In questa intervista di Edward Pentin al biografo ufficiale del Papa Emerito Benedetto XVI, Peter Seewald, si parla di tante cose contenute nell’ultima biografia appena pubblicata, dal ruolo “non marginale ma enormemente significativo” avuto da Ratzinger nel Concilio Vaticano II, agli eventi drammatici e stimolanti del XX secolo, al testamento spirituale da pubblicare dopo la sua morte.

L’intervista è apparsa sul National Catholic Register e ve la propongo nella mia traduzione. 

 

Biografia di Benedetto XVI di Seewald

 

 

Perché ha deciso di scrivere questo libro? Come è nato?

L’ho visto come il mio lavoro. Certo, ora c’è una grande quantità di libri su Benedetto XVI, come il meritorio lavoro del teologo italiano Elio Guerriero. Ma non ce n’era nessuno che mostrasse la biografia di Ratzinger e il suo insegnamento in relazione agli eventi storici, e che, soprattutto, cercasse di raccontare la vita, l’opera e la persona del Papa tedesco in modo così emozionante, in quanto corrisponde a questa vita, in tutta la sua drammaticità e la sua importanza per la storia della Chiesa e del mondo. A tal fine ho svolto ampie ricerche, analizzato gli archivi e condotto colloqui con circa 100 testimoni contemporanei. Infine, ma non meno importante, papa Benedetto si è messo a mia disposizione per questo progetto in innumerevoli incontri. Non si tratta solo del passato, ma anche del futuro. Il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha quindi definito il mio libro un “passo brillante”, che collega il percorso di uno studioso con la questione centrale di ciò che è importante nella Chiesa di oggi.

 

 Il libro contiene molte nuove interviste al Papa emerito. Quando sono avvenute?

Le ho iniziate nel corso dell’anno 2012, quando papa Benedetto era ancora in carica. Abbiamo continuato le interviste fino al 2018, da ultimo nel suo piccolo monastero nei Giardini Vaticani.

 

Lei conosce Benedetto da molti anni, ma quando ha scritto questo libro e dalle interviste che ha avuto con il papa emerito, cosa ha imparato su di lui che non conosceva prima?

Oh, innumerevoli cose. La vita di Joseph Ratzinger è la biografia di un secolo.

Si era sempre pensato che l’ascesa dell’ex professore di teologia fosse un’unica, morbida progressione, una carriera senza interruzioni. Ma ci sono innumerevoli alti e bassi, con drammi che portano sull’orlo del fallimento. Ci sono state le esperienze durante l’era nazista, quando si diceva che dopo la “Vittoria finale” [dei nazisti], i sacerdoti cattolici sarebbero stati banditi o sarebbero finiti nei campi di concentramento. Da studente, si era innamorato di una ragazza – una storia che ha reso esistenziale la sua decisione di entrare nella vita sacerdotale. Un saggio critico gli costò quasi la nomina a cattedra di facoltà alla fine degli anni Cinquanta. A Bonn, invece, era stato celebrato come una nuova stella della teologia e, allo stesso tempo, considerato forse un pericoloso modernista o addirittura massone.

Colpisce la sua vicinanza a personalità scomode e indipendenti. Non sapevo anche che il ruolo di Ratzinger nel Concilio [Vaticano II] non è stato marginale, ma enormemente significativo. Lui stesso l’ha sempre minimizzato. Ma al fianco del cardinale [Josef] Frings, è stato in fondo il definitivo spin doctor vaticano. Pura leggenda, però, è la storia del suo “trauma” durante la rivolta studentesca di Tubinga [nel 1968], o la storia del suo passaggio da rivoluzionario a reazionario frenatore. Ho esaminato a fondo tutte queste cose, compresi i cosiddetti scandali, come il caso Williamson o “Vatileaks”, e sono giunto a conclusioni ben diverse da quelle di coloro che si limitano a ripetere gli stereotipi.

Ratzinger non è esente da colpe. Né ha fatto ogni cosa nel modo giusto quando è stato pontefice. Ma non è un caso che sia considerato in tutto il mondo come uno dei grandi pensatori del nostro tempo. Il suo lavoro è importante, e la sua vita entusiasmante, per cui vale sempre la pena studiarlo. Inoltre, la biografia, con il suo background storico contemporaneo, non è solo un viaggio spirituale e storico attraverso un secolo emozionante e drammatico, ma mostra anche le lezioni da trarre da tutti quei decenni e le risposte all’avanguardia che queste forniscono all’attuale crisi della fede e della Chiesa in Occidente.

 

Secondo quanto già sappiamo dal contenuto del suo libro, Benedetto dice che la società moderna è in procinto di “scomunicare socialmente” coloro che non sono d’accordo con l’aborto o con l’agenda omosessuale che egli attribuisce allo spirito dell’Anticristo. Cosa consiglia ai credenti di fare di fronte a queste minacce?

Pregare e lavorare. Rimanete fermi. Non lasciatevi contagiare dal relativismo e non disperate, perché, alla fine, Cristo sarà sempre il vincitore. La società dipende dai flussi che la alimentano attraverso la religione. Vediamo dalle crudeli esperienze del XX secolo cosa sarebbe minacciato se la visione del mondo e l’etica cristiana venissero completamente bandite dal dibattito pubblico.

Allo stesso tempo, Ratzinger non si è mai fatto illusioni sulla contraddizione fondamentale tra la società laica e il pensiero e la vita dei cristiani. Vide presto avvicinarsi la situazione di una comunità di fede in diminuzione. Nella sua opera del 1958 I nuovi pagani e la Chiesa, dice: “A lungo andare, la Chiesa non può evitare di doversi liberare, parte per parte, della sua identità con il mondo e tornare a essere ciò che è: la comunità dei fedeli”. Ratzinger vedeva nel “cammino di salvezza” di Dio una Chiesa di minoranza. Ciò significa una Chiesa di relativamente poche confessioni, che hanno poi il compito di rappresentare i molti. Solo quando la Chiesa cesserà di essere “a buon mercato, scontata, solo quando ricomincerà a mostrarsi come è realmente”, ammoniva, “potrà di nuovo raggiungere l’orecchio dei nuovi Gentili con il suo messaggio”.

 

Lei accenna al fatto che Benedetto ha scritto un testamento spirituale da pubblicare dopo la sua morte. Perché ha sentito il bisogno di scriverlo, e ha un’idea generale di cosa potrebbe contenere?

All’inizio il papa emerito non voleva scrivere un testamento spirituale, ma ora è arrivato a pensarla in modo diverso. Penso che Benedetto XVI voglia servire ancora una volta la sua Chiesa e la sua società con parole che vanno oltre il tempo. C’è una buona tradizione in questi testi papali postumi. Pensiamo al bel testamento di Paolo VI. Non sono un chiaroveggente, ma posso immaginare che nel documento di Benedetto XVI egli esprima la sua preoccupazione per il futuro della fede, ma allo stesso tempo aiuti a rafforzare le persone in tempi difficili, e non solo i fedeli.

 

 Lei dice che i rapporti tra Benedetto e papa Francesco sono buoni, ma ci sono alcuni cattolici che vorrebbero che Benedetto non si fosse dimesso, che sostengono che non sarebbe mai stato d’accordo con alcune delle decisioni di questo pontificato. Cosa ne dice di questo punto di vista?

Il primo e l’attuale papa hanno temperamenti diversi, carismi diversi, e ognuno ha il suo modo di esercitare l’ufficio. Vediamo dai papi dei secoli precedenti che un pontefice più intellettuale è di solito seguito da uno più emotivo. Questo non è mai stato uno svantaggio. Indubbiamente, ci possono essere opinioni diverse tra Benedetto XVI e Papa Francesco. Ma questo non ha importanza. Il papa è il papa.

Ratzinger ha promesso obbedienza al suo successore prima ancora di sapere chi avrebbe seguito le sue orme, ed è stato scrupolosamente attento in tutti questi anni a garantire prima di tutto che non potesse sorgere alcuna accusa di ingerenza. Molte delle domande successive che gli ho fatto, per esempio, si è rifiutato di rispondere. Una risposta, ha detto, “costituirebbe inevitabilmente un’interferenza nell’opera dell’attuale Papa. Tutto ciò che va in quella direzione devo, e voglio, evitare”. Inoltre, nel mio libro dice letteralmente: “L’amicizia personale con papa Francesco non solo è rimasta, ma è cresciuta”.

 

I cattolici che sono delusi dall’attuale pontificato sostengono che Benedetto rimane papa. Questa domanda è affrontata nel libro, e forse la preoccupazione di queste persone è che egli sembra promuovere l’immagine di “due papi” mantenendo alcuni degli ornamenti del papato?

Come ho detto prima, il papa è il papa. Non c’è nessun altro papa oltre a lui, almeno non ai nostri giorni.

Parlare di Ratzinger come di un “papa ombra” è assurdo come la favola che Bergoglio è perseguitato dai “lupi” in Vaticano. Come il primo papa veramente regnante della storia che si è dimesso dalla carica, Ratzinger ha dovuto stabilire una nuova tradizione nella Chiesa cattolica, per così dire. Nessuno sapeva come doveva chiamarsi un papa dimissionario, come doveva vestirsi e quali cose dovesse o non dovesse fare dopo le sue dimissioni.

Da un lato, Benedetto XVI è un emerito, come ci sono i vescovi emeriti; ma dall’altro, come ex papa, è diverso dai vescovi ordinari. Questo include il fatto che ha tolto le insegne di un papa regnante, ma continua a vestirsi di bianco. Non credo che la gente sia così sempliciotta da non sapere chi è il papa in carica e chi no. Se anche Francesco si dimette e Benedetto XVI è ancora vivo, ci saranno anche tre papi in vita, ma solo uno che siede come vicario Domini sulla cattedra di Pietro.

 

Il libro offre un quadro più completo delle ragioni delle dimissioni di Benedetto, e se sì, come?

Le circostanze complete delle sue dimissioni sono spiegate in dettaglio nella mia biografia. Inoltre, Benedetto XVI prende ancora una volta una posizione chiara su questo punto. Credo che con essa, in realtà, sia stato detto tutto. In sostanza, anche questa è una storia molto semplice. Sembra così misteriosa solo perché certe persone non si stancano di far girare sempre qualche segreto.

In ogni caso, l’intero atto è stato un atto di rassegnazione con un annuncio. Non aveva niente a che fare con “Vatileaks”, come si sostiene ancora oggi, né con il ricatto o altro. Come i papi prima di lui, Benedetto XVI, subito dopo la sua elezione, aveva firmato una dichiarazione di dimissioni nel caso in cui non potesse più esercitare la sua carica a causa di una grave malattia, come la demenza. Nel nostro libro di interviste Light of the World, già nel 2010 aveva spiegato che un papa non solo ha il diritto, ma a volte anche il dovere di dimettersi dalla carica se non è più fisicamente e/o psicologicamente in grado di esercitarla. Giovanni Paolo II è un caso particolare. Aveva un suo carisma, e il suo calvario, necessario per portare nuove forze alla Chiesa, non può essere ripetuto. Negli ultimi anni della vita di Wojtyla, però, si è creato un vuoto, che non è stato privo di problemi.

Benedetto XVI vedeva in sé un’altra vocazione. Non era più un giovane quando è stato eletto. Anche nei molti decenni precedenti [la sua elezione] non si è mai risparmiato, combattendo in prima linea come difensore della fede. Durante il suo pontificato, durato, in fondo, otto anni, si era completamente esaurito. Il fatto che lui, alla sua vecchiaia e con handicap di salute, di cui il pubblico non aveva idea, ha poi scritto anche una trilogia su Gesù è quasi al limite del sovrumano.

Alla fine era impotente e vedeva la necessità di dare il pastorale a mani più giovani e fresche. Soprattutto non voleva privare il suo potenziale successore della possibilità di iniziare il suo ufficio con la spinta della Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro, dato che lui stesso ha iniziato il suo pontificato con la Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia.

Benedetto XVI sapeva a cosa andava incontro con il suo atto di rassegnazione. Ha pensato a questo passo per molti mesi e ne ha sofferto nella preghiera. Gli si può credere quando dice di essere in pace con esso, specialmente con il suo Signore, di cui solo lui è il responsabile finale.

 

I critici potrebbero dire che il libro è un’altra violazione del giuramento che ha fatto a se stesso di rimanere nascosto al mondo, in preghiera silenziosa. Perché pensa che abbia accettato di parlare non solo in questo libro, ma anche in Ultime conversazioni  e in sporadiche affermazioni e saggi? 

Stop – la mia biografia non è la pubblicazione di Papa Benedetto, ma il lavoro di un giornalista. E Ultime conversazioni contiene interviste che erano già iniziate nel 2012 nell’ambito del mio lavoro per la biografia – cioè ancora durante il pontificato di Benedetto XVI. Ratzinger in origine non voleva che fossero pubblicate in un’opera a parte. Ma sono riuscito a convincerlo a pubblicare l’opera quando le speculazioni sulle sue dimissioni non sarebbero state messe a tacere. Tuttavia, ha fatto dipendere la pubblicazione del libro dall’approvazione di papa Francesco, che l’ha anche data volentieri. Inoltre, Benedetto non ha fatto voto di silenzio quando si è dimesso. Le sue ultime parole come pontefice in carica sono state: “Desidero continuare a lavorare, con il mio cuore, con il mio amore, con la mia preghiera, con i miei pensieri, con tutte le mie forze spirituali, per il bene comune, per il bene della Chiesa e dell’umanità”.

 

Come sta Benedetto in questi giorni, soprattutto in questi giorni di quarantena? È in contatto regolare con lui?

Da quando è scoppiata la pandemia di coronavirus, la sua residenza “Mater Ecclesiae” è soggetta al regolamento generale per l’Italia. Questo significava per la prima volta: Nessuno esce, nessuno entra. Fisicamente, il papa emerito è ormai molto fragile. La sua voce è diventata così debole che non si riesce quasi a capirlo. Mentalmente, però, è ancora in forma. Svolge ancora una fitta corrispondenza, e le sue lettere sono, come sempre, intellettualmente stimolanti e raffinate. Lo vedo solo occasionalmente.

Papa Benedetto ha risposto a ogni sorta di domande da parte mia nel corso degli anni, e, naturalmente, ho ancora alcune domande che vorrei porre. Ma a un certo punto basta. Sono contento che i tanti incontri siano stati possibili e guardo con gratitudine alle nostre interviste, che aiutano a correggere le idee sbagliate di Benedetto XVI e danno a molte persone la possibilità di penetrare più profondamente nella fede cristiana attraverso la vita e l’opera di Joseph Ratzinger, o di scoprire Cristo in un modo completamente nuovo.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1