Se non crede all’insegnamento, dovrebbe dimettersi dal suo incarico e andarsene”, ha detto p. Murray a proposito del cardinale Jean-Claude Hollerich, che ha ripetutamente attaccato l’insegnamento cattolico sull’omosessualità.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Raymond Wolfe e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Padre Gerald Murray ha rimproverato duramente il cardinale Jean-Claude Hollerich, SJ, per aver contestato l’insegnamento cattolico sul sacerdozio e sull’omosessualità, affermando che il cardinale e consigliere papale del Vaticano dovrebbe “dimettersi” se non accetta la dottrina della Chiesa.

Giovedì, nel programma The World Over di EWTN, p. Murray, avvocato canonico e sacerdote dell’arcidiocesi di New York, ha criticato Hollerich per le sue recenti affermazioni secondo cui l’insegnamento cattolico contro l’ordinazione femminile non è infallibile e che la dottrina della Chiesa sull’omosessualità è “dubbia” e “impossibile” da rispettare per alcune persone.

In un’intervista rilasciata lunedì al quotidiano croato Glas Koncila, Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, ha affermato che “con il tempo” un Papa potrebbe “decidere contro” la lettera apostolica Ordinatio Sacerdotalis di Papa Giovanni Paolo II.

Giovanni Paolo II ha insegnato nell’Ordinatio Sacerdotalis che la Chiesa non può ordinare le donne al sacerdozio e “che questo giudizio deve essere definitivamente sostenuto da tutti i fedeli della Chiesa”. L’impossibilità della Chiesa di conferire l’ordinazione sacerdotale alle donne è un insegnamento infallibile che “richiede un assenso definitivo”, ha affermato in seguito la Congregazione per la Dottrina della Fede in un responsum.

Hollerich, che è anche relatore generale del Sinodo sulla sinodalità di Papa Francesco e membro del Consiglio dei cardinali del Papa, ha detto di non essere “sicuro che si possa chiamare” l’Ordinatio Sacerdotalis infallibile, tuttavia, e ha affermato che “ci potrebbe essere un po’ di spazio per espandere l’insegnamento – per vedere quali argomenti di Papa Giovanni Paolo II potrebbero essere sviluppati”.

Se la Chiesa dà più “responsabilità pastorale” alle donne, “allora possiamo forse vedere se c’è ancora un desiderio tra le donne per l’ordinazione”, ha detto.

È Papa Francesco “che deve decidere” se la Chiesa può ordinare le donne al sacerdozio, ha aggiunto il cardinale. “Ma per il momento, se Papa Francesco mi dice che non è un’opzione, non è un’opzione”.

Padre Murray ha criticato i commenti di Hollerich, sottolineando che il rifiuto dell’insegnamento cattolico sul sacerdozio esclusivamente maschile è “eretico” e ha esortato Papa Francesco a “rimproverarlo”.

“È un insegnamento solenne della Chiesa che solo i maschi battezzati possono essere ordinati sacerdoti perché questa è la volontà di Cristo espressa in ciò che ha fatto nell’Ultima Cena”, ha spiegato il sacerdote.

“Dire il contrario è un’affermazione eretica”.

Ha aggiunto che “non sarebbe valido ordinare sacerdote una donna”, come previsto dal diritto canonico. “In effetti, è un reato canonico farlo, con una scomunica automatica”.

I commenti di Hollerich, inoltre, segnalano che il Sinodo sulla sinodalità si sta trasformando in un “libero gioco”, ha lamentato p. Murray.

“Il cardinale Hollerich sta facendo esattamente quello che temevamo sarebbe successo, trasformando il Sinodo sulla sinodalità in un’occasione per tutti”, ha detto. “Questa non è la Chiesa. La Chiesa cattolica è stata fondata da Gesù Cristo con dottrine e pratiche che non cambiano quando cambia il calendario”.

“Quindi il cardinale Hollerich ha fatto qualcosa di molto gravemente dannoso per l’unità della Chiesa, e spero che il Santo Padre lo rimproveri”, ha detto.

 

Hollerich “dovrebbe dimettersi dal suo incarico” se rifiuta l’insegnamento cattolico sulla sodomia

P. Murray ha anche rimproverato il cardinale Hollerich per i suoi commenti sull’omosessualità.

Nell’intervista rilasciata a Glas Koncila, il cardinale lussemburghese ha detto di trovare “un po’ dubbia la parte dell’insegnamento che definisce l’omosessualità ‘intrinsecamente disordinata’” e ha suggerito che per alcune persone è impossibile non commettere sodomia.

“Per alcuni di loro è possibile essere casti, ma chiamare altri alla castità sembra come parlare egiziano con loro”, ha detto. “Se chiediamo loro cose impossibili, li allontaniamo”.

“Se diciamo che tutto ciò che fanno è intrinsecamente sbagliato, è come dire che la loro vita non ha valore”, ha continuato, apparentemente equiparando gli atti sodomitici alla “vita” di una persona. “Possiamo solo accusare le persone di una condotta morale che possono sopportare nel loro mondo”, ha aggiunto.

Ma Hollerich “manca completamente la verità cattolica su questo”, ha risposto p. Murray.

“La legge di Dio non è impossibile da osservare, quindi la legge di Dio che proibisce la sodomia non è impossibile da osservare per nessuno”, ha detto il sacerdote. “Basta astenersi dal compiere quell’atto malvagio”.

Il Concilio di Trento ha dichiarato come dogma che i comandamenti di Dio non sono “impossibili da osservare”, cosa che hanno ribadito diversi papi, tra cui Giovanni Paolo II nella Veritatis Splendor e Pio XI nella Casti Connubii.

P. Murray ha notato che Hollerich “usa il linguaggio ‘LGBT’ – omosessuali, transessuali, bisessuali”. La Chiesa, tuttavia, “non crede che esistano transessuali o bisessuali. Ci sono persone eterosessuali che si impegnano in comportamenti devianti. Questa è immoralità sessuale”, ha detto.

Ha anche citato il Catechismo della Chiesa Cattolica, che insegna che l’omosessualità è “intrinsecamente disordinata”, “il che significa che è un uso improprio del corpo in un modo non previsto da Dio, e questo è rivelato sia nella rivelazione che nella natura”, ha spiegato p. Murray.

Usando un linguaggio che segnala l’infallibilità, il Catechismo afferma: “Basandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta gli atti omosessuali come atti di grave depravazione, la tradizione ha sempre dichiarato che ‘gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati'”. Aggiunge che l’inclinazione omosessuale è “oggettivamente disordinata”.

Se Hollerich non accetta l’insegnamento cattolico sull’omosessualità, “dovrebbe dimettersi dal suo incarico e andarsene”, ha dichiarato p. Murray.

“Dire alle persone che il peccato non è peccato e che non ci si aspetta che seguano le regole antiche è distruttivo”, ha detto. “Perché quest’uomo, come cardinale, fa questo? Non capisce che è un sovversivo?”.

“Se non crede all’insegnamento, dovrebbe dimettersi dalla sua carica e andarsene, perché non è così che i cardinali cattolici dovrebbero comportarsi”.

In precedenza, l’anno scorso, Hollerich aveva affermato che l’insegnamento cattolico sulla peccaminosità degli atti omosessuali “non è più corretto”, spingendo il defunto cardinale George Pell ad accusarlo di eresia e a chiedere la censura del Vaticano.

Su The World Over, p. Murray ha inoltre rimproverato il cardinale Robert McElroy di San Diego per aver detto che la parola “disordine” dovrebbe essere eliminata dal Catechismo in riferimento all’omosessualità.

“È una parola terribile e dovrebbe essere tolta dal catechismo”, ha detto McElroy in un’intervista del mese scorso alla rivista America. Il cardinale Blase Cupich di Chicago e il vescovo John Stowe di Lexington hanno fatto commenti simili nelle ultime settimane.

“No, il cardinale McElroy si sbaglia”, ha replicato p. Murray. “La Chiesa lo ha messo nel catechismo perché è la verità”.

Papa Francesco con l'équipe del Sinodo. Da sinistra a destra: il cardinale Jean-Claude Hollerich, padre Giacomo Costa, il cardinale Mario Grech, il vescovo Luis Marín de San Martín, suor Nathalie Becquart. 14 ottobre 2022. (Screenshot/Twitter)

Papa Francesco con l’équipe del Sinodo. Da sinistra a destra: il cardinale Jean-Claude Hollerich, padre Giacomo Costa, il cardinale Mario Grech, il vescovo Luis Marín de San Martín, suor Nathalie Becquart. 14 ottobre 2022. (Screenshot/Twitter)

 

I leader sinodali promuovono “idee eretiche e immorali”.

Tornando al Sinodo della sinodalità, p. Murray ha messo in guardia dalle “idee eretiche” promosse dai leader sinodali e ha descritto l’iniziativa come fondamentalmente “politica”.

In sostanza, si tratta di un processo politico in cui le persone che favoriscono una cosa sono a capo del processo, e promuovono ogni tipo di cattiva idea, idee eretiche, idee immorali, e poi si suppone che noi ci sediamo lì e diciamo: “Credo che questo sia ciò di cui dobbiamo parlare”. Non è affatto questo ciò di cui dobbiamo parlare”, ha detto.

“È notevole, sapete, come sacerdote cattolico qui a New York, sono andato alla riunione sinodale che abbiamo avuto per la nostra zona, e in gran parte le preoccupazioni erano: come possiamo rendere le nostre parrocchie più vivaci?”, ha detto.

“Beh, vi garantisco che questo non sarà il primo argomento del Sinodo di Roma”, ha detto p. Murray.

L’argomento di base sarà: vogliamo ordinare le donne diacono e poi forse sacerdote. Vogliamo che i cattolici divorziati e “risposati” abbiano libero accesso ai sacramenti. Vogliamo affermare lo stile di vita omosessuale come qualcosa di buono e da benedire. Da lì in poi si va avanti a oltranza. Vogliamo che i sacerdoti possano sposarsi, e dove va a finire?

“Questo non è altro che il programma liberale degli anni ’60 che viene servito come se fosse il movimento dello Spirito Santo nella Chiesa”, ha detto. “Non è così”.

“È triste dirlo – e me ne dispiaccio molto – ma è un’enorme perdita di tempo e, cosa ancora peggiore, sta disorientando i fedeli”.

Negli ultimi mesi diversi prelati si sono espressi contro il Sinodo sulla sinodalità, criticando i documenti sinodali perché in conflitto con la tradizione apostolica e condannando gli alti funzionari del Sinodo, tra cui Hollerich, per aver contraddetto l’insegnamento cattolico.

Un documento di lavoro per il Sinodo svelato dal Vaticano in ottobre citava acriticamente le richieste di ordinazione femminile e di “uno spazio più accogliente” per “persone che vivono in un matrimonio poligamo”, ex sacerdoti sposati e “persone LGBTQ”.

A maggio, il sito web ufficiale del Vaticano per il Sinodo ha scioccato i cattolici lodando l’adozione da parte di persone dello stesso sesso, che la Chiesa insegna essere gravemente immorale e in realtà una forma di “violenza” contro i bambini.

Il cardinale Mario Grech, segretario generale del Sinodo dei vescovi, che supervisiona il Sinodo sulla sinodalità, l’anno scorso ha suggerito che la Chiesa potrebbe cambiare il suo insegnamento sulle “benedizioni” per le persone dello stesso sesso e sulla Comunione per i cattolici divorziati e “risposati”, guadagnandosi un forte rimprovero da parte del cardinale Gerhard Müller.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments