“Una questione più complicata che ha suscitato un’intensa discussione tra questi esperti è se Papa Francesco abbia la responsabilità primaria per la crisi in Germania che si è spostata al centro della scena sotto i suoi occhi. In questione sono gli sforzi di Francesco per promuovere la sinodalità, con la possibilità di una maggiore autonomia per le conferenze episcopali nazionali che vogliono modificare la disciplina e la dottrina della Chiesa”.

Un articolo di Joan Frawley Desmond, pubblicato sul National Catholic Register, nella mia traduzione. 

 

Martin Marx e le 95 tesi
Martin Marx e le 95 tesi

 

Il programma biennale di riforma della Chiesa cattolica in Germania, che ha messo in discussione gli insegnamenti consolidati sulla fede e la morale, ha spinto Papa Francesco e i funzionari vaticani a prendere provvedimenti sempre più urgenti per scongiurare la possibilità di uno scisma formale. 

Dall’altra parte dell’Atlantico, i vescovi statunitensi sono rimasti in gran parte in silenzio sul programma tedesco di riforma, chiamato “Cammino sinodale”. Ma gli studiosi cattolici qui hanno reso chiara la loro ansia in interviste con il National Catholic Register (Register). Hanno chiesto un’ulteriore azione da parte di Papa Francesco, hanno indicato i segni secondi i quali l’aperto dissenso si sta diffondendo in Europa, e hanno evidenziato le decisioni a Roma e in Germania che hanno posto le basi per il Cammino Sinodale.

“La situazione in Germania sta arrivando a un punto critico nel pontificato di Papa Francesco”, ha detto Chad Pecknold, professore di teologia storica e sistematica nella Scuola di Teologia e Studi Religiosi alla Catholic University of America (CUA). 

“Il Papa è uno strumento di unità, e sotto i suoi occhi stiamo assistendo a manifestazioni di dissenso da parte dei vescovi tedeschi che sono paragonabili a quelle che abbiamo visto in Germania nel XVI secolo”, ha aggiunto Pecknold. “Il cammino sinodale è stato circoscritto dal Vaticano ad ogni passo, e la Germania non sembra cedere un centimetro a Roma”. 

I passi più significativi da parte della Santa Sede, hanno notato Pecknold e altri, sono seguiti alla decisione dei vescovi tedeschi nel 2019 di andare avanti con il Cammino sinodale, uno sforzo inizialmente spinto dalle rivelazioni di abusi sessuali sacerdotali e di copertura episcopale. Tuttavia, non appena l’impulso per il cambiamento ha guadagnato trazione, l’attenzione si è spostata su una lista di proposte di riforme “vincolanti” che, se approvate dai vescovi tedeschi, contraddirebbero l’insegnamento della Chiesa su omosessualità, ecumenismo, ordine della chiesa e ordinazione sacerdotale delle donne. Una tale mossa da parte della Chiesa in Germania potrebbe portare allo scisma con Roma, hanno detto i teologi contattati dal Register. 

Profondamente preoccupato da questo cambio di direzione, Papa Francesco nel giugno 2019 ha scritto una forte lettera di obiezione alla Chiesa tedesca, avvertendo che se avessero continuato su questa strada il loro approccio avrebbe avuto come risultato quello di “moltiplicare e nutrire i mali che voleva superare.”

Nel settembre 2019, il cardinale Marc Ouellet, il prefetto della Congregazione per i vescovi, scrisse al cardinale Reinhard Marx, allora presidente della conferenza episcopale tedesca, per riferire che la valutazione giuridica della Pontificia Commissione per i testi legislativi del progetto di statuto dell’Assemblea sinodale aveva determinato che gli atti non avevano autorità vincolante. Il cardinale Marx ha indicato che l’assemblea avrebbe proceduto come previsto. Altre successive cautele vaticane furono analogamente ignorate.



Sviluppi recenti

Poi, il 15 marzo, la Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede (CDF) ha emesso un responsum che ha chiarito l’insegnamento della Chiesa sulle unioni dello stesso sesso e ha impedito ai sacerdoti di benedire tali unioni. La sentenza e la nota di accompagnamento sono state approvate per la pubblicazione da Papa Francesco e firmate dal cardinale Luis Ladaria, prefetto della CDF.

Ampiamente interpretata come un tentativo di controllare il programma di riforma della Germania, la direttiva ha spinto una serie di leader della Chiesa in tutta Europa a contestare il chiarimento della CDF. Il più importante tra queste voci è il cardinale Christoph Schönborn di Vienna, un membro del “consiglio dei cardinali” di Papa Francesco e della CDF, e l’editore generale del Catechismo della Chiesa Cattolica sotto Papa San Giovanni Paolo II. 

