Papa Francesco ha incontrato un gruppo LGBT+ che si identifica come “cattolico” ma afferma posizioni contrarie alla morale cattolica. Papa Francesco ha posato con loro per le foto durante la visita del gruppo a Roma la scorsa settimana. Il gruppo è stato istituito e viene supervisionato dall’arcivescovo Vincent Nichols di Westminster, Londra, elevato al cardinalato da Papa Francesco nel 2014. Del card. Nichols ho già riferito qui e qui

Di seguito un articoli di Martin M. Barillas, nella mia traduzione.

"I cattolici LGBT+ Westminster" incontrano Papa Francesco 06.03.2019

“I cattolici LGBT+ Westminster” incontrano Papa Francesco 06.03.2019

 

Papa Francesco ha incontrato un gruppo pro-omosessuale che si identifica come “cattolico” e ha posato con loro per le foto durante la visita del gruppo a Roma la scorsa settimana.

Il gruppo, “LGBT+ Catholics Westminster”, promuove la normalizzazione dell’omosessualità all’interno della Chiesa cattolica e cerca di “liberare la Chiesa e la società dall’omofobia sistemica e istituzionale”. Il gruppo pro-omosessuale è stato nominato dal cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster, per fornire assistenza pastorale ai cattolici che si identificano come omosessuali.

Cattolici LGBT+ Westminster afferma posizioni contrarie all’insegnamento cattolico sull’omosessualità.

“Un ministero pastorale pienamente inclusivo con e per i cattolici LGBT, genitori e famiglie, porta inevitabilmente a comprendere l’insegnamento della Chiesa sulla sessualità e l’identità di genere come un’area in via di sviluppo dell’insegnamento magisteriale e non qualcosa di fisso una volta per tutte in precedenti documenti della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede”, afferma il gruppo sul suo sito web.

L’organizzazione ha marciato nella parata gay pride di Londra. Il sito web dell’organizzazione mostra in una posizione di rilievo una preghiera scritta dal sacerdote cattolico apertamente omosessuale Bernárd J. Lynch che afferma sul suo blog: “Sono sposato con mio marito Billy dal 1998”.

La Chiesa cattolica insegna che gli atti omosessuali sono “atti di grave depravazione” e sono “intrinsecamente disordinati” perché “contrari alla legge naturale”.

“Chiudono l’atto sessuale al dono della vita. Non procedono da una genuina complementarietà affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati”, afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica. La Chiesa insegna anche che la stessa inclinazione omosessuale è “oggettivamente disordinata”.

Il Papa ha incontrato il gruppo e ha posato con loro per una foto il mercoledì delle Ceneri del 6 marzo, dopo l’udienza generale. Secondo The Tablet, il gruppo aveva “posti privilegiati” all’udienza in piazza San Pietro. Il Papa ha stretto la mano ai pellegrini. Ognuno di loro ha ricevuto un rosario da lui.

Durante la loro visita a Roma dal 4 al 10 marzo, il gruppo ha ascoltato le presentazioni dei giornalisti e del professor James Keenan SJ del Boston College. Il prof. Keenan ha parlato della prospettiva del Papa sui Sinodi su Matrimonio e Famiglia del 2014 e 2015. Per quanto riguarda le preoccupazioni LGBT, Keenan ha parlato dell’importanza dei principi di Papa Francesco di “accompagnamento” e “discernimento morale”. Il gruppo ha avuto anche un momento di Preghiera del mattino per commemorare nella basilica di San Bartolomeo sul Tevere le vittime dell'”omofobia” e della “transfobia”.

La vicinanza del Cardinale Nichols ai cattolici LGBT+ Westminster era evidente quando ha celebrato la Messa della festa del Battesimo del Signore nella Chiesa dell’Immacolata Concezione nel centro di Londra in gennaio. Amministrato da sacerdoti gesuiti, il programma di assistenza LGBT della parrocchia, LGBT Catholics Westminster, è stato formato sotto la direzione del cardinale. Comprende gruppi più piccoli che presentano persone che si identificano come “trans”. Il cardinale è stato innalzato al cardinalato nel 2014 da Papa Francesco e ha celebrato per la prima volta una messa per accogliere i cattolici LGBT nella parrocchia dei gesuiti a Londra nel 2015. Ex arcivescovo di Birmingham, il cardinale Nichols è il chierico cattolico più anziano in Inghilterra e Galles.

Il Cardinale Nichols ha scritto ai pellegrini prima del loro pellegrinaggio, dicendo loro che era una “meravigliosa opportunità” quella di essere a Roma e, soprattutto, di “approfondire la propria fede”. Egli ha scritto: “Che San Pietro e San Paolo, e in effetti tutti gli Apostoli, continuino a guidarvi sulla vostra strada, e che non manchiate mai di lasciarvi ispirare dalla loro testimonianza di fedeli servitori del nostro Signore e Salvatore, Gesù Cristo”. Il cardinale ha chiesto ai pellegrini LGBT di pregare per lui “presso le tombe di San Pietro e San Paolo e di tutti gli altri luoghi santi che visiterete”, assicurando loro le sue preghiere.

 

Nota: Pete Baklinski ha contribuito a questo articolo.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments
image_print
1