In tutti i paesi occidentali si sta accendendo il dibattito sul cosiddetto passaporto vaccinale che consentirebbe a chi ne fosse provvisto di muoversi liberamente nella società. In sostanza creerebbe due classi di cittadini, una privilegiata, quella in possesso del passaporto vaccinale, e una negletta perché non vaccinata. Ma il vaccino non assicura la non contagiosità.

Vi riporto in proposito il parere di Jeff Crouere, pubblicato su The American Thinker, nella mia traduzione. 

 

Passaporto vaccinale covid-19
Passaporto vaccinale covid-19

 

L’ultimo rapporto del CDC mostra che sono state somministrate circa 162 milioni di dosi di vaccino COVID-19.  Questo numero è in costante aumento ogni giorno.  Questi risultati mostrano che milioni di americani non sono riluttanti a prendere il vaccino.

Nonostante le impressionanti statistiche di distribuzione, non c’è un sostegno universale per il vaccino. Un recente sondaggio ha rivelato che il 41% dei repubblicani non prenderà il vaccino contro il coronavirus. Questi risultati sono simili ad altri sondaggi che sono stati fatti nelle ultime settimane. Purtroppo, questi repubblicani, insieme a milioni di altri americani che rifiutano il vaccino potrebbero affrontare una grave violazione delle loro libertà.

Sembra che i passaporti vaccinali siano incoraggiati dall’amministrazione Biden e siano sviluppati dai partner ideologici dell’amministrazione nel mondo accademico e nell’America delle società di capitali..

Venerdì, il presidente della Cornell University Martha Pollack e il prevosto Michael Kotlikoff hanno rilasciato una dichiarazione che tutti gli studenti che tornano a “Ithaca, Ginevra e Cornell Tech campus per il semestre autunnale” saranno tenuti a dimostrare di essersi sottoposti a una “vaccinazione” COVID-19.

Questo annuncio segue una dichiarazione simile rilasciata dalla Rutgers University la scorsa settimana. Nei prossimi giorni, molte altre università sicuramente emetteranno simili requisiti di vaccinazione per il semestre autunnale.

Mentre gli americani più anziani possono sentirsi più vulnerabili e vogliono prendere il vaccino, gli altri dovrebbero essere in grado di rifiutarlo per qualsiasi motivo.  Alcuni americani potrebbero non fidarsi del governo o delle compagnie farmaceutiche; altri potrebbero aver letto online rapporti su gravi effetti collaterali, inclusi i decessi, che si sono verificati dopo aver preso il vaccino.

In America, dovremmo avere il diritto di dire “no”, specialmente su questioni riguardanti la nostra salute personale.  Fortunatamente, alcuni leader politici, come il governatore del Sud Dakota Kristi Noem, hanno mostrato coraggio condannando pubblicamente i passaporti vaccinali. 

Il governatore della Florida Ron DeSantis non solo ha condannato i passaporti vaccinali, ma ha anche agito.  Venerdì, ha emesso un ordine esecutivo che vieta i passaporti vaccinali nel suo stato.  Nella dichiarazione, ha dichiarato che “richiedere i cosiddetti passaporti vaccinali COVID-19 per partecipare alla vita quotidiana – come partecipare a un evento sportivo, frequentare un ristorante o andare al cinema – creerebbe due classi di cittadini in base alle vaccinazioni”.

DeSantis ha vietato alle entità governative e alle imprese di richiedere i passaporti per i vaccini poiché “[i]l passaporto è necessario per proteggere i diritti fondamentali e le privative dei Floridiani e il libero flusso del commercio nello stato”.  DeSantis sta anche lavorando con la legislatura della Florida per rendere queste protezioni “permanenti” per i residenti del suo stato.

Mentre DeSantis sta prendendo l’iniziativa a livello statale, la rappresentante degli Stati Uniti Marjorie Taylor Greene (R-Ga.) è la prima ad agire nel Congresso.  Ha introdotto una legislazione intitolata “We Will Not Comply Act”.  Lo scopo di questa legge è di “vietare i ‘passaporti’ dei vaccini, prevenire la discriminazione contro i non vaccinati, e molto altro per proteggere la libertà del popolo americano”. La rappresentante Taylor Greene sta mostrando più coraggio della stragrande maggioranza dei suoi colleghi del Partito Repubblicano alla Camera o al Senato.

I passaporti per i vaccini sono la definizione di tirannia medica. L’intera idea è orwelliana e pericolosa.  È ciò che ci si aspetterebbe in un paese governato da un governo tirannico, non in una repubblica costituzionale.

Anche l’autrice liberale Naomi Wolf capisce i pericoli che i passaporti per i vaccini rappresentano.  Lei dice che se questi piani vengono attuati, significherà “la fine della libertà umana in Occidente”.  Wolf crede che la vera minaccia sia l’accesso del governo ai dati personali di milioni di americani.  Secondo Wolf, un passaporto vaccinale porterà alla “fine della società civile … ha il potere di spegnere la tua vita, o di accendere la tua vita, per permetterti di impegnarti nella società o essere emarginato”.

Wolf ha notato che la Cina comunista ha un tale sistema in atto, che mantiene “un miliardo di persone sotto il pollice di un regime totalitario”.  Questo permette ai governanti comunisti di “trovare qualsiasi dissidente in cinque minuti, e questo può accadere qui letteralmente entro pochi mesi”.

Che le preoccupazioni siano di salute o di privacy, milioni di americani non vogliono prendere il vaccino.  Questo sarà inaccettabile per l’amministrazione Biden e i suoi alleati.  Questi americani inizieranno ad affrontare un’incredibile pressione per conformarsi.

Una tattica è stata rivelata dalla dottoressa Leana Wen, docente di salute pubblica alla George Washington University.  In un’intervista alla CNN, ha ammesso che bisogna dare agli americani una “carota” per “incentivarli” a prendere il vaccino.  Secondo Wen, “dobbiamo far capire loro che il vaccino è il biglietto di ritorno alla vita pre-pandemia”.  La sua paura è che “altrimenti la gente uscirà e si godrà comunque queste libertà”.

Nell’opinione di Wen e di molti altri che chiedono agli americani di prendere i vaccini, le libertà non dovrebbero essere permesse a quelle persone che si rifiutano.  Questa è l’antitesi di ciò che significa essere un americano, vivere nella “terra della libertà”.

Anche se prendiamo il vaccino, dobbiamo lottare per i diritti di quegli americani che non vogliono prenderlo.  Questi non sono passaporti per la salute; sono passaporti per l’inferno.

 

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1