Arena di Verona

Arena di Verona

 

di Sabino Paciolla

 

Come noto, alcune associazioni, espressione della vita sociale e culturale del nostro Paese, hanno voluto organizzare in Italia, a Verona, il XIII World Congress of Families. Un congresso che ogni anno si tiene in uno dei paesi del mondo. Il convegno incentrerà i suoi lavori sui seguenti temi: la bellezza del matrimonio, i diritti dei bambini, l’ecologia umana integrale, la donna nella storia, la crescita e la crisi demografica, la salute e dignità della donna, la tutela giuridica della vita e della famiglia, le politiche aziendali per la famiglia e la natalità.

Quelli sopra elencati, vi sembrano temi blasfemi? No, assolutamente. Tanto è vero che l’edizione dell’anno scorso si è tenuta a Chisinau, in Moldavia, ed ha visto la partecipazione della Santa Sede, con il Segretario di Stato vaticano, card. Parolin. Se fosse stato un convegno di estremisti la Santa Sede non vi avrebbe preso parte. Eppure, qui in Italia, a quanto si vede, sta succedendo il finimondo. Sembra si voglia sommergere il congresso con una valanga di critiche prima ancora che esso apra i battenti, che dia inizio alle relazioni, che dia corso alle riflessioni, con un chiaro intento distruttivo ed intimidatorio.

In una democrazia normale, si dovrebbe poter criticare, discutere ordinatamente e con rispetto degli altri sugli argomenti all’ordine del giorno, non, invece, come si sta facendo in questi giorni, impedendo di fatto a qualcuno di parlare, togliendogli nel concreto il diritto di parola, o negando l’utilizzo di un’aula universitaria. Alcuni professori dell’università di Verona, circa 200, sono arrivati alla sottoscrizione di un appello in cui si accusa: “il forum riunirà leader che, lungi dall’essere semplicemente interessati alla protezione della famiglia in senso tradizionale, mirano alla revoca di alcuni diritti e conquiste del costituzionalismo democratico occidentale, quali: ​il diritto all’autodeterminazione delle donne, incluso il diritto all’aborto e l’istituto del divorzio, l’autonomia del ruolo della donna nella società, e in particolare il diritto della donna a svolgere una professione ​(male cui si attribuisce la recente crisi demografica), ​il diritto all’integrità fisica delle persone omosessuali”​. Inoltre, quegli stessi professori dicono di essere “allarmati e sconcertati dall’orientamento profondamente reazionario di cui questo Congresso è espressione”.

Notate la parola “reazionario”. Ricorda altri tempi, finanche altri regimi.

Se uno che organizza un convegno internazionale sulla famiglia si ritrova poi ad affrontare un fuoco di sbarramento mediatico fatto di fake news, di pioggia di insulti, di una serie di inviti più o meno “forti” ad albergatori affinché non accolgano gli ospiti del convegno che vengono anche dall’estero, allora vuol dire che la tanto decantata democrazia italiana comincia ad assomigliare a quella Socialista. Quella che ti dice che puoi fare “democraticamente” tutto quello che vuoi purché tu ti muova nell’alveo delle rigide norme imposte con la forza dal partito, nel nostro caso dal Pensiero Unico Dominante.

E infatti, alcuni casi ci dicono che il sentiero sembra essere proprio questo. Siamo infatti alla violenza verbale della folla, mediatica e fisica, che insulta pesantemente chi non la pensa allo stesso modo. Guardate in fondo a questo articolo il video di quello che è successo a Trento (qui altri video) ai poveri assessori Bisesti e Segnana, “colpevoli” solo di aver partecipato ad un incontro pubblico nella sala Belli del palazzo della Provincia il cui tema era la bellezza della differenza maschile/femminile. È una cosa indecorosa. Ho assistito ad una cosa del genere, molto avvilente, mentre ero seduto da spettatore in una sala parrocchiale di Bari, ripeto, sala parrocchiale, ascoltando l’avv. Gianfranco Amato che parlava della famiglia naturale. Qui il video dove, mio malgrado, appaio tra coloro che chiedono con forza il rispetto del diritto di parola.

Oramai sono tanti gli episodi difficili capitati a chi manifesta o testimonia a favore della vita o della famiglia naturale. Per citare solo alcuni esempi, abbiamo assistito alla violenza verbale e fisica nei confronti delle Sentinelle in piedi, a quella nei confronti degli Universitari per la vita, alla messa in stato di accusa dello psicoterapeuta Giancarlo Ricci solo perchè ha osato parlare della «funzione essenziale e costitutiva di mamma e papà nel processo di crescita» del bambino, al processo legale alla scrittrice e medico Silvana De Mari, e così via, in una lunga serie di casi, anche a livello internazionale, fino agli attuali problemi dell’incontro di Trento e del Congresso di Verona.

Quando accadono simili cose, significa che una democrazia comincia a dare segni di marcescenza, che gli anticorpi a sua difesa cominciano ad indebolirsi, che una malattia autoimmune comincia a mostrare la sua subdola aggressività, aggredendo il suo stesso corpo, considerandolo un nemico da abbattere.

Si diceva prima che il denominatore comune è il Pensiero Unico Dominante, ovvero l’ideologia del Politicamente Corretto. In questo clima ideologico si fa a gara tra le amministrazioni pubbliche, Comuni, Provincie e Regioni, per dare il patrocinio ai vari Gay Pride che, per inciso, demonizzano la famiglia naturale, mentre si fa di tutto per chiedere che venga ritirato il patrocinio della Presidenza del Consiglio al Congresso di Verona che vuol parlare di matrimonio, famiglia naturale, diritti delle donne e diritto alla vita. E che cosa è questa se non intolleranza verso coloro che la pensano in modo diverso dal mainstream.

Ecco, quando si dice intolleranza.

Proprio ieri su questo blog è apparso un articolo di Rod Dreher, l’autore de L’Opzione Benedetto, intitolato Sconfiggere la rivoluzione culturale. Dreher ci mette in guardia dal totalitarismo emergente nella nostra cultura occidentale sempre più post-liberale. Un totalitarismo che, Dreher cita alcuni versi dal diario che Dostoevskij scrisse nel suo quaderno nel 1863-1864, vuole: “… rigenerare gli esseri umani, per liberarli, presentandoli senza Dio e senza la famiglia”.

Dreher aggiunge che il filosofo e teorico della politica Augusto Del Noce ha identificato un aspetto chiave quando ha scritto: “Il nuovo totalitarismo è molto diverso dalle forme più antiche perché è un totalitarismo della disintegrazione, prima ancora di essere un totalitarismo della dominazione. Domina disintegrando“. Dreher, inoltre, concorda con Del Noce quando questi sottolinea che è un errore pensare che il totalitarismo richieda uno Stato di polizia. Può esistere anche nelle democrazie, perché il totalitarismo è una condizione in cui la politica invade tutta la vita.

In queste “democrazie” immaginate da Del Noce, ci si trova di fronte all’intolleranza dei tolleranti, alla cattiveria dei buonisti, alla violenza dei non violenti, al rifiuto degli accoglienti.

Infine, agli amici organizzatori del convegno di Verona che stanno patendo questo pesante attacco mediatico, vorrei portare il mio modesto sostegno con le parole che il giornalista e scrittore irlandese John Waters ha scritto in un altro articolo rilanciato su questo blog. Waters, che per le stesse idee affermate dagli organizzatori del congresso di Verona ha patito pesantemente, anche professionalmente, scrive:

“La menzogna è un tentativo di sopprimere la verità; la menzogna si verifica, quindi, perché la verità esiste. Quindi, un senso di falsità dovrebbe sempre metterci in guardia contro la soppressione di qualcosa di reale. Vivere la verità di fronte a una potente menzogna non è rischioso come potrebbe sembrare, perché la verità trova armonia con se stessa, ed è inconfondibile per tutto tranne che per se stessa. La sfera nascosta della verità è pericolosa per il regime, ma è un alleato degli schiavi. Vivere nella verità significa creare una sovversione che non può che crescere sempre più.

La verità non ha bisogno di eserciti propri, ma trova la sua forza nel desiderio represso di autenticità, della vita umana come dovrebbe essere vissuta. Questo è il potere dei senza potere (Vaclav Havel, ndr). “Questo potere non partecipa ad alcuna lotta diretta per il potere, ma fa sentire la sua presenza nell’oscura arena dell’essere stesso“. E il movimento nascosto che ne deriva può esplodere improvvisamente come un fenomeno politico o sociale. Per questo motivo il regime perseguirà sempre anche il più piccolo gesto che si verifica come tentativo di vivere nella verità. La crosta di menzogne deve essere spezzata una sola volta, in un unico luogo, perché tutto si disintegri.”

 

Video di quello che è successo a Trento:

 

 

Facebook Comments