Nel frattempo, la pubblicazione il mese scorso del “Testo Fondamentale”, il documento che guida le deliberazioni in Germania, ha suscitato ancora più ansia, con gli autori del documento che affermano che “non c’è una sola verità del mondo religioso, morale e politico, e nessuna forma di pensiero che possa rivendicare l’autorità ultima”. 

Reagendo al linguaggio del “Testo Fondamentale”, George Weigel ha concluso che l’assemblea ha raggiunto il punto di “apostasia” e, in una colonna pubblicata il mese scorso, ha esortato Francesco a contenere il danno. 

Come Weigel, la maggior parte degli studiosi cattolici contattati dal Register hanno messo in dubbio la saggezza del Vaticano nel permettere che il Cammino Sinodale si svolga fino alla sua conclusione prima che vengano presi ulteriori provvedimenti. Ma non sono stati d’accordo sul fatto che Francesco dovesse rispondere direttamente o permettere ai prefetti chiave del Vaticano di agire per suo conto. 

“L’unità della Chiesa è in gioco”, ha detto padre Goran Jovicic, un teologo ungherese-croato e avvocato canonico al Seminario di San Patrizio a Menlo Park, in California.

“Il Papa dovrebbe impegnarsi nel dialogo, ma anche invitarli a professare pubblicamente la fede cattolica, perché hanno già fatto dichiarazioni pubbliche”, ha detto padre Jovicic, che ha studiato a Vienna e ha insegnato brevemente all’Università di Erfurt in Germania. 

Se il Vaticano non agisce rapidamente – anche al punto di ordinare ai vescovi in maniera schietta di “ritrattare”, ha detto, l’esempio dei tedeschi “potrebbe essere un invito per altri paesi ad unirsi ai loro sforzi”.

“Abbiamo imparato dalla Riforma protestante” come un movimento scismatico possa guadagnare aderenti, ha aggiunto, ripercorrendo la trasmissione delle “95 tesi” di Martin Lutero nel 16° secolo attraverso la loro pubblicazione in volgare. E, oggi, i social media hanno già facilitato la diffusione del dissenso teologico “ancora più rapidamente”. 

 

La spinta sinodale del Papa

Una questione più complicata che ha suscitato un’intensa discussione tra questi esperti è se Papa Francesco abbia la responsabilità primaria per la crisi in Germania che si è spostata al centro della scena sotto i suoi occhi. In questione sono gli sforzi di Francesco per promuovere la sinodalità, con la possibilità di una maggiore autonomia per le conferenze episcopali nazionali che vogliono modificare la disciplina e la dottrina della Chiesa.

“La tendenza dell’episcopato tedesco a pensarsi con una, così come ad operare con una nozione pericolosamente eccessiva di autonomia da Roma, è ben precedente al pontificato di Francesco”, ha detto al Register E. Christian Brugger, professore di teologia morale al seminario regionale di St. Vincent de Paul a Boynton Beach, Florida. 

“Ma l’insistente spinta del Papa per la ‘sinodalità’ ha senza dubbio fornito una copertura ai tedeschi per rendere pubblico e spingere più lontano il loro dissenso”, ha aggiunto Brugger. 

Tuttavia, Russell Shaw, l’autore, più recentemente, di Eight Popes and the Crisis of Modernity (Otto Papi e la crisi della modernità, ndr), ha notato che i predecessori di Francesco sono responsabili della nomina del cardinale Marx e di altri alti prelati tedeschi. Quindi, un resoconto completo della crisi, ha detto, richiede una revisione storica dei prefetti vaticani pertinenti della Congregazione per i Vescovi, dei vescovi tedeschi nominati alla congregazione e dei nunzi apostolici che hanno contribuito a formare l’attuale leadership della Chiesa.

Allo stesso tempo, Pecknold della CUA ha percepito un aspetto positivo nel tumulto che scuote la Chiesa. 

“La sinodalità, in qualche modo, è stata chiarificatrice”, ha osservato, perché ha esposto “dove sono le vere divisioni”. 

“Sotto Giovanni Paolo e Papa Benedetto XVI, c’è stato un tentativo di centralizzare e mettere in sicurezza la Chiesa dopo tutto lo sconvolgimento del Concilio [Vaticano II]. Poi Francesco ha dato molto spazio alla sinodalità, e quello che si scopre è che i veri punti di vista delle persone stanno venendo fuori, il che significa che è possibile affrontarli e trattarli”. 

Padre Emery de Gaál, presidente e professore nei Dipartimenti di Teologia Dogmatica e Pre-Teologia all’Università di Santa Maria del Lago/Mundelein Seminary nell’Arcidiocesi di Chicago, è un prete ungherese incardinato nella Diocesi di Eichstätt, in Germania. Ha sollevato un ulteriore punto riguardo alle tendenze ideologiche nell’Occidente post-moderno che hanno contribuito a reimpostare le aspettative per il cammino sinodale.

“Durante la Riforma e dopo, i sinodi locali organizzati da San Carlo Borromeo e da altri vescovi hanno rivitalizzato la Chiesa cattolica”, ha detto Padre de Gaál al Registro. Ma in un contesto “postmoderno”, sarebbe molto più difficile ottenere un simile “risultato positivo”. 

In Germania, ha detto, la spinta a riformare l’insegnamento e la pratica della Chiesa è stata modellata da ideologie secolari che mettono in discussione la realtà stessa della verità e riformulano la tradizione apostolica della Chiesa come un sistema oppressivo che privilegia ingiustamente una gerarchia e un clero tutto maschile. In questo contesto, la Sacra Scrittura e la continuità della Tradizione diventano “asservite al processo” del Cammino Sinodale, che si propone di generare la propria verità vincolante.

Passando ai documenti di lavoro che guidano le deliberazioni in Germania, padre de Gaál ha osservato che essi riflettono l’ampio declino nell’accettazione dell’insegnamento della Chiesa sui sacramenti, in particolare su come la grazia perfeziona la natura.

Molti cattolici moderni credono che “non c’è differenza qualitativa tra natura e grazia. E questo significa che i sacramenti semplicemente confermano la bontà intrinseca che già possediamo; non ci cambiano effettivamente ontologicamente (nel nostro essere)”, ha detto.

Allo stesso modo, ha aggiunto, i documenti di lavoro segnano il declino della fede nella realtà stessa del peccato, “a livello personale”. Alcuni cattolici ora sfidano apertamente questo insegnamento centrale, e il loro obiettivo primario è diventato “l’eliminazione del peccato sociale”.

 

Le pratiche amministrative della Germania

Padre de Gaál ha poi considerato come le pratiche amministrative adottate dalla Chiesa in Germania abbiano posto le basi per il cammino sinodale. 

La Chiesa lì è la più ricca del mondo, a causa della Kirchensteuer nazionale, il sistema fiscale della Chiesa che finanzia le diocesi locali. Nel 2017, ha ricevuto 6 miliardi di euro (7,2 miliardi di dollari) attraverso questo sistema, anche se una parte significativa di questi soldi viene utilizzata per sostenere le istituzioni cattoliche e gli enti di beneficenza nel mondo in via di sviluppo. 

Negli anni ’90, ha detto padre de Gaál, i vescovi tedeschi hanno iniziato ad assumere società di consulenza per riorganizzare le loro diocesi, e gli uffici della Chiesa sono stati snelliti, con un migliore risultato. La scala salariale per il clero diocesano e gli impiegati laici spesso corrisponde a quella dei dipendenti pubblici e di altri impiegati governativi, ha notato, ma lo “zelo per l’evangelizzazione è stato perso”. 

Papa Francesco ha fatto riferimento al forte calo della frequenza della chiesa tedesca nella sua lettera del giugno 2019 ai vescovi del paese, ha descritto l’”[e]vangelizzazione” come il “criterio guida per eccellenza, in base al quale possiamo riconoscere tutti i passi che siamo chiamati a fare come comunità ecclesiale.” 

Pecknold della CUA ha approfondito il problema posto da una grande e potente burocrazia della Chiesa.

“In Germania e in Austria, dove si ha una tassa statale che va direttamente alle chiese”, la Chiesa istituzionale “inizia a comportarsi come se rappresentasse una classe, piuttosto che gli interessi della Chiesa”, ha detto Pecknold. “È una classe d’élite che è ricca e ha certe richieste social-progressiste che vogliono soddisfare. I vescovi si sentono in debito con quella classe”.

“È ironico”, ha aggiunto, “che questo stia accadendo sotto un papa che vuole essere un papa per i poveri”. 

 

Correzione fraterna?

Mentre Francesco soppesa la sua prossima mossa, gli stessi esperti qui credono che i vescovi in Occidente possano anche giocare un ruolo di supporto offrendo una correzione fraterna ai loro fratelli tedeschi. Finora, l’arcivescovo Samuel Aquila di Denver sembra essere l’unico vescovo statunitense ad esprimere pubblicamente il suo “disappunto” sull’agenda dei vescovi tedeschi, a parte il cardinale Raymond Burke. La Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti non ha risposto a una richiesta di commento sul percorso sinodale.

Ma padre Jovicic ha suggerito che i leader della Chiesa in tutto l’Occidente potrebbero essere trascinati nella crisi e costretti a prendere posizione. 

“Alla fine, dipenderà da ogni vescovo se queste idee” prenderanno piede, ha detto padre Jovicic. “Non vedo la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti ammirare questo sforzo, ma ci sono alcuni vescovi qui che si appoggiano a questa posizione. Potrebbe essere che cercheranno di implementare queste politiche nelle loro diocesi”.

 




Facebook Comments
image_pdfimage_print
1