L’editore di un libro commissionato dai vescovi austriaci che sostiene la benedizione delle relazioni omosessuali ha indicato che l’obiettivo finale è far sì che la Chiesa “riconosca” il “carattere sacramentale” delle unioni omosessuali.

Ecco un articolo di Martin Bürger, pubblicato su Lifesitenews. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

padre Ewald Volgger OT

padre Ewald Volgger OT

 

L’editore di un libro commissionato dai vescovi austriaci che sostiene la benedizione delle relazioni omosessuali ha indicato che l’obiettivo finale è far sì che la Chiesa “riconosca” il “carattere sacramentale” delle unioni omosessuali. 

Interrogato in un’intervista con il sito web di notizie dei vescovi tedeschi, sul perché non sostiene che gli omosessuali possano avere un matrimonio sacramentale, padre Ewald Volgger OT ha detto: “Dopo aver soppesato le argomentazioni e le opzioni, trovo tuttavia che un certo grado di moderazione sia appropriato in termini di progressi graduali”.

“Il punto cruciale della questione è, naturalmente, il riconoscimento del rapporto sessuale come un bene umano prezioso”, ha aggiunto lo studioso liturgico. “È quindi utile per la discussione descrivere questa approvazione come una benedizione e quindi come un sacramento, in modo da non impedire un progresso graduale fin dall’inizio, equiparandola al sacramento del matrimonio”.

A Volgger è stato poi chiesto esplicitamente se equiparare le relazioni omosessuali al matrimonio sacramentale fosse l’obiettivo finale.

“Quando il magistero della Chiesa riconosce una relazione omosessuale come sviluppo comune della vocazione battesimale, esprime che Dio è presente e attivo in Gesù Cristo”, ha detto Volgger. “Questo costituisce il carattere sacramentale della relazione. La designazione non è l’obiettivo primario; ciò che è essenziale è il riconoscimento dello stile di vita comune di due partner dello stesso sesso che Dio unisce”.

Pur sostenendo che questa “dimensione teologica della grazia non è sufficientemente considerata nella discussione”, non ha spiegato come la grazia entrerebbe in gioco nel contesto di una relazione basata sull’attività genitale tra due persone dello stesso sesso che la Chiesa insegna essere oggettivamente e gravemente peccaminosa.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma: “Appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che « gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati ». Sono contrari alla legge naturale. Precludono all’atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati”. (n. 2357)

Secondo Volgger, il catechismo semplicemente ha bisogno di essere cambiato. “Anche se il Catechismo lo formula ancora molto apoditticamente, ciò non significa che non possa essere rivisto”, ha affermato.

Senza spiegazioni, ha detto che papa Francesco ha “dato degli impulsi” a questo proposito con la sua Esortazione apostolica post-sinodale del 2016 Amoris Laetitia.

In realtà, l’omosessualità è menzionata solo nella sezione 251, dove il Papa afferma che, come hanno osservato i Padri sinodali, «circa i progetti di equiparazione al matrimonio delle unioni tra persone omosessuali, non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia»

Volgger si riferiva anche a “nuove intuizioni” nella teologia biblica, nella teologia morale e nell’etica.

Allo stesso tempo, ha ammesso che “abbiamo molta strada da fare”, date le differenze da paese a paese, così come nel dialogo ecumenico e interreligioso, aggiungendo che c’è una strada da seguire e che “la meta è in vista”.

“Benedicendo le relazioni omosessuali”, la Chiesa “mostrerebbe un apprezzamento per questa relazione” e “esprimerebbe simbolicamente l’amore di Dio per l’uomo”.

Volgger ha sottolineato che le persone attratte dallo stesso sesso sono già integrate nella vita della Chiesa, “dalla parrocchia ai livelli più alti della gerarchia ecclesiastica”. Sulla base di questa affermazione, egli ha sostenuto: “Se la Chiesa riconosce apertamente questo e riconosce il carattere di queste persone, allora la Chiesa aprirà anche la strada a una vita di convivenza tra persone dello stesso sesso”.

“Gli omosessuali hanno lo stesso diritto a una partnership responsabile degli eterosessuali”, ha concluso Volgger nell’intervista.

In un’altra intervista, in aprile, Volgger si è comunque preoccupato di distinguere la benedizione dal sacramento del matrimonio, pur sostenendo che l’omosessualità deve essere vista in una luce positiva.

“Come il matrimonio tra un uomo e una donna è un’immagine dell’amore creativo di Dio, così un rapporto omosessuale è un’immagine dell’attenzione di Dio per gli esseri umani”, ha detto. “Se i partner vivono il dono dell’amore reciproco nella fedeltà l’uno all’altro e vivono la loro vita con i doni spirituali di Dio, come la bontà, la sopportazione, la pazienza, la riconciliazione, etc., anche il loro rapporto è un’immagine della bontà di Dio e dell’umanità”.

La Sacra Scrittura, sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento, condanna la pratica dell’omosessualità.

Per esempio, San Paolo scriveva: “O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio”. (1Corinzi 6:9-10)

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1