Di seguito una sintesi dell’intervista di Raymond Arroyo a padre Gerald Murray, trasmessa su The World Over di EWTN, sul forte giro di vita sulla messa in latino. La sintesi è a cura di Raymond Wolf ed è stata pubblicata su Lifesitenews. Eccola nella mia traduzione. 

 

Messa Tridentina
Messa Tridentina

 

Padre Gerald Murray ha denunciato il giro di vite del Vaticano sulla Messa in latino come una “persecuzione” dei cattolici tradizionali che “sta danneggiando la Chiesa” e minaccia i diritti dei vescovi secondo il diritto canonico.

In un’altra potente intervista rilasciata ieri sera a The World Over di EWTN, il sacerdote e canonista newyorkese ha risposto alle ultime restrizioni di Papa Francesco sulla Messa in latino, che limitano il potere dei vescovi di dispensare dalla sua lettera apostolica Traditionis custodes del 2021.

Le nuove restrizioni sono arrivate sotto forma di un rescritto emesso martedì dal cardinale Arthur Roche, prefetto del Dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti (DDWDS) e militante oppositore del culto tradizionale. Secondo il documento, i vescovi diocesani devono ottenere un permesso esplicito dal dicastero prima di permettere ai sacerdoti di celebrare la Messa in latino nelle chiese parrocchiali o di istituire nuove parrocchie personali per la celebrazione della vecchia Messa.

P. Murray ha denunciato il rescritto come l’ennesima mossa del Vaticano per “emarginare, limitare e bandire le persone che celebrano la Messa latina” e ha condannato l’allontanamento dei cattolici tradizionali dalle loro parrocchie come “una violazione fondamentale dell’ordine della Chiesa”.

“Non c’è motivo per cui un parrocchiano debba essere cacciato dalla sua chiesa parrocchiale”, ha detto.

“Il fatto che il cardinale Roche e il Papa non trovino la vecchia Messa utile o fruttuosa per loro, una buona espressione di come dovremmo pregare, è un’opinione che si può avere – penso che non sia una buona opinione, mi piacerebbe discuterne con loro”, ha detto, “ma per favore, per l’amore di Dio, non si volti a dire a una famiglia di 10 persone che va alla Messa in latino da 30 anni che lei e i suoi figli dovete salire in macchina e andare da un’altra parte perché non potrete celebrare la Messa nella chiesa della vostra parrocchia dove i vostri figli sono stati battezzati, hanno fatto la Comunione e tutto il resto”. “

“Questo non ha assolutamente senso. È una persecuzione dei cattolici della Messa latina, chiaro e semplice”, ha insistito p. Murray. E non può essere giustificata dicendo: “Questo aiuterà a promuovere la missione della Chiesa”.

“Questo danneggia la Chiesa. È assolutamente così”.

E negli Stati Uniti, dove c’è un grande amore per la Messa in latino”, ha proseguito, “penso che la maggior parte dei vescovi direbbe: “Santo Padre, per favore, ponga fine a questo”. Non abbiamo bisogno che ora Roma dica alla gente: “Uscite dalle vostre chiese parrocchiali se vi piace la vecchia Messa””.

“Penso che questo sia uno sforzo romano, triste a dirsi, per emarginare, limitare e bandire ulteriormente le persone che praticano la Messa latina, e queste sono proprio un gruppo di cattolici praticanti che sono molto obbedienti”, ha detto.

Il rescritto del cardinale Roche va oltre la Traditionis custodes, che imponeva ampie restrizioni alla Messa latina ma non riservava specificamente le dispense alla Santa Sede. Il nuovo documento è arrivato dopo che diversi vescovi statunitensi hanno dispensato i sacerdoti dalle disposizioni della Traditionis custodes che vietano la celebrazione della Messa in latino nelle chiese parrocchiali.

Secondo il rescritto, tali dispense sono ora “riservate in modo speciale alla Sede Apostolica” e i vescovi che le concedono devono “informare il Dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, che valuterà i singoli casi”.

Ma come ha sottolineato p. Murray, il fatto che molti vescovi abbiano continuato a permettere il vecchio rito nelle parrocchie dopo la Traditionis custodes mina la giustificazione di Papa Francesco per la sua emanazione: la presunta preoccupazione dei vescovi che i cattolici con la Messa latina minacciassero l’unità della Chiesa.

“È affascinante, perché la Traditionis custodes è stata emanata sulla base di un sondaggio in cui ci è stato detto che c’è molta insoddisfazione tra i vescovi del mondo riguardo alla Messa latina tradizionale, ma il fatto che i vescovi permettano che continui nelle loro diocesi indica il contrario”, ha detto il sacerdote. Numerosi prelati, tra cui il vescovo Thomas Paprocki di Springfield e il cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, hanno dichiarato di non aver mai ricevuto il sondaggio.

 

Il paradosso del papato di Papa Francesco

P. Murray ha anche notato la discrepanza tra l’enfasi di Papa Francesco sull'”andare alle periferie” e il suo duro trattamento dei cattolici della Messa latina.

“Trovo che questo sia molto penoso e che non corrisponda a ciò che il Papa ha sempre detto: andare verso gli emarginati e aiutarli”, ha osservato. “Questo è il paradosso del pontificato di Papa Francesco, ed è un paradosso perché è entrato in carica dicendo di volere una Chiesa decentrata, di volere la collegialità, poi ha iniziato a parlare di ‘sinodalità’, che significa camminare insieme, parlare insieme e ascoltarsi a vicenda. Per quanto riguarda la Messa in latino sta accadendo l’esatto contrario”.

Il conduttore di The World Over, Raymond Arroyo, ha contrapposto l’approccio del Papa nei confronti dei cattolici tradizionali all’indulgenza del Vaticano nei confronti di p. Mark Rupnik, predatore seriale e artista gesuita caduto in disgrazia.

Il Vaticano ha concesso a Rupnik “ripetuti atti di misericordia e di perdono, ma le persone che cercano di essere fedeli e sono feconde e sono presenti ogni domenica e tengono le porte aperte sono trattate come spazzatura”, ha detto Arroyo.

Rupnik è stato scomunicato all’inizio dell’anno scorso dopo essere stato condannato per aver assolto un partner sessuale durante la confessione, ma la Santa Sede ha revocato la sua pena entro un mese. Papa Francesco è stato accusato di aver revocato personalmente la scomunica di Rupnik, cosa che ha negato. Il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha recentemente attestato che Francesco ha ripetutamente revocato le scomuniche di sacerdoti abusatori per volere dei cardinali.

 

Il Vaticano anti-tradizione sta “privando i vescovi” dei loro diritti

Oltre a emarginare i cattolici della Messa latina, il nuovo rescritto mette a rischio i diritti dei vescovi e segue un modello di accentramento del potere a Roma sotto Papa Francesco, ha detto p. Murray.

Il rescritto “va nella direzione di privare i vescovi dei diritti di cui godono nel diritto canonico di prendere decisioni pastorali basate su ciò che vedono”, ha affermato.

“I vescovi vengono privati del loro diritto, previsto dal diritto canonico, di prendere decisioni pastoralmente sagge e sensibili su come applicare restrizioni che francamente la maggior parte dei vescovi, almeno in questo Paese, non riteneva necessarie”, ha aggiunto, notando che la Traditionis custodes non è stata accolta con particolare favore dai vescovi.

Quando il Papa ha pubblicato il documento Traditionis custodes, non c’è stata una sollevazione di approvazione e, diciamo, espressioni di gioia da parte dei vescovi degli Stati Uniti o di altri Paesi, che dicessero: “Finalmente possiamo ripristinare l’unità della Chiesa”. In realtà, è successo esattamente il contrario”, ha detto p. Murray.

“I vescovi dicono: ‘Ehi, perché mai dovrei voler sfrattare i cattolici che vanno a messa e che… sono giovani, hanno figli, sono credenti?'”, ha proseguito. “‘Le mie chiese parrocchiali’, come molti vescovi vi diranno, ‘sono piuttosto vuote in questi giorni, e quando la gente va a Messa, perché essere ostili?'”.

L’attacco di Papa Francesco all’autorità dei vescovi si estende anche al di là della liturgia, ha osservato p. Murray, citando le restrizioni emanate dal Papa l’anno scorso che richiedono ai vescovi di chiedere l’approvazione del Vaticano prima di formare nuovi istituti religiosi.

“Il Papa ha tolto ai vescovi i poteri concessi dopo il Concilio nel Codice di diritto canonico riformato che hanno a che fare con gli istituti religiosi e l’avvio di ordini diocesani. Ci sono tutti i tipi di procedure in cui ai vescovi viene sostanzialmente detto che Roma prende tutte le decisioni, e voi dovete attuarle”, ha detto.

“Non è così che una Chiesa apostolica affronta la sensibilità pastorale e l’utilità pastorale”.

L’ultima intervista di p. Murray a The World Over fa seguito a un saggio pubblicato la settimana scorsa su The Catholic Thing in cui invitava vescovi e sacerdoti a correggere la richiesta di Papa Francesco di assolvere i peccatori gravi impenitenti.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments