L’articolo che segue è di Phil Lawler, è stato pubblicato su Catholic Culture, e ve lo presento nella mia traduzione.

 

vescovi

 

I vescovi cattolici del Quebec stanno violando la libertà religiosa del loro popolo. Chi lo dice? Lo dicono loro stessi!

Non prendetemi in parola. Leggete la sorprendente dichiarazione che i vescovi del Quebec hanno rilasciato, rispondendo – e, per quanto a malincuore, accettando – alla regola che i passaporti di vaccinazione sono richiesti per entrare nelle chiese.

La dichiarazione dei vescovi inizia accogliendo con favore la notizia che le chiese saranno di nuovo aperte. Poi cita la Dichiarazione del Vaticano II sulla libertà religiosa, sul dovere dello stato di custodire la libertà religiosa. (Visto che stiamo parlando di libertà religiosa, poniamo la domanda: Perché le chiese sono state chiuse?)

Nel lavorare per questa grande riapertura, i vescovi riferiscono di aver “insistito affinché le persone che frequentavano le nostre assemblee fossero esentate dall’obbligo del passaporto di vaccinazione”. Hanno “insistito”, ci dicono. Eppure…

L’insistenza dei vescovi, continua la dichiarazione, riflette il fatto che “molti fedeli credono che questo requisito costituisca una discriminazione intollerabile che priva le persone non vaccinate del loro diritto alla libertà religiosa”. Notate questa parola: intollerabile. E mentre i vescovi attribuiscono questo argomento a “molti fedeli”, concludono il paragrafo con una loro semplice affermazione: “Su questo, siamo d’accordo con loro”.

Quindi il passaporto vaccinale è intollerabile, è una violazione della libertà religiosa, i vescovi hanno insistito che non dovesse essere imposto alle chiese. Riuscite a indovinare come inizia il paragrafo successivo?

“Tuttavia,…”

Seguono diversi paragrafi sui “dovuti limiti” della libertà religiosa, il dovere di proteggere il bene comune, la necessità di solidarietà di fronte a un’epidemia. I vescovi osservano che “siamo sfidati dall’apostolo Paolo che ci ricorda di non smettere mai di sostenere i nostri governanti con le nostre preghiere”.

Quindi i vescovi del Quebec hanno cambiato idea? Hanno deciso che il passaporto del vaccino sia giustificato nelle circostanze attuali – che l’obbligo rientri nei “dovuti limiti” della libertà religiosa? Stanno ammettendo di aver sbagliato ad insistere sull’esenzione per le chiese? No. Ammettono che “ci sembra ragionevole nelle circostanze attuali accettare certi compromessi”, ma non ritrattano le loro precedenti dichiarazioni. Invece annunciano una curiosa decisione:

“Per il momento, accettiamo che i passaporti di vaccinazione siano richiesti per accedere ai luoghi di culto, anche se questa misura ci sconvolge profondamente”.

L’obbligo di vaccinazione “turba” i vescovi, che lo hanno già etichettato come una violazione della libertà religiosa. Continuano a dire che “restiamo in contatto con le autorità governative per ricordare loro che questo requisito va contro le nostre convinzioni…”.

Il requisito del passaporto-vaccinazione è intollerabile, viola la libertà religiosa, va contro le nostre credenze. Eppure i vescovi lo hanno accettato. I fedeli del Quebec hanno tutto il diritto di essere “sconvolti” dal fatto che i funzionari pubblici siano impegnati in una violazione della libertà religiosa. Ma dovrebbero essere indignati che i loro vescovi abbiano firmato come parte dell’ingiustizia.

 

 

Facebook Comments