È questo l’interrogativo che molti si pongono. Ecco una analisi di J.D. Flynn pubblicata su Catholic News Agency (CNA) e che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco incontra indigeni dell’Amazzonia (foto: Vatican media/Lapress)

Papa Francesco incontra indigeni dell’Amazzonia (foto: Vatican media/Lapress)

 

Una bozza trapelata di una anticipata esortazione apostolica sull’Amazzonia ha dato il via la scorsa settimana a una raffica di speculazioni secondo cui Papa Francesco avrebbe intenzione di permettere l’ordinazione di uomini sposati al sacerdozio per il ministero nella regione.

Ma per tutto il discorso sui viri probati, è probabile che la prossima mossa del papa sia quella di chiedere ancora più approfondimento – istituire una commissione per discutere la possibilità di ordinare sacerdoti uomini sposati in Amazzonia, senza impegnarsi in realtà nell’idea.

Una bozza dell’esortazione è stata fatta circolare ampiamente nei dicasteri vaticani, una passaggio normale del processo prima che venga presentata una versione finale per la firma del papa. Su un tema così delicato come il celibato clericale, ci si aspetta che diano il loro contributo autorevole diversi dicasteri, in particolare la Congregazione per il Clero e la Congregazione per la Dottrina della Fede.

Mentre la bozza trapelata la scorsa settimana è lontana dal testo finito, la formulazione del testo suggerisce già che il prossimo passo sarà una commissione.

La sezione del testo trapelata sui viri probati diceva che “l’autorità competente dovrebbe stabilire criteri e disposizioni per ordinare” gli uomini sposati al sacerdozio.

Nel gergo vaticano, il linguaggio di stabilire “criteri e disposizioni” è un segno sicuro che una commissione di studio è all’orizzonte.

Durante il Sinodo sull’Amazzonia dell’ottobre scorso si è ampiamente discussa la possibilità di ordinare diaconi sposati al sacerdozio; alcuni vescovi della regione hanno indicato che volevano l’autorità di decidere da soli quali e quanti uomini ordinare.

Altri vescovi, tra cui il cardinale Beniamino Stella della Congregazione per il Clero e il cardinale Marc Ouellet della Congregazione per i Vescovi, hanno proposto che, poiché il celibato è una disciplina universale per la Chiesa, le eccezioni ad esso devono essere discusse e decise a livello universale – cioè a Roma.

Quando San Giovanni Paolo II creò un’apertura al clero anglicano sposato per l’ingresso nella comunione con Roma ed essere ordinato sacerdote, alla Congregazione per la Dottrina della Fede fu dato il compito di esaminare i candidati e di approvarli per l’ordinazione, uno per uno, caso per caso. Fonti che conoscono il feedback offerto sulla bozza di testo hanno detto alla CNA questa settimana che qualcosa di simile è stato suggerito in questo caso.

“Penso che la delegazione sia la vera domanda”, ha detto alla CNA un alto funzionario curiale.

“Anche coloro che sono più favorevoli a mantenere la linea sul celibato possono accettare una stretta eccezione per una regione remota, se si tratta di un caso specifico e se Roma mantiene il controllo”.

Lo stesso funzionario ha detto alla CNA che in diversi dicasteri vaticani c’è preoccupazione per il fatto che se ai vescovi dell’Amazzonia è permesso di dispensare dal celibato e di ordinare uomini sposati di propria autorità, ci sarà ben poco per impedire ad altri vescovi, soprattutto in Germania, di chiedere lo stesso potere.

Insomma, la questione dei viri probati riguarda tanto il governo e l’autorità della Chiesa quanto gli stessi sacerdoti sposati. E le questioni del governo e dell’autorità sono esse stesse delle visioni ecclesiologiche concorrenti della Chiesa.

Su questi temi non c’è un compromesso facile.

I disaccordi fondamentali alla base della questione dei viri probati rendono ancora più probabile che qualsiasi futura esortazione apostolica possa offrire un “sì in teoria”, ma nessun meccanismo pratico per mettere in pratica quel sì.

Un sì-in-teoria, va precisato, non è la stessa cosa di un sì-in-legge. Il papa è quasi certo che dica qualcosa di positivo sull’idea di una dispensa dal celibato caso-per-caso nella regione o sulle possibilità del clero sposato. Ma se non cambia effettivamente la legge, con una asserzione dichiarativa chiara ed esplicita, non sarà cambiata.

“Se non l’hai detto”, come osserva Westley degli atti giuridici in “The Princess Bride”, “non l’hai fatto”.

Nel frattempo, il papa deve ancora affrontare due punti di vista contrastanti sulla questione del celibato, ed è probabile che utilizzi uno strumento a lui familiare.

In Vaticano, il modo più ovvio per trovare una via d’uscita tra posizioni molto contrastanti, che non impegni il papa a una riforma controversa di cui forse non è del tutto convinto, è quello di sottoporre la questione a una consultazione approfondita sulle modalità di attuazione dell’idea.

Nella mezza decade del suo pontificato, Francesco ha mostrato una marcata preferenza per la richiesta di “ulteriori studi e approfondimenti” come modo per cogliere con leggerezza i problemi spinosi: ammettere le possibilità senza impegnarsi in esse.

Nel 2017 ha istituito una commissione per studiare la natura storica del diaconato femminile. Da allora il gruppo ha prodotto risme di carta, che il papa ha lasciato sul tavolo, insieme a qualsiasi risoluzione alla chiamata da alcuni angoli della Terra per una sorta di “diaconato” femminile nella Chiesa – una questione che papa Francesco non sembra desideroso di affrontare.

Nello stesso anno, tra gli appelli alla Chiesa a “reinterpretare” l’Humanae vitae, il papa ha messo insieme una commissione di studiosi teologicamente diversificati per studiare gli archivi vaticani e sviluppare libri bianchi, nessuno dei quali ha cambiato nulla.

Anche sulla scia delle controverse interpretazioni dell’Amoris laetitia del 2015, il papa ha chiesto di studiare il suo testo – arrivando a riattrezzare il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per questo compito – ma in realtà non ha fatto alcuna riforma della legge della Chiesa.

D’altra parte, quando papa Francesco ha preso la sua decisione, non ha timore di legiferare. Il Mitis iudex del 2015 ha rifatto il processo di annullamento della Chiesa. Nel 2016 Come una madre amorevole ha creato un nuovo tribunale per i vescovi, e nel 2019 Vos estis lux mundi ha effettivamente eliminato quel tribunale, creando un nuovo processo penale.

Papa Francesco ha modificato il diritto canonico a suo piacimento almeno 10 volte, in diversi casi apportando modifiche sostanziali. Ma su questioni su cui il papa sembra incerto, o con decisioni che possono generare controversie, sembra felice di usare una commissione di studio che lanci la palla in campo.

Nel caso del celibato clericale, il papa ha indicato la disponibilità ad ascoltare le argomentazioni di chi ha qualcosa da dire – è così che la questione è arrivata all’ordine del giorno del Sinodo. Allo stesso tempo, è stato coerente nel suo impegno per la disciplina del celibato, dicendo che a un certo punto avrebbe preferito “dare la vita” piuttosto che rinunciarvi.

Colto tra i suoi cortigiani progressisti e la sua stessa disposizione conservatrice, il papa può sperare di poter lanciare la palla fino al suo successore. Ma se i vescovi sudamericani (o tedeschi, se è per questo) decidono di ordinare i diaconi al sacerdozio senza l’approvazione romana, Francesco potrebbe essere costretto ad affrontare la questione prima di quanto voglia – o si aspetti.

In tal caso, anticipare il papa si rivelerebbe probabilmente una tattica poco saggia: mentre Francesco potrebbe talvolta sostenere una diocesi che ha agito di sua iniziativa per rispondere a un bisogno pastorale, se percepisce che la sua tolleranza per una nuova idea è stata sfruttata, o che la sua autorità è stata usurpata, potrebbe effettivamente porre fine alla discussione in corso sui viri probati.

D’altra parte, i più accaniti difensori del celibato, tra cui un gran numero di consiglieri curiali del papa, potrebbero essere altrettanto cauti nel cercare di bloccare il papa prima che abbia preso una decisione.

Per coloro che sperano di vedere più sacerdoti sposati nella Chiesa – e per quelli che non lo desiderano – se il papa lancia la palla, la mossa più intelligente è quella di aspettare che sia atterrata.

Questo significa, naturalmente, che probabilmente non ci sarà una rapida risoluzione alla discussione sull’ordinazione di uomini sposati per l’Amazzonia. La palla sarà in aria. Chi, il papa, o il suo successore, dirigerà e giocherà alla fine con quella palla – e molti altri ora disposti da qualche parte sul campo – è il punto interrogativo di qualcuno.

 

 

Facebook Comments
image_print
1