Rilancio un interessante thread di Don Wolt pubblicato su Twitter.

 

coronavirus

 

Quando la variante Omicron ha raggiunto più del 50% di prevalenza (sulla variante Delta, ndr) durante la settimana 49, i tassi di infezione COVID-19 improvvisamente sono aumentati molto più bruscamente e hanno raggiunto livelli più elevati in tutte le coorti (le fasce) di età adulta del Regno Unito completamente vaccinate rispetto alle loro controparti non vaccinati. Perché la risposta è stata marcatamente diversa alla Omicron tra i completamente vaccinati?

 

 

La crescita del tasso di infezione (Rept Wks 50-7) da quando Omicron è diventata dominante è molto più alta in tutte le coorti che hanno ricevuto il richiamo (il booster). Negli adulti potenziati di età uguale o superiori a 50 anni, la crescita aumenta bruscamente con l’età o con il tempo trascorso dalla dose di richiamo – mentre la crescita del tasso di infezione nei non vaccinati è più coerente tra le coorti. Perché?

 

 

Una variazione improvvisa, a partire da circa la settimana 49, nei tassi di test o il comportamento tra gli adulti completamente vaccinati contro i loro coetanei non vaccinati sembra una spiegazione altamente improbabile per la forte differenza nei tassi di crescita delle infezioni COVID-19 che vediamo all’inizio di dicembre. Quindi cosa spiega questo?

 

 

17.02.2022: I tassi di infezione del Regno Unito, dall’arrivo di Omicron, sono aumentati molto più velocemente tra colori che avevano ricevuto il booster rispetto ai non vaccinati e rimangono più alti in tutte le coorti di adulti con booster. Entrambi , coloro che hanno ricevuto il richiamo & i non vaccinati continuano ad essere infettati e diffonderre il virus – e negli adulti,  coloro che hanno ricevuto il booster molto di più – invalidando gli obblighi vaccinali.

 

Facebook Comments