“Non c’è letteralmente nulla che giustifichi la segregazione delle persone in base alla loro decisione di rinunciare a un’iniezione che comporta la potenziale morte o l’invalidità per tutta la vita”.

Commovente lettera di una persona anonima, pubblicata su Lifesitenews, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Cardinali, foto Romano Siciliani - Vatican Media
Cardinali, foto Romano Siciliani – Vatican Media

 

Eminenze, Eccellenze, Grazie:  

Lo scorso anno e mezzo non è stato come nessun altro in nessuna delle nostre vite. Mentre i nostri genitori e nonni hannno conosciuto in prima persona il terrore della guerra o la privazione della Grande Depressione, siamo stati ampiamente risparmiati, in grado di ritagliarci la nostra esistenza in relativa pace ed equanimità. Anche gli eventi che hanno sconvolto la vita come l’11 settembre sono stati in gran parte dimenticati in questo, il ventesimo anno dalla caduta delle Torri Gemelle.   

Come potrebbe essere? La commemorazione in gran parte silenziosa di quell’evento appena due settimane fa è agghiacciante nel grande schema delle cose perché è un microcosmo dell’apatia che ci ha sopraffatti. Abbiamo promesso che non l’avremmo mai dimenticato. Ma l’abbiamo fatto. 

Sono cresciuta a New York in un periodo in cui avevamo una grande popolazione ebraica immigrata. Molti di noi hanno vissuto accanto ai sopravvissuti e alle famiglie del peggior genocidio immaginabile: l’Olocausto. In quanto giovane donna sposata che lavora a Manhattan, non mi sembrava insolito vedere in metropolitana pendolari con dei numeri tatuati all’interno dell’avambraccio, a significare che erano stati prigionieri in un campo di concentramento nazista. Non riuscivamo a capire come le persone potessero guardare dall’altra parte, rifiutandosi di salvare i vicini. Li chiamavamo codardi.   

Come Ordinari delle vostre Diocesi, siete chiamati a fare una dichiarazione definitiva in questo tempo che potrebbe essere cruciale nella storia quanto l’Olocausto. Le persone sono tenute in ostaggio da ideologie che stanno costando vite. Come sicuramente saprrete, alcuni Vescovi hanno dichiarato che i loro dipendenti devono essere vaccinati o perderanno il lavoro, e alcuni sono arrivati ​​al punto di vietare ai loro sacerdoti di concedere l’esenzione religiosa che i loro parrocchiani altrimenti potrebbero legalmente rivendicare ai sensi della Clausola del Libero Esercizio della Costituzione degli Stati Uniti.  

Al contrario, credo che ci sia una piccola manciata di Vescovi che non hanno imposto un’osservanza valida per tutti, ma hanno concesso al loro Gregge il diritto di seguire la propria coscienza. I vescovi del Colorado sono arrivati ​​al punto di fornire un modello di lettera che possono stampare e portare al loro pastore per la sua firma.   

I Vescovi del Colorado sostengono chiaramente la loro posizione, affermando, in parte:  La Chiesa cattolica insegna che a una persona può essere richiesto di rifiutare un intervento medico, inclusa una vaccinazione, se la sua coscienza giunge a questo giudizio”. Citano poi diversi articoli pubblicati da istituzioni cattoliche consolidate tra cui il Catechismo, che dice: “Un essere umano deve sempre obbedire al giudizio certo della sua coscienza. Se dovesse agire deliberatamente contro di essa, si condannerebbe…” (n. 1790 CCC).  

Si può discutere all’infinito se il diritto di una persona a rifiutare un intervento medico come un vaccino debba essere concesso unicamente sulla base dell’uso – non importa quanto remoto – di materiale derivato da un bambino abortito. La mia più grande preoccupazione è la sconvolgente constatazione che non siamo più in grado di dire definitivamente che siamo un Paese di diritto, protetto dalla Costituzione. Questo dovrebbe spaventare ogni americano poiché siamo l’unico paese al mondo fondato sul principio che le nostre leggi proteggono tutti allo stesso modo, senza eccezioni.   

Non c’è letteralmente nulla che giustifichi la segregazione delle persone in base alla loro decisione di rinunciare a un’iniezione che comporta il potenziale di morte o disabilità permanente. Rifiutarsi di trattare i cittadini in modo ineguale è stata una delle più grandi decisioni uscite dai processi di Norimberga, ed è stata additata come l’unica soluzione giusta  in onore dei milioni di persone uccise nell’Olocausto. La promessa che demonizzare un intero gruppo di persone non sarebbe mai più accaduto dovrebbe essere un Sacro Trust che non potremmo mai permettere che venga abrogato.   

In una recente intervista di 45 minuti con l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich, Vera Sherav, presidente dell’ Alleanza per la protezione della ricerca umana” ha detto, in parte:   

Da bambina sopravvissuta al regno del terrore nazista ho imparato lezioni indelebili sulla natura del male. Conosco le conseguenze dell’essere stigmatizzato e demonizzato come [un] ‘diffusore di malattie’. …Per segregare gli ebrei, le leggi di esclusione hanno escluso la famiglia dalla vita normale. Dalla frequentazione delle attività ordinarie. La nostra proprietà è stata sequestrata. Ci era proibito partecipare a tutte le riunioni educative, culturali e religiose. Il viaggio era vietato agli ebrei, quindi non c’era scampo. … Sotto il regime nazista, le norme morali furono sistematicamente cancellate. La professione medica e le istituzioni furono radicalmente trasformate. La scienza accademica, l’esercito, l’industria e la medicina clinica erano strettamente intrecciate, come lo sono ora. Il sistema nazista ha distrutto una coscienza sociale in nome della salute pubblica. Le violazioni contro individui e classi di esseri umani furono istituzionalizzate. … [La] professione medica e le istituzioni tedesche sono state pervertite. Le politiche coercitive per la salute pubblica hanno violato i diritti civili e umani individuali. I metodi criminali sono stati usati per far rispettare le politiche. La propaganda nazista usava la paura delle epidemie infettive per demonizzare gli ebrei come portatori di malattie. [ enfasi aggiunta. ]

(se il video qui sotto non si apre, cliccare qui)

Quello che ha descritto mi ha fatto rabbrividire, perché vediamo cose simili accadere oggi. Cosa è successo alle nostre leggi? Perché non ci proteggono? Chi ci protegge?

Indipendentemente dalla vostra posizione sul dibattito sui vaccini, minacciare di togliere a qualcuno i mezzi di sostentamento, impedirgli di poter viaggiare sui trasporti pubblici o impedirgli di andare a scuola perché ha scelto di non fare il vaccino è un ricordo di ciò che Vera Sherav ha vissuto da bambina per mano del regime nazista. È incomprensibile che non siamo in grado di trovare leader disposti a porre fine a questo.

La prima frase della prima dichiarazione del Codice di Norimberga è la seguente:  “Il consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale”. La frase successiva prosegue affermando esplicitamente che la persona dovrebbe poter scegliere liberamente, senza alcun elemento di forza, costrizione o coercizione. (“Processi ai criminali di guerra davanti ai tribunali militari di Norimberga sotto la legge n. 10 del Consiglio di controllo”, Vol. 2, pp. 181-182. Washington, DC: Government Printing Office, 1949.) Il  vero consenso volontario non può verificarsi quando solo le informazioni favorevoli possono essere ascoltate e ogni opposizione è censurata. Coloro che cercano di presentare fatti contrastanti vengono diffamati ed emarginati, non importa quanto siano forti le loro credenziali.   

Vera ha anche detto: “La paura e la propaganda erano le armi psicologiche usate dai nazisti per imporre un regime genocida. E oggi alcuni cominciano a capire perché il popolo tedesco non si è ribellato. La paura ha impedito loro di fare la cosa giusta”. 

Quando gli americani hanno scoperto per la prima volta dell’Olocausto, è stato facile condannare coloro che avevano guardato dall’altra parte quando le brave persone venivano portate via in carri bestiame. Facevano finta di non saperlo perché era più facile. Oggi ignoriamo l’ovvio per lo stesso motivo; è più facile essere ignoranti.   

Gli psicologi infantili affermano che i nostri figli e nipoti potrebbero non riprendersi mai completamente dal trauma di sentirsi dire che potrebbero uccidere i loro insegnanti o nonni se non indossano maschere. Cosa gli stiamo facendo? Come possiamo osare di lasciare loro questa eredità? Perché non dovrebbero disprezzarci perché ci rifiutiamo di proteggerli? 

Le minacce hanno raggiunto un crescendo poiché i politici insistono sul fatto che tutti dovrebbero avere passaporti vaccinali e alle persone non vaccinate dovrebbe essere vietato frequentare la scuola o viaggiare in autobus. Queste misure ricordano la segregazione che giustamente abbiamo condannato. Solo un anno fa queste direttive sarebbero state considerate inconcepibili, ma la pressione incessante ha fatto cedere i timorosi e il resto di noi a temere per la nostra sicurezza. Non intendiamo la sicurezza dal virus, ma la sicurezza da un governo tirannico deciso a costringerci contro la nostra volontà finché non ci conformiamo. Con nostro stupore e orrore, i nostri stessi Vescovi sembrano essere complici volenterosi di questo incubo. 

Come possiamo stare a guardare quando i datori di lavoro dicono che licenzieranno chiunque non riceverà il vaccino? Questa è una coercizione esplicita, e nessuno in autorità sembra battere ciglio. Come disse Vera Sherav, “Il sistema nazista ha distrutto una coscienza sociale in nome della salute pubblica”. Cosa diremo che ha distrutto la nostra coscienza? 

So che questo è l’argomento più discusso in tutte le sedi che frequento, e vi garantisco che lo stesso vale in ogni singola Diocesi o Arcidiocesi di questo Paese. Le persone sono terrorizzate, perché non vedono i loro leader spirituali assumere il ruolo di guida divina mentre la tirannia alza la sua brutta testa. Come Ordinari, siete ampiamente protetti dalla nostra paura dalle vostre Cancellerie. Nessuno può credere che questo stia accadendo in America. Eppure, a così tanti livelli, sembrate insensibili alla nostra situazione. Perché? Che fine ha fatto l’ammonimento di papa Francesco di “avere l’odore delle pecore”? 

Come potrebbero i nostri leader religiosi guardare collettivamente dall’altra parte e permettere che qualcosa di simile accada di nuovo? Tutti voi avete fatto un passo indietro in maniera innocente e avete accettato di attuare procedure restrittive l’anno scorso perché tutti partivano dalla premessa che questo focolaio fosse simile all’influenza spagnola del 1918, che uccise milioni di persone. Invece, era paragonabile al virus dell’influenza annuale in termini di letalità. Un lockdown destinato a durare due settimane non si è mai veramente interrotto e si è invece trasformato in varie restrizioni basate sulla politica locale. Decine di migliaia di aziende sono state costrette a chiudere, distruggendo così i sogni e i mezzi di sussistenza di tanti piccoli imprenditori e dei loro fedeli dipendenti. Si stima che i suicidi siano aumentati del 300% nel 2020. Solo Dio sa quale sarà il numero nel 2021. 

Non possiamo continuare a tacere quando i burocrati medici o i politici totalitari continuano a creare un cuneo tra i cittadini contrapponendo deliberatamente i vaccinati ai non vaccinati sulla base di dati fuorvianti e incompleti. L’immunità naturale dala guarigione dell’infezione di un virus è sempre stata il Gold Standard, eppure con il Covid non è più vero? Perché ogni singola persona deve essere vaccinata? La completa mancanza di una risposta logica da parte di tutte le organizzazioni di 3 lettere dovrebbe rendere nervoso ognuno di voi. Il rapporto VAERS, pubblicato settimanalmente dal CDC, mostra orribili effetti collaterali e migliaia di morti a seguito del lancio del vaccino iniziato a gennaio.   

Ora stiamo ascoltando storie terrificanti di famiglie a cui, una volta che un membro della famiglia è ricoverato in ospedale, viene detto che non possono cambiare il medico della persona amata o i protocolli medici diretti dall’ospedale. Il Power of Attorney del paziente viene ignorato, vengono trattenuti contro la loro volontà, viene detto alla loro famiglia che non c’è speranza e muoiono da soli. L’ospedale poi lo chiama una morte COVID. Come può succedere in America?   

Perché queste informazioni vengono nascoste al pubblico? Cosa abbiamo fatto non insistendo nel vedere dati medici reali? Dove sono i dati effettivi degli studi sui vaccini, non solo i punti di discussione? Perché i nostri leader hanno paura di parlare o scovare risposte usando l’antico Metodo Socratico così riccamente insegnato nelle nostre scuole cattoliche per discernere la verità dalle falsità? Che fine ha fatto il vecchio buon senso?  

Siamo letteralmente costretti a vivere un incubo di propaganda senza sosta che crea un ciclo dopo ciclo di panico nelle nostre comunità. Man mano che ogni incubo muore o viene abbattuto, ce n’è uno nuovo pronto a diventare notizia in poche ore. È come se ci fosse un copione da qualche parte e tutti dovessero camminare di pari passo con le autorità nascoste dietro il sipario. La paura paralizza le brave persone e la realtà diventa chiara soprattutto col senno di poi.    

Siamo tutti a un bivio nelle nostre vite. Ognuno di noi è costretto a prendere decisioni che non avremmo mai pensato di poter superare. La storia non ha giudicato bene coloro che sono rimasti a guardare quando avrebbero potuto fare qualcosa. Coloro che vengono ricordati sono quelli che si sono alzati in piedi e hanno protetto coloro che non potevano proteggersi. C’è un motivo se ricordiamo nomi come Corrie Ten Boom e Rosa Parks. O Massimiliano Kolbe e Madre Teresa. Hanno fatto la cosa difficile quando significava letteralmente rischiare la vita.   

Dove sono quelli che oggi si alzeranno coraggiosamente in piedi e proteggeranno gli innocenti? Chi ci guiderà? Ognuno di noi dovrà presentarsi davanti a Dio e rendere conto delle persone che abbiamo aiutato, così come di quelle che avremmo potuto aiutare, ma non l’abbiamo fatto. 

Per favore, Vescovi, fate il possibile per fermare l’eccessiva forza del governo che minaccia di privarci delle nostre libertà. Per favore combattete per sostenere le leggi che proteggono il diritto di OGNI americano di esaminare liberamente e completamente la propria coscienza e di prendere la propria decisione riguardo alle proprie cure mediche. Non solo è scritto nella nostra Costituzione, ma la coercizione medica è chiaramente contraria al Codice internazionale di Norimberga. Un Codice in cui l’umanità ha promesso collettivamente: Mai più!   

In qualità di principali leader spirituali nel nostro paese, i vescovi cattolici devono essere sicuri di non essere complici del loro silenzio, guardando dall’altra parte e dando così al nostro governo il permesso di cancellare la classe media.   

Claire Barrett, un’autrice di HistoryNet.com, ha scritto: “C’è complicità nel silenzio. Martin Niemöller, un famoso pastore luterano in Germania, scrisse: ‘Prima vennero per i socialisti, e io non parlai, perché non ero un socialista. Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho parlato, perché non ero un sindacalista. Poi vennero per gli ebrei e io non parlai, perché non ero ebreo. Poi sono venuti per me – e non c’era più nessuno che parlasse per me.’” Ho imparato quella citazione al liceo e scommetto che molti di voi l’hanno imparata allo stesso tempo nelle loro vite.     

Un video che ha fatto il giro ultimamente colpisce questa stessa nota. Capisco che è una storia vera. Dura solo 11 minuti e spero che tu ti prenda il tempo per guardarlo. Si chiama:  Canta un po’ più forte”. 

Collettivamente, i nostri Vescovi in ​​America hanno la capacità di dare una svolta a questa nave semplicemente dando pieno appoggio alle direttive già stabilite nelle Direttive Etiche e Religiose dell’USCCB (Conferenza Episcopale USA, ndr) per i Servizi Sanitari Cattolici. Come hanno affermato i Vescovi del Colorado, “…un cattolico potrebbe rifiutare un vaccino basato sugli insegnamenti della Chiesa sulla proporzionalità terapeutica. La proporzionalità terapeutica è una valutazione se i benefici di un intervento medico superano gli effetti collaterali e gli oneri indesiderabili alla luce del bene integrale della persona, compreso il bene spirituale, psicologico e fisico”. (USCCB, Direttive etiche e religiose per i servizi sanitari cattolici, 6a ed., nn. 32-33; nn. 56-57; Parte terza; Introduzione, par. 2; Parte quinta, Introduzione, par. 3)  Conoscere gli effetti collaterali è fondamentale per esercitare il libero arbitrio, eppure questo viene offuscato. Come mai? 

Non ci sono scuse per la tirannia che farebbe scegliere a una persona di prendere un vaccino contro la propria volontà per sfamare la propria famiglia. Peggio ancora, è proprio una società malata che consentirebbe ad alcune figure di autorità di intervenire e decidere se una persona malata viva o muoia basandosi esclusivamente su un protocollo preferito.   

Perché i nostri leader spirituali dovrebbero guardare dall’altra parte e permettere al governo di continuare la loro stretta sempre più stretta sul nostro paese, ignorando i diritti inalienabili sanciti dalla nostra Costituzione? Non ha senso. Viene in mente un’affermazione molto a proposito fatta da Benjamin Franklin: “Coloro che rinuncerebbero alla libertà essenziale, per acquistare un po’ di sicurezza temporanea, non meritano né libertà né sicurezza”.

Vi sono state molte angosce da parte di voi Vescovi sul fatto che così tanti cattolici hanno lasciato la Chiesa e hanno perso la fede nella Vera Presenza. Sono incroci come questo che ne sono stati la causa. Vi siete rifiutati di guidare coraggiosamente e proteggere le vostre pecore durante la crisi degli abusi del clero, preferendo invece proteggere i vostri beni. Siamo a un bivio simile ora, e voi cavillate sulla semantica, rifiutando di mostrare leadership. Dovete ancora capire che non potete aspettarvi che ci alziamo e vi difendiamo quando vi siete ripetutamente rifiutati di alzarvi e proteggerci dai lupi che fanno a pezzi le nostre famiglie con ogni mezzo che possono immaginare. Anno dopo anno le atrocità si accumulano, non solo con i vaccini ma su ogni singolo fronte culturale. Eppure voi tacete. 

Dio è giusto e equo, ma non è cieco. A nessuno di noi sarà concesso di dire che non lo sapevamo, e come Suoi rappresentanti scelti qui sulla terra, sarete tenuti a uno standard ancora più alto di quello cui saremo chiamati noi. Migliaia di noi stanno tentando con forza di fare la nostra parte in modo da poter dire ai nostri nipoti che non ci siamo intimiditi di fronte alle minacce.    

Per favore, Vescovi, siamo in un momento critico nella storia del mondo. Difendete i diritti di tutte le persone, e non solo dei cattolici. Dobbiamo collettivamente tirare indietro il nostro paese dal precipizio dell’eccessiva portata del governo per un virus che ha un tasso di sopravvivenza migliore del 98%. Altrimenti, ci vergogneremo dell’eredità che lasciamo ai nostri nipoti e rimpiangeremo per sempre la nostra scelta quando saremo davanti a Dio nel nostro personale giorno del giudizio.   

In devoto abbandono alla Santa Volontà di Dio, 

Una pecora nel vostro ovile 

Facebook Comments