Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Larry Chapp e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

Non condivido tanto quanto scritto da Chapp ma lo pubblico lo stesso come spunto di riflessione utile a tutti.

 

Papa Francesco conferenza stampa in volo dal kazakistan 13-15 settembre 2022
Papa Francesco conferenza stampa in volo dal kazakistan 13-15 settembre 2022

 

Papa Francesco ha rimosso dall’incarico il vescovo Joseph Strickland della diocesi di Tyler, in Texas. La decisione non era inaspettata e molti pensavano che fosse inevitabile dopo la visita apostolica del Vaticano all’inizio dell’anno e la successiva indagine sulla gestione della diocesi da parte del vescovo Strickland. Finora, le ragioni di questa decisione non sono state rese note dal Vaticano e non è chiaro se lo saranno mai.

I miei pensieri sul licenziamento sono contrastanti. Da un lato (per le ragioni esposte di seguito), non sono mai stato un sostenitore o un ammiratore del vescovo Strickland. Infatti, proprio l’anno scorso ho pubblicato sul mio blog “Un manifesto per un nuovo tradizionalismo”, in cui io e i miei coautori invitavamo i lettori ad apporre la loro firma. Il vescovo Strickland mi ha chiamato al telefono per discutere della questione e mi ha detto che stava pensando di firmarlo. Dopo averci pensato un po’, gli ho inviato un’e-mail in cui gli dicevo gentilmente, ma con fermezza, di no e gli dicevo che “con tutto il rispetto non volevo essere associato al suo marchio di tradizionalismo”. Lui ha risposto con gentilezza, mi ha detto “Grazie” e la cosa è finita lì.

D’altra parte, il fatto che il Vaticano abbia rimosso il vescovo Strickland dall’incarico e allo stesso tempo abbia dato il via libera ai vescovi progressisti radicali della Germania, che hanno dissentito pubblicamente dall’insegnamento della Chiesa, apre il Vaticano alla ragionevole critica che ci sia un doppio standard in gioco. Sembra che ci siano due serie di regole per i vescovi: una per i conservatori, punitiva e costrittiva, e un’altra per i liberali, latitudinaria e permissiva. Non sto dicendo che ci sia una completa equivalenza tra le due situazioni, ma c’è abbastanza confronto per sollevare almeno la questione.

E cosa è peggio? Criticare pubblicamente il Papa in modo acceso (soprattutto per un vescovo) o dissentire pubblicamente da un insegnamento della Chiesa da tempo consolidato sulla morale sessuale e chiedere cambiamenti radicali nella dottrina? Inoltre, e non è estraneo a questa vicenda, Papa Francesco ha un passato a dir poco incerto sulla questione della punizione dei vescovi accusati di aver coperto abusi sessuali.

C’è la possibilità che il vescovo Strickland sia stato rimosso per motivi puramente amministrativi e non di natura penale. Il Vaticano potrebbe aver preso la decisione, dopo la visita apostolica dello scorso giugno, che il dovere del vescovo Strickland di gestire correttamente la sua diocesi sia sceso al di sotto della soglia minima richiesta per una leadership efficace.

Ma come possiamo sapere se è così o no? E questo non solleva forse molte altre domande difficili?

Proprio per questo sarebbe opportuno che il Vaticano fosse completamente trasparente sulle ragioni pastorali di questo licenziamento. Allo stato attuale, la rimozione dall’incarico di un vescovo popolare tra i cattolici molto conservatori non farà altro che creare ulteriori amarezze, divisioni e vetriolo tra un gruppo di cattolici già alienato, sia clericale che laico. In assenza di una piena trasparenza, non sanerà le divisioni nella Chiesa ma, come la Traditionis Custodes, le peggiorerà e radicalizzerà ulteriormente quei cattolici precedentemente conservatori che si sono spostati verso il tradizionalismo estremo in reazione a Papa Francesco.

Pertanto, senza ulteriore trasparenza, il Vaticano si espone all’accusa che il suo tanto decantato “ascolto” del “popolo di Dio” sia un affare piuttosto unilaterale, se non addirittura una totale messinscena, dal momento che tutto l'”ascolto” sembra diretto solo alle voci che il Vaticano vuole sentire.

La trasparenza aiuterebbe anche ad attenuare l’apparenza di un uso eccessivamente pesante e autocratico dell’autorità papale. È molto raro che un vescovo che non abbia commesso violazioni morali o penali di natura grave, che non abbia insegnato eresie palesi e che non abbia dato prova di instabilità mentale, venga deposto dal suo ufficio senza una spiegazione pubblica. Ci sono dei canoni nel diritto ecclesiastico che regolano queste cose e sarebbe utile che il Vaticano specificasse quale o quali canoni sono stati invocati in questo caso. E non si tratta di una questione di importanza marginale. I Papi possono fare quello che vogliono con il diritto canonico, naturalmente, ma se il Papa desidera creare una “Chiesa sinodale”, allora non può semplicemente governare in modo autocratico con una mentalità da “l’etat c’est moi”.

Inoltre, Papa Francesco ha un curriculum di deposizioni di vescovi senza spiegazioni pubbliche, come nel caso precedente del vescovo Daniel Fernández Torres di Arecibo, Porto Rico, che è stato misteriosamente sollevato dal suo incarico senza alcuna motivazione. Il vescovo Torres si era opposto alle politiche di vaccinazione obbligatoria COVID e si era opposto all’invio dei suoi seminaristi a un particolare seminario, ma sono davvero buone ragioni per deporre un vescovo? E chi può sapere se erano questi i problemi? Come potremmo?

E questo è il punto. “La trasparenza e la cultura della responsabilità”, si legge nella Relazione di sintesi dell’Assemblea 2023 di Roma, pubblicata di recente, “sono di importanza cruciale per andare avanti nella costruzione di una Chiesa sinodale”. Una Chiesa sinodale è una Chiesa trasparente, tranne, a quanto pare, quando il Papa decide diversamente.

Il silenzio di questo pontificato sul caso Strickland – soprattutto se continuerà – non farà altro che rafforzare l’idea in certi ambienti che si tratta di un pontificato che si basa sul culto della personalità e sulla volontà di potenza, dove non sono richieste spiegazioni e fare domande difficili è un atto di intollerabile disobbedienza. Il Vaticano deve capire che non si possono avere entrambe le cose. Non si può parlare incessantemente e con la regolarità di un metronomo di “parrhesia!”, di “ascolto sinodale” e di una Chiesa di aperta trasparenza – e poi voltarsi e ignorare coerentemente tutto questo quando fa comodo al potere romano.

Tuttavia, anche in assenza di una spiegazione completa da parte del Vaticano, si può ragionevolmente speculare sulle ragioni di questa azione, dal momento che molti particolari sono già noti. Per cominciare, il vescovo Strickland è stato un critico dichiarato di Papa Francesco. Alla fine del mese scorso, tenendo un discorso a Roma, ha citato una lettera di un suo “caro amico” che descriveva Papa Francesco come “questo usurpatore della cattedra di Pietro…”. Il vescovo Strickland non ha indicato se fosse d’accordo o meno con questa valutazione. Ma il solo fatto che l’abbia citata, senza troppi commenti, è indicativo della sua simpatia per l’estrema frustrazione provata da coloro che appartengono alla destra cattolica radicale nei confronti del Pontefice. Questo si aggiunge ai numerosi commenti critici degli ultimi anni, molti dei quali attraverso i social media, ha fortemente criticato il Pontefice, dichiarando all’inizio di quest’anno: “Credo che Papa Francesco sia il Papa, ma è tempo per me di dire che rifiuto il suo programma di minare il Deposito della Fede. Seguite Gesù”.

Ci sono molti aspetti di questo papato che sono davvero profondamente preoccupanti, e ne ho notati molti negli ultimi anni. Molti problemi di questo papato, a mio avviso, sono in gran parte di tipo pastorale e non dottrinale. Ho cercato di dimostrare che queste decisioni pastorali sono state profondamente problematiche. La mia denuncia è stata che i tentativi del Papa di cambiare la pratica pastorale in una direzione più permissiva avranno, alla fine, conseguenze teologiche e dottrinali. Ma quel Rubicone, a mio avviso, non è ancora stato attraversato – e potrebbe non esserlo mai.

Meno noto, in mezzo al clamore che circonda la rimozione del vescovo Strickland dall’incarico, è che c’erano anche serie e continue lamentele da parte di sacerdoti e laici della sua diocesi sul governo del vescovo Strickland. E questi fatti non dovrebbero essere liquidati con leggerezza come una mera cortina fumogena volta a nascondere la “vera ragione” (le sue critiche al Papa) della sua destituzione. Dopo tutto, ci sono altri vescovi nel mondo che hanno criticato il Papa e che sono ancora in carica e non hanno avuto una visita apostolica. Ad esempio, il vescovo Athanasius Schneider, ausiliare della diocesi di Astana in Kazakistan, ha espresso in numerose occasioni il suo disappunto nei confronti di Papa Francesco (anche se in modo più diplomatico rispetto a Strickland), e il suo nuovo catechismo in formato domanda e risposta, intitolato Credo, conteneva alcuni attacchi non troppo velati ad alcuni insegnamenti del Papa (oltre a diversi insegnamenti del Vaticano II). Ma egli rimane in carica e, per ora, relativamente indenne dalle agitazioni vaticane.

Detto questo, penso che anche Papa Francesco sia in parte responsabile di questo pasticcio. La funzione pastorale primaria del ministero petrino è quella di unificare la Chiesa chiarendo le questioni controverse. Ma credo che Papa Francesco abbia fatto esattamente il contrario e abbia seminato divisione attraverso una studiata ambiguità e l’uso selettivo del silenzio. E quando questa confusione raggiunge un livello tale da turbare la fede di milioni di cattolici in modo profondo, si scatena la confusione, il risentimento e persino la rabbia. Papa Francesco ha detto ai giovani del Brasile di “fare casino!”. Ma ha subito aggiunto che dopo aver fatto casino devono essere solidali con tutti e aiutare a ripulire il casino in modi costruttivi. Ebbene, lo stesso Papa Francesco ha fatto in molti modi un pasticcio. Ma dov’è la solidarietà con coloro che ne sono profondamente colpiti? Dov’è lo sforzo di comprendere il contraccolpo che lui stesso ha contribuito a creare e di essere solidale con le anime che ha tanto turbato? E cosa si aspettava esattamente che accadesse?

Il vescovo Strickland può o meno meritare di essere sollevato dall’incarico. In definitiva, non spetta a me decidere e non è la mia preoccupazione principale in questo momento. La mia preoccupazione è che molte di queste questioni ecclesiali “interne” siano un segno dell’ascesa di una visione strettamente politica della Chiesa a scapito della sua missione primaria di fare di tutti noi dei santi e di chiamare gli altri alla salvezza. Purtroppo, è indicativo di una politica molto ristretta il fatto che tutti vengano incanalati attraverso il punto di strozzatura di “amici o nemici”, e che ogni penultima “questione” venga trattata come un’istanza di ultima istanza e ci venga imposta come qualcosa di estrema importanza. Penso che questo sia particolarmente vero per i cattolici progressisti, la cui estrema comprensione orizzontalista della Chiesa conosce solo la sociologia, la psicologia e la politica dei continui aggiustamenti ecclesiali. Ma anche i cattolici tradizionali hanno preso questo vizio, trasformando ogni passo falso papale in un segno della più grande perfidia.

Pertanto, considero la retrocessione di Strickland come il Sinodo sulla sinodalità: forse necessaria, ma probabilmente no. Ma, soprattutto, è indicativo di una Chiesa ossessionata dalla politica di una visione burocratizzata della fede e ossessionata dal funzionamento interno del proprio apparato digerente. La chiamata universale alla santità è eclissata dall’ottundimento e dall’intorpidimento della Chiesa attraverso questi infiniti dibattiti (e nel caso del Sinodo, un dibattito sui dibattiti).

Non sto dicendo che queste questioni siano banali, perché sono importanti. Ma fino a quando la Chiesa non recupererà il senso della sua missione vocazionale nel mondo, come l’attualizzazione del Cristo vivente attraverso la santificazione dei suoi membri e da lì in poi nel mondo, allora queste penultime questioni continueranno a proliferare e gradualmente asfissieranno la vita della Chiesa.

In una parola, abbiamo bisogno di più santi e meno sinodi, più trasparenza e meno confusione. E se proprio dobbiamo avere un sinodo, allora facciamone uno sui santi e su come farne di più. E il vantaggio è che i santi sono i veri creatori di confusione, ma nel senso che essere concentrici a Cristo significa essere eccentrici rispetto al mondo. E la loro eccentricità è dirompente, destabilizzante dello status quo e massicciamente interessante. Il nostro mondo annoiato e disperato si rivolge a noi cercando la provocazione di tali santi. Ma la nostra Chiesa politicizzata dice al mondo di “parlare con il palmo della mano”, perché noi siamo impegnati a non fare nulla.

In ultima analisi, la responsabilità è di Papa Francesco, che ha presieduto e troppo spesso provocato questa discesa ecclesiale verso un’acrimoniosa irrilevanza. Il vescovo Strickland ha commesso molti errori. Ma è una sorta di golem episcopale creato dal Papa stesso.


Larry Chapp

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments