Il card. Theodore McCarrick, figura di spicco dell’episcopato statunitense, a giugno scorso è stato sospeso dal ministero sacerdotale poiché le accuse di abusi sessuali rivoltegli sono state ritenute credibili. Tale punizione ed i futuri potenziali esiti, uniti al fatto che, a quanto riporta la stampa (si leggano ad esempio gli articoli di Rod Dreher), da anni si vociferava dei suoi immorali comportamenti, voci mai diventate pubbliche, stanno sollevando drammatici interrogativi che si ripercuoteranno inevitabilmente sulla Chiesa nel suo complesso. Tantissimi sono stati gli articoli che da giugno scorso sono stati pubblicati nel mondo anglosassone, alcuni anche molto duri.

Questa delicata situazione chiama anche in causa la cultura omosessualista che, in maniera molto subdola, abusando anche della fiducia dei fedeli, da più parti viene perorata nella Chiesa con il fine di normalizzarla.

Consci della gravità della situazione, pubblichiamo questo equilibrato, ragionato ed addolorato editoriale del National Catholic Register, che fa piena luce sui punti essenziali della questione. E’ un editoriale che va senz’altro letto.

Eccolo nella nostra traduzione.

(Alex Wong/Getty Images)

(Alex Wong/Getty Images)

Nel mezzo delle crescenti accuse di abusi sessuali contro lo sciagurato cardinale statunitense Theodore McCarrick, il cardinale Sean O’Malley di Boston, nella Chiesa il più rispettato difensore delle vittime di abusi sessuali su minori da parte del clero, ha rotto il silenzio episcopale e ha promesso che papa Francesco avrebbe intrapreso un’azione decisiva contro il cardinale McCarrick e altri presuli che affrontano accuse simili.

L’incapacità della Chiesa di agire più rapidamente, ha riconosciuto, ha messo in luce unagrande lacuna… nelle politiche della Chiesa sulla condotta e gli abusi sessuali“. E ha chiesto una “politica forte e globale” per affrontare le violazioni dei voti del celibato da parte dei vescovi nei casi di abuso criminale dei minori e nei casi che coinvolgono gli adulti, delineando tre importanti obiettivi immediati.

Eppure, dopo decenni di occultamento e silenzio – tattiche che hanno facilitato l’ascesa del cardinale McCarrick al vertice della gerarchia statunitense e scoraggiato le sue vittime e altri a conoscenza del suo comportamento predatorio a non parlare – parlare di politiche e processi è sembrato tristemente inadeguato.

La crisi che minaccia oggi di inghiottire la leadership della Chiesa, da Roma a Santiago del Cile, da Washington a Tegucigalpa, in Honduras, ha messo in luce una cultura clericale che in troppi casi non è riuscita a fermare la predicazione omosessuale e altre forme di immoralità sessuale.

Il cardinale O’Malley è giustamente rispettato per il suo impegno globale nella riforma del degli abusi da parte del clero, eppure una recente notizia ha dimostrato che anche lui non ha agito dopo una lettera ricevuta da un sacerdote, .che descriveva in dettaglio il passato comportamento sessuale del cardinale McCarrick nei confronti dei seminaristi

A padre Bonifacio Ramsey (l’autore della lettera, ndr), in una risposta dell’Arcidiocesi di Boston, fu detto che l’Arcivescovo di Boston (cioè il card. O’Malley, ndr.) non poteva fare nulla, perché la questione non rientrava nel suo ruolo di capo della commissione per gli abusi sessuali del Vaticano o della sua arcidiocesi.

La spiegazione del cardinale O’Malley – un assistente aveva gestito la lettera – non modificava l’impressione generale di una compiacenza episcopale.

Il cardinale Joseph Tobin di Newark, New Jersey, attraverso una portavoce, ha cercato di rassicurare i cattolici sul fatto che una discussione ad alto livello sugli “standard” sarebbe avvenuta rapidamente. Non ha spiegato perché fossero necessari nuovi standard e ha già rifiutato di rispondere alle domande dei media sui due accordi transattivi con le vittime di McCarrick, citando accordi riservati.

Il cardinale Kevin Farrell, che ha condiviso per sei anni un appartamento a Washington con il cardinale McCarrick e ora è prefetto del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita in Vaticano, si è detto “sconvolto” dalle accuse di abuso contro il suo amico, dicendo di aver appreso la verità solo con il resto del pubblico.

Tali risposte non bastano a ristabilire la credibilità lacerata dei nostri pastori, o a ispirare la conversione del cuore che trasformerà la nostra Chiesa.

“Gli standard elevati sono nel Vangelo, quindi non so bene perché ci sia bisogno di rivedere gli standard di comportamento,” ha detto Janet Smith, un teologo morale del Seminario Maggiore del Sacro Cuore a Detroit, al National Catholic Register in una risposta schietta e decisa alle promesse di cambiamento dei cardinali.

Tuttavia, Smith ha riconosciuto l’importanza di stabilire un percorso chiaro per “denunciare comportamenti immorali” e per “sradicare la rete omosessuale in molte diocesi e, secondo quanto riferito, nella stessa Curia”.

Non potremmo essere più d’accordo con la valutazione appassionata di Smith.

Molti cattolici che hanno seguito lo spettacolo demoralizzante del mese scorso (quando è venuta alla luce la notizia di McCarrick, ndr) vogliono risposte a domande urgenti, a cominciare da chi sapeva cosa, e quando? Anche necessario è l’esame della rete degli alti prelati della Chiesa che avrebbero dovuto sapere per la loro vicinanza a McCarrick e per i diffusi sussurri del suo scoperto segreto. Non hanno visto il problema e posto le domande giuste perché avrebbero violato qualche codice dell’attuale cultura clericale? Infine, i fedeli hanno bisogno di sapere come le autorità della Chiesa avrebbero potuto fermare il cardinale McCarrick, se solo avessero avuto il coraggio.

Il coinvolgimento di papa Francesco in un’indagine su McCarrick è di vitale importanza se la Chiesa vuole garantire protezione alle vittime e agli informatori, che temono rappresaglie se diventano pubblici.

Una volta completata questa indagine, l’azione del Papa deve essere immediata, pratica, sistematica e profonda.

Il risultato sperato sarà un cambiamento radicale nel modo in cui i dirigenti della Chiesa affrontano l’immoralità sessuale, compresa la cura e la vittimizzazione dei seminaristi adulti e dei giovani sacerdoti da parte degli omosessuali all’interno delle loro file, nel sacerdozio e nell’episcopato nel suo complesso.

Negli ultimi vent’anni, anche se i vescovi statunitensi hanno cercato di rimuovere i sacerdoti che affrontavano accuse credibili di abusi sessuali su minori, in molte diocesi c’è stata una tacita accettazione di comportamenti sessuali scorretti che coinvolgevano “adulti”. Questo modello riflette l’impatto corrosivo delle norme secolari che tollerano il comportamento sessuale non coniugale finché è “consensuale“.

Smith e altri in posizioni simili hanno sentito molte storie di giovani sacerdoti che suscitano simpatia per le presunte vittime del cardinale McCarrick.

In un caso, un sacerdote ordinato di recente ha detto a Smith di aver riferito ai suoi superiori le “avances sessuali” del suo pastore “e gli è stato detto di stare zitto perché il pastore lo avrebbe potuto rovinare“.

Questa storia svela la brutale verità, espressa in maniera ancora più scioccante nei documenti che hanno accompagnato gli accordi transattivi con due delle vittime del cardinale McCarrick, che il sesso “consensuale” è una finzione nella dinamica di potere distorta tra un vescovo e i giovani sotto la sua autorità.

La purezza sessuale è l’unica vera protezione per i minori e gli adulti vulnerabili.

Padre Thomas Berg, vicerettore del Seminario di San Giuseppe a New York, spiega perché nulla meno che la castità risolverà il problema degli abusi.

Troppo a lungo si è trascurato il legame tra sacerdoti che abusano di minori e sacerdoti sessualmente attivi con gli adulti”, scrive padre Berg in First Things. “La tolleranza di quest’ultimo peccato ha reso più difficile rilevare, criticare e sradicare il primo”.

Allo stesso modo, J.D. Flynn, un avvocato canonista e capo redattore di Catholic News Agency, nota l’impatto tossico del comportamento immorale di un vescovo sulla cultura diocesana. “Sacerdoti e seminaristi che si oppongono a [tali comportamenti] se ne vanno rapidamente, o si trovano emarginati. Coloro che salgono a posizioni di leadership sono quelli che sono rimasti”. Nel tempo, la tolleranza di questo comportamento scorretto genera una cultura di relativismo morale, alimentando “il declino spirituale e catechetico di un’intera diocesi“.

Un esempio di tale cultura è visibile nella storia del 25 luglio riportata sul National Catholic Register che riporta in dettaglio le accuse di una rete omosessuale attiva presso il seminario arcivescovile di Tegucigalpa, in Honduras. Queste accuse provengono dagli stessi seminaristi che, in una lettera di protesta ai loro formatori, hanno lanciato un accorato appello per un’azione coraggiosa.

Siate veramente padri custodi dei sacerdoti non ancora nati nel grembo della Chiesa in questo paese“, hanno fatto appello i seminaristi interessati. “Il seminario ha bisogno di custodi autentici che combattano con coraggio la formazione povera che la maggior parte dei seminaristi soffre, con la misura che la Chiesa propone“.

I seminaristi hanno sottolineato le norme che già esistono nella Chiesa per la formazione dei sacerdoti e del celibato sacerdotale, e hanno pregato che siano seguite.

Oggi preghiamo che l’ambivalenza morale che ha permesso e alimentato l’ascesa del cardinale McCarrick sia condannata e che papa Francesco, di concerto con i vescovi statunitensi, inizi una necessaria purificazione della Chiesa.

Il cardinale O’Malley ha avvertito che, se i nostri pastori non agiranno, “distruggeranno la fiducia necessaria perché la Chiesa assista i cattolici e svolga un ruolo significativo nella società civile in generale”.

La realtà è che una gran parte di questa fiducia è già stata distrutta dagli abusi del clero sui minori. Ora deve affrontare quasi la decimazione e deve essere ricostruita completamente.

L’indagine del cardinale McCarrick è essenziale, ma le decisioni che ne derivano devono fare in modo che i cambiamenti siano abbastanza grandi per un vero rinnovamento. Solo allora i nostri prelati potranno servire da fari della speranza di Cristo e della guarigione per una Chiesa ferita.

 

Fonte: National Catholic Register

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
40