Mentre continua l’analisi del corposo “Rapporto McCarrick” pubblicato martedì 10 novembre, vi presentiamo la traduzione di questo articolo di Crux Now che analizza le testimonianze rese da Papa Francesco e dal Papa emerito Benedetto XVI in merito alle loro informazioni e contatti con l’ex-cardinale americano.

 

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale
McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

 

Con una mossa insolita, sia Papa Francesco che Papa Emerito Benedetto XVI si sono sottoposti a interrogatorio da parte degli investigatori vaticani incaricati di compilare un rapporto su come sono state prese le decisioni della Chiesa riguardo alla carriera e all’espulsione definitiva di Theodore E. McCarrick.

“Papa Francesco è stato interrogato attentamente riguardo agli incontri del 23 giugno e del 10 ottobre 2013” durante i quali l’Arcivescovo Carlo Maria Viganò, ex nunzio negli Stati Uniti, ha affermato di aver raccontato a Papa Francesco della cattiva condotta sessuale di McCarrick e delle presunte sanzioni impostegli da Papa Benedetto, dice il rapporto pubblicato il 10 novembre.

Le note a piè di pagina indicano che anche lo stesso McCarrick è tra le oltre 90 persone intervistate per il rapporto. Viganò, che ha affermato di essersi nascosto dopo aver mosso le sue accuse contro Papa Francesco nel 2018, a quanto pare invece no. Il rapporto fa riferimento solo alla sua dichiarazione del 2018 e a documenti e lettere da lui scritti e disponibili negli archivi del Vaticano e della nunziatura di Washington.

Nelle interviste, “Papa Francesco non ha ricordato quello che ha detto Viganò di McCarrick” durante i due incontri del 2013 con Viganò, si legge nel rapporto. “Tuttavia, poiché McCarrick era un cardinale a lui noto personalmente, Papa Francesco era certo che si sarebbe ricordato se Viganò avesse parlato di McCarrick con una certa ‘forza o chiarezza'”.

Il papa ha anche affermato di essere “certo che Viganò non gli abbia mai detto che McCarrick aveva commesso ‘crimini’ contro chiunque, adulto o minorenne, né che gli abbia descritto McCarrick come un ‘predatore seriale’ o abbia affermato che McCarrick avesse ‘corrotto generazioni di seminaristi e preti’ ” come affermato da Viganò nel 2018.

“Prima delle accuse fatte all’arcidiocesi di New York nel 2017, il papa non era mai stato informato da nessuno che McCarrick avesse abusato o aggredito sessualmente qualcuno, indipendentemente dall’età”, afferma il rapporto.

Quando l’Arcidiocesi di New York ha ritenuto credibile un’accusa secondo cui McCarrick aveva abusato sessualmente di un adolescente, il Vaticano nel giugno 2018 lo ha sospeso dal ministero. McCarrick si è dimesso dal Collegio dei Cardinali a luglio dello stesso anno e nel febbraio 2019, dopo un processo canonico che lo ha dichiarato colpevole di “adescamento nel sacramento della confessione e di peccati contro il sesto comandamento con minori e adulti, con l’aggravante dell’abuso di potere”, Papa Francesco lo ha destituito dal sacerdozio.

Il rapporto indica che Papa Francesco è stato interrogato non solo sulle accuse mosse da Viganò, ma anche più in generale sulla sua conoscenza e sulle interazioni con McCarrick nel corso degli anni.

Papa Francesco ha ricordato in un’intervista di aver sentito parlare per la prima volta dell’arcivescovo McCarrick per il coinvolgimento di McCarrick in questioni della chiesa sudamericana durante gli anni ’90, quando lui (l’allora arcivescovo Bergoglio) fu invitato a partecipare a una grande cena di ecclesiastici organizzata da McCarrick. Bergoglio, che tendeva a rifuggire da incontri di questa natura, aveva rifiutato l’invito e non lo aveva incontrato fino a qualche tempo dopo”, si legge nel rapporto.

