La settimana scorsa, padre John Hollowell ha annunciato ai lettori del suo blog e ai suoi followers su Twitter che gli è stato diagnosticato un tumore al cervello e che offrirà le sue sofferenze per le vittime della crisi di abusi sessuali della Chiesa cattolica.

Ecco l’intervista che padre Hollowell ha rilasciato a Bree A. Dail del Catholic World Report . Eccola nella mia traduzione. 

 

John Hollowell

padre John Hollowell

 

La settimana scorsa, padre John Hollowell ha annunciato ai lettori del suo blog e ai suoi followers su Twitter che gli è stato diagnosticato un tumore al cervello e che offrirà le sue sofferenze per le vittime della crisi di abusi sessuali della Chiesa cattolica.

Padre Hollowell, 40 anni, è un sacerdote dell’arcidiocesi di Indianapolis che serve due parrocchie. Ha detto che a pochi giorni dal suo annuncio, centinaia di vittime di abusi sessuali da parte del clero si sono rivolte a lui, ringraziandolo, chiedendo preghiere o condividendo le loro esperienze.

(…)

Padre Hollowell ha chiesto che le vittime della crisi di abusi sessuali nella Chiesa cattolica si rivolgano a lui, affinché preghi per loro per nome durante il trattamento, l’intervento chirurgico e la guarigione. Può essere contattato direttamente all’indirizzo fatherjohnhollowell@gmail.com.

Padre Hollowell ha parlato con il  Catholic World Report (CWR) della sua diagnosi e dell’enorme risposta che ha ricevuto.

 

CWR: Quali sono state le circostanze che hanno portato alla sua diagnosi?

Padre John Hollowell: Circa un anno fa, mentre correvo, mi sono sentito stordito e mi sono dovuto stendere. In seguito mi sono reso conto che è stato quando ho avuto il mio primo (lieve) attacco su un lato del mio corpo. Non ho perso conoscenza. Come tipico per un ragazzo, tre minuti dopo mi sono sentito bene, quindi non ho pensato di andare in ospedale. Ho pensato di cercare su WebMD (sito di informazioni mediche, ndr), di capire da solo, non ho preso il fatto troppo sul serio. Ma è successo di nuovo, circa sei mesi dopo. È stato allora che ho iniziato a cercare aiuto medico.

Sono finito in ospedale perché pensavano che fosse un ictus. La Mayo Clinic ha fatto altri esami. È stata questa settimana [12 febbraio] che hanno scoperto che si trattava di un tumore.

La cosa assurda è che ho avuto cinque episodi di queste crisi di 60 secondi, e questo è stato l’effetto totale del tumore sulla mia vita fino ad ora. Di solito la gente lo scopre – questi tumori crescono molto lentamente – perdendo la vista o avendo emicranie quando il tumore raggiunge una certa dimensione. Sono stato in grado di scoprirlo correndo e non essendo stato quasi colpito. Ovviamente, ho una strada difficile da percorrere con l’intervento, ma per ora non è niente.

 

CWR: Ha paura?

Padre Hollowell: Non sto cercando di fare il “macho” o altro, ma ho letteralmente zero paura. Non so a cosa attribuire questo, a parte la grazia. C’è una piccolissima possibilità, mi dicono i miei medici, che possa essere un tumore terminale, ma lo verificheranno mentre lo tolgono, quindi c’è la sensazione che lo sapranno solo allora. Sono molto ottimisti sul fatto che, poiché sta crescendo così lentamente, non sia un tumore terminale.

 

CWR: Cosa comporterà il suo trattamento?

Padre Hollowell: Dopo l’intervento in sé, una cosa scioccante, si è in grado di lasciare l’ospedale sei-otto giorni dopo. Probabilmente farò una fisioterapia, possibilmente una logopedia. Riceverò radiazioni e chemioterapia solo per essere sicuri che si faccia tutto. Il mio tumore si trova sul lato sinistro del mio cervello, verso l’alto – hanno detto che non è quello che controlla la funzione motoria. Dicono che le altre parti del cervello – è meraviglioso – cominciano quasi subito a compensare.

 

CWR: Quando ha annunciato la sua diagnosi, ha detto che dopo la rivelazione degli scandali di abusi sessuali clericali nell’estate del 2018, ha chiesto a Dio di farla partecipare alle sofferenze delle vittime. Questa offerta di sé non è qualcosa che si prende alla leggera: aveva paura di ciò che Dio le avrebbe mandato come croce?

Padre Hollowell: Quel giorno l’ho fatto, sì. Ero in canonica a dire la preghiera del mattino. Era chiaro, questa chiamata. C’era una parte di me che – guardandola ora mi fa sorridere – anche allora una parte di me sapeva che ero nei guai… in senso buono. Non è qualcosa in cui entrare con leggerezza. Immagino che tutto quello che ho letto, e che ho imparato a conoscere – tutti gli studi teologici che ho potuto fare in seminario, leggere San Giovanni della Croce ed essere realmente formato da lui, e l’autobiografia di Madre Teresa – mi abbiano portato a questo punto, trovandomi totalmente a mio agio nel fare quella preghiera. Ho detto: “Signore, se c’è qualcosa che posso soffrire per portare la guarigione alla Chiesa, lo farei volentieri con grande gioia”.

 

CWR: Ha sentito le vittime da quando ha reso pubblica la sua diagnosi?

Padre Hollowell: Sì, ho ricevuto messaggi da centinaia di vittime che chiedevano preghiere – alcuni mi ringraziavano, altri mi fornivano solo i loro nomi e le loro storie. Alcune sono fuori dalla Chiesa, altre rimangono.

 

CWR: Racconti ai nostri lettori un po’ di lei e della sua storia di vocazione.

Padre John Hollowell: Ho 40 anni, e sono stato sacerdote per 10 anni, ordinato nel 2009. Sono un sacerdote dell’arcidiocesi di Indianapolis e attualmente servo due parrocchie dell’Indiana occidentale – sono il parroco della chiesa cattolica dell’Annunciazione in Brasile, Indiana, e della chiesa cattolica di St. Paul a Greencastle, Indiana, che è un Centro Newman per gli studenti della DePauw University. Sono anche cappellano del penitenziario di Putnamville. Dal punto di vista liturgico, celebro sia nella Forma Straordinaria (Messa tradizionale in latino) sia nel Novus Ordo, portando a quest’ultimo i principi che si trovano all’interno del primo.

Sono stato cresciuto come cattolico da genitori fantastici: sono il più grande di 11 figli. Ho frequentato la scuola elementare cattolica, il liceo cattolico – mio padre è il presidente del liceo cattolico Roncalli, quello che ho frequentato. In seguito sono andato al college e mi sono laureato in matematica. Andavo ancora a messa tutte le domeniche, ma non credo di aver avuto una fede molto vivace allora: una fede più “matematica”, una fede costruita sulla ragione. All’università ho iniziato a leggere la Bibbia ogni giorno, e così facendo ho cominciato a sentire un richiamo molto chiaro verso il sacerdozio, che non avevo mai considerato prima. Decisi di insegnare matematica e di fare da allenatore di calcio al liceo e la pista per due anni prima di entrare in seminario.

 

CWR: Lei è stato impegnato nel ministero dei social media – perché ne è stato attratto, e ha visto dei frutti?

Padre Hollowell: Quando sono stato ordinato nel 2009, avevo una grande avversione per i social media e i blog – non li capivo, non mi piacevano per niente. Eppure, in quel primo anno di sacerdozio, Papa Benedetto XVI ha rilasciato una dichiarazione in cui chiedeva ai sacerdoti di scrivere su un blog e di usare i social media per evangelizzare. Io amo Papa Benedetto XVI – è un eroe personale e ha avuto un grande impatto su di me in seminario – così ho pensato: “Beh, me l’ha chiesto, quindi proverò a farlo!” Da allora mi ci sono impegnato.

C’è sempre, credo, la tentazione dell’orgoglio quando si ha un modesto seguito, ma per me è stato più un mistero. Perché ho tutti questi seguaci, o perché alcuni dei miei contenuti sono diventati “virali cattolici”? Sono un prete di campagna dell’Indiana! Non saprei davvero dire cosa Dio stia facendo con tutto questo. Non fino ad ora. Mentre tornavo a casa dalla Mayo Clinic, mi è sembrato di capire che questa diagnosi, e la chiamata che mi è stata data, è uno dei motivi. Sono stato messo in una posizione che mi permette di far uscire velocemente questo messaggio e di aiutare a portare la guarigione. Ho una piattaforma per farlo.

 

Facebook Comments
image_print
1