Dopo la guerra scatenata dalla Russia nei confronti della Ucraina e la difesa attuata da quest’ultima, anche grazie alle armi inviate dai paesi della NATO si è posto il problema della validità della Dottrina della Guerra Giusta. In questo articolo, scritto da Monica Migliorino Miller, si fa il punto della questione. L’articolo è stato pubblicato su Crisis Magazine, ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Papa-Francesco
Papa-Francesco

 

  • Nell’agosto 1914, la Germania occupò il Belgio e invase rapidamente la Francia: tutte le parti sono colpevoli di una guerra ingiusta.
  • Nel 1939, la Germania nazista invase la Polonia, spingendo Gran Bretagna e Francia a dichiarare guerra alla Germania: tutte le parti sono responsabili di una guerra ingiusta.
  • Il 7 dicembre 1941, il Giappone attaccò Pearl Harbor, provocando l’ingresso degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale: entrambi i paesi sono responsabili di una guerra ingiusta.
  • Il 24 febbraio 2022, Vladimir Putin ha ordinato l’invasione russa della nazione sovrana dell’Ucraina. L’Ucraina ha risposto con un’azione militare difensiva. Entrambi i paesi sono colpevoli di una guerra ingiusta.  

Indubbiamente, i lettori di questo articolo troveranno le dichiarazioni di cui sopra provocatorie, offensive, persino ripugnanti. Tuttavia, se si dovessero interpretare, al valore nominale, i recenti commenti di Papa Francesco in risposta al conflitto Russia/Ucraina, allora, secondo il Santo Padre, tutte le dichiarazioni di cui sopra sono vere. Sottolineo deliberatamente il termine “valore nominale” perché, nonostante le preoccupanti osservazioni del papa, forse la sua visione della guerra è in definitiva più sfumata e complessa.

Il 16 marzo, in risposta al sostegno iniziale del patriarca ortodosso russo Kirill alle iniziative di Putin, Papa Francesco ha “incontrato” il leader religioso russo in videoconferenza. Secondo la Sala Stampa della Santa Sede, l’incontro è stato motivato “dal desiderio di mostrare, come pastori del loro popolo, una strada di pace, di pregare per la pace affinché ci sia un cessate il fuoco”. Per quanto riguarda l’etica della guerra, Papa Francesco ha dichiarato quanto segue:

C’è stato un tempo, anche nelle nostre Chiese, in cui si parlava di una guerra santa o di una guerra giusta. Oggi non possiamo parlare in questo modo. Si è sviluppata una coscienza cristiana dell’importanza della pace. Le guerre sono sempre ingiuste perché a pagare è il popolo di Dio. I nostri cuori non possono che piangere davanti ai bambini e alle donne uccisi, insieme a tutte le vittime della guerra. La guerra non è mai la via.

Il commento ha il carattere di una di quelle osservazioni “fuori dagli schemi”, persino avventate, che il Santo Padre è noto fare, osservazioni che spesso provocano sconcerto e confusione. Qui sembra certamente che Papa Francesco, in poche parole, abbia gettato l’insegnamento cattolico della guerra giusta nel bidone della spazzatura dottrinale, dove potrebbe essere in compagnia della revisione di Francesco del 2018 dell’insegnamento cattolico sulla pena capitale.

Se Francesco ha ragione che “C’è stato un tempo, anche nelle nostre Chiese, in cui si parlava di una guerra santa o di una guerra giusta. Oggi non possiamo parlare in questo modo”, allora si può ragionevolmente concludere che anche le guerre difensive sono “ingiuste”. Dopo tutto, la dottrina cattolica della guerra giusta è tutta incentrata sulla spiegazione dell’etica di ciò che effettivamente rende una guerra “giusta”! Lasciatemi anche sottolineare che la dottrina cattolica della guerra giusta non è semplicemente qualcosa di cui “la gente ha parlato”. È la dottrina formale della Chiesa Cattolica.

È importante notare come Francesco ha liquidato questa dottrina. È simile al modo in cui ha giustificato la modifica dell’insegnamento cattolico secondo cui la pena di morte non è più moralmente “ammissibile”, una questione sulla quale ho scritto nel 2018. Secondo il Santo Padre, questo insegnamento, come la Dottrina della Guerra Giusta, è una cosa del passato, moralmente giustificata dalle generazioni passate, ma la Chiesa Cattolica si è evoluta. Come ha dichiarato: “Si è sviluppata una consapevolezza cristiana dell’importanza della pace”.

In un discorso dell’ottobre 2017, riguardo alla pena di morte Francesco ha sostenuto che l’impiego della pena di morte e la difesa della Chiesa di tale pratica è stata storicamente condizionata: “Nei secoli passati, quando ci si trovava di fronte a una povertà di strumenti di difesa e la maturità sociale non aveva ancora raggiunto uno sviluppo positivo, il ricorso alla pena di morte appariva come la logica conseguenza dell’applicazione della giustizia a cui ci si doveva attenere” ed era “dettata più da una mentalità legalista che cristiana.” Ora Francesco sostiene che uno sviluppo simile è avvenuto in riferimento alla Dottrina della Guerra Giusta.

È vero che la Chiesa cattolica è giunta pastoralmente a disapprovare l’applicazione della pena capitale – riflesso soprattutto negli scritti di Giovanni Paolo II. Anche prima che Francesco modificasse il Catechismo della Chiesa Cattolica, dichiarando che la pratica della pena di morte è “inammissibile”, il Catechismo esortava:

Se, tuttavia, mezzi non cruenti sono sufficienti per difendere e proteggere l’incolumità delle persone dall’aggressore, l’autorità si limiterà a tali mezzi, poiché questi sono più consoni alle condizioni concrete del bene comune e più conformi alla dignità della persona umana. (Art. 2267)

Quale sviluppo può indicare Francesco che giustifichi l’abbandono della dottrina cattolica della guerra giusta? È vero che i papi moderni hanno parlato molto chiaramente che le guerre devono essere evitate. “Mai più la guerra” è stato notoriamente dichiarato da Papa Paolo VI nel suo discorso del 4 ottobre 1965 alle Nazioni Unite. Il primo papa che abbia mai parlato a questo organismo, egli dichiarò:

L’umanità deve mettere fine alla guerra, o la guerra metterà fine all’umanità…. Basta ricordare che il sangue di milioni di persone, innumerevoli sofferenze inaudite, inutili massacri e spaventose rovine hanno sancito l’accordo che vi unisce con un giuramento che dovrebbe cambiare la storia futura del mondo: mai più guerra, mai più guerra! È la pace, la pace che deve guidare il destino delle nazioni di tutta l’umanità!

Tuttavia, a differenza di Francesco, né Paolo VI, né Giovanni Paolo II, né Benedetto XVI hanno mai ripudiato specificamente la Dottrina Cattolica della Guerra Giusta come qualcosa di cui la Chiesa oggi “non può parlare”.

Infatti, per quanto riguarda il cosiddetto sviluppo di “una consapevolezza cristiana dell’importanza della pace” questa è una consapevolezza che risale ai primi giorni della Chiesa. La pace in opposizione alla guerra ha sempre goduto di un primato etico all’interno della tradizione teologica e dottrinale cattolica, anche se, ad essere onesti, spesso non è sempre onorata e rispettata.

Il padre della Chiesa del quarto secolo, Sant’Agostino, uno dei primi ad articolare i principi della Dottrina della Guerra Giusta, ha insegnato che “è una gloria ancora più alta fermare la guerra stessa con una parola, che uccidere gli uomini con la spada, e procurare o mantenere la pace con la pace, non con la guerra”. Sebbene Francesco tenti di giustificare l’irrilevanza morale dell’Insegnamento della Guerra Giusta sostenendo uno sviluppo dell'”importanza della pace”, tale consapevolezza non è davvero nulla di nuovo.

Sulla base degli insegnamenti di Agostino e dell’Aquinate, è opportuno rivedere le condizioni di una guerra giusta. Ci sono due principi di guerra che devono essere soddisfatti perché una guerra sia considerata “giusta”. Primo, ci deve essere una “giusta causa” (jus ad bellum), e secondo, ci devono essere “giusti mezzi” (jus in bello). Può esistere una giusta causa, ma una guerra può essere ingiusta a seconda del modo in cui viene combattuta, anche dal paese che ha il diritto di difendersi. Ci sono essenzialmente sei condizioni della Dottrina della Guerra Giusta. Oltre alla “giusta causa” e ai “giusti mezzi” sono:

  • Autorità competente 
  • Ultima risorsa
  • Giustizia comparata
  • Retta intenzione
  • Proporzionalità 
  • Probabilità di successo

In questo articolo non possiamo fornire un esame completo di ciascuna di queste condizioni. È importante notare che la Chiesa non ha mai revocato formalmente nessuna di queste condizioni come obsolete o superate. Infatti, il Catechismo, che finora non è stato cambiato, afferma le condizioni della “guerra giusta” e, citando la Gaudium et Spes, insegna:

Tutti i cittadini e tutti i governi sono obbligati a lavorare per evitare la guerra. Tuttavia, “finché il pericolo di guerra persiste e non c’è un’autorità internazionale con la competenza e il potere necessari, ai governi non può essere negato il diritto di legittima autodifesa, una volta che tutti gli sforzi di pace sono falliti”.

La recente affermazione del papa secondo cui la dottrina cattolica della guerra giusta potrebbe non essere più legittima non è la prima volta che ha articolato questa posizione. Nell’enciclica papale Fratelli Tutti dell’ottobre 2020, Francesco ha dichiarato:

La questione è se lo sviluppo delle armi nucleari, chimiche e biologiche, e le enormi e crescenti possibilità offerte dalle nuove tecnologie, abbiano concesso alla guerra un incontrollabile potere distruttivo su un gran numero di civili innocenti. La verità è che “mai l’umanità ha avuto un tale potere su se stessa, eppure nulla garantisce che sarà usato saggiamente”. Non possiamo più pensare alla guerra come una soluzione, perché i suoi rischi saranno probabilmente sempre maggiori dei suoi presunti benefici. In considerazione di ciò, è molto difficile oggi invocare i criteri razionali elaborati nei secoli precedenti per parlare della possibilità di una “guerra giusta”. “Mai più la guerra!”

Nella nota 247, il papa cita l’insegnamento della guerra giusta di Sant’Agostino e afferma che è un insegnamento che “non sosteniamo più ai nostri giorni”. Così, molto prima dell’incontro di Francesco con il Patriarca Kirill, egli aveva ripudiato l’Insegnamento della Guerra Giusta, in contrasto con il Catechismo della Chiesa Cattolica che afferma che le nazioni hanno “il diritto di legittima autodifesa”.

Francesco dice chiaramente perché la dottrina della guerra giusta non si applica più. Ha a che fare con la condizione di proporzionalità. Vale a dire che, vivendo nell’era delle armi atomiche, la minaccia di annientamento nucleare come conseguenza della guerra semplicemente non soddisfa questa condizione. Anche se una nazione ha una giusta causa, esiste la minaccia che qualsiasi guerra possa degenerare in un conflitto nucleare. Il grave male ontico causato da tali armi è sproporzionato rispetto a qualsiasi bene che possa venire, anche in un paese che cerca di difendersi da un attacco ingiusto. Così, come minimo, c’è il potenziale che, nelle parole di Francesco “tutte le guerre sono ingiuste”.

La posizione di Francesco non è senza sostegno. Nel 1947, il teologo morale e canonista cardinale Alfredo Ottaviani, noto per la sua critica negativa del 1969 al Novus Ordo, scrisse nella sua opera Leggi pubbliche della Chiesa che:

[A]nche se… la dottrina tradizionale della guerra giusta… può essere accettata, come discussione speculativa e teorica, soprattutto se si considera che questi principi si riferiscono a guerre che sono effettivamente guerre tra soldati che combattono volontariamente, e non gli atroci massacri dei nostri tempi, con la loro totale rovina delle nazioni in guerra, dobbiamo dire che in pratica questa dottrina non è più applicabile alle azioni delle nazioni moderne, a meno che non si voglia essere ingiusti verso i cittadini delle nazioni in guerra e verso tutta l’umanità. In altre parole, a parte la questione di una guerra difensiva (e a condizioni fisse) attraverso la quale uno stato cerca di difendersi dall’aggressione militare effettivamente ingiustificata di un altro stato, non esiste più oggi alcuna possibilità di una guerra giusta che permetta a uno stato di difendere i propri diritti procedendo all’aggressione.

Papa Pio XII tenne un discorso il 21 febbraio 1943 ai membri della Pontificia Accademia. Avvertì che a causa dello sviluppo delle armi atomiche, “ci potrebbe essere una pericolosa catastrofe per tutto il nostro pianeta”. Nel 1953, si rivolse all’Ottavo Congresso dell’Associazione Medica Mondiale. Affermò che, in linea di principio, le nazioni hanno il diritto di difendersi da un attacco ingiusto. Tuttavia, sulla base della condizione di proporzionalità, Pio XII arrivò ad affermare: “Quando il danno causato dalla guerra non è paragonabile a quello causato dalla tolleranza dell’ingiustizia, possiamo essere obbligati a subire l’ingiustizia”.

Può anche essere giusto sottolineare che Giovanni XXIII arrivò vicino a condannare tutte le guerre. Nella sua enciclica Pacem in Terris del 1963 affermò:

Riconosciamo che questa convinzione deve la sua origine principalmente alla terrificante forza distruttiva delle armi moderne. Nasce dalla paura delle conseguenze orribili e catastrofiche del loro uso. Così, in quest’epoca che si vanta della sua potenza atomica, non ha più senso sostenere che la guerra sia uno strumento adatto per riparare la violazione della giustizia. (Art. 127)

Il recente ripudio di Francesco dell’insegnamento cattolico sulla guerra giusta non era, tuttavia, basato su un fallimento della guerra moderna nel soddisfare la condizione di proporzionalità. Piuttosto, tutte le guerre sono ingiuste perché “è il popolo di Dio che paga”. I nostri cuori non possono che piangere davanti ai bambini e alle donne uccisi, insieme a tutte le vittime della guerra”.

Ha ragione che dovremmo avere il più grave senso di compassione per le vittime innocenti della guerra! E se queste donne e questi bambini sono stati presi di mira come parte della strategia di guerra complessiva, una tale guerra fallisce la condizione di jus in bello. Ed è vero che quasi sempre, anche nelle guerre combattute per una giusta causa, si verificano occasioni di azioni ingiuste come il bersaglio diretto o indiscriminato di non combattenti. Tuttavia, il semplice fatto innegabile che la guerra causi sofferenza non significa necessariamente che la condizione di proporzionalità sia insoddisfatta. La sofferenza che i cittadini dell’Ucraina sono costretti a sopportare non nega automaticamente il diritto etico dell’Ucraina di respingere militarmente l’ingiusta invasione della Russia.

Tuttavia, l’argomento che tutte le guerre sono ingiuste in quanto possono potenzialmente portare a orribili mali causati da esplosioni atomiche, e quindi falliscono la condizione di proporzionalità, è pesante, potente e meritevole di rispetto. Tuttavia, la dottrina cattolica della guerra giusta non può essere semplicemente liquidata. Non tutte le guerre possono essere chiamate ingiuste, secondo le parole di Francesco, poiché è impossibile conoscere e prevedere tutte le situazioni e le contingenze di una giusta difesa che ogni particolare nazione può affrontare in ogni particolare momento. Qualsiasi particolarità possa esistere deve essere giudicata dai principi morali della Dottrina della Guerra Giusta.

Infine, e piuttosto ironicamente, è proprio la Dottrina della Guerra Giusta che Francesco considera obsoleta che in effetti gli fornisce proprio i criteri con cui potrebbe almeno argomentare rispettosamente, sotto la condizione della proporzionalità, che tutte le guerre moderne nell’era delle armi nucleari sono ingiuste, o almeno potenzialmente tali!

Tuttavia, per quanto riguarda l’invasione russa dell’Ucraina, Francesco non ha bisogno di questo argomento. Quello che la Russia ha già fatto all’Ucraina, anche senza ricorrere alle armi nucleari, è condannato dalla Dottrina cattolica della guerra giusta. Piuttosto che scartare l’insegnamento, ancora sui libri, Francesco, con l’intero popolo di Dio, dovrebbe invocarlo, sostenerlo e basarsi su di esso. È più rilevante che mai.

 


 

Monica Migliorino Miller, Ph.D., è la direttrice di Cittadini per una società pro-vita. Si è laureata in arti teatrali alla Southern Illinois University e si è laureata in teologia alla Loyola University e alla Marquette University. È autrice di diversi libri tra cui La teologia della Passione di Cristo (Alba House) e, più recentemente, L’autorità delle donne nella Chiesa Cattolica (Emmaus Road) e Abbandonati: La storia non raccontata delle guerre per l’aborto (St. Benedict Press).

 

 

Facebook Comments