Tuttavia, l’allora arcivescovo Angelo Becciu, recentemente costretto da Papa Francesco a rinunciare ai diritti e ai privilegi di cardinale a causa del suo coinvolgimento in presunti reati finanziari, ha detto all’investigatore che “egli aveva menzionato a Papa Francesco l’esistenza di vecchie accuse legate a McCarrick nel 2013 e poi di nuovo in un qualche momento tra il 2014 e il 2016”, nonché delle restrizioni o “indicazioni” per le quali McCarrick avrebbe dovuto mantenere un profilo basso.

“Papa Francesco ha ricordato un breve scambio” con Becciu riguardo a McCarrick. “Ha ricordato l’arcivescovo Becciu che chiedeva retoricamente: ‘Ma cosa ci fa McCarrick qui? Non dovrebbe andarsene in giro’ ”, dice il rapporto. Papa Francesco ha affermato che Becciu non aveva approfondito ciò a cui si riferivano le indicazioni precedenti, se non che si trattava di ‘qualcosa di un lontano passato’ di cui si era ‘spettegolato’ e di cui Becciu aveva sentito parlare mentre era in nunziatura negli Stati Uniti”, dove ha servito prima di essere nominato nunzio in Angola nel 2001.

Papa Francesco ha ricordato di aver supposto che qualsiasi accusa contro McCarrick già esistente nel 2000 doveva essere stata considerata priva di fondamento perché ‘Giovanni Paolo II era un uomo così moralmente severo, di tale rettitudine morale, che non avrebbe mai permesso che una candidatura corrotta andasse avanti.'”

Le note a piè di pagina nel documento vaticano dicono che “il Papa emerito Benedetto XVI, che ha esaminato il rapporto relativo a questi eventi (riguardo alle dimissioni di McCarrick da arcivescovo di Washington nel maggio 2006), ha trovato i contenuti coerenti con i suoi ricordi”.

“Tramite l’arcivescovo Georg Ganswein”, il suo segretario personale, “il papa emerito ha ricordato che c’erano sospetti sulla precedente cattiva condotta di McCarrick, ma scarsità di prove concrete”, dice il rapporto. “Il papa emerito ha ricordato che la richiesta di dimissioni da McCarrick da arcivescovo di Washington aveva lo scopo di inviare a McCarrick un ‘chiaro segnale’ di disapprovazione”, poiché in precedenza Papa Benedetto gli aveva chiesto di restare fino al 2007.

Nella primavera del 2008, Richard Sipe ha pubblicato una lettera aperta a Papa Benedetto, “Sul modello della crisi degli abusi sessuali negli Stati Uniti”, comprendente le accuse verso McCarrick che coinvolgevano seminaristi e sacerdoti, tutti adulti.

Il cardinale Giovanni Battista Re, allora prefetto della Congregazione per i vescovi, aveva scritto a McCarrick nel giugno 2008, chiedendogli di trasferirsi dal seminario dove aveva un appartamento e di “condurre una tranquilla vita di preghiera e penitenza per le azioni imprudenti del passato”.

Il rapporto afferma che Re “non aveva invocato il nome di Papa Benedetto XVI né ha indicato che la lettera riflettesse una direttiva del papa né aveva impartito alcun ordine formale o divieto riguardo il ministero pubblico”.

“Tramite l’arcivescovo Ganswein”, dice il rapporto, “il papa emerito Benedetto XVI ha ricordato di aver ricevuto in udienza il cardinale Re, di essere stato informato sulla situazione del cardinale McCarrick dal cardinale Re e di aver rivisto la lettera di Re del 14 giugno 2008 a McCarrick. Il Papa emerito ha anche ricordato di aver approvato l’approccio adottato nella lettera del cardinale Re ”.

Il Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato sotto Papa Benedetto, ha detto all’investigatore di aver discusso di “Problemi relativi al Cardinale Theodore McCarrick” con Papa Benedetto durante un incontro nel gennaio 2007. “Il Cardinale Bertone ha affermato che il Santo Padre ‘era preoccupato per McCarrick’ e desiderava che le attività di McCarrick fossero contenute in qualche modo, ma non credeva che il percorso di indagine formale da parte della CDF (Congregazione per la Dottrina della Fede) dovesse essere intrapreso a quel punto “.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1