Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jeffrey A. Tucker e pubblicato su Brownstone Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

antibiotici antibiotico penicillina

 

La prima prova della perdita di conoscenza nel 2020 riguardava l’immunità naturale. Come mai la gente non sapeva che per i virus respiratori l’infezione e la guarigione sono il miglior vaccino?

Questa era la saggezza controintuitiva insegnata per generazioni nelle scuole pubbliche del dopoguerra. Il punto era sottolineato dalla precoce esposizione alla varicella. Ma nel XXI secolo è sembrato che questa conoscenza fosse stranamente scomparsa. Persino coloro che avevano un’immunità naturale sono stati costretti a fare l’iniezione o a perdere il lavoro.

All’epoca ho scritto che la questione mi ricordava il caso dello scorbuto, la cui cura e prevenzione si sono perse e ritrovate nel corso della storia. Il protocollo standard (limoni) era così efficace che la gente dimenticava il problema. Quando il problema è riapparso, si è dimenticata la soluzione.

A quanto pare, questo è accaduto anche con l’immunità naturale, ed è per questo che molti tra la popolazione erano convinti che nascondersi sotto il divano – riapparendo solo con una mascherina per fare la fila per un vaccino – fosse la soluzione giusta per una pandemia.

È patetico.

Ma è solo l’inizio della cronaca della conoscenza perduta. Considerate le scoperte relative alla pandemia del 1918. Un’importante ricerca del 2008 (con il dottor Anthony Fauci come co-autore) ha concluso che:

“La maggior parte dei decessi durante la pandemia influenzale del 1918-1919 non è stata causata dal solo virus dell’influenza. … Invece, la maggior parte delle vittime ha ceduto a una polmonite batterica in seguito a un’infezione da virus influenzale. La polmonite è stata causata dai batteri che normalmente abitano il naso e la gola che hanno invaso i polmoni lungo un percorso creato quando il virus ha distrutto le cellule che rivestono i condotti bronchiali e i polmoni.

Una futura pandemia di influenza potrebbe svolgersi in modo analogo”, affermano gli autori del NIAID, il cui documento, pubblicato sul numero del 1° ottobre di The Journal of Infectious Diseases, è ora disponibile online. Pertanto, concludono gli autori, “i trattamenti completi contro le pandemie dovrebbero includere non solo gli sforzi per produrre vaccini antinfluenzali e farmaci antivirali nuovi o migliorati, ma anche disposizioni per immagazzinare antibiotici e vaccini batterici”.

Questa ricerca ha sottolineato il motivo per cui molti di noi erano convinti che qualcosa di simile al 1918 non si sarebbe mai più ripetuto. Dopo tutto, ora abbiamo gli antibiotici. Il virus può essere trattato con le normali terapie e, quando queste non funzionano, gestiamo le seconde infezioni con i nostri nuovi e gloriosi farmaci miracolosi (prima la penicillina e poi tutti gli altri). In verità, non ci vuole una laurea in medicina (che io di certo non ho) per capirlo.

Considerate le farmacie dell’epoca, non ero in grado di procurarmi l’ivermectina in modo regolare, il che è già di per sé uno scandalo. L’NIH/CDC/FDA ha deprecato il trattamento precoce e ha evitato qualsiasi studio randomizzato per i farmaci riproposti. Non è stato un caso. L’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino sarebbe stata convalidata solo se non ci fossero state altre opzioni, e quindi le altre opzioni sono state tolte dal tavolo. Questo includeva scoraggiare le farmacie dal distribuire farmaci che avrebbero altrimenti somministrato.

Quando ho trovato una fonte di farmaci riproposti ma precedentemente approvati, è arrivata una confezione con ivermectina, zinco e doxiciclina, un antibiotico convenzionale. La confezione era chiaramente di produzione straniera. Si è scoperto che questi kit COVID venivano distribuiti in gran parte dell’America Latina, in India, in Europa e in altri luoghi.

Ma in genere non erano disponibili negli Stati Uniti. Si trattava di un paese che “nascondeva e aspettava il vaccino” (e anche un paese che “mascherinava quando usciva”), il che, come si è scoperto, è uno dei motivi principali per cui gli Stati Uniti hanno avuto risultati così terribili con la COVID-19.

Come venivano trattate queste infezioni batteriche secondarie negli Stati Uniti? Un importante studio del dicembre 2020 ha esaminato le prescrizioni di antibiotici nell’anno peggiore della pandemia. Lo studio ha rilevato che:

“Da gennaio a maggio 2020, oltre 6 milioni di pazienti ambulatoriali hanno ricevuto prescrizioni di antibiotici dalle farmacie al dettaglio in meno rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato in base allo stesso periodo negli anni precedenti. Le diminuzioni sono state osservate in tutte le classi di antibiotici e in tutti gli agenti, con i maggiori cali oltre le previsioni stagionali tra gli agenti comunemente prescritti per le malattie respiratorie, l’odontoiatria e la profilassi chirurgica. … Abbiamo osservato un calo notevole, oltre le previsioni stagionali, nella prescrizione di antibiotici ambulatoriali durante la pandemia COVID-19”.

(A dire il vero, altre ricerche sono andate più a fondo e hanno citato l’uso eccessivo dell’aspirina come uno dei principali fattori di morte nel 1918. Ancora una volta, la cura miracolosa come il remdesivir diventa una fonte del problema).

Ora, dobbiamo andare avanti di un secolo e vedere più chiaramente cosa è successo sul fronte medico nella storia recente riguardo alla COVID-19. Una nuova ricerca, infatti, richiama l’attenzione sul fatto che il virus da solo non era il killer più distruttivo.

Medical Express riporta:

“L’infezione batterica secondaria del polmone (polmonite) era estremamente comune nei pazienti con COVID-19, colpendo quasi la metà dei pazienti che richiedevano il supporto della ventilazione meccanica”. Applicando l’apprendimento automatico ai dati delle cartelle cliniche, gli scienziati della Northwestern University Feinberg School of Medicine hanno scoperto che la polmonite batterica secondaria, che non si risolve, è un fattore chiave di morte nei pazienti con COVID-19. Potrebbe addirittura superare i tassi di mortalità dovuti all’infezione virale stessa”.

In altre parole: Deja vu! Quello che è successo è una variante di quello che è avvenuto tanti anni fa. Quando nel marzo 2020 si diceva che questo nuovo virus ricordava il 1918, si aveva ragione in modi che non si conoscevano. È emerso che alcuni degli stessi errori si sono ripetuti, e questo nonostante tutta l’esperienza e le innovazioni mediche di allora.

Lo studio in sé chiama in causa in particolare l’intubazione come motore dell’infezione batterica. La chiamano VAP, polmonite associata al ventilatore. Ma questa non è l’unica fonte. Un paziente ambulatoriale non trattato può sviluppare una polmonite o un’altra infezione associata che può finire molto male o prolungare il periodo di malattia.

Nel mio caso di COVID-19, ho aspettato troppo a lungo per chiamare un medico. Ho avuto la fortuna di ricevere al telefono il grande dottor Pierre Kory, che mi ha fatto una diagnosi accurata e mi ha prescritto una serie di farmaci, tra cui un antibiotico. Aveva ormai un’enorme esperienza clinica con questo virus e conosceva tutti i segnali.

Considerate le farmacie dell’epoca, non ero in grado di procurarmi l’ivermectina con mezzi normali, il che è già di per sé uno scandalo. L’NIH/CDC/FDA ha deprecato il trattamento precoce e ha evitato qualsiasi studio randomizzato per i farmaci riproposti. Non è stato un caso. L’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino sarebbe stata convalidata solo se non ci fossero state altre opzioni, e quindi le altre opzioni sono state tolte dal tavolo. Questo includeva scoraggiare le farmacie dal distribuire farmaci che avrebbero altrimenti somministrato.

Quando ho trovato una fonte di farmaci riproposti ma precedentemente approvati, è arrivata una confezione con ivermectina, zinco e doxiciclina, un antibiotico convenzionale. La confezione era chiaramente di produzione straniera. Si è scoperto che questi kit COVID venivano distribuiti in gran parte dell’America Latina, in India, in Europa e in altri luoghi.

Ma in genere non erano disponibili negli Stati Uniti. Si trattava di un paese che “nascondeva e aspettava il vaccino” (e anche un paese che “mascherinava quando usciva”), il che, come si è scoperto, è uno dei motivi principali per cui gli Stati Uniti hanno avuto risultati così terribili con la COVID-19.

Come venivano trattate queste infezioni batteriche secondarie negli Stati Uniti? Un importante studio del dicembre 2020 ha esaminato le prescrizioni di antibiotici nell’anno peggiore della pandemia. Lo studio ha rilevato che:

“Da gennaio a maggio 2020, oltre 6 milioni di pazienti ambulatoriali hanno ricevuto prescrizioni di antibiotici dalle farmacie al dettaglio in meno rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato in base allo stesso periodo negli anni precedenti. Le diminuzioni sono state osservate in tutte le classi di antibiotici e in tutti gli agenti, con i maggiori cali oltre le previsioni stagionali tra gli agenti comunemente prescritti per le malattie respiratorie, l’odontoiatria e la profilassi chirurgica. … Abbiamo osservato un calo notevole, oltre le previsioni stagionali, nella prescrizione di antibiotici ambulatoriali durante la pandemia COVID-19”.

 

 

 

Certo, questi dati potrebbero derivare da un minor ricorso al sistema sanitario in generale a causa delle interruzioni di produzione. Già questo è strano: che ci sia un calo del 30% della spesa medica durante una pandemia è un fatto saliente. Ed è probabilmente vero che gli antibiotici sono generalmente sovrautilizzati. Detto questo, si potrebbe supporre che se le infezioni secondarie fossero una delle principali cause di morte, l’uso di antibiotici aumenterebbe o rimarrebbe invariato. Questo non è accaduto. Il loro uso è diminuito drasticamente.

Mettendo insieme tutti questi elementi, si ottiene il quadro di un incredibile scandalo. Non si tratta solo del fatto che i vaccini non hanno messo fine alla pandemia e si sono dimostrati inefficaci contro l’infezione e la trasmissione. Questo non avrebbe dovuto sorprendere nessuno, perché l’autorizzazione all’uso di emergenza non ha mai promesso alcun grado di sterilizzazione del vaccino.

Inoltre, non è mai stato sviluppato un vaccino efficace per un coronavirus a rapida mutazione. Il tentativo di vaccinare una popolazione per una cosa del genere porta a un potenziamento anticorpo-dipendente, tra gli altri effetti. Questo era ampiamente noto agli specialisti di vaccini dell’epoca. La piattaforma di mRNA, che si presumeva magica, non ha cambiato nulla di tutto ciò. Anzi, è dimostrato che le prestazioni sono peggiori rispetto ai vaccini con vettore adenovirus.

Ma, man mano che le prove si susseguono, il livello sconvolgente degli errori diventa sempre più profondo. Si scopre che la lezione principale del 1918 – che è necessario utilizzare antivirali e antibiotici per ridurre al minimo la morte – in qualche modo non è entrata nelle conoscenze della sanità pubblica 100 anni dopo, almeno non negli Stati Uniti. Invece, la scelta di intubare i pazienti, causando infezioni secondarie, potrebbe non essere stata trattata con i farmaci che erano ampiamente disponibili all’epoca.

Tutto ciò si aggiunge a un quadro desolante di morti in massa ma spesso evitabili, il tutto perché il sistema non ha lavorato per incorporare la saggezza esistente in precedenza, appresa un secolo prima. Dovevamo semplicemente affidarci alle informazioni note raccolte nei periodi storici precedenti. Il sistema è fallito completamente e per ragioni che hanno a che fare con la regolamentazione e il panico di massa. Invece, si sono imbarcati in un esperimento a livello di popolazione che ha creato una quantità insondabile di sofferenza. E non l’hanno ancora ammesso.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments