Vi riporto stralci da due articoli su una figura fantastica, il gesuita padre Tony Van Hee.

Eccoli nella mia traduzione.

foto: padre Tony Van Hee sulla collina del Parlamento mentre protesta pacificamente.

foto: padre Tony Van Hee sulla collina del Parlamento mentre protesta pacificamente.

Come riporta Deborah Gyapong sul Catholic Herald, il padre gesuita Tony Van Hee dice che i quasi trent’anni passati a digiunare e a pregare sulla collina del Parlamento per porre fine all’aborto sono stati gli anni migliori della sua vita.

All’età di 81 anni, non ha intenzione di rallentare, nonostante una serie di cambiamenti nelle regole che, tra le molte restrizioni, limitano anche le interruzioni del bagno.

“Ho bisogno di solitudine e della vita contemplativa di preghiera e, stranamente, lo faccio sulla collina del Parlamento”, ha detto il sacerdote, un appuntamento sulla collina ogni giorno in cui la Camera dei Comuni è in seduta, (nonostante) pioggia, sole, caldo soffocante o anche il freddo rigido e la neve dell’inverno di Ottawa.

“Non ho mai veramente sofferto molto a causa del tempo”, ha detto. “Mi sono vestito all’occorrenza e mi è piaciuto stare fuori. Il vento e la pioggia erano i più fastidiosi, perché faceva volare i cartelli”.

Il ministero di preghiera e di digiuno di padre Van Hee è iniziato nel 1989 con l‘Operazione Salvataggio, un’organizzazione pro-vita che ha usato la disobbedienza civile per protestare contro l’aborto. Si è ispirato all’esempio di Kurt Gayle, leader dell’Operazione di Salvataggio in Canada, che nell’estate del 1988 si è recato alla Collina del Parlamento per protestare contro la decisione della Corte Suprema di Morgentaler, che ha abrogato la legge canadese sull’aborto.

Lui e un altro compagno digiunarono per 19 giorni e lanciarono un pallone aerostatico in aria ogni cinque minuti per indicare che in Canada stava avvenendo un aborto“, ha detto P. Van Hee.

L’anno successivo, padre Van Hee, che è stato arrestato tre volte con l’Operazione Salvataggio, si offrì di unirsi al digiuno. Il sacerdote aveva esperienza con il digiuno a lungo termine. Ha detto che Gayle suggerì “ci sono più persone disposte ad andare in prigione che a digiunare“, così padre Van Hee disse: “Io digiunerò”.

Si unì a Gayle sulla collina nel 1989 per digiunare e pregare. Quando Gayle dovette partire dopo 29 giorni per occuparsi di una figlia malata, don Van Hee continuò la veglia. Trent’anni dopo, sta ancora tornando (a digiunare)

All’epoca pensavamo di poter essere presenti solo per due settimane circa“, ha detto. Tale ottimismo si basava su una legge presentata al Parlamento nel 1989 volta a limitare l’aborto, ma il progetto di legge non fu approvato per pochi voti.

Oggi Padre Van Hee ha bisogno di un permesso per la sua solitaria protesta, che rinnova ogni tre mesi, per prendere posizione non lontano dalla Fiamma del Centenario sulla collina del Parlamento dalle 9.00 alle 15.30. Dovrebbe mostrare un solo segno, ma indossa una tavola da sandwich legata sulle spalle.

Pur consapevole delle recenti decisioni dei tribunali e delle restrizioni legali alla libertà religiosa e di espressione, padre Van Hee ha affermato di non potersi preoccupare di argomenti legali nella lotta per il nascituro.

E’ una perdita di tempo e di energia. Digiunare e pregare è dove si deve stare“, ha detto.

“Penso che questo sia importante per il movimento pro-life riconoscerlo. In definitiva, nella lotta contro la menzogna e la violenza, la verità e l’amore non hanno altra arma che la testimonianza della sofferenza”, ha detto.

Egli crede che la “lotta con Dio contro il male” debba essere fattasenza amarezza e senza rivolta, naturalmente, ma con una tendenza anticipatrice all’accettazione e alla rassegnazione finale”.

Saremo sconfitti in questo mondo, quindi abituatevi a questo“, ha detto. “Prendete questo come un atteggiamento, ma si lotta e si rimane fino a quel momento. È come quando Gesù ha iniziato la sua passione, non ha resistito più, non ha combattuto più. Si abbandonò ai suoi nemici”.

Così facendo, Cristo “ha conquistato il suo avversario”, ha detto.

Inoltre, Lianne Laurence, su LifeSiteNews, riporta che padre Tony Van Hee ha anche lanciato un accorato appello con una lettera di febbraio scorso al superiore generale dei gesuiti, padre Arturo Sosa Abascal, affinché i gesuiti diano la massima priorità alla cessazione dell’aborto.

È stata la sua risposta personale alla richiesta di Abascal di proporre entro gennaio 2019 nuove “preferenze apostoliche universali” al fine di orientare gli sforzi missionari dei gesuiti in tutto il mondo per il prossimo decennio.

C’è un bisogno della Chiesa universale più urgente di quello di porre fine alla più grande distruzione della pace nel mondo di oggi, e secondo me e secondo gli altri, il male più grande di tutta la storia umana, a parte la morte di Cristo?”, ha scritto Van Hee.

Non c’è qualcosa di terribilmente, di terribilmente, di terribilmente sbagliato in un processo di discernimento che non ha detto una parola sull’aborto almeno negli ultimi 34 anni…?” ha chiesto.

Egli ha anche aspramente criticato anche i superiori generali Peter-Hans Kolvenbach e Adolfo Nicolas (sono quelli che hanno preceduto l’attuale ssuperiore Arturo Sosa Abascal, ndr).

Non una volta – mi si corregga se sbaglio – nessuno di loro ha mai menzionato l’aborto con parole scritte o verbali all’intera Società, ha scritto Van Hee.

Van Hee non ha ricevuto alcuna risposta da Abascal, né, a questo punto, si aspetta una risposta, ha detto a LifeSiteNews.

 

 

 

 

Facebook Comments