“Arriva il giorno in cui (gli Hobbit sono) chiamati fuori dalle loro case e in una grande guerra tra il bene e il male per l’anima del mondo intero – una guerra in cui giocano un ruolo decisivo, proprio perché sono piccoli e apparentemente insignificanti“. Questo, tra l’altro, ha detto l’arcivescovo di Philadelphia, mons. Charles J. Chaput, agli studenti mercoledì scorso.

Di seguito un articolo dello staff del Catholic News Agency, nella mia traduzione.

Charles J. Chaput, arcivescovo di Philadelphia, Pennsylvania, USA.

Charles J. Chaput, arcivescovo di Philadelphia, Pennsylvania, USA.

 

C’è una scena nel mezzo de Il Signore degli Anelli, una trilogia di fantasia scritta dallo scrittore cattolico J.R.R. Tolkien, dove la ricerca della distruzione di un anello malvagio e onnipotente sembra essere assolutamente senza speranza. Le tenebre e il pericolo hanno circondato e perseguitato Frodo, il piccolo hobbit al quale alla fine è stata data la missione di distruggere l’anello, sin da quando ha messo piede fuori dalla Contea, la casa idilliaca e sicura che ha lasciato per questa ricerca.

Questa è stata la scena che l’Arcivescovo Charles Chaput (di Philadelphia, Pennsylvania, USA, ndr) ha preparato per gli studenti dell’Università di Maria a Bismarck, nel Dakota del Nord, mentre parlava loro delle loro vocazioni e dello scopo della loro vita mercoledì sera.

In un momento di disperazione, ha notato Chaput, Frodo si rivolge al suo amico più fedele, Samwise Gamgee, un hobbit che si è rifiutato di lasciare Frodo, e gli chiede se valga la pena di continuare questa missione apparentemente impossibile.

Sam dice di sì: “Perché c’è del bene nel mondo, signor Frodo, e vale la pena lottare per esso”.

I territori del Dakota (stati degli USA, ndr), ha notato Chaput nel suo discorso, sono molto simili all’idilliaca Contea da cui provengono quegli hobbit: sicuri, per molti versi idilliaci, e quasi mai al centro dell’attenzione.

“Ho servito come vescovo in tre diverse diocesi, e ognuna di esse è stata una grande benedizione di amici ed esperienze. Le ho amate tutte”. Ma il mio primo amore è stato la diocesi di Rapid City, South Dakota”, ha detto Chaput.

“C’è una bellezza e una saggezza nel Dakota che non si trova da nessun’altra parte. Penso anche che il diavolo tenda a concentrarsi su luoghi come New York e Washington e a vedere luoghi come Bismarck come meno importanti – che è il suo errore. Significa che qui si possono fare molte cose molto buone, proprio sotto il suo naso”, ha detto.

Ma così come gli Hobbit non sono rimasti nella Contea, ha notato Chaput, così anche i cristiani sono chiamati ad uscire dalle loro case e dai luoghi di formazione per coinvolgere il mondo e diffondere il Vangelo.

Arriva il giorno in cui (gli Hobbit sono) chiamati fuori dalle loro case e in una grande guerra tra il bene e il male per l’anima del mondo intero – una guerra in cui giocano un ruolo decisivo, proprio perché sono piccoli e apparentemente insignificanti, ha detto.

Ma il mondo esterno ha un disperato bisogno di rifacimento, ha notato Chaput, anche all’interno della Chiesa cattolica.

La recente raffica di scandali di abusi sessuali nella Chiesa può far sembrare questi tempi molto bui, ha detto.

“Un sacco di persone molto buone sono arrabbiate con le loro guide nella Chiesa per lo scandalo degli abusi, e giustamente. Non voglio diminuire questa rabbia perché ne abbiamo bisogno; ha radici sane e giuste”, ha detto.

Ma la giusta risposta a questa giusta rabbia non è un risentimento velenoso, ma piuttosto una risposta di umiltà e di amore che purifica l’individuo e la Chiesa, ha detto, proprio come Santa Caterina da Siena, che con la sua santità e perseveranza ha convinto il Papa a tornare a Roma.

“Dio chiama tutti noi non solo a rinnovare la faccia della terra con il suo Spirito, ma a rinnovare il cuore della Chiesa con la nostra vita; a farla giovane e bella ancora e ancora e ancora, perché risplenda del suo amore per il mondo. Questo è il nostro compito. Questa è la nostra vocazione. Questa è la vocazione – una chiamata di Dio con il nostro nome sopra di essa”.

C’è anche molta oscurità nel mondo che viene dall’esterno della Chiesa, ha notato Chaput.

“La vita americana oggi è turbata da tre grandi domande: Che cos’è l’amore? Che cos’è la verità? E chi è Gesù Cristo”, ha detto. “Il mondo secolare ha risposte a ciascuna di queste grandi domande. E sono false”.

Il mondo definisce l’amore solo con le emozioni e la compatibilità sessuale, mentre definisce la verità come qualcosa che può essere osservato solo attraverso dati oggettivi e misurabili, ha detto. Il mondo dice anche che Gesù Cristo è stato un uomo buono in una lunga fila di buoni maestri, ma alla fine è solo una bella credenza superstiziosa piuttosto che una persona reale che è il Figlio di Dio e Salvatore del mondo.

“La cosa chiave di tutte queste risposte secolari è questa: Non solo sono false, ma anche pericolose. Riducono il nostro spirito umano ai nostri appetiti. Abbassano l’immaginazione umana e la ricerca di senso a ciò che possiamo consumare. E poiché il cuore umano ha fame di un significato che la cultura secolare non può dare, noi anestetizziamo quella fame con il rumore e le droghe e il sesso e le distrazioni. Ma la fame ritorna sempre“, ha detto.

Il mondo secolare offre risposte facili, ha osservato, ma non offre risposte soddisfacenti ad alcune delle domande più profondamente umane che si potrebbero porsi: “Perché sono qui, cosa significa la mia vita, perché le persone che amo invecchiano e muoiono, e le rivedrò mai più? Il mondo secolare non ha risposte soddisfacenti a nessuna di queste domande. E non vuole nemmeno che ci poniamo tali domande a causa della sua cecità autoimposta; non può tollerare un ordine superiore a se stesso – per farlo lo obbligherebbe a comportarsi in modi che non vuole comportarsi. E così odia, come fece Caino, coloro che cercano di vivere diversamente”.

La risposta a tutte queste domande, ha detto Chaput, non è una qualche teoria o equazione, ma la persona di Gesù Cristo.

“Egli è l’unica guida affidabile per il nostro viaggio attraverso il mondo. I cristiani lo seguono come gli Apostoli, perché in lui e nel suo esempio, Dio parla direttamente a noi e ci conduce sulla via di casa al suo regno. In altre parole, Gesù non è solo l’incarnazione di Dio, ma anche l’incarnazione di chi siamo destinati ad essere”.

E il messaggio di Gesù è che ogni vita è “irripetibile e preziosa e ha un senso e uno scopo che Dio intende solo per voi. Solo per voi”, ha detto.

Per molte persone, questo significherà vivere la vocazione del matrimonio, e testimoniare Cristo tra la famiglia, gli amici e i luoghi di lavoro, “e tu lascerai la tua impronta nel mondo con una testimonianza quotidiana della vita cristiana”, ha detto.

“Il matrimonio e la famiglia sono cose profondamente buone”, ha aggiunto, e i laici sono chiamati non solo ad essere “aiutanti” del clero più santo, ma a condividere una pari responsabilità nel promuovere la missione della Chiesa.

“Ricordate come considerate il vostro futuro”, ha detto.

Dio chiama alcuni anche ad essere testimoni radicali della santità nel sacerdozio o nella vita religiosa consacrata, ha detto.

“I religiosi sono una testimonianza vivente di conversione radicale e di amore radicale; una prova costante che le Beatitudini sono più che semplici ideali belli, ma piuttosto la via verso un nuovo e migliore tipo di vita”, ha detto.

“E i sacerdoti hanno il privilegio di tenere nelle loro mani il Dio della creazione. Senza sacerdoti, non c’è eucaristia. Senza l’Eucaristia, non c’è Chiesa. E senza la Chiesa come comunità viva e organizzata, non c’è presenza di Gesù Cristo nel mondo”.

Le chiavi per trovare la propria vocazione e il proprio scopo nella vita sono il silenzio e la preghiera, che lasciano spazio alla voce di Dio, ha detto.

“Fare in modo che ci sia il tempo per il silenzio e la preghiera dovrebbe essere la pratica quaresimale principale per tutti noi – ma soprattutto per chi cerca la volontà di Dio per la propria vita”.

Così, piuttosto che lamentarsi del fatto che i tempi sono cattivi, Chaput ha esortato gli studenti a ricordare che stanno vivendo in questo momento per una ragione, e possono con la loro santità e testimonianza della loro vita rimodellare i tempi.

“Come vescovo, sant’Agostino visse in un momento in cui il mondo intero sembrava crollare, e la Chiesa stessa stava lottando con amare divisioni teologiche. Ma ogni volta che la sua gente si lamentava dell’oscurità dei tempi, ricordava loro che i tempi sono fatti dalle scelte e dalle azioni delle persone che li abitano”, ha detto.

“In altre parole, noi facciamo i tempi. Siamo i soggetti della storia, non solo i suoi oggetti. E se non lavoriamo consapevolmente per migliorare i tempi con la luce di Gesù Cristo, allora i tempi ci renderanno peggiori con le loro tenebre”.

“C’è del bene nel mondo, e vale la pena lottare per esso”, ha ribadito Chaput, ricordando ancora una volta il Signore degli Anelli. “Questa è una descrizione piuttosto buona della vocazione che Dio chiede a ciascuno di noi”.

 

Fonte: Catholic News Agency

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email