“Un appello alla fratellanza universale senza Gesù Cristo, l’unico e vero redentore dell’umanità, ci porterebbe in una terra di nessuno senza una teologia della rivelazione. Una sana guida richiede il papa come capo dell’intero episcopato che unisce tutti i credenti più e più volte nell’esplicita confessione di Pietro a “Cristo il Figlio del Dio vivente” (Matt. 16:16). In nessun modo, quindi, la Chiesa del Dio trinitario è una comunità di persone che aderisce a una sola espressione storica di una religione umana universale.”

Un notevole saggio del Card. Gerhard. L. Muller, prefetto emerito della Congregazione della Dottrina della Fede, pubblicato su First Thing. Lo rilancio su questo blog nella mia traduzione. 

 

Card. Gerhard L. Muller
Card. Gerhard L. Muller (CNS photo/Paul Haring)

 

Quando papa Benedetto XVI si è dimesso dal ministero petrino il 28 febbraio 2013 e Francesco è stato eletto papa il 13 marzo dello stesso anno, si è creata una situazione totalmente nuova, mai conosciuta prima nella storia del papato e della Chiesa. Mancano ancora modi dogmaticamente adeguati per comprenderla ed esprimerla. Da un lato, dobbiamo evitare l’idea eretica di una doppia leadership (come nel parlare di “due papi”), e dall’altro dobbiamo riconoscere il fatto che – secondo il linguaggio corrente – esiste un papa “emerito”, un vescovo di Roma che non ricopre più l’ufficio petrino. Il problema è che il vescovo di Roma come successore di Pietro costituisce il principio di unità, che può essere realizzato solo da una persona. In realtà ci può essere un solo papa, il che significa che le distinzioni terminologiche tra un papa “attuale” e uno “in pensione”, o tra un titolare attivo del primato romano e un partecipante passivo ad esso, non sono utili.

È popolare notare il fatto che i vescovi diocesani possono ritirarsi; ma questo significa trascurare il carattere unico del vescovo romano, che è personalmente il successore di Pietro e come tale costituisce la roccia su cui Gesù costruisce la sua Chiesa. Egli non è solo, come gli altri vescovi, successore degli apostoli nel collegio di tutti i vescovi. Il papa è specificamente e individualmente il successore dell’apostolo Pietro, mentre gli altri vescovi non sono successori di un solo apostolo, ma degli apostoli in generale.

Pertanto, lo straordinario “pensionamento” del vescovo di Roma – che “come successore di Pietro, è il perpetuo e visibile principio e fondamento dell’unità dei vescovi e dei fedeli” (Lumen gentium, 23) – non dovrebbe essere paragonato al cosiddetto pensionamento degli altri vescovi, né normalizzato come il diritto morale di “andare in pensione” dopo una lunga vita lavorativa. Invece, dovremmo affrontare le sfide che l’esistenza di un papa emerito pone per come comprendiamo la sacramentalità della Chiesa e il sacro primato di Pietro. Ciò richiede di trovare un modo teologico di comprendere l’attuale situazione eccezionale.

Il vescovo di Roma è il successore di Pietro solo finché vive e non si dimette volontariamente. Le funzioni episcopali di insegnare, governare e santificare sono essenzialmente incluse nel sacramento dell’ordinazione, mentre il papa legittimo possiede il carisma dell’infallibilità ex cathedra in rebus fidei vel morum e il primato della giurisdizione solo finché è in carica. Con la rinuncia volontaria all’ufficio, tutte le prerogative papali e l’autorità petrina decadono. Era prematuro pensare che se ci può essere un vescovo in pensione di New York o Sydney, allora sarebbe possibile anche un papa “in pensione”. Il titolo “papa” è solo il modo abituale di designare le prerogative del vescovo di Roma come successore di Pietro. Ma ogni vescovo di Roma è successore di Pietro solo finché occupa la cattedra di San Pietro. Non è il successore dei suoi predecessori, e quindi non ci possono mai essere due vescovi romani, papi e successori di Pietro, allo stesso tempo. 

Grazie alle numerose immagini, nei media sia laici che cattolici, di “due papi” fianco a fianco, è diventato in qualche modo inevitabile confrontare i pontificati di due persone viventi. Non possiamo trascurare il fatto che in un’epoca di pensiero secolare e di mass media, le considerazioni politiche e ideologiche contaminano i giudizi teologici, che sono considerazioni alla luce della fede nella missione soprannaturale della Chiesa. In casi estremi – a seconda degli interessi prevalenti – i principi della teologia cattolica vengono sospettosamente ascritti all’ideologia “conservatrice” o “liberale”. Le opinioni positive o critiche su un pontificato vengono abusate e strumentalizzate a spese dell’altro.

Gli esempi di questo dannoso antagonismo tra i pontificati di due attori viventi della storia contemporanea sono legioni. Ogni giorno appaiono nei commenti dei giornali, nei blog e nei siti web. Ma in realtà, il popolo di Dio ha un interesse spirituale e teologico in ciò che unisce Benedetto XVI e Papa Francesco nella loro cura per la Chiesa di Cristo, non in ciò che distingue lo stile personale del precedente e dell’attuale papa.

È in gioco la dignità del ministero petrino. Di questo dobbiamo tenere conto nel modo in cui definiamo il posto di Benedetto XVI nella Chiesa ora. Cose come la tonaca bianca o la sua pratica di dare la benedizione apostolica non sono centrali qui. L’ufficio del vescovo di Roma, perché è il successore di Pietro, non può essere separato dal ministero petrino, che riguarda il primato dell’insegnamento e della giurisdizione. La proposta di far tornare un ex papa nel collegio cardinalizio non risolve il problema fondamentale, che riguarda come l’ufficio di vescovo romano si rapporta alle prerogative petrine. A quale chiesa locale è legata la dignità episcopale dell’ex papa (come vescovo diocesano o titolare) se non alla Chiesa romana? Forse potremmo immaginarlo diventare vescovo di Ostia, nelle immediate vicinanze di Roma, senza assumere attivamente il governo di quella diocesi e senza partecipare come cardinale a conclavi o concistori.

Descrivere la relazione tra il papa precedente e quello attuale non può dipendere da simpatie personali. È una questione oggettiva sull’ufficio istituito da Cristo. Come editore delle opere raccolte di Joseph Ratzinger, ne so abbastanza per onorare il suo genio teologico. E avendo trascorso molto tempo in America Latina, apprezzo profondamente il lavoro instancabile di Papa Francesco per i poveri del mondo. Ho sempre interpretato le frasi ambigue in Amoris laetitia e Fratelli tutti lealmente e in continuità con il magistero della Chiesa – anche se le persone che giocano tattiche nella politica della Chiesa rifiutano questa continuità. Quando noi vescovi e specialmente i cardinali romani dobbiamo difendere pubblicamente “la verità del Vangelo” (Gal 2,14), è molto più di un atto di correzione fraterna, di cui tutti abbiamo bisogno finché siamo pellegrini su questa terra. 

Con riferimento a Sant’Agostino, San Tommaso lo spiega così: “Perciò Paolo, che era sottoposto di Pietro, lo rimproverava in pubblico, a causa dell’imminente pericolo di scandalo riguardo alla fede” (Summa theologiae II-II q. 33 a. 4 ad 2). Analogamente, i cardinali oggi servono il papato più con argomenti solidi che con panegirici inconsistenti. Nella Divina Commedia, Dante relega gli adulatori nell’ottavo cerchio dell’inferno – ma (nello spirito dell’umorismo cristiano) non voglio fare questo riferimento senza indicare la sempre più grande misericordia di Dio.

Per la Chiesa nel mondo di oggi è indispensabile una seria e profonda riflessione “sull’istituzione, la perpetuità, il significato e la ragione del sacro primato del Romano Pontefice” (Lumen gentium, 18). Questo è assolutamente certo: Cristo, il fondamento vivente e il fondatore sempre presente della Chiesa, fece del pescatore galileo Simone il primo dei suoi apostoli – non per offrirgli una piattaforma di realizzazione personale, o per fornire un impiego a una corte, ma per farne un “Servo dei Servi di Dio” che si dona totalmente. È così che Papa San Gregorio Magno (+604) ha descritto il ruolo unico del Papa romano.

Da un punto di vista dogmatico, è molto discutibile classificare le proprietà essenziali del ministero petrino come “titoli storici”, come nelle recenti edizioni dell’Annuario Pontificio. L’umiltà è una virtù personale che ogni ministro di Cristo dovrebbe coltivare. Ma non giustifica in qualche modo la relativizzazione dell’autorità che Cristo ha dato ai suoi apostoli e ai loro successori per la salvezza degli uomini e l’edificazione della sua Chiesa. Il cristianesimo è radicato nella realizzazione storica della salvezza; altrimenti, le realtà storiche sarebbero solo una specie di abito in cui si veste un mito senza tempo. Cristo è il Figlio consustanziale nell’unità trinitaria di Dio, e ci è voluto molto tempo, e grandi controversie sulla verità riguardante il mistero di Cristo, perché la terminologia cristologica si dispiegasse. In modo analogo, i termini “successore di Pietro, Vicario di Cristo e Capo visibile di tutta la Chiesa” (Lumen gentium, 18) esprimono la verità interna sul primato romano, anche se questi titoli furono applicati al papa romano solo nel corso del tempo.

Non c’è dubbio che, secondo la volontà di Cristo, il vescovo di Roma è il successore di Pietro. Con l’autorità di Cristo, egli esercita il potere delle chiavi su tutta la Chiesa a lui affidata (Matt. 16:18). Con il martirio di sangue e il martirio incruento, cioè la testimonianza dell'”insegnamento degli apostoli” (Atti 2,42), Pietro insieme a Paolo ha consegnato alla Chiesa di Roma il suo ministero duraturo di unità a tutti i fedeli, e ha stabilito una volta per tutte la Cathedra Petri in quella città (cfr. Ireneo di Lione, Contro le eresie III 3,3). Il fondamento e il cuore del ministero di Pietro è la sua confessione di Cristo, “affinché lo stesso episcopato sia uno e indiviso”. Per questo motivo, Gesù “ha posto il beato Pietro al di sopra degli altri apostoli e ha istituito in lui una fonte e un fondamento permanente e visibile dell’unità di fede e di comunione” (Lumen gentium, 18).

Pietro non è il centro della Chiesa o il punto focale dell’essere cristiani (la grazia santificante e l’essere figlio di Dio lo sono). Lui, come i suoi successori sulla sede della Chiesa di Roma, sono i primi testimoni del vero fondamento e del principio singolare della nostra salvezza: Gesù Cristo, il Verbo incarnato di Dio Padre. “Nessuno ha mai visto Dio. È Dio, il Figlio unigenito, che lo ha fatto conoscere” (Giovanni 1:18). Cristo Gesù è il solo e unico mediatore tra Dio e gli uomini (1 Tim. 2:5).

La “Chiesa del Dio vivente”, sotto la guida del papa, è la testimone e l’intermediaria dell’irrevocabile autocomunicazione di Dio come verità e vita ad ogni persona umana. La Chiesa non può assoggettarsi agli obiettivi di un nuovo ordine mondiale fatto dall’uomo, religioso-morale o economico-ecologico, anche se i “capi e i guardiani” di tale ordine riconoscessero il papa come loro guida onoraria. Questo, infatti, era l’incubo apocalittico del filosofo russo Vladimir Soloviev (1853-1900) in IL racconto dell’Anticristo (1899). Il vero papa, come vicario del Signore crocifisso e risorto, sostiene la confessione del regno di Dio: “Il nostro unico Signore è Gesù Cristo, il Figlio del Dio vivente”.

Un appello alla fratellanza universale senza Gesù Cristo, l’unico e vero redentore dell’umanità, ci porterebbe in una terra di nessuno senza una teologia della rivelazione. Una sana guida richiede il papa come capo dell’intero episcopato che unisce tutti i credenti più e più volte nell’esplicita confessione di Pietro a “Cristo il Figlio del Dio vivente” (Matt. 16:16). In nessun modo, quindi, la Chiesa del Dio trinitario è una comunità di persone che aderisce a una sola espressione storica di una religione umana universale. 

La Chiesa cattolica, “governata dal successore di Pietro e dai vescovi in comunione con lui” (Lumen gentium, 8), è la “casa di Dio” e si erge come “colonna e baluardo della verità” (1 Tim. 3:15). Questa è la verità della fede: Cristo Gesù “è stato rivelato nella carne, giustificato nello spirito, è apparso agli angeli, è stato predicato fra le nazioni, è stato creduto nel mondo, è stato elevato in gloria.” (1 Tim. 3,16).

Il Concilio Vaticano II dice: Poiché “Cristo è la luce delle nazioni”, abbiamo come verità rivelata che “la Chiesa è in Cristo come un sacramento o come segno e strumento sia di un’unione molto stretta con Dio sia dell’unità di tutto il genere umano” (Lumen gentium, 1). Di conseguenza, il pluralismo religioso e il relativismo devono essere respinti. “Chiunque dunque, sapendo che la Chiesa cattolica è stata resa necessaria da Cristo, rifiutasse di entrare o di rimanere in essa, non potrebbe essere salvato” (Lumen gentium, 14).

Nel dialogo interreligioso con l’Islam, dobbiamo professare francamente che Gesù non è “uno dei profeti” (Matt. 16:14), “come se” al di fuori della dottrina cristiana, nel nulla del sentimento religioso – come amano dire i teologi da poltrona – “alla fine in qualche modo intendiamo la stessa cosa.” Perché solo Gesù rivela con autorità divina il mistero di Dio: “Tutte le cose mi sono state affidate dal Padre mio; e nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio voglia rivelarlo.” (Matt. 11:27).

Il nostro pensiero sul ministero petrino, cioè il primato romano, deve ruotare intorno a questo Cristo-centrismo. Esso conferisce al ministero petrino la sua importanza insostituibile per la Chiesa: nella sua origine, nella sua vita e nella sua missione, il suo ministero serve Cristo fino al suo ritorno alla fine dei tempi. È significativo che in tutti e tre i grandi paragrafi del Nuovo Testamento che parlano del ministero petrino (Matteo 16,18; Luca 22,32; Giovanni 21,15-17), Gesù indica sempre a Pietro le sue debolezze umane e la sua fragile fede, ricordandogli il suo tradimento e rimproverandolo duramente per aver frainteso il Messia come uno senza sofferenza e croce. Il Signore gli assegna il secondo posto, in modo che Pietro debba seguire Gesù, e mai il contrario. Il titolo di “Vicario di Cristo” – teologicamente inteso – non eleva il papa, ma lo abbassa radicalmente e lo umilia davanti a Dio e agli uomini quando “non si occupa di cose divine ma di cose umane” (Matteo 16,23). Pietro non ha il diritto di adattare la parola di Dio alle proprie preferenze e ai gusti del tempo, “affinché la croce di Cristo non sia svuotata della sua potenza” (1 Cor. 1:17).

Come discepoli di Cristo, siamo esposti alle tentazioni di Satana, che vuole confonderci sulla nostra fede in Cristo, il Figlio del Dio vivente, che “è veramente il Salvatore del mondo” (Giovanni 4:42). Per questo, Gesù dice a Pietro e a tutti i suoi successori sulla cattedra romana: “Ho pregato per te, che non venga meno la tua fede (ut non deficiat fides tua); e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli (et tu conversus confirma fratres tuos)” (Luca 22:32). Tutti i cristiani godono della grazia sostenitrice di Cristo, compreso il “papa emerito”. Ma questa preghiera di sostegno divino è offerta all’uomo seduto sulla sedia di San Pietro, di cui può essercene solo uno.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1