Di seguito un articolo scritto dal prof. Matthew Bunson e pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione.

 

Benedetto XVI nel suo studio

 

Attualmente ci sono 37 Dottori della Chiesa, quattro donne e 33 uomini, che coprono il corso della storia della Chiesa, da Ireneo di Lione nel III secolo a Teresa di Lisieux nel XIX secolo.

È un passatempo classicamente cattolico ipotizzare chi potrebbe essere il prossimo membro di questo straordinario e straordinariamente esclusivo club. Molto prima della sua scomparsa, il nome di Papa Benedetto XVI è stato proposto come degno candidato a diventare Dottore della Chiesa. Che cosa comporterebbe esattamente questo, e se è davvero un candidato adatto?

Potrebbe essere utile chiedersi innanzitutto cosa sia, tecnicamente, un Dottore della Chiesa.

Tradizionalmente, il titolo di Dottore della Chiesa è stato concesso sulla base di tre requisiti: la manifesta santità di un candidato affermata dalla sua canonizzazione come santo; la sua eminenza nella dottrina dimostrata dall’aver lasciato un corpo di insegnamenti che hanno dato contributi significativi e duraturi alla vita della Chiesa; e una dichiarazione formale da parte della Chiesa, di solito da parte di un papa.

Ogni Dottore, quindi, è prima di tutto un santo. Ciò non significa che siano senza peccato o impeccabili. Le vite di Sant’Agostino e persino di Santa Teresa d’Ávila dimostrerebbero piuttosto chiaramente che alcuni Dottori hanno avuto potenti conversioni dal peccato.

I Dottori devono anche dimostrare di possedere una profonda conoscenza e di essere stati superbi insegnanti in un certo senso. San Tommaso d’Aquino, Sant’Alberto Magno e San Roberto Bellarmino sono solo tre esempi di insegnanti e scrittori brillanti. Tuttavia, non si può dire che i loro scritti fossero completamente privi di errori, né che siano considerati infallibili.

E poi, c’è il requisito che un Dottore della Chiesa sia proclamato ufficialmente. Questa può provenire da un Concilio ecumenico, ma nella storia della Chiesa ogni Dottore è stato proclamato da un Papa. La decisione è normalmente accompagnata da una lettera del Papa che spiega i motivi della scelta. Questo è importante per dare un contesto alla decisione. Una lettera di questo tipo fu preziosa nel 1997, quando Papa Giovanni Paolo II nominò Thérèse di Lisieux e pubblicò Divini Amoris Scientia (“La Scienza del Divino Amore”) per spiegare come una santa morta in un chiostro e autrice di un solo libro potesse meritare di essere nominata Dottore della Chiesa. Come scrisse Giovanni Paolo, “durante la sua vita Teresa scoprì “nuove luci, significati nascosti e misteriosi” e ricevette dal Maestro divino quella “scienza dell’amore” che poi espresse con particolare originalità nei suoi scritti”.

 

E Benedetto?

Considerando questi requisiti, si può porre nuovamente la domanda: Papa Benedetto XVI è un candidato degno e lo sarà?

Benedetto stesso ha compreso a fondo i requisiti e la natura altamente insolita dei Dottori. Dopotutto, nel 2012 ha nominato lui stesso due di loro: la badessa e mistica del XII secolo Santa Ildegarda di Bingen e il sacerdote del XVI secolo San Giovanni d’Ávila.

Per quanto riguarda le sue qualifiche per essere Dottore della Chiesa, quindi, la risposta è che egli è, probabilmente, uno dei candidati più eminentemente qualificati nella storia della Chiesa. Benedetto XVI è autore di oltre 60 libri, di memorabili e importanti encicliche, di più di mille articoli accademici, di innumerevoli discorsi e commenti e persino di preghiere. È considerato uno dei più grandi e fedeli teologi della storia della Chiesa e il suo vasto corpo di insegnamenti è proseguito solo dopo la sua elezione a Papa nel 2005. Si può affermare che, per la sua preparazione, si colloca a fianco di molti Dottori della Chiesa, tra cui San Gregorio di Nazianzo, San Basilio Magno, Papa Leone I il Grande e persino San Bonaventura, di cui Papa Benedetto era un esperto.

Inoltre, come molti Dottori della Chiesa, Benedetto aveva anche la notevole capacità di portare gli insegnamenti più profondi della fede a un livello comprensibile a chiunque, un’impresa possibile solo quando un insegnante ha una padronanza assoluta della materia. Questo lo colloca nella grande compagnia di San Francesco di Sales, Sant’Ambrogio e San Giovanni Crisostomo.

E poi c’è il posto di Benedetto come insegnante. Professore di teologia il cui bagaglio di conoscenze comprendeva la teologia fondamentale, dogmatica, biblica e spirituale, Papa Benedetto era così dotato come insegnante che i suoi studenti di dottorato istituirono il cosiddetto Schülerkreis (Circolo degli studenti) per onorarlo e celebrare la loro esperienza. Come insegnante, Benedetto condivide la compagnia di Dottori della Chiesa come Sant’Alberto Magno e persino San Tommaso d’Aquino.

 

La santità viene prima di tutto

È chiaro che Papa Benedetto possiede le giuste credenziali di studioso colto e fedele della Fede. L’altro requisito, naturalmente, è che il candidato sia un santo canonizzato. Certamente, ai funerali di Benedetto c’erano cartelli che proclamavano “Santo Subito!”, come ai funerali di Giovanni Paolo II. Solo il tempo dimostrerà se tali appelli e tali sentimenti porteranno all’apertura di una causa di canonizzazione.

In genere, è necessario attendere almeno cinque anni prima di poter aprire una causa, anche se questo requisito è stato derogato – da Papa Benedetto XVI – nel caso di Papa Giovanni Paolo II. Una normale causa di canonizzazione richiederebbe molti anni, addirittura secoli. La figura imponente di Sant’Alberto Magno, morto nel 1280, è stata beatificata solo nel 1622 e canonizzata solo nel 1931, evento che ha spianato la strada alla sua nomina a Dottore della Chiesa da parte di Pio XI nello stesso anno.

Se un giorno Papa Benedetto dovesse essere canonizzato come santo e dichiarato Dottore della Chiesa, sarebbe solo il terzo pontefice (almeno ad oggi), con Papa Leone I il Grande e Papa Gregorio I il Grande.

Ci sono molti passi ovvi e importanti da compiere prima che Benedetto XVI possa diventare Dottore della Chiesa. Per ora, però, c’è l’opportunità per i cattolici e per tutte le persone che cercano la verità di dedicarsi ai suoi insegnamenti. I suoi doni alla Chiesa e alla conoscenza e saggezza dell’umanità non hanno bisogno del titolo di Dottore della Chiesa per essere apprezzati e apprezzabili. Il fatto che un giorno gli venga concesso questo titolo sarebbe solo l’affermazione finale di ciò che molti sanno e credono da molto tempo.

Matthew E. Bunson

 

Negli ultimi 20 anni, il dottor Matthew E. Bunson è stato attivo nel campo della comunicazione sociale e dell’educazione cattolica, scrivendo, curando e insegnando su una varietà di argomenti relativi alla storia della Chiesa, al papato, ai santi e alla cultura cattolica. È titolare della cattedra presso la Catholic Distance University, senior fellow del St. Paul Center for Biblical Theology e autore o coautore di oltre 50 libri tra cui: “L’enciclopedia della storia cattolica”, “L’enciclopedia del Papa”, “Abbiamo un Papa! Benedetto XVI”, “L’Enciclopedia dei Santi” e le biografie best-seller di San Damiano di Molokai e Santa Kateri Tekakwitha.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments