Gli ultimi commenti del Papa contraddicono gli insegnamenti dei Padri della Chiesa sull’esistenza dell’inferno.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Haynes e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco - Vatican Press
Papa Francesco – Vatican Press

 

In un’intervista rilasciata in occasione del suo decennale, Papa Francesco è sembrato negare l’esistenza dell’Inferno, affermando che “non è un luogo” ma è semplicemente “uno stato del cuore” e “una posizione nei confronti della vita”.

I commenti del pontefice hanno fatto parte di una lunga conversazione condotta dal sito di notizie argentino Perfil, una delle numerose interviste che il Papa ha concesso ai giornalisti in occasione del suo decennale sul soglio pontificio. Toccando una serie di argomenti discussi con altri giornalisti, Francesco ha parlato anche del suo pensiero filosofico e teologico, oltre che di aspetti relativi alla politica globale.

Nell’ambito della discussione approfondita, a Francesco è stato chiesto: “Qual è la sua interpretazione dell’inferno e del paradiso, cosa succede alle persone che vanno all’inferno e cosa succede a quelle che vanno in paradiso?”.

Dando una risposta lunga, contorta e in qualche modo evasiva, Francesco sembra negare l’esistenza dell’inferno come luogo reale. “L’inferno non è un luogo”, ha detto. “Se uno va ad assistere al Giudizio Universale e vede i volti di coloro che vanno all’Inferno, si spaventa. Se si legge Dante, si ha paura. Ma queste sono rappresentazioni mediatiche”.

Ampliando la sua risposta, Francesco ha descritto l’Inferno semplicemente come “uno stato” – una descrizione che sembrava riferirsi a uno stato mentale. “L’inferno è uno stato, ci sono persone che vivono continuamente all’inferno”.

Ha chiarito che non si riferiva alla sofferenza in generale, ma a “coloro che fanno un mondo di autoreferenzialità cattiva o malata, e finiscono per vivere all’inferno”.

L’inferno è uno stato, è uno stato del cuore, dell’anima, di una posizione verso la vita, verso i valori, verso la famiglia, verso tutto. Ci sono persone che vivono all’Inferno perché lo cercano, ce ne sono altre che non lo cercano, che soffrono. E chi va all’Inferno, a quell’Inferno, a quello stato? Vivono già da qui.

Non contento di sembrare negare l’esistenza dell’Inferno, Francesco ha però insinuato che non c’è nessuno in realtà all’Inferno – un’inversione di rotta nella sua argomentazione che gli ha permesso di accettare che l’Inferno possa essere reale.

“Se mi chiedete quante persone ci sono all’inferno, vi rispondo con una famosa scultura della cattedrale di Deslé”, ha detto. Fornendo una descrizione della scultura, Francesco ha osservato che la scultura “ha Giuda appeso e il diavolo che lo tira giù, e dall’altra parte hanno il Buon Pastore, Gesù che afferra Giuda e lo porta alla babucha con un sorriso ironico”.

“Che cosa significa?”, si è chiesto. “Che la salvezza è più forte della dannazione. Questo capitello è una catechesi che deve farci riflettere”.

“La misericordia di Dio è sempre al nostro fianco, e ciò che Dio vuole è essere sempre con il suo popolo, con i suoi figli, e che non lo lascino”, ha concluso.

Le sue osservazioni riecheggiano quelle fatte in una controversa intervista con il giornalista ateo Eugenio Scalfari, in cui Scalfari sosteneva che Francesco negava l’esistenza dell’inferno e sosteneva invece che le “anime perdute” venivano annientate alla morte del corpo terreno.

In seguito, il Vaticano ha avviato un processo di contenimento dei danni dopo la pubblicazione dell’intervista da parte di Scalfari. All’epoca, p. Tommaso Rosica, assistente di lingua inglese della Sala Stampa della Santa Sede, disse a LifeSiteNews: “Tutti i testi ufficiali e definitivi del Santo Padre si trovano sul sito web del Vaticano” e, poiché non sono mai stati pubblicati dalla Sala Stampa della Santa Sede, “non dovrebbero essere considerati testi ufficiali”.

Si trattava, ha detto p. Rosica, di “discussioni private che hanno avuto luogo e che non sono mai state registrate dal giornalista”.

 

Insegnamento cattolico sull’esistenza dell’inferno

L’accorato tentativo di Papa Francesco di negare l’esistenza dell’inferno, o la possibilità che qualcuno vi si trovi, si scontra con l’insegnamento della Chiesa cattolica sull’argomento.

I Vangeli presentano le parole di Cristo sull’argomento. Nella parabola di Lazzaro e del ricco, Cristo avverte che il ricco avido ed egoista, morto impenitente, “morì anch’egli e fu sepolto nell’inferno”. (Luca 16:22)

Così anche nel Vangelo di Matteo, Cristo presenta il racconto del giorno del giudizio e della separazione dei giusti dagli ingiusti. Coloro che non hanno seguito la legge di Dio “andranno in un castigo eterno”, insegna Cristo. (Matteo 25:46)

In un altro discorso con i suoi discepoli, Cristo spiegò il significato della parabola del seminatore, paragonandola ai giorni finali del giudizio. “Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli e raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e coloro che operano l’iniquità. E li getterà nella fornace di fuoco; ci sarà pianto e stridore di denti.” (Matteo 13:41)

Nel suo supplemento alla Summae Theologiae, San Tommaso d’Aquino attinge all’insegnamento delle Scritture per delineare e difendere chiaramente l’esistenza dell’inferno. Scrivendo del luogo in cui le anime vengono portate subito dopo la morte, il grande teologo scrive:

E poiché alle anime viene assegnato un luogo in funzione della loro ricompensa o della loro punizione, non appena l’anima si libera dal corpo o si immerge nell’inferno o si slancia verso il cielo, a meno che non sia trattenuta da qualche debito, per cui il suo volo deve essere ritardato finché l’anima non sia prima di tutto purificata.

“Questa verità è attestata dalla manifesta autorità delle Scritture canoniche e dalla dottrina dei santi Padri”, continua, “per cui il contrario deve essere giudicato eretico come affermato in Dial. iv, 25 e in De Eccl. Dogm. xlvi”.

Più avanti, nella stessa sezione, San Tommaso riafferma l’esistenza fisica dell’Inferno, attingendo come sempre ai Padri della Chiesa e alla Sacra Scrittura. Citando San Basilio, l’Aquinate scrive che:

al momento della purificazione finale del mondo, ci sarà una separazione degli elementi: ciò che è puro e nobile resterà in alto per la gloria dei beati, e ciò che è ignobile e sordido sarà gettato in basso per la punizione dei dannati; così, come ogni creatura sarà per i beati motivo di gioia, così tutti gli elementi condurranno alla tortura dei dannati, secondo Sapienza 5,21: “tutto il mondo combatterà con Lui contro gli sprovveduti”.

Questo è anche conforme alla giustizia divina: se essi si sono allontanati dall’uno con il peccato e hanno posto il loro fine nelle cose materiali che sono molte e varie, così devono essere tormentati in molti modi e da molte fonti.

San Tommaso insegnava con tanta determinazione l’esistenza dell’Inferno, da delineare il modo in cui il fuoco tormentoso, di cui parlano le Scritture, sarebbe stato reale. “Tuttavia, qualunque cosa si possa dire del fuoco che tormenta le anime separate, dobbiamo ammettere che il fuoco che tormenterà i corpi dei dannati dopo la resurrezione è corporeo, poiché non si può applicare opportunamente una punizione a un corpo se questa punizione non è essa stessa corporea”.

L’Aquinate cita inoltre l’insegnamento di Papa San Gregorio e quello di Sant’Agostino a sostegno del suo scritto.

Nei commenti forniti a LifeSiteNews, il catechista e autore, il diacono Nick Donnelly, ha sottolineato l’importanza di insegnare l’esistenza fisica dell’inferno, poiché così facendo “si sostiene la realtà oggettiva della giustizia di Dio”.

“Quando nostro Signore si riferiva alle punizioni dell’Inferno – il fuoco eterno e il verme eterno – le descriveva in termini molto fisici, non in termini di stati d’animo psicologici o spirituali”, ha detto Donnelly.

I Padri della Chiesa hanno inteso la rappresentazione dell’inferno da parte di Gesù come una descrizione letterale di un luogo fisico. È essenziale insegnare la natura dell’Inferno come luogo fisico perché sostiene la realtà oggettiva della giustizia di Dio – Dio determina la punizione dei dannati – e la realtà oggettiva della resurrezione del corpo – i corpi dei dannati subiscono punizioni reali.

L’ecclesiastico inglese ha definito i commenti di Francesco sull’inferno come un “esempio della sua detronizzazione del vero Dio per uno di sua creazione”.

La caricatura di Papa Francesco dell’Inferno come stato psicologico è un altro esempio di un umanesimo idolatrico che riduce tutto a questo mondo, come se l’esperienza dell’uomo fosse la misura di Dio, piuttosto che il disegno e il piano eterno di Dio come misura del destino dell’uomo. La disinvoltura con cui Papa Francesco ha liquidato la descrizione della fisicità dell’inferno fatta da Nostro Signore è un altro esempio della sua detronizzazione del vero Dio per uno di sua creazione.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments