essere ad alto rischio per il suo papato

//Perché il summit di Francesco sugli abusi potrebbe essere ad alto rischio per il suo papato

Perché il summit di Francesco sugli abusi potrebbe essere ad alto rischio per il suo papato

By |2018-09-15T11:27:00+00:00settembre 15th, 2018|Categories: Chiesa|Tags: , , , |2 Comments

Una interessantissima analisi di John L. Allen Jr sul programmato incontro di febbraio prossimo dei presidenti delle Conferenze episcopali voluto da Papa Francesco per discutere la questione degli abusi nella Chiesa. Un incontro ad alto rischio per Francesco. Ecco perché.

Eccolo nella mia traduzione.

Foto: papa Francesco

Foto: papa Francesco

 

La grande storia vaticana di mercoledì è stata chiaramente l’annuncio che Papa Francesco ha convocato tutti i presidenti delle conferenze nazionali dei vescovi cattolici di tutto il mondo, più di 100 prelati in tutto, a Roma dal 21 al 24 febbraio per una sessione sulla “protezione dei minori”.

La reazione immediata è stata quella di supporre che si trattasse di un tentativo del Vaticano di rimodellare la storia di Francesco e degli scandali di abusi sessuali clericali della Chiesa, dopo quello che è stato un mese eccezionalmente brutale.

Tutto è iniziato con il rapporto della grande giuria della Pennsylvania a metà agosto, ed è culminato con un’accusa bomba, due settimane fa, da parte del suo ex ambasciatore negli Stati Uniti (Viganó, ndr), secondo la quale Francesco sarebbe stato a conoscenza delle accuse di abusi sessuali contro l’ex cardinale Theodore McCarrick cinque anni fa e le avrebbe ignorate.

Sicuramente, l’incontro di febbraio non sarà una cosa scontata su questa materia. È raro che il Vaticano convochi tutti i presidenti delle conferenze episcopali mondiali per qualsiasi motivo, ed è la prima volta in assoluto che il Vaticano convoca un tale campione significativo di alta dirigenza per parlare della crisi degli abusi.

Quello che il Papa e i suoi consiglieri hanno in mente in questa direzione è l’esempio del Cile. Mentre la crisi degli abusi di quel Paese si è riscaldata nel 2016 e nel 2017, Francesco è stato ampiamente percepito come ostile alle vittime, accusandole addirittura di “calunnia” nel gennaio di quest’anno per aver continuato a criticare un vescovo che, secondo loro, aveva coperto il loro abusatore.

Le cose sono cambiate rapidamente, però, quando Francesco ha convocato tutti i vescovi del Cile a Roma nel mese di maggio, al termine del quale tutti hanno dato le dimissioni. Il Papa ha letto l’atto di protesta ai prelati cileni, accusando senza mezzi termini che alcuni di loro erano colpevoli non solo di aver chiuso un occhio, ma anche di aver partecipato attivamente alla copertura, come la distruzione delle prove per impedire l’avvio di indagini criminali.

L’effetto netto è stato quello di suggerire che Francesco era passato dall’essere parte del problema a chiave della soluzione, e questo ha più o meno spento quello che era stato un potenziale fuoco mediatico. Da allora una parte di quella pressione è diminuita, poiché Francesco ha accettato solo le dimissioni di cinque di quei vescovi, e senza dare alcuna spiegazione pubblica del perché. Ciononostante, molte persone un mese fa gli avrebbero ancora dato il beneficio del dubbio.

Per analogia, Francesco e la sua equipe potrebbero pensare che convocare i presidenti delle Conferenze episcopali potrebbe avere lo stesso effetto tonico sull’atmosfera attuale, proiettando immagini di un papa deciso a fare la cosa giusta.

Quello di cui forse non si rendono pienamente conto, tuttavia, è quanto l’attuale situazione sia più grande del Cile. In realtà, questa (convocazione di febbraio, ndr) potrebbe essere la posta in gioco più alta del papato di Francesco, perché se questo andasse male, le conseguenze potrebbero essere paralizzanti su scala globale.

Negli ultimi cinque anni e mezzo, decine di volte mi sono trovato in conversazioni – a volte con persone della Chiesa, a volte con colleghi dei media, a volte nel circuito delle conferenze – il cui tema è stato: “Può qualcosa porre fine alla storia d’amore pubblico con questo Papa?”

Francesco è una figura così convincente e ispiratrice, che è sempre stato difficile rispondere a questa domanda. Di solito, risponderei in questo modo: “Se il papa venisse percepito come compromesso sulla questione degli abusi, questa potrebbe essere l’unica cosa che potrebbe contare”.

Ora, questo è esattamente il punto in cui ci sembra di essere: la gente si chiede se il Papa intende davvero ciò che dice sulla riforma, e se è personalmente colpevole di aver coperto gli abusi.

L’unica via d’uscita sembrerebbe essere duplice.

In primo luogo, il Vaticano dovrà rivelare ciò che sapeva (sugli abusi, ndr), e da quando lo sapeva, a partire dal caso McCarrick. Oggi (l’altro giorno, ndr), Francesco incontrerà i responsabili della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti per discutere la loro richiesta di un’indagine sulla saga di McCarrick, ed è difficile a priori sapere come le domande sulla questione del Vaticano possano essere risolte senza che si perda in credibilità. (qui il risultato dell’incontro, ndr)

(Certo, il cardinale Daniel DiNardo di Galveston-Houston, presidente della conferenza americana, sta ora affrontando accuse di non aver risposto alle accuse contro uno dei suoi sacerdoti arrestati questa settimana per abusi sessuali. Tuttavia, a prescindere da chi condurrà la conferenza, le domande su McCarrick non andranno via.

In secondo luogo, il Vaticano dovrà anche affrontare quello che la maggior parte degli osservatori considera come l’evidente questione incompiuta della Chiesa, che sta creando e rinforzando la stessa forte responsabilità per l’occultamento come per il crimine.

Oggi, è chiaro che se un chierico cattolico è accusato di abuso di un bambino, un’indagine è automatica e la punizione, se l’accusa fosse credibile, rapida e severa.  Resta molto meno chiaro, tuttavia, cosa succederebbe quando un vescovo o un altro superiore della Chiesa fosse accusato di aver coperto il crimine – chi indagherebbe, quale processo seguirebbe, e quale punizione potrebbe essere inflitta rimane una grande incognita.

Questo divario nella responsabilità è un segreto di

Pulcinella, ed è il punto più importante che i gruppi di advocacy e altri critici mettono in evidenza quando vogliono sostenere che la Chiesa non ha ancora chiarito il suo operato.

Se il summit di febbraio dovesse concludersi senza un percepito passo avanti su questi due fronti, allora il risultato potrebbe essere che questo sia percepito come un cinico esercizio cosmetico, producendo un senso di disillusione da cui anche una figura formidabile come Francesco potrebbe lottare per riprendersi.

È ragionevole credere che il Vaticano possa compiere significativi passi avanti su questi due fronti entro la fine di febbraio?

Forse sì, forse no, ma probabilmente non è il segno più incoraggiante osservare come nessuna di queste parole – “trasparenza” o “responsabilità” – appaia anche nella breve dichiarazione vaticana di mercoledì. Essa si riferisce solo a Francesco che convoca i vescovi per discutere di “protezione dei minori”.

Il fatto che la raccomandazione di convocare il vertice provenga dal gruppo dei cardinali consiglieri del papa, il “C9”, un gruppo che comprende il cardinale Sean O’Malley di Boston, che funge anche da capo della Pontificia Commissione vaticana per la protezione dei minori, può suggerire che l’obiettivo è quello di incoraggiare le conferenze episcopali che non l’avessero ancora fatto ad adottare politiche antiabuso. Questa è stata una priorità assoluta della commissione di O’Malley fin dall’inizio.

Anche se tali politiche rappresentassero chiaramente un passo avanti, se questo fosse tutto quello che il vertice producesse, sarebbe ben al di sotto di quello che molti osservatori ritengono sia necessario per considerare un reale progresso nelle circostanze attuali – a cominciare dai gruppi di sopravvissuti e dai gruppi di osservatori che saranno oggetto di particolare attenzione, e che contribuiranno a plasmare la narrazione mediatica in seguito.

Inoltre, il fatto che l’incontro sarà così breve, solo tre giorni, e che i partecipanti non sono personaggi qualunque, ma i leader eletti delle conferenze episcopali nazionali, che probabilmente non saranno disponibili ad accontentarsi di risultati prefabbricati prodotti alla meglio, può rendere difficile realizzare molto.

D’altra parte, immaginate se il vertice producesse davvero dei risultati. All’improvviso, un papa della riforma, che è sempre più visto come colui che non è riuscito a portare risultati su diversi fronti, come le finanze vaticane, compirebbe quello che due precedenti papi non hanno fatto, e sarebbe visto come colui che ha  affrontato e risolto la più grave crisi del cattolicesimo probabilmente dopo la Riforma protestante.

In altre parole, Francesco ha molto da perdere se questo andasse male, e molto da guadagnare se andasse bene – la definizione da dizionario, quindi, di una mossa ad alta posta in gioco.

 

Fonte: Crux Now

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. […] ai vescovi USA di astenersi dalle votazioni in attesa di un summit di tre giorni programmato per febbraio prossimo a Roma. Tale summit è stato convocato da Papa Francesco per discutere proprio della crisi degli abusi, e […]

    • Sabino Paciolla 14 novembre 2018 at 17:51 - Reply

      L’articolo riporta chiaramente che nei giorni scorsi la Conferenza Episcopale francese ha approvato una commissione indipendente formata anche da laici che indagherà sugli abusi. Ciò è avvenuto con la “benedizione” della Santa Sede (nell’articolo è presente il link al portale del Vaticano).

      Dall’articolo, quindi, riprendo questo passo: “E allora, molti si sono chiesti: come mai la tanto declamata “sinodalità” in questo caso è stata azzerata? Come mai per la Francia vi è stato il lasciapassare da parte del Vaticano, mentre nel caso degli USA è arrivato un improvviso ed inaspettato stop?”

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.