Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Padre Raymond J. de Souza e pubblicato su National Catholic Register. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

matrimonio omosessuale

 

La grande notizia – misurata nei titoli dei giornali – di una settimana vaticana molto ricca di novità è stata che il Santo Padre è favorevole alle benedizioni per le coppie dello stesso sesso. In effetti, sarebbe una notizia, soprattutto perché nel 2021 Papa Francesco ha approvato personalmente una risposta ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF, ora “Dicastero” o DDF) che diceva che tali benedizioni erano impossibili.

Alla CDF era stato posto un “dubium” (domanda) sulla benedizione delle unioni omosessuali, e la risposta era stata chiara: “Dio non benedice e non può benedire il peccato: benedice l’uomo peccatore, perché riconosca di far parte del suo disegno d’amore e si lasci cambiare da lui”.

La risposta della CDF – ancora una volta approvata dal Santo Padre e quindi con la sua autorità – è stata dettagliata.

“Non è lecito impartire una benedizione su relazioni o unioni, anche stabili, che comportino un’attività sessuale al di fuori del matrimonio (cioè al di fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come nel caso delle unioni tra persone dello stesso sesso”, ha scritto la CDF. “La presenza in tali relazioni di elementi positivi, che sono di per sé da valorizzare e apprezzare, non può giustificare queste relazioni e renderle oggetto legittimo di una benedizione ecclesiale, poiché gli elementi positivi esistono nel contesto di un’unione non ordinata al piano del Creatore”.

Anche una coppia eterosessuale in unione coniugale al di fuori del matrimonio – che vive per così dire “nel peccato” – non potrebbe avere la benedizione del proprio rapporto.

Se una persona chiedesse una benedizione, ma non una benedizione su un’unione coniugale illecita, sarebbe diverso:

“La risposta al dubium proposto non preclude le benedizioni concesse a singole persone con inclinazioni omosessuali, che manifestano la volontà di vivere in fedeltà ai piani rivelati di Dio come proposto dall’insegnamento della Chiesa”.

La scorsa estate è stata presentata un’altra serie di “dubia”, tra cui una domanda sulla benedizione delle unioni omosessuali. Questa volta il Santo Padre ha risposto a nome suo e a lungo:

“Per questo motivo la Chiesa evita qualsiasi tipo di rito o sacramento che possa… dare l’impressione che qualcosa che non è matrimonio sia riconosciuto come matrimonio. Nel trattare con le persone, tuttavia, non dobbiamo perdere la carità pastorale che deve permeare tutte le nostre decisioni e i nostri atteggiamenti. La difesa della verità oggettiva non è l’unica espressione di questa carità, che è fatta anche di gentilezza, pazienza, comprensione, tenerezza e incoraggiamento. Per questo non possiamo diventare giudici che si limitano a negare, respingere, escludere. Per questo motivo, la prudenza pastorale deve discernere adeguatamente se esistono forme di benedizione, richieste da una o più persone, che non trasmettano una concezione errata del matrimonio”.

“Discernere” se ci sono “forme di benedizione” che potrebbero essere offerte a coppie dello stesso sesso ha scatenato una tempesta mediatica globale per dire che Papa Francesco è aperto a benedire le unioni omosessuali. È così?

Sì e no. E l’ambiguità potrebbe essere, dal punto di vista del Santo Padre, una caratteristica e non un difetto. Si è già visto in passato.

Quello che ha scritto Papa Francesco non è molto diverso da quello che ha risposto la CDF nel 2021. Se una coppia omosessuale chiede una benedizione per la sua unione coniugale illecita, non può essere concessa – sarebbe una benedizione di peccato, come sarebbe anche il caso di una coppia eterosessuale (non sposata).

Se la coppia chiedesse una benedizione per rafforzarsi a vivere insieme in castità e accettasse l’insegnamento della Chiesa sull’immoralità degli atti omosessuali, la questione sarebbe diversa. Forse potrebbe essere possibile, ma bisognerebbe fare attenzione a chiarire cosa si sta cercando. Offrire incoraggiamento è una parte essenziale della cura pastorale, e bisogna mantenere la linea di demarcazione tra l’incoraggiamento e l’abilitazione. La CDF ha detto esattamente questo, come ha fatto ora Papa Francesco.

Se un individuo chiede una benedizione, quasi certamente questa verrà impartita. Ai sacerdoti viene chiesta spesso la benedizione e, in genere, non viene fatta alcuna indagine sulla persona che la chiede. Si presume la buona volontà e, in ogni caso, non si sta benedicendo alcuna unione.

Perché allora questo clamore e questa confusione?

A causa di Amoris Laetitia, l’esortazione apostolica del Santo Padre del 2016 che permetteva, in alcune circostanze, alle coppie divorziate e risposate civilmente di ricevere la Santa Comunione. La possibilità era limitata: una tale coppia avrebbe dovuto riconoscere di non essere validamente sposata e che i suoi atti coniugali erano contrari alla legge morale. Inoltre, una coppia avrebbe dovuto accettare la verità della legge morale e desiderare sinceramente di vivere in accordo con essa, ma in qualche modo giudicare che era impossibile per loro farlo. A ben vedere, i criteri stabiliti da Papa Francesco rendono probabile che poche coppie li soddisfino. Il fatto che dovesse essere permesso in linea di principio rimaneva un punto molto controverso, ma in pratica le coppie che avrebbero soddisfatto i criteri del Santo Padre sarebbero state poche.

Tuttavia, diversi vescovi hanno portato l’insegnamento del Santo Padre al di là di quanto scritto. I vescovi di Malta, ad esempio, hanno parlato di una “coscienza illuminata” come della “convinzione di essere in pace con Dio”, che semplicemente non è una concezione cattolica della coscienza. I due vescovi maltesi che hanno fornito questa guida sono stati l’arcivescovo Charles Scicluna, ora segretario aggiunto del DDF, e il vescovo Mario Grech, ora cardinale e capo della segreteria del Sinodo vaticano. In quanto tale, è il principale artefice del processo sinodale sulla sinodalità per una Chiesa sinodale.

La realtà dopo Amoris Laetitia è stata una deliberata ambiguità, se non una vera e propria finzione. Ufficialmente, il processo stabilito è stato rigorosamente seguito, ma in pratica, in alcuni luoghi le coppie sposate invalidamente sono state trattate come equivalenti alle coppie sposate validamente. In questi luoghi è diventato un riconoscimento del divorzio e del nuovo matrimonio, anche se non è stato detto chiaramente o semplicemente.

Potrebbe accadere la stessa cosa con le benedizioni alle persone dello stesso sesso? È possibile immaginare un sacerdote che benedice una coppia dello stesso sesso e, come parte delle preghiere di benedizione, chiede la grazia di vivere castamente. Non ci si aspetta di vedere questo; infatti, in Germania e in Belgio, dove si sono svolte tali benedizioni, non è quello che sta accadendo. Ufficialmente, le benedizioni non devono essere un facsimile del matrimonio, ma ufficiosamente danno l’approvazione ecclesiale alle unioni coniugali illecite di coppie dello stesso sesso.

I media di tutto il mondo hanno riportato che il Santo Padre ha permesso qualcosa che non aveva esplicitamente permesso. Questo riflette l’aspettativa che l’ambiguità e l’artificio facciano progredire ciò che sembra essere una benedizione artificiosa di un’unione sessuale che non è un matrimonio.

Il Sinodo del 2023 seguirà questa linea? Chi lo pensa ricorda che i sinodi del 2014 e del 2015 hanno portato all’ambiguità e all’artificio di Amoris Laetitia.

Padre Raymond J. de Souza

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments