Il Presidente cinese Xi Jinping dovrebbe visitare il Kazakistan nello stesso giorno in cui Papa Francesco sarà nel Paese dell’Asia centrale la prossima settimana. Ne parla Courtney Mares nel suo articolo pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco e Xi Jinping
Papa Francesco e Xi Jinping

 

Il Presidente cinese Xi Jinping dovrebbe visitare il Kazakistan nello stesso giorno in cui Papa Francesco sarà nel Paese dell’Asia centrale la prossima settimana.

Il Ministero degli Esteri kazako ha annunciato che Xi incontrerà il Presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev il 14 settembre, durante la visita di tre giorni del Papa nella capitale, Nur-Sultan.

La coincidenza delle visite di Francesco e Xi avviene mentre la Santa Sede e la Cina sono in trattative per il rinnovo di un accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi in Cina.

 

Accordo Vaticano-Cina

Il Segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, ha dichiarato in un’intervista televisiva italiana del 2 settembre che una delegazione di diplomatici vaticani è tornata dalla Cina e che ritiene che l’accordo sarà rinnovato in autunno.

Sarebbe la seconda volta che l’accordo con Pechino viene rinnovato da quando la Santa Sede lo ha firmato per la prima volta nel settembre 2018.

Pechino ha interrotto i rapporti diplomatici con la Santa Sede nel 1951, dopo che Mao Zedong era salito al potere con la Rivoluzione comunista cinese e aveva espulso i missionari dalla Cina.

Senza relazioni diplomatiche, un eventuale incontro tra Xi e Papa Francesco non sarebbe ufficiale. Nella storia della Chiesa non c’è mai stato un incontro tra un Papa e un Presidente della Cina.

 

Violazioni della libertà religiosa

Una fonte che lavora nel parlamento kazako ha detto alla CNA che “teoricamente è possibile” che il Papa e il Presidente si incontrino.

Papa Francesco parteciperà al Congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali in Kazakistan dal 13 al 15 settembre.

È previsto che il Papa tenga incontri privati con alcuni dei partecipanti al vertice interreligioso a mezzogiorno del 14 settembre, giorno della visita di Xi nella capitale kazaka.

Tuttavia, è improbabile che il leader cinese prenda parte al vertice dei leader musulmani, cristiani e di altre religioni.

Xi è stato oggetto di una crescente condanna internazionale per la brutale persecuzione della Cina nei confronti dei musulmani uiguri nella regione cinese nordoccidentale dello Xinjiang.

Il 1° settembre, le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto che documenta “gravi violazioni dei diritti umani” nello Xinjiang, tra cui modelli di tortura, detenzione e violenza sessuale contro la minoranza religiosa cinese.

Il Kazakistan sarebbe il primo viaggio ufficiale di Xi al di fuori della Cina dall’inizio della pandemia COVID-19, durante il quale ha supervisionato le più severe misure di blocco al mondo.

Secondo il Wall Street Journal, il viaggio di Xi in Asia centrale potrebbe includere anche un incontro in Uzbekistan con il presidente russo Vladimir Putin.

 

Visita di Taiwan in Vaticano

Un giorno prima che la notizia della prossima visita di Xi in Kazakistan fosse resa pubblica, l’ex vicepresidente di Taiwan ha incontrato Papa Francesco in Vaticano.

Il presidente taiwanese Tsai Ing-wen ha dichiarato che l’ex vicepresidente, Chen Chien-jen, era presente alla beatificazione di Giovanni Paolo I il 4 settembre come rappresentante di Taiwan.

Chen ha scritto sui social media di essere stato “ricevuto in modo speciale” dal Papa prima della beatificazione e ha chiesto a Papa Francesco di “pregare per il popolo di Taiwan”.

La Santa Sede è uno dei soli 14 Stati che hanno legami diplomatici formali con Taiwan, ufficialmente Repubblica di Cina (ROC), e l’unica entità in Europa che riconosce Taiwan come Paese.

Pechino considera Taiwan come una provincia ribelle e ha esercitato pressioni sui Paesi per porre fine ai legami con Taiwan, influenzando sette Paesi a spostare i loro legami diplomatici da Taipei a Pechino dal 2016. È opinione diffusa che Pechino chieda di abbandonare i legami con Taiwan come prerequisito per ristabilire le relazioni diplomatiche con la Santa Sede.

 

Il cardinale Zen sotto processo

Sullo sfondo di ogni incontro con i funzionari cinesi durante il viaggio papale c’è l’arresto e l’imminente processo a Hong Kong di un cardinale cattolico, che è stato un esplicito sostenitore della libertà religiosa e della democrazia.

Il cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, sarà processato insieme ad altre quattro persone a Hong Kong dal 19 al 23 settembre, in relazione al suo ruolo di amministratore di un fondo legale a favore della democrazia.

A seguito di una riunione di 197 cardinali cattolici tenutasi in Vaticano la scorsa settimana, il cardinale Gerhard Ludwig Müller ha espresso disappunto per il fatto che i cardinali non abbiano utilizzato la riunione del concistoro come “un’opportunità per dichiarare la piena solidarietà con Zen da parte di tutto il Collegio cardinalizio”.

“Dal silenzio di questo concistoro sul caso Zen ho dei timori”, ha dichiarato il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede a Il Messaggero il 1° settembre.

Ha aggiunto che non c’è nemmeno una proposta di preghiera collettiva per Zen.

“Ci sono ovviamente ragioni politiche da parte della Santa Sede che impediscono tali iniziative. Mi riferisco all’accordo per il rinnovo dei vescovi recentemente firmato con il governo di Xi”, ha detto Müller.

Con l’arrivo dell’autunno, ascoltiamo la creazione di Dio e preghiamo, dicono i vescovi cattolici. “Forse la Chiesa dovrebbe essere più libera e meno legata a logiche di potere e mondane, quindi più libera di intervenire e, se necessario, di criticare quei politici che finiscono per reprimere i diritti umani. In questo caso, mi chiedo perché non criticare Pechino”, ha aggiunto.

“Zen è un simbolo ed è stato arrestato con un pretesto, non ha fatto nulla, è una figura influente, coraggiosa e molto temuta dal governo”, ha detto. “Ha più di 80 anni e lo abbiamo lasciato solo”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments