Papa Francesco ha nominato mercoledì Juan Carlos Cruz alla Pontificia Commissione per la Protezione dei Minori. Cruz, omosessuale dichiarato, ha criticato pubblicamente e con forza la comunicazione della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che ha affermato che la Chiesa non può e non ha il potere di benedire le unioni dello stesso sesso. Cruz ha detto che la CDF non è in contatto con il mondo reale. La nomina di Cruz da parte di Papa Francesco assume dunque un certo significato. 

Un articolo di Courtney Mares pubblicato su Catholic News Agency, nella mia traduzione.

 

Papa Francesco e Juan Carlos Cruz
Papa Francesco e Juan Carlos Cruz

 

Papa Francesco ha nominato mercoledì Juan Carlos Cruz alla Pontificia Commissione per la Protezione dei Minori.

Cruz, un cileno sopravvissuto ad abusi sessuali clericali, farà parte della commissione vaticana per tre anni.

“Sono molto grato a Papa Francesco per avermi dato fiducia in questa nomina. Lo apprezzo profondamente”, ha scritto Cruz sul suo account Twitter dopo l’annuncio del 24 marzo.

“Questo rinnova il mio impegno a continuare a lavorare per porre fine alla piaga degli abusi e per tanti sopravvissuti che ancora non hanno giustizia”.

Cruz si unisce agli attuali membri della commissione. Quindici delle loro nomine sono state rinnovate per un anno dal papa.

La Commissione vaticana per la protezione dei minori è stata istituita da Papa Francesco nel marzo 2014 come organo consultivo papale per migliorare le norme e le procedure della Chiesa per la protezione dei bambini e degli adulti vulnerabili.

Cruz è una sopravvissuto agli abusi sessuali di padre Fernando Karadima, che nel 2011 è stato dichiarato colpevole dalla Congregazione per la Dottrina della Fede di aver abusato sessualmente di minori negli anni ’80 e ’90.

Papa Francesco ha incontrato Cruz e altre vittime di Karadima nell’aprile 2018 in un incontro in Vaticano in cui il papa si è scusato per aver precedentemente difeso il vescovo cileno Juan Barros, accusato di aver coperto gli abusi di Karadima al tempo del viaggio del papa in Cile all’inizio di quell’anno.

Cruz ha poi detto in un’intervista che aveva parlato della sua omosessualità durante il suo incontro privato con il papa, e ha detto che Francesco gli aveva detto di accettare se stesso e la sua attrazione per lo stesso sesso perché Dio lo ha fatto così.

La settimana scorsa, prima della sua nomina alla commissione pontificia, Cruz ha parlato in modo critico della decisione della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede (CDF) che la Chiesa cattolica non può dare benedizioni liturgiche alle unioni omosessuali.

Cruz, che ha ripetutamente chiesto un cambiamento all’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità, ha detto all’Associated Press il 15 marzo che la gente lascerà la Chiesa cattolica “se la Chiesa e la CDF non avanzano con il mondo”.

Dall’istituzione della commissione pontificia, il gruppo consultivo è stato guidato dal cardinale Seán O’Malley di Boston con mons. Robert Oliver come segretario.

Nell’annuncio del Vaticano del 24 marzo, i membri sono mons. Luis Manuel Alí Herrera, p. Hans Zollner, sr. Jane Bertelsen, sr. Arina Gonsalves, Sr. Kayula Lesa, Sr. Hermenegild Makoro, Ernesto Caffo, Gabriel Dy-Liacco, Benyam Dawit Mezmur, John Owen Neville, Nelson Giovannelli Rosendo dos Santo, Hanna Suchocka, Myriam Wijlens, Sinalelea Fe’ao, e Teresa Kettelkamp Morris.

 

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1