Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Simon Caldwell e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Benedetto XVI - GettyImages-1233734737
Benedetto XVI – GettyImages-1233734737

 

Papa Benedetto XVI aveva previsto che l’ideologia gender sarebbe stata la prossima grande sfida alla Chiesa e l’ultima ribellione contro Dio, ha rivelato un teologo morale statunitense.

Il dottor John Haas, ex membro della Pontificia Accademia per la Vita, ha detto che il defunto Papa ha fatto questa osservazione “non richiesta” durante una conversazione privata in Vaticano nel 2014, l’anno dopo che Benedetto ha lasciato il suo ufficio petrino.

Ha detto che il Papa emerito gli ha detto che “la prossima grande sfida che la Chiesa dovrà affrontare è l’ideologia di genere, e sarà la ribellione definitiva contro Dio Creatore”.

Il dottor Haas ha detto a 114 studenti, durante il suo discorso di inizio anno alla cerimonia di consegna dei diplomi del Christendom College 2023 a Front Royal, in Virginia, di essere rimasto “sorpreso” dalle osservazioni di Benedetto perché così spontanee.

Ma ha detto di aver capito che le sue parole erano “profetiche”.

“Siamo stati colpiti da uno tsunami di ideologia transgender”, ha detto il dottor Haas, aggiungendo che oggi “le istituzioni sanitarie cattoliche vengono citate in giudizio perché si rifiutano di eseguire interventi mutilanti su uomini che vogliono essere modificati chirurgicamente per assomigliare a donne o su donne che vogliono apparire come uomini”.

“Anche le istituzioni accademiche cattoliche vengono citate in giudizio e attaccate perché cercano semplicemente di continuare a testimoniare la verità che i loro studenti sono maschi o femmine”, ha aggiunto il dottor Haas, ex presidente del Centro nazionale di bioetica degli Stati Uniti.

Uno degli ultimi atti del pontificato di Papa Benedetto è stato quello di parlare con forza contro la minaccia emergente dell’ideologia di genere, che rifiuta le categorie biologiche e scientifiche di maschio e femmina a favore di un individuo che costruisce un “genere” a sua scelta.

In un discorso alla Curia romana tenuto nel Natale 2012, meno di due mesi prima di dimettersi, il Papa tedesco ha osservato che “la nozione stessa di essere – di ciò che significa veramente essere umano – è messa in discussione”.

Secondo la “nuova filosofia della sessualità”, il sesso “non è più un elemento dato di natura, che l’uomo deve accettare e a cui deve dare un senso personale: è un ruolo sociale che scegliamo per noi stessi, mentre in passato era scelto per noi dalla società”.

Ha aggiunto: “È evidente la profonda falsità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa contenuta.

“Le persone contestano l’idea di avere una natura, data dalla loro identità corporea, che serve a definire l’essere umano. Negano la loro natura e decidono che non è qualcosa che è stato dato loro in precedenza, ma che l’hanno creata da soli.

“Secondo il racconto biblico della creazione, l’essere stati creati da Dio come maschio e femmina riguarda l’essenza della creatura umana. Questa dualità è un aspetto essenziale dell’essere umano, come ordinato da Dio.

“Questa stessa dualità, come qualcosa di già dato, è ciò che ora viene contestato. Le parole del racconto della creazione: “maschio e femmina li creò” (Gen 1,27) non valgono più. No, quello che vale ora è questo: non è stato Dio a crearli maschio e femmina – finora lo faceva la società, ora lo decidiamo noi.

“L’uomo e la donna come realtà create, come natura dell’essere umano, non esistono più. L’uomo mette in discussione la sua natura. D’ora in poi è solo spirito e volontà.

“La manipolazione della natura, che oggi deploriamo per quanto riguarda il nostro ambiente, diventa ora la scelta fondamentale dell’uomo per quanto riguarda se stesso. D’ora in poi esiste solo l’essere umano astratto, che sceglie da solo quale deve essere la sua natura.

“L’uomo e la donna nel loro stato di creazione come versioni complementari di ciò che significa essere umano sono contestati. Ma se nella creazione non esiste una dualità preordinata tra uomo e donna, allora nemmeno la famiglia è più una realtà stabilita dalla creazione. Allo stesso modo, il bambino ha perso il posto che occupava finora e la dignità che gli spettava”.

Papa Benedetto ha aggiunto: “Quando la libertà di essere creativi diventa la libertà di creare se stessi, allora necessariamente il Creatore stesso viene negato e, in ultima analisi, anche l’uomo viene spogliato della sua dignità di creatura di Dio, come immagine di Dio al centro del suo essere”.

“La difesa della famiglia riguarda l’uomo stesso. E diventa chiaro che quando si nega Dio, scompare anche la dignità umana. Chi difende Dio difende l’uomo”.

Anche il suo successore, Papa Francesco, ha ripetutamente parlato contro l’ideologia gender, condannandola implicitamente nel paragrafo 155 della Laudato Si’, la sua enciclica papale del 2015 sull’ambiente, e descrivendola pubblicamente come parte di una “guerra globale alla famiglia”.

Le critiche più recenti del Pontefice sono arrivate durante un discorso a Budapest, in Ungheria, il mese scorso, quando ha denunciato l’ideologia gender come un esempio di “colonizzazione ideologica”.

Alcune figure di spicco all’interno della Chiesa ritengono tuttavia che la gravità della minaccia posta dall’ideologia gender giustifichi un’enciclica papale che chiarisca chiaramente l’insegnamento cattolico sulla verità e sul significato della sessualità umana.

Tra questi c’è il cardinale Willem Eijk, arcivescovo di Utrecht, che ha chiesto espressamente un’enciclica all’inizio di quest’anno quando si è recato a Roma per la visita quadriennale ad limina dei vescovi olandesi.

“Ho chiesto se non sarebbe bene che il Papa emanasse un’enciclica sul pensiero di genere”, ha detto il cardinale in una successiva conferenza stampa.

“La teoria del gender viene spinta in tutti i tipi di organizzazioni e noi come Chiesa non abbiamo detto molto al riguardo”.

La sua richiesta è stata presentata formalmente al cardinale Kevin Farrell, prefetto americano del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita.

L’ideologia gender sta sconvolgendo soprattutto le società occidentali, con un numero record di giovani che chiedono farmaci o interventi chirurgici che consentano loro di vivere nel cosiddetto genere di loro scelta.

Il cardinale Eijk, ex medico ospedaliero e membro della Pontificia Accademia per la Vita, aveva lanciato un appello simile per un’enciclica durante un discorso a Oxford nel 2016, sostenendo che la Chiesa aveva il dovere di ricordare ai cattolici la verità del suo insegnamento sul corpo umano.

“Forse un documento solo su questo problema potrebbe essere una questione urgente”, ha detto il cardinale Eijk. “Si sta diffondendo e diffondendo ovunque nel mondo occidentale e dobbiamo mettere in guardia le persone”, ha detto.

“Dal punto di vista della teologia morale, è chiaro: non è permesso cambiare il proprio sesso in questo modo”, ha aggiunto.

Simon Caldwell

